Lo trovi su

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

Commenti L'IMPRESSIONE DI MMJImpressione Davinotti

Dopo la grandeur reaganiana di ROCKY IV (uno dei film simbolo degli Anni Ottanta) la saga del triste pugile interpretato da Sylvester Stallone torna a dimensioni più umane, e non è un caso che il regista chiamato a dirigerlo sia lo stesso del primo capitolo (di gran lunga il migliore), John Avildsen. La particolarità di questo quinto capitolo sta nel ribaltamento dei ruoli: Rocky non è più il combattente ma il manager e l'immancabile scontro finale avverrà in una sede non proprio idonea. Queste le due novità per un film altrimenti riconducibile con...Leggi tutto facilità ai primi due ROCKY: molto spazio per gli allenamenti e un po' per la famiglia, con gli immancabili Adriana (Talia Shire) e Paulie (Burt Young, sempre impagabile nel ruolo del balordo di buon cuore) ai quali si aggiunge il figlio Junior (Sage Stallone, che si candida a protagonista per un possibile ROCKY VI), alle prese coi soliti problemi a scuola dove i compagni più rozzi lo pestano istigandolo all'inevitabile vendetta sponsorizzata dal padre. Il pupillo di Balboa è invece un giovane dal fisico imponente, Tommy Gunn (Tommy Morrison), che finirà presto sotto le grinfie di un manager senza scrupoli dietro il quale non è difficile riconoscere la figura del famoso Don King, per anni gran tessitore del pugilato mondiale. La storia è costruita bene, con un certo gusto (nonostante qualche scivolone) e riesce come accade da sempre con Rocky ad accumulare la giusta tensione destinata ad esplodere nell'esaltante finale (qui in verità non ripreso benissimo). Nota dolente le musiche di Bill Conti, riciclate e anonime. Burgess Meredith (Mickey) fa un cameo in flashback.

Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 26/06/07 18:34 - 5241 commenti

I gusti di Puppigallo

Non si sono certo spremuti le meningi per la sceneggiatura, con il classico pugile sul viale del tramonto, mezzo suonato, ma bonaccione e generoso (i soldi che mancano, il ritorno nei bassifondi e il figlio trascurato). Si lascia vedere, ma si dimentica anche a impressionante velocità. E nel momento in cui il giovane pugile viene messo contro il suo maestro, il film diventa sì più divertente, ma inizia anche a scivolare definitivamente nel banale, con un finale a dir poco improbabile. P.S. Anche Paulie, ora particolarmente buono e saggio ("La barca sta affondando"), non è più lui.
MEMORABILE: La stampa, pagata dal manager cattivone, dopo una vittoria del pupillo di Rocky, lo ritrae in un disegno come una marionetta nelle mani di Balboa.

Magnetti 28/02/08 11:57 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Caduta di tono nella saga di Rocky... Ora lui, invecchiato, passa ad allenare l'imponente Tommy Morrison (buon pugile anche nella realtà e diventato famoso per aver contratto l'AIDS proprio nella fase migliore della sua carriera). Non convince invece il rapporto tra padre e figlio, soprattutto per colpa di quest'ultimo che proprio attore non è. Burt Young continua invece imperterrito a far breccia nei nostri cuori divertendoci come pochi altri personaggi della storia del cinema. Ottima l'idea del combattimento finale, ma non ben sfruttata.

Redeyes 25/06/08 10:59 - 2440 commenti

I gusti di Redeyes

Gli elementi classici del drammone post declino sono ben presenti e sfruttati, ma quanta noia nel farlo! Fin dalle prime scene si sa già dove il film andrà a parare, così come fin dall'inizio appare arrogantissimo ed antipatico il pupillo di Rocky. Si ricordano le scene di disagio familiare, la proiezione dei sogni dell'ex campione, e, soprattutto, l'improbabile e iper scontata scena finale, che comunque un po' di adrenalina la pompa comunque. Rimandato!

Galbo 27/06/08 07:23 - 12369 commenti

I gusti di Galbo

Per il quinto episodio della saga del pugile italo-americano, Stallone richiama alla regia John Avildsen, autore del primo capitolo. Il risultato (probabilmente perchè il primo attore mantiene il controllo della sceneggiatura) non cambie ed è coerente con gli ultimi mesti episodi. Il personaggio appare francamente esaurito e il film si traduce nella solita miscela di botte da ring (e non solo) e buoni sentimenti che appare totalmente prevedibile. Cast all'altezza.

