Ballata macabra - Film (1976)

Ballata macabra
Lo trovi su

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Diretto da uno specialista in film per la televisione, Dan Curtis, BURNT OFFERINGS non ha le intuizioni registiche dei grandi capolavori, eppure rientra nel ristretto novero dei classici grazie al clima di tensione che riesce a creare, anticipando clamorosamente le tematiche ed il finale di SHINING. Curtis sceglie come macabro teatro della vicenda una sontuosa villa con piscina, persa nel bosco (tre anni prima di AMITYVILLE HORROR) e vi rinchiude i protagonisti in un crescendo claustrofobico. Da lì non usciranno praticamente più, soggiogati da forze soprannaturali che si impossessano della...Leggi tutto loro psiche. Per far girare bene la storia, vista la povertà delle location, c'era bisogno di attori capaci, in grado da soli di fornire comunque un interesse sufficiente, e così ecco recuperati il glorioso Oliver Reed, la horror lady Karen Black (che con Curtis aveva già reso indimenticabile l'episodio del pupazzetto vooodoo di TRILOGIA DEL TERRORE, dalla chiusura tra l'altro molto simile), Burgess Meredith (il Mickey di ROCKY) e addirittura l'indimenticata Bette Davis. Scelta rivelatasi ottima, perché la coppia Reed-Black funziona a meraviglia (soprattutto lei ha uno sguardo demoniaco da dieci e lode, come si arguisce nel particolare finale) e contribuisce a trasformare un thriller mediocre in un buon film, con momenti di vero terrore. La mezz'ora conclusiva è sicuramente la più riuscita, e si conclude con un'esplosione di violenza che non guarda in faccia a nessuno. Pochi i mezzi ma sfruttati con grande abilità da Curtis, evidentemente abituato ai budget limitati fin dai suoi precedenti tv-movie. Sceneggiatura elementare ma efficace, musiche di maniera, fotografia nella norma.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 29/03/07 17:32 - 3537 commenti

I gusti di Caesars

Piccola grande perla dell'horror anni '70 diretta dallo specialista Dan Curtis, che dimostra come la suspance si possa benissimo creare senza ricorrere allo splatter... anzi. Coadiuvato da un ottimo cast di attori, il regista ci racconta una storia con un crescendo di tensione incredibile che tiene incollati alla poltrona. Film dal budget limitato ma ottimamente riuscito, va consigliato ai cultori del genere.

Homesick 22/09/07 11:22 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Da un racconto di Robert Marasco, un caposaldo delle cinematografie del terrore. Curtis addensa tensione e inquietudine sin dalle prime riprese, spingendole nel crudo crescendo della possessione delle anime degli occupanti da parte della casa "vivente", degli attriti fra i familiari, di luoghi ed episodi misteriosi - la porta chiusa della padrona di casa -, degli incubi e, soprattutto, dello scioccante epilogo, poi imitato da Kubrik in Shining. Cast di stelle, con nota d'encomio per uno strepitoso Reed, sempre più coinvolto e sconvolto, e per le sinistre gentilezze di Meredith e della Heckart.
MEMORABILE: La scena della piscina con Reed che, sotto l'influsso malefico della villa, cerca di annegare il figlioletto.

Deepred89 26/04/08 13:50 - 3568 commenti

I gusti di Deepred89

Sorprendente horror anni 70, la cui confezione dal sapore vintage non intacca una sceneggiatura al cardiopalma, in cui la lenta e claustrofobica storia di declino familiare (retta da due attori magistrali) va di pari passo con un formidabile catalizzatore di tensione: la vecchia dell'ultimo piano, presenza che né Reed né (con lui) lo spettatore riescono mai a scorgere prima del finale. Attorno momenti ed elementi fortemente ansiogeni: il tentato annegamento, il becchino, il carillon. Senza esagerare, il film più teso mai visto in vita mia.
MEMORABILE: Dopo esser sprofondato in un baratro psicologico assieme alla sua famiglia, Reed decide di andare a scoprire chi vive in quel maledetto ultimo piano.

Undying 28/04/08 21:15 - 3812 commenti

I gusti di Undying

Dan Curtis ha un passato di solido mestierante televisivo (sia come director, sia come producer: vabbè, regista e produttore) cosa che traspare dalla messa in scena di un film palesemente cagionato - a metà anni '70 - dal tema della dimora infestata (dagli spettri ovviamente), con particolare riguardo al metodo utilizzato nei primi gotici italiani (Danza Macabra su tutti). Il risultato finale, date le scarse premesse, è però inatteso, dato che la tensione in crescendo, la convincente resa degli attori e i buoni dialoghi ne decretano l'efficacia.