Herrkinski 4/11/08 00:14 - 8025 commenti

I gusti di Herrkinski

Rocky V, ovvero: Stallone riparte da zero. Per quello che doveva essere, probabilmente, il capitolo finale della saga, viene richiamato il regista dell'inarrivabile prototipo e la storia riporta il nostro eroe ai bassifondi da cui era partito. Un ritorno quindi all'atmosfera originale, anche se viene inserito un elemento di novità (il giovane pugile). Il film si mantiene su un buon livello, con interpretazioni del cast sempre convincenti, risultando un sequel privo di americanismi eccessivi, decisamente più decoroso dei capitoli 3 e 4. Godibile.

Lovejoy 30/11/08 14:03 - 1823 commenti

I gusti di Lovejoy

Una spanna buona sopra il quarto capitolo. Ben scritto e ben diretto dal ritrovato Avildsen, ha un buon ritmo, una buona costruzione della storia, personaggi approfonditi e un cast in buona forma. Stallone riesce a riscattare il suo personaggio dal limbo di mediocrità in cui era piombato. Young comunque è il migliore della compagnia. Il giovane Tommy Morrison è uno dei pronipoti del grande John Wayne.

124c 11/09/14 14:30 - 2910 commenti

I gusti di 124c

Il ritorno alle origini, con la regia affidata a John G. Avildsen, la musica di Bill Conti e il figlio di Rocky impersonato dal vero figlio di Stallone, Sage, è una vera e propria boccata d'ossigeno, dopo l'intermezzo fanta-politico di Rocky IV. Tommy Morrison è un Tommy Gunn che si fa subito detestare, ma se l'intento è quello di gettare un j'accuse sul business del mondo della boxe è riuscito. Ottima la prova di Talia Shire, ma anche Burt Young è decisamente in forma. Gradito il ripescaggio del Mickey di Burgess Meredith nei flashback.
MEMORABILE: Mickey che appare come un fantasma e urla a Rocky durante lo scontro con Tommy Gunn: "Rialzati, non ho sentito la campana... Mickey ti vuole bene"!

Rambo90 16/01/10 20:31 - 7635 commenti

I gusti di Rambo90

La serie di Rocky continua a soprendere aggiornandosi continuamente: torna il tema della povertà da affrontare unitamente ad un nuovo rapporto padre/figlio. Manca il combattimento sul ring (ormai Stallone ha 44 anni) e proprio questo dà alla storia una svolta, inventandosi un Rocky allenatore prima entusiasta e poi deluso dal tradimento del suo pupillo. Memorabili la rissa in strada e i flashback dove rivediamo (seppure brevemente) il vecchio Meredith.
MEMORABILE: "Non ho sentito suonare la campana! Ancora un altro round!"

Sibenik 31/01/10 23:52 - 90 commenti

I gusti di Sibenik

Dopo il fondo toccato con la quarta versione, la grande svolta visto che ormai il Balboa era bolso assai: Rocky perde tutto, riparte dalle origini nei bassi della città dell'Amore Fraterno e cerca di ricostruire secondo i propri valori. Purtroppo il mondo è cambiato. Il film comunque scorre fino al termine e, pur non essendo un capolavoro, permette almeno allo spettatore di non avere come ultima immagine del pugile più amato della storia quella di un cialtrone sul ring di Mosca. Dignitoso.
MEMORABILE: Il mio ring è la strada.

Tyus23 27/10/10 21:26 - 220 commenti

I gusti di Tyus23

Deludente. Se da una parte è apprezzabile il "ritorno alle origini" e un (non certo enorme) cambiamento rispetto ai clichet che hanno caratterizzato la serie, dall'altra ci si rende conto che il tentativo non è del tutto riuscito. Psicologie dei personaggi stereotipate, ma Stallone è sempre simpatico e, a tratti, si nota il ritorno di un regista vero dietro la macchina da presa. Il meno godibile della serie.

John G. Avildsen HA DIRETTO ANCHE...

Spazio vuotoLocandina RockySpazio vuotoLocandina I vicini di casaSpazio vuotoLocandina Per vincere domani (The karate kid)Spazio vuotoLocandina La formula

Pinhead80 2/12/10 00:36 - 4707 commenti

I gusti di Pinhead80

Dopo le innumerevoli botte ricevute da Ivan Drago in Rocky 4, Balboa non puù più combattere e decide così di allenare un ragazzo di talento. Rispetto agli altri film della serie mette in luce una trama che non sia esclusivamente incentrata sul combattimento contro il cattivone di turno e questo può essere considerato un pregio. Al sottoscritto (si lo so, sono un inguaribile nostalgico) manca in questa pellicola il Balboa che si allena, che sembra perdere e poi vince, che cerca e grida Adrianaaaaa...

Belfagor 4/12/10 10:10 - 2686 commenti

I gusti di Belfagor

A quanto pare il quarto capitolo non ha solo rovinato la saga, ma pure lo stesso Rocky: costretto al ritiro, decide di allenare un giovane e ambizioso pugile. Avildsen torna dietro la macchina da presa e punta a ricreare l'atmosfera del primo capitolo, tuttavia con un risultato mediocre. Il problema principale è un sentimentalismo familiarista rozzo e gratuito, unito ad un ritmo diseguale che smorza il tono della pellicola. Ma la presenza di Young e certe sequenze ben girate rendono il film degno di almeno una visione.

Jcvd 26/02/11 22:36 - 258 commenti

I gusti di Jcvd

Altra perla rara per Stallone, che mette in scena un penultimo atto della saga per nulla al di sotto delle aspettative, anzi. Questa volta troviamo Rocky nei panni di allenatore dell'ottimo Tommy Gunn (peraltro vero pugile) e del padre distratto e non all'altezza delle aspettative del figlio, sempre isolato e perennemente alla ricerca del suo affetto. Un film a tratti triste e con un combattimento finale, su strada, eccellente.
MEMORABILE: Bravo l'hai messo giù; ora perché non ci provi con me?

Plauto 8/03/11 22:11 - 126 commenti

I gusti di Plauto

...e arrivarono i critici a stroncare il divertentissimo Rocky IV. Stallone, dunque, cerca di correre ai ripari modificando il personaggio e la trama per scacciare le polemiche di quelli che "se ne intendono". Alla fine il film è triste, gelido, noioso... Il pubblico rimane deluso ma forse quei critici saranno soddisfatti. Se non fosse che, chissà, forse, la loro era solo invidia.

Lucius 7/03/11 01:36 - 3015 commenti

I gusti di Lucius

Formula vincente non si cambia, è questo il successo (anche di critica) del quinto capitolo della saga di Rocky, nata dalla strada e giunta al suo apice nella strada. Molta attenzione alla continuità, da Bill Conti alle prime sequenze (le ultime di Rocky IV) e ancora una parte del cast originale che include flashback del vecchio maestro di Rocky proseguendo con Talia Shire che anche qui dà un'ottima interpretazione memore dell'esperienza passata e della conoscenza del suo personaggio. Un mito che riesce a rinnovarsi nella sua essenza.

Markus 6/09/11 08:21 - 3677 commenti

I gusti di Markus

Dopo il fracassone Rocky IV (trionfo del sogno americano e del reganismo) Stallone riveste i panni del noto pugile, ma il quinto capitolo della saga è anche una netta presa di distanza dal precedente: svaniscono i sogni, lo sperpero di denaro, i ring blasonati e si ritorna alle umili origini (la sceneggiatura prevede la caduta in disgrazia di Rocky). Si parla di malattia, di amicizia tradita contestualizzata in una bigia Philadelphia. Una volta accettato il mutamento, il film funziona... gli Anni '90 sono arrivati!

Rigoletto 1/07/12 17:46 - 1785 commenti

I gusti di Rigoletto

Dire che non mi è piaciuto non rende bene l'idea dello sconforto che ho provato nel vederlo. Questo ritorno alle origini è sì interessante ma mal sfruttato e tutti i personaggi mi sono parsi un po' sotto tono. La regia di Avildsen (firmatario del primo Rocky) non può fare miracoli e anche lei viene risucchiata in una spirale poco attraente. Buono il finale e coinvolgenti i ricordi con Mickey, ma nell'insieme la saga di Rocky non poteva chiudere con questo capitolo. ** di stima.