Hackett 1/05/08 09:50 - 1846 commenti

I gusti di Hackett

Buona prova del solido ed esperto Curtis. "Ballata macabra" aggiorna i temi cari del cinema gotico, prende una lussuosa magione e la fa pulsare di spiriti come un vecchio castello dei racconti di Poe; e lo fa con intelligenza, senza ricorrere ad efettacci, con un'inquietudine strisciante, nascosta. La pellicola è impreziosita dalla presenza della sempre brava Karen Black, attrice faticcio di Curtis (Trilogia del terrore). Buon film ingiustamente sottovalutato.

Pinhead80 18/06/09 15:08 - 4405 commenti

I gusti di Pinhead80

Buon film sia per quanto riguarda la sceneggiatura che per la recitazione; su tutti Oliver Reed (particolarmente nelle scene dove vede il suo incubo ricorrente...) e l'inossidabile Bette Davis. L'atmosfera che aleggia è davvero macabra e nonostante l'uso praticamente nullo di effetti speciali lo spettatore fino alla fine rimane sulle spine.
MEMORABILE: La scena della piscina. L'incubo ricorrente.

Cotola 22/07/09 13:28 - 8575 commenti

I gusti di Cotola

Girare un buon film sulle case infestate è impresa ardua, ma Curtis vi riesce con questa pellicola che risulta bella e a tratti persino un po' inquietante. Dopo la lentezza iniziale, infatti, il film prende via via sempre più corpo e la tensione cresce in maniera palpabile. Ottimo il finale (che tornerà quasi identico in Shining). Di gran classe le interpretazioni degli attori. Non un capolavoro ma di sicuro un solido intrattenimento consigliato a chi ama questo genere di film.
MEMORABILE: L'incubo ricorrente. Il finale.

Ciavazzaro 12/10/09 09:56 - 4773 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Ottimo. La diabolica casa nella quale si svolgono le vicende riesce a sviluppare un'ottima tensione e un senso di pericolo costante. Eccellente il cast, tra cui cito anche Meredith e la Heckart. Il film usa un grande crescendo e nonostante la durata non annoia un solo secondo. Consigliatissimo. Finale interessante.
MEMORABILE: La tempesta durante la fuga, la Black rapidamente trasformata, la Davis nel letto.

Enricottta 12/03/10 16:42 - 507 commenti

I gusti di Enricottta

Quando un film ti taglia il respiro, ti guasta il sonno, ti "consiglia" di munirti di armi varie, nel caso dovessi difenderti, da cosa e da chi lo sa solo Dio, allora si dice che è un buon horror. Fatto con pochi mezzi? A giudicare dagli attori dico di no! L'atmosfera che lo pervade è claustrofobica nel vero senso del termine. Credo che sia stato "saccheggiato" da molti registi. Oliver Reed, Karen Black bravissimi. "Ballata macabra" ha molto stile, in definitiva.

Giuliam 22/11/09 09:29 - 178 commenti

I gusti di Giuliam

Più interessante la seconda che la prima parte, pur se questa è efficace in tutti i suoi momenti e la noia non si fa sentire; d'altronde, quella tensione che si contiene per più di mezz'ora, esplode in un finale che non mi sarei mai aspettato. E pensare che "Ballata macabra" precede Shining, Amityville Horror, La casa e questo non è poco; un miscuglio di questi tre film con scenografia, cast e regia ottimi.
MEMORABILE: Il sorriso "macabro" del becchino.

Bette Davis HA RECITATO ANCHE IN...

Enzus79 22/11/09 09:55 - 2515 commenti

I gusti di Enzus79

Un buon horror, non c'è che dire. Forse sarebbe finito nella mediocrità se non fosse per l'interpretazione della coppia Reed-Black, ed anche (soprattutto) della sempre brava Bette Davis. Suspence per tutto il film, che non usa effettacci per far paura. Meglio di così...