Mickes2 16/08/13 12:35 - 1670 commenti

I gusti di Mickes2

Pensandoci, meglio Rocky IV di quest’inutile parabola sportiva su caduta, riscatto, probabile risalita e tradimento. Un ritorno alle origini (con pretesto al limite dell’esilarante) che francamente ha il sapore del polpettone stracotto, intriso com’è di retorica di formazione, flashback discutibili, rapporto dozzinale tra padre-figlio (con intramezzi risibili e vacui) e riscoperta dei valori di un tempo sommersi oramai da cupidigia, egoismo e avarizia delle nuove generazioni. Scontro finale ai limiti del trash più orgogliosamente ostentato.

Dengus 21/03/14 23:39 - 361 commenti

I gusti di Dengus

Si torna nelle location da cui tutto partì quattordici anni prima; l'unica differenza è la trama forzata e stanca di un film uscito soltanto per esigenze di contratto. Questa volta il contraltare di Balboa è un ventenne sbandato che lui stesso lancia nel panorama boxistico rendendolo famoso; Tommy però, anzichè ringraziare il suo pigmalione che lo tratta come (e quasi più di) un figlio, lo tradirà. Tra mille peripezie si arriverà al finale, assai incerto e incompiuto. Molto meglio il capitolo di sedici anni dopo.

Tomastich 21/06/14 01:10 - 1255 commenti

I gusti di Tomastich

Tornare alle origini con Avildsen poteva essere una giusta mossa per questa quinta parte della bellissima saga. Per un certo verso è una mossa riuscita, visto che - causa un fallimento finanziario - il buon Rocky torna nella Philadelphia sporca ben fotografata, ma mancano alcuni piccoli anelli di congiuntura. Per prima cosa i siparietti con la famiglia sono di terza categoria. Tommy Gunn è comunque odioso al punto giusto ed è accettabile pure il finale da gang-stradaiola. Una cosa non si può tollerare: il rap e il campionamento di "Eye of the Tiger".

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Spazio vuotoLocandina I ragazzi di via PanispernaSpazio vuotoLocandina Giorni e nuvoleSpazio vuotoLocandina ExodusSpazio vuotoLocandina Lassù qualcuno mi ama

Schramm 8/03/15 17:04 - 3490 commenti

I gusti di Schramm

Tutti gli dei erano immortali, ma nessuno è esente dall’avere succedanei. Astro calante inadatto alla lotta e ridotto per le pezze, Rocky può giusto reinventarsi in veste di manager, con un pupillo ingrato che ritorcendoglisi contro gli ridarà la perduta gloria. Ormai ridotto a maniera e macchietta, a Stallone non resta che dribblare l’una e invertire l’altra incarnando l’anti-eroe equamente spartito tra brama di riscatto e dissesto familiare, in una riflessione facilona sull’insuccesso quale rifrazione della gloria e viceversa. Peccato che Avildsen vi addivenga rincorrendo il blockbuster e al prezzo di qualunquismi e posticce soluzioni non sempre perdonabili.

Minitina80 17/03/15 00:39 - 2970 commenti

I gusti di Minitina80

Arrivati al numero cinque Stallone decide di cambiare qualcosa per evitare di ripetersi troppo e, nonostante i primi minuti lascino presagire il contrario, questo capitolo rappresenta un piccolo elemento di discontinuità. Rocky ritorna da dove era venuto, dai sobborghi stradaioli di Philadelphia, ma non perde il suo sentimentalismo e la rabbia con cui affronta i colpi della vita. Cambia anche la colonna sonora che, oltre ai brani storici, tenta la via del rap.

Ultimo 15/09/15 18:27 - 1648 commenti

I gusti di Ultimo

Quinto capitolo, con una trama diversa dal solito; con l'ormai pensionato Rocky che si trova ad allenare un giovane pugile promettente (Tommy Morrison). Buoni l'inizio, il rapporto Rocky-figlio e i flashback con il maestro di sempre Micky oramai defunto. Con il passare dei minuti però il film ha il difetto di perdersi e nell'ultima mezz'ora convince poco.

Parsifal68 15/11/16 23:05 - 607 commenti

I gusti di Parsifal68

Torna John G. Avildsen alla regia, come nel primo irripetibile episodio della saga, ma purtroppo il personaggio Rocky ha ormai finito tutte le cartucce che poteva sparare. La sceneggiatura non decolla mai e ci si ritrova a dover fare i conti con una storia francamente debole e stanca. C'è un interessante ma banalmente rappresentato conflitto padre-figlio e qualche buona battuta, ma in sostanza "la barca sta affondando", come dice Paulie in una scena.

Arlec 25/01/17 14:28 - 18 commenti

I gusti di Arlec

Se col IV capitolo il personaggio di Rocky Balboa aveva raggiunto l’apice del successo, il quinto non poteva che raccontarne il declino. È comprensibile che il grande pubblico americano, dopo la sbornia nazionalistica del IV episodio, non abbia apprezzato il ritorno alla realtà; stupisce però il giudizio ultranegativo della critica, perché il film di Avildsen e Stallone non solo completa la parabola di Rocky in maniera coerente col primo episodio, ma lo fa ricollegandosi al finale del quarto, giustificandone in qualche modo l’esistenza.

Luras 14/08/17 20:36 - 146 commenti

I gusti di Luras

Il tempo passa, la saga invecchia e i personaggi storici spariscono. Non ci sono più Mickey e Apollo e Rocky è ormai anziano per combattere, così mette a frutto l'esperienza dei capitoli precedenti per insegnare il mestiere a un giovane, come fece Mickey con lui. Operazione nostalgia, tra i ricordi passati, i problemi fisici e lezioni morali dispensate qua e là. Certo, senza i guantoni Rocky è un'altra cosa, anche se alla fine si concede un'esagerata scazzottata da strada con l'ex allievo, perché i sobborghi di Filadelfia non moriranno mai.

Jena 9/07/17 10:16 - 1541 commenti

I gusti di Jena

Dopo le spacconate del capitolo IV si torna alle origini e non per niente il timone torna nelle mani del regista primigenio, il compianto e bravo Avildsen. Quindi boxe, sentimenti e umanità, con Rocky tornato persona normale e con la consueta vicenda di ascesa (qui del pupillo), tradimento e riscatto finale. Sly ha dimostrato di essere un buon attore forse solo in questa serie e anche qui fa bene, poi c'è il consueto staff con Burt Young in testa, la regia è buona ma la vicenda è abbastanza risaputa. Bene comunque.
MEMORABILE: Come sempre il combattimento finale.

Daidae 11/04/18 17:55 - 3154 commenti

I gusti di Daidae

Torna alla regia colui che diede inizio alla saga. Purtroppo il risultato non è proprio lo stesso ottenuto col primo capitolo e alla fine si tratta di un film da pcoo, alquanto irrealistico nonostante la partecipazione di un vero pugile come attore. Forse era meglio fermarsi al numero tre (il quarto meglio nemmeno citarlo), che era sì mediocre ma se paragonato a questo era un gran film.

Smoker85 15/08/18 12:22 - 487 commenti

I gusti di Smoker85

Il ritorno di Avildsen non riesce a restituire lo smalto che la saga aveva già perduto. L'assenza di personaggi carismatici (Mick, Apollo) sposta tutto il peso della pellicola sul buon Sly, che riesce ancora a essere efficace ma non può fare miracoli. Poco credibile (perché repentino) il cambio di bandiera di Tommy Gunn, troppo tedioso il personaggio di Robert, troppo caricaturale Duke. I presupposti per un buon episodio, tutto sommato, c'erano tutti, ma ci si è accontentati di una sceneggiatura approssimativa. Occasione sprecata.
MEMORABILE: Il flashback in cui Mick regala a Rocky il gemello di Marciano; La scazzottata finale per strada (con tanto di volo fatto fare al viscido Duke).