Puppigallo 21/11/09 23:08 - 5009 commenti

I gusti di Puppigallo

Film come Shining e Amityville horror sono debitori a questa pellicola, ben diretta, con attori credibili (compreso il ragazzino, che se la dev'essere fatta davvero sotto, vista la faccia) e un livello di tensione in continua crescita, che fa stare lo spettatore sul chi vive, nonostante, nella prima metà, non accada nulla di particolarmente inquietante, a parte un gioco in piscina a dir poco turbolento e disturbante. Forse il tutto poteva essere risolto in minor tempo, ma resta un prodotto notevole e consigliabile (i poveretti assorbono come spugne il peggio della casa). Giusto finale.
MEMORABILE: L'agonia della zia (la grande Bette Davis); Il volo con tremenda facciata nel parabrezza.

Rickblaine 22/11/09 17:36 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

Buon horror con sfumature profetiche per il genere del prossimo futuro. È un insieme di mistiche ed impressionanti situazioni. Un Oliver Reed sopra le righe e una Bette Davis più che convincente. Una pellicola da tener conto, per la struttura di una storia inizialmente lenta, poi decisamente coinvolgente. Tutt'altro che noioso. Da vedere.
MEMORABILE: Il finale.

Tomastich 6/01/10 17:51 - 1250 commenti

I gusti di Tomastich

Un vero e proprio film horror con le palle: uscita 4 anni prima di Shining, questa pellicola di Curtis ha proprio tutte le carte in regola per rivaleggiare con i grandi del genere (ritengo Curtis uno della seconda fascia). Gli attori sono scelti con il gusto di chi sa dirigere pellicole di questo stile: Reed, Black e Bette Davis sono garanzia al 100% per la riuscita.
MEMORABILE: L'autista del carro funebre.

Daidae 29/01/10 03:34 - 3012 commenti

I gusti di Daidae

Film molto lento, orrore classico che ricorda in parte Shining, anche se appartiene al filone delle case maledette. Buona la prova degli attori, bella atmosfera molto lugubre; se cercate un film dell'orrore girato alla maniera antica questo film fa per voi.

Manowar79 23/02/10 16:45 - 309 commenti

I gusti di Manowar79

Archetipo del filone "case maledette", nettamente superiore alla maggior parte dei suoi followers con l'eccezione (forse) dell'indiscutibile Shining. Mistero e inquietudine distribuiti sapientemente su tempi larghi, in contrapposizione alle scadenti tecniche attuali che non vanno oltre il clichè del "sobbalzo" e una fotografia meravigliosa sono gli ingredienti che fanno di questo film una vera "lost gem", come dicono i collezionisti. Una lezione di gotico-moderno irrinunciabile, emblema di un'epoca lontana che, ahimè, non avrà mai un degno futuro.
MEMORABILE: Le facce di Burgess Meredith, il fu Mickey nei primi tre "Rocky".

Saintgifts 4/03/10 22:31 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Gli attori sono indubbiamente bravi e, a mio avviso, è in gran parte merito loro se questa mediocre pellicola riesce a galleggiare (nonostante la piscina in tempesta). La tensione non si fa sentire e si ha l'impressione che la lentezza serva per dare la durata giusta al film che si risolve poi in fretta nelle ultime battute. Devo ammettere che non è il mio genere preferito e forse pretendo troppo per dare un giudizio positivo, ma mi chiedo come sarebbe giudicato questo lavoro se non l'avessero poi seguito i tanto citati e famosi successori.

Greymouser 28/04/10 12:56 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Magari non è un capolavoro, ma un classico del genere sì: una regia pulita, una sceneggiatura solida, un colpo di scena che oggi sarebbe forse ingenuo, ma allora colpiva abbastanza forte. La vicenda è suggestiva e molto articolata, alcne scene e figure sono inquietanti al punto giusto, gli attori sanno il fatto loro. E tutto questo, senza mostrare praticamente una goccia di sangue. Sempreverde.

Buiomega71 11/03/11 23:42 - 2733 commenti

I gusti di Buiomega71

Il volto terrifico del cinema della paura quando non fa sconti, stimola le emozioni e le paure ancestrali immergendo il tutto in atmosfere putride e maligne. A Curtis basta una carrellata su delle fotografie (la chiave che serve per far gelare il sangue), una stanza chiusa dove si annida l'orrore, un incubo ricorrente necroforo, gli alberi che sbarrano la strada (Raimi li terrà a mente) e uno dei finali più deliranti e agghiaccianti che il genere abbia mai regalato. Punta di diamante dell'"haunting movie" e assoluto capolavoro curtisiano.
MEMORABILE: Finalmente Oliver Reed riesce a entrare nella stanza proibita...; Il ghigno malefico di Burgess Meredith, non dissimile da quello di Sentinel.

Max92 29/04/11 16:18 - 104 commenti

I gusti di Max92

Difficilmente sarà possibile per uno spettatore ritrovare in qualche altra pellicola le macabre atmosfere e le terrificanti situazioni che il veterano "re" dell'horror televisivo Dan Curtis riuscì a ricreare in questo piccolo gioiello di alta classe. Di grande finezza tutte le interpretazioni, con un plauso per la "camaleontica" Karen Black e per la sempreverde Bette Davis. Storia semplice ma avvincente, location perfetta. Registi ben più noti diressero pietre miliari della loro carriera scopiazzando a man bassa da questo autentico capolavoro.
MEMORABILE: Ben Rolff (Reed) che tenta di affogare il figlioletto (Montgomery) nella piscina.

Dan Curtis HA DIRETTO ANCHE...

Myvincent 30/09/11 11:00 - 3425 commenti

I gusti di Myvincent

Una bellissima quanto strana casa data in affitto ad una famigliola per pochi soldi si rivelerà una trappola mortale, provvista di una propria "vita". Oliver Reed, Karen Black ed una vetusta Bette Davis (qui finalmente non in veste di bisbetica) sono un terzetto di prim'ordine alle prese con una sceneggiatura interessante ed una regia che costruisce sapientemente atmosfere thriller-horror sovrannaturali. Doppiaggio di prima qualità. A volte ristagna su tempi un po' televisivi.

Funesto 8/09/11 18:45 - 525 commenti

I gusti di Funesto

Come uno dei più convenzionali horror "sulle case" riesca ad essere tra i migliori del vastissimo filone. Accostati del tutto fantasmi e maledizioni, Curtis costruisce un eccelso psicodramma servendosi solo d'un valido cast e un'ottima sceneggiatura che riesce a sviluppare pian piano sia la via mystery del "che accade alla struttura della casa" (in un efficace stile puzzle) sia il percorso psicologico degli attori. Degno di nota il finale, secco, glaciale e rapido come un volo dalla finestra (ehm!). Strepitoso Reed, bravi anche Davis e Black.
MEMORABILE: Il finale; le scene in piscina, veri spannungen di un film dove non c'è paura, ma una tensione sempre costante.

Giùan 17/01/12 11:53 - 3989 commenti

I gusti di Giùan

Sinceramente uno spaventoso portento. Prescindendo dalla fattura televisiva (caratteristica dello stile di Curtis) a tratti fastidiosa, un assoluto capolavoro del brivido. Dimostrazione impressa su celluloide di come sia possibile creare tensione attraverso un accorto lavoro di (ri)scrittura del gotico e l'utilizzo mirabile di un cast di angeli caduti. Meredith serpente in carrozzella, Reed capace di satanici cambi di registro, la Black monolitico demone del focolare, Bette occhio languido impegnata in un numero d'agonia di alta scuola. Home sweet home!
MEMORABILE: Gli occhietti lussuriosi di Meredith; Reed colto da raptus omicida in piscina col ragazzino; I rantoli di Bette; Il micidiale sguardo finale della Black.

Corinne 23/08/12 17:33 - 414 commenti

I gusti di Corinne

Buon horror che fino agli ultimi minuti non lascia intuire dove voglia andare a parare, aumentando la tensione costruita lentamente e inesorabilmente. La durata di quasi due ore e il ritmo lento non ne pregiudicano la riuscita, anzi contribuiscono a creare un crescendo di inquietudine, fino all'ottimo finale, inaspettato e spietato. Ottimo cast, bambino compreso. Sicuramente uno dei migliori esponenti del filone "dimore maledette", che non può non ricordare il successivo Shining.
MEMORABILE: Il finale.

Herrkinski 28/02/13 02:19 - 7242 commenti

I gusti di Herrkinski

Tra i più convincenti precursori in tema di "case maledette", specialmente rispetto al più noto Amityville horror. L'unica pecca del film è una certa lentezza nel narrato (si sarebbe potuto sforbiciare qualcosa, anche perchè dura 110 min); superato questo scoglio bisogna dire che Curtis riesce comunque a creare una tensione crescente e un'atmosfera malevola non da poco, anche grazie alla bravura dei protagonisti. Poco sangue ma qualche spavento assicurato, nonchè una certa sensazione sgradevole aggravata dalle musiche sinistre e inquietanti.
MEMORABILE: La bara che sfonda la porta; La fuga in auto; La parte finale.

Lucius 27/05/13 01:18 - 2990 commenti

I gusti di Lucius

Nonostante qualche momento di stanca (vuoi per la magistrale Bette Davis, vuoi per la location isolata), si resta rapiti dalla storia, a cui certamente si sarà ispirato Marquand con il suo Il testamento, realizzato appena un paio d'anni dopo questa pellicola e con molte similitudini legate a questo film. La fotografia "d'epoca" realizzata artigianalmente contribuisce al mistero e alla tensione sempre presenti. Il cast risulta fortemente ispirato. Ricco di inquietanti atmosfere, costituisce un tassello fondamentale in una cineteca del brivido.

Crains 24/08/13 21:51 - 15 commenti

I gusti di Crains

Un crescendo infinito fino al grandissimo finale, spietato, che lascia senza respiro. Grandissime interpretazioni da parte di tutto il cast: Oliver Reed, Karen Black e la sempre fantastica Bette Davis. Ottimo esempio di come nel cinema horror il budget sia un fattore secondario.
MEMORABILE: L'indimenticabile finale.

Samdalmas 31/10/13 12:13 - 302 commenti

I gusti di Samdalmas

Evidente fonte d'ispirazione per Shining (anche qui c'è una coppia con un bambino in un luogo isolato e infestato). Perfetti Oliver Reed e Karen Black carichi di ambiguità, ma da segnalare anche Bette Davis nel ruolo di una zia. Il crescendo finale lascia senza fiato. Dirige con mano sicura lo specialista televisivo Dan Curtis.
MEMORABILE: La scena della bara; L'annegamento in piscina; Il finale.

Didda23 5/05/14 10:08 - 2384 commenti

I gusti di Didda23

La famiglia Rolf coglie l'occasione e prende in affito un'abitazione fané; con le cure, soprattutto della Black, cercherà di portarla allo splendore di un tempo... La regia, seppur di stampo televisivo, ha l'intuizione di indugiare sulla carica espressiva dei volti, creando la giusta empatia fra lo spettatore e la vicenda. L'opera è importantissima non tanto per aver ispirato tutta una sequela di pellicole successive, quanto per il magistrale utilizzo della tensione narrativa che si sublima in un finale di inusitata efficacia.

Claudius 21/07/14 11:36 - 520 commenti

I gusti di Claudius

Gemma indimenticabile dell'horror (a mio modesto parere uno dei pochi ad aver fatto la storia del cinema di genere), citato anche da Stephen King (leggasi Shining). Nel film di Curtis non scorre una goccia che sia una di sangue e tutto prepara al finale (assieme ad altri due/tre film, forse il più terrificante mai visto al cinema). Eccellente il cast.
MEMORABILE: La collezione di fotografie; Il finale.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Minitina80 1/03/15 00:12 - 2768 commenti

I gusti di Minitina80

L’inizio ha un incedere lento e incerto, ma che lascia subito degli indizi chiave sulla vera anima della casa. Si respira subito un’aria macabra e ambigua; è solo l’inizio di un vorticoso gioco psicologico in cui si ritroverà invischiata la giovane famiglia. La tensione inizia a salire, lenta ma inarrestabile, fino a un epilogo racchiuso nel tremendo sguardo arcigno di Karen Black. Il film vanta attori di rango e si nota, ma hasoprattutto una Bette Davis superlativa quando viene chiamata in causa.

Rigoletto 20/04/15 15:38 - 1742 commenti

I gusti di Rigoletto

Ballata macabra, ovvero l'arte di rappresentare l'infestazione demoniaca di un luogo. Se non è un capolavoro ci manca poco perché questo film (la cui importanza è attestata dai tanti film che ha ispirato) racchiude in sé il nocciolo fondamentale per costruire un horror pregevole. Atmosfere cupe, cimiteri, ricordi del passato, tutto viene riportato a galla inchiodando lo spettatore al divano, incapace di distaccarsi da una presa così letale. Il cast è eccezionale e non aggiungo altro: scopritelo.

Nicola81 10/05/15 22:54 - 2576 commenti

I gusti di Nicola81

Siamo dalle parti dell'horror vecchio stampo, quello che predilige le case infestate e tiene lo splatter a debita distanza, quello che mira ad angosciare lo spettatore più che a farlo sobbalzare sulla sedia. Qui la sceneggiatura è abbastanza elementare e la vicenda avrebbe potuto essere condensata in un minutaggio inferiore, ma l'ottima prova degli interpreti e la tensione dell'ultima mezz'ora, che culmina in uno dei finali più agghiaccianti della storia del cinema, lo rendono un prodotto soddisfacente, forse il migliore di Curtis.

Daniela 25/10/15 10:24 - 11951 commenti

I gusti di Daniela

Diffidare di chi offre in affitto una villa enorme ad un prezzo irrisorio. Abbocca all'amo una coppia in vacanza con figlio e anziana zia al seguito, con la conseguenza di trovarsi intrappolata in un dimora che si mantiene splendida grazie al fluido vitale degli ospiti... Dalla trama sembrerebbe la solita variazione sulla casa maledetta, ma si tratta di un film di solido mestiere, soprattutto per la capacità di creare tensione puntando sulle dinamiche familiari, con un ricorso minimo agli effetti speciali. Un buon risultato raggiunto anche grazie alla bella prestazione del prestigioso cast.
MEMORABILE: Le due sequenze con il bambino in piscina; il finale

Anthonyvm 24/03/18 22:41 - 4551 commenti

I gusti di Anthonyvm

Ottimo piccolo horror di grande fascino, con almeno un tris vincente di attori diretti da un bravo regista come Curtis, ancora legato a stilemi televisivi ma decisamente abile. L'orrore è sottile, intimo, quasi mai mostrato e proprio per questo efficacissimo. Non ci sono veri e propri momenti di paura, ma il finale resta uno dei più disturbanti e inattesi, per la sua carica pessimista. Forse un po' lento, poteva durare dieci minuti di meno, ma resta un gioiellino e uno dei migliori film sulle case infestate o maledette. Davvero consigliato.
MEMORABILE: Il lento e drammatico deperimento psicofisico di Bette Davis; L'autista alto e magro con un sorriso perenne; Il finale che più nero non si può.

Rufus68 2/08/16 09:06 - 3644 commenti

I gusti di Rufus68

La fama della pellicola riposa soprattutto sull'idea di fondo: una casa che sugge la vita ai propri abitatori rinnovando la maledizione nel tempo. Ottimi gli interpreti (al netto del ragazzino, davvero fastidioso), bravi a simulare i mutamenti del proprio aspetto e della propria personalità sotto l'imperio della magione diabolica. Peccato che il film paghi lo scotto di eccessive lungaggini nonché una confezione, di stampo televisivo, piuttosto anonima. Kubrick gli ha dato più di un'occhiata per Shining.

Ira72 13/09/16 15:07 - 1236 commenti

I gusti di Ira72

Non ho trovato nulla di originale in questo film, né nella trama (ennesima casa infestata), né nella sceneggiatura (luci che a volte si accendono, altre no, proprietari della casa che sembrano arzilli vecchietti innocui a discapito degli ignari inquilini dai comportamenti compulsivamente e misteriosamente strani, ecc). Anche l'atmosfera è quella tipica americana, dunque non ho respirato nemmeno quella genuinità, anche goffa a volte, "de' noantri".

Il Dandi 15/06/17 13:45 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Memorabile horror di Curtis, che nel bel mezzo dell'età d'oro dello slasher gira un gotico diurno che reinventa la lezione espressionista (diretto il richiamo al Lang di Dietro la porta chiusa) in un'assolata magione California. Il soggetto cala le carte fin da subito, ma la lenta evoluzione degli sviluppi si segue senza cali, laddove la tensione è tutta costruita dalle morbose dinamiche familiari (e dai sapienti incubi di Reed). Visione obbligatoria per tutti gli estimatori del sopravvalutato Shining.
MEMORABILE: Non voglio rovinare la sorpresa, ma il finale - vi assicuro - è davvero "memorabile".

Fedeerra 10/12/17 04:30 - 787 commenti

I gusti di Fedeerra

Ossessiva, angosciosa, macabra favola esistenziale, che richiama nei simboli gli echi gotici della letteratura (Poe, Lovecraft) ma la cui estetica, per quanto sospesa, è fermamente legata al cinema horror settantiano. Curtis costruisce un film dove la tensione è sempre sul piede di guerra, compone immagini suberbe e regala ai personaggi la giusta caratterizzazione fisica e psicologica. Un teatrino di volti pittoreschi (Davis su tutti), ambigui ed eccentrici. Finale spaventosamente agghiacciante.

Zender 30/09/19 09:02 - 305 commenti

I gusti di Zender

Dan Curtis infila Reed e la Black in una vergine di Norimberga a due piani che sadica li accoglie e lenta si richiude conficcando aculei di follia tra le sinapsi; un Overlook neoclassico ove la stanza maledetta già ospita una vecchia impalpabile e fuori della porta tre vittime meno una. Un tv-movie ricco di suggestioni che il cast ideale cattura restituendo amplificate; s'incespica però in ritmi catatonici mentre ipnoticamente veniamo accompagnati per mano in un quasi nulla destinato ad accendersi però in un finale col botto (sul parabrezza).
MEMORABILE: La folle corsa alla stanza segreta dell'ultimo minuto, che ne dura invece dieci dilatandosi a dismisura come il ghigno sul volto della nuova Amelia.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Kinodrop 13/10/19 22:24 - 2504 commenti

I gusti di Kinodrop

Intrigante l'idea di una villa storica che si "rigenera" a suon di sacrifici umani perpetrati misteriosamente negli anni. Curtis sa come muovere i fili giusti e dove posizionare i momenti clou di tensione senza scomodare effettacci inutili e, con tocco british, imbastisce un horror che annienta via via i suoi bravi e duttili protagonisti. Il problema di fondo è dato dalla durata estrema della pellicola, spesso inutilmente ridondante; sarebbe bastato non perdere tempo nel lucidare tutti quegli orpelli et voià. Il finale però non delude, anzi.
MEMORABILE: Padre e figlio in piscina; Le fisse della madre; Bette Davis sprecata; Il volo dall'ultimo piano; La panoramica sui portaritratti.

Taxius 18/12/19 11:50 - 1654 commenti

I gusti di Taxius

Gran bell'horror d'altri tempi capace ancora di inquietare nonostante gli oltre quarant'anni di vita. La storia è quella classica della villa di campagna maledetta capace di consumare chi vi abita. Dan Curtis fa un ottimo lavoro: la storia è molto tesa dall'inizio alla fine e questo grazie al mistero che si cela dietro la vecchietta che nessuno vede e all'ottima caratterizzazione psicologica di tutti i vari personaggi (nonché ovviamente anche alla prove degli attori che li interpretano). Inizialmente un po' lento, poi però decolla.

Siska80 23/01/20 12:42 - 2823 commenti

I gusti di Siska80

Unico neo la sperequazione tra una prima parte con qualche lungaggine di troppo e un finale un po' frettoloso. Tutto il resto è perfetto: ottimo cast (Reed e Davis una spanna su tutti), suspense a gogò, musiche adrenaliniche, epilogo di una malinconia disarmante e un susseguirsi di scene che strappano più di un brivido perché opportunamente inserite in un'atmosfera già di per sé macabra.
MEMORABILE: Tutte le scene con l'autista dal ghigno sinistro.

Bubobubo 12/11/21 10:40 - 1834 commenti

I gusti di Bubobubo

A Ben (Reed) e Marian (Black) non pare quasi vero di riuscire a prendere in affitto a pochissimo prezzo una magione neoclassica per le proprie vacanze estive, ma dietro ogni offerta sospetta si nasconde qualcosa di ben più sinistro ed inquietante... Grande esempio di horror neogotico, non mainstream e girato quasi interamente alla luce del sole, in cui la costruzione della tensione procede per accumuli minimali dalla lentezza quasi catatonica, sino all'inattesa esplosione grafica delle scene finali. Soffocanti gli interni, opulenti e rigonfi d'oggetti. Gran prova dei protagonisti.
MEMORABILE: Lotta in piscina; Il misterioso deperimento di zia Elizabeth (Davis); Il finale.

Trivex 3/05/22 09:59 - 1666 commenti

I gusti di Trivex

La casa e le "sue" persone: si dice che ci possa essere un rapporto intimo, complice, a volte eccessivo. Personaggi da subito evidentemente ambigui e misteriosi, troppo felici di poter tornare ad abitare la casa. I rapporti mutano subito e un grande Reed “resistente” interpreta bene il tentativo di una possibile possessione o forse di ben altro. Lei forse è già dall’altra parte, ma l’amore per il proprio figlio può essere l’ancora di salvezza. Teso e ansiogeno, ben diretto e interpretato, con un finale potente e violento. Da vedere.
MEMORABILE: L' aggressione in piscina; Il finale.

Occhiandre 30/08/22 12:01 - 109 commenti

I gusti di Occhiandre

Horror di buona fattura che ha come maggior pregio la freschezza dei dialoghi iniziali fra i familiari, che evidenziano in particolare il rapporto fra il padre, il figlio e la zia. Questa atmosfera contrasta poi con quella mortifera della casa in cui sarà invischiata man mano l'intera famiglia. Purtroppo anche il film perde quel guizzo e prosegue con un'atmosfera sostanzialmente morbosa che scuote solo in certi momenti di tensione. Il finale invece è davvero inquietante, anche se piuttosto prevedibile. Le inquadrature dall'alto del bambino  ricordano quelle di Shining.
MEMORABILE: Il ghigno dell'autista; La casa che si rigenera; L'eleganza e la bravura di Bette Davis; I flashback in stile Il profumo della signora in nero.

Smoker85 30/11/22 11:36 - 472 commenti

I gusti di Smoker85

Interessante storia che richiama tematiche successivamente trattate in un capolavoro di Kubrick. Il film mantiene alta la tensione senza gran dispendio di effetti speciali, con la sola forza della trama e l'ottima performance del cast, in cui troviamo anche la grandissima Bette Davis, oltre alla Black e a un cupissimo Reed. Sebbene non si faccia troppa fatica a capire dove si voglia andare a parare, il dubbio continua ad aleggiare fino all'ultimo, lasciando lo spettatore col fiato sospeso.
MEMORABILE: Reed che allunga le mani ad ogni occasione utile; Il suo raptus nella piscina; Il finale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo John trent • 17/09/19 20:20
    Custode notturno - 524 interventi
    Il DVD Sinister inizia con il logo United Artists (A Transamerica Company) su sfondo nero della durata di 15 secondi, totalmente assente nel dvd CDE.

    Durata DVD CDE: 1h 48' 50"
    Durata DVD Sinister: 1h 51' 04"

    Il dvd Sinister presenta inoltre un paio di scene (della durata di qualche secondo) in lingua inglese sottotitolate in italiano.

    Fotogramma 1 (dvd CDE): minuto 01:06



    Fotogramma 1 (dvd Sinister): minuto 01:25



    Fotogramma 2 (dvd CDE): minuto 9:05



    Fotogramma 2 (dvd Sinister): minuto 9:20

    Ultima modifica: 19/09/19 07:56 da Zender
  • Homevideo Caesars • 18/09/19 08:36
    Scrivano - 16480 interventi
    Grazie mille per le immagini John.
    Effettivamente è tutta un'altra storia il dvd Sinister, rispetto al CDE.
    A questo punto lo prenderò.
  • Homevideo Caesars • 18/09/19 11:50
    Scrivano - 16480 interventi
    Differenza di durata tra CDE e Sinister (1h 48' 50'' contro 1h 51' 04'') è dovuta a tagli o a diversa velocità?
    Penso più la prima, in quanto Imdb riporta una durata di 1h 56' che trasformata in PAL diventa 1h 51' circa (che corrisponde quindi alla versione proposta da Sinister).
  • Musiche Siska80 • 6/02/20 16:30
    Compilatore d’emergenza - 593 interventi
    Le musiche sono state composte da Bob Cobert.

    Fonte: Wikipedia
  • Discussione Siska80 • 7/02/20 16:58
    Compilatore d’emergenza - 593 interventi
    Deepred89 ebbe a dire:
    Ciavazzaro ebbe a dire:
    Il regista Dan Curtis nell'audiocommento del film dice di aver tagliato un prologo di 15 minuti con l'allegra famigliola a new york perchè lo considerava troppo noioso.

    Fonte:Imdb

    La cosa mi fa venire in mente la lunghissima e noiosa telefonata dell'inizio dell'episodio del pupazzo di Trilogia del terrore (sempre di Curtis). Pur non avendo visto questo prologo, penso abbia fatto bene ad eliminarlo.


    Meno male! A dire il vero, il regista avrebbe potuto tagliare anche un bel pò di scene iniziali