Maxx g 3/02/19 00:13 - 628 commenti

I gusti di Maxx g

Rocky torna dalla Russia con due sgradite sorprese: la sua salute, che non gli permette più di salire sul ring e il fallimento, con conseguente perdita dei suoi soldi. Il nostro è costretto a vendere i propri beni, a cambiar casa e sostanzialmente a ricominciare da capo. Ma una nuova sfida incombe. Stallone ha spesso "rinnegato" questo capitolo, che invece ha delle sue peculiarità e un suo valore. Certo, qualche aggiustamento ci poteva stare, ma ci sono una poetica e un certo romanticismo. Segnalazione per il luciferino Richard Gant.
MEMORABILE: La colonna sonora, su tutte "Keep it up" degli Snap che sottolinea gli incontri di Tommy; Il manager senza scrupoli, che ricalca il celebre Don King.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Un'altra giovinezzaSpazio vuotoLocandina Giustizia a tutti i costiSpazio vuotoLocandina Verso la gioiaSpazio vuotoLocandina Sete

Maxspur 27/03/20 19:21 - 89 commenti

I gusti di Maxspur

Alcuni fattori hanno penalizzato il film: checché ne dica il protagonista, il pubblico lo vuole sul quadrato (dove lo ha sempre premiato) che combatte per una cintura o per la morte di un amico; le motivazioni qui non convincono e Stallone non fa molto per rendere il personaggio meno anacronistico di quel che è. Il ritorno alla povertà genera le cose migliori con la Shire e Young sugli scudi mentre il resto del cast è da TV movie; altra storia sarebbe stata se la produzione avesse assecondato l’idea iniziale di Stallone di far morire il personaggio.
MEMORABILE: "Toccami e ti denuncio...".

Siska80 10/11/20 13:16 - 3675 commenti

I gusti di Siska80

Il cerchio pare chiudersi: il regista è lo stesso del primo capitolo e Rocky torna in strada (impossibilitato a tornare sul ring e nelle vesti di allenatore). Stavolta, il dramma del protagonista è tutto interiore; senza contare che il Nostro prende una grossa cantonata focalizzandosi sulla persona sbagliata e trascurando gli affetti familiari... Anche se la trama non è originale (ricorda Bomber con Bud Spencer), il finale teso dal retrogusto amaro è comunque denso di significato. Ottima prova dell'intero cast (anni dopo Stallone jr. e Morrison moriranno entrambi prematuramente).
MEMORABILE: Tommy colpisce violentemente Paulie.

Silvestro 1/03/21 23:40 - 354 commenti

I gusti di Silvestro

Un canto del cigno pieno di umanità, una pellicola in cui la boxe fa solo da cornice e la vera tematica è il rapporto padre-figlio e maestro-allievo. Meno testosterone (lo Stallone italiano non sale sul ring e le musiche adrenaliniche hanno un ruolo molto limitato), ma parecchio cuore per un  film intenso che con una chiave diversa dal solito riesce a colpire ancora una volta con forza!

Anthonyvm 18/08/22 15:46 - 5579 commenti

I gusti di Anthonyvm

Il ritorno di Avildsen alla regia corrisponde al ritorno di Rocky alla strada, laddove tutto era cominciato. Si passa dal trionfale over-the-top di Ivan Drago al dramma personale di un campione in rovina, che arriva a trascurare la famiglia in nome di un surrogato di gloria che gli si rivolterà contro. L'idea non piacque al pubblico, né allo stesso Sly, che ha rinnegato l'opera, ma nonostante varie ingenuità a livello di script, non per ultima la morigeratezza dei toni tragici (il finale originale avrebbe avuto tutt'altro peso), resta un sequel all’altezza dei precedenti. Underrated.
MEMORABILE: Rocky tremante dopo l'incontro; Il montaggio con l'allenamento di Gunn alternato a quello di Rocky Jr.; Lite familiare a Natale; L'ultima scazzottata.

Giùan 24/09/22 17:55 - 4514 commenti

I gusti di Giùan

Sly riparte dal grado zero di Rocky richiamando in cabina di regia Avildsen (a cose fatte più per una questione di "principio" che per un qualche imprimatur stilistico) e tornando, per scelta di script, nei sobborghi di Philadelphia. Ne vien fuori un concept decisamente grezzo e basico, la cui ruspante banalità, pur risultando sovente imbarazzante (i duetti e il subplot con lo sfortunato Sage, i flashback di Mickey, il voltafaccia lunatico di Morrison), è di vitale, divertita baldanza. Richard Gant appare perfino più estremo e sovraccarico del Don King cui si ispira... e ce ne vuole.

Max dembo 16/08/23 18:00 - 427 commenti

I gusti di Max dembo

Nella workprint recentemente rilasciata, che connota in maniera lievemente diversa e più positiva Tommy Gunn, il film non cambia troppo nella sostanza, ma rimane un bel ritorno alle origini più "a sinistra" e popolari, delle origini. Dalla gestazione travagliata (ma sullo schermo la cosa non traspare); nonostante il ritorno nel vecchio quartiere a un livello di vita da classe lavoratrice per colpa del commercialista disonesto sia poco credibile, il film prende quota nel secondo tempo. La rissa finale da strada è un bel pezzo di cinema, tra i migliori del genere, oltre che originale.
MEMORABILE: L'inizio che si "salda" con la fine a Mosca di Rocky IV; Paulie incassatore d'un destro da Tommy Gunn; L'apparizione del fantasma di Mickey sul ponte.

Il ferrini 20/01/24 00:28 - 2328 commenti

I gusti di Il ferrini

Stallone fa il verso a Bud Spencer e allena il suo rampollo ingrato. La storia non è (e non può essere) all'altezza dei primi due ma di certo cancella l'imbarazzo del terzo e del quarto capitolo restituendo al personaggio l'umanità e la genuinità iniziale. Data la vistosa differenza d'età e il temperamento dello strafottente "Tommy Gunn", è intelligente l'idea dello scontro finale in strada e non sul ring. Col senno di poi, davvero commoventi le scene con il figlio (sul set e nella vita) Sage Stallone, scomparso troppo presto. E non finisce qui.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Curiosità Ciavazzaro • 12/07/09 12:24
    Scrivano - 5591 interventi
    A Frank Bruno venne offerto il ruolo di Union Cane.
  • Homevideo Gestarsh99 • 13/09/11 00:01
    Vice capo scrivano - 21546 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc per 20th Century Fox:

    DATI TECNICI

    * Formato video 1,85:1 Anamorfico 1080p
    * Formato audio 2.0 Stereo Dolby Digital: Ungherese Tailandese Turco
    5.1 Dolby Digital: Portoghese Ceco
    5.1 DTS: Italiano Francese Spagnolo Tedesco Giapponese
    5.1 DTS HD: Inglese
    * Sottotitoli Italiano Inglese NU Francese Portoghese Danese Finlandese Tedesco Giapponese Olandese Norvegese Svedese Croato Ceco Greco Cantonese Ungherese Hindi Indonesiano Ebraico Coreano Polacco Cinese Tailandese Turco
    Ultima modifica: 12/03/15 07:45 da Zender
  • Homevideo Xtron • 11/02/12 14:43
    Servizio caffè - 2146 interventi
    Io ho la versione dvd contenuta nel cofanetto "Rocky Collection 5dvd"
    Come extra è presente solo il trailer

    Durata 1h39m51s (immagine a 17:34)

    Ultima modifica: 12/03/15 07:46 da Zender
  • Curiosità Lucius • 14/07/12 10:58
    Scrivano - 9064 interventi
    Esordio cinematografico per Sage Moonblood Stallone, il figlio di Sylvester Stallone, morto nel 2012;
    1991 Young Artist Awards - nomination miglior attore non protagonista.
  • Musiche Samuel1979 • 15/08/13 22:26
    Addetto riparazione hardware - 4137 interventi
    C'è il brano degli Snap "Keep it Up".
  • Discussione Xtron • 6/09/13 19:29
    Servizio caffè - 2146 interventi
    E' morto a soli 44 anni Tommy Morrison, il pugile/attore che interpretò Tommy Gunn nel film

    http://en.wikipedia.org/wiki/Tommy_Morrison
  • Discussione Zender • 6/09/13 20:00
    Capo scrivano - 47635 interventi
    Ah cavoli, lo ricordo benissimo nel film! Dispiace molto...
  • Discussione Raremirko • 7/09/13 00:47
    Call center Davinotti - 3862 interventi
    Non fece altri film però; a suo modo creò un piccolo mito, magari non come Lundgren, però sempre un qualcosa di interessante.


    dispiace
  • Discussione Raremirko • 7/09/13 00:47
    Call center Davinotti - 3862 interventi
    peraltro, che la mitraglietta di Timesplitters si chiami Tommy Gunn proprio in suo onore?
  • Curiosità Zender • 22/04/22 18:55
    Capo scrivano - 47635 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:

    [img size=300]https://www.davinotti.com/images/fbfiles/images60/rocky5300.jpg[/img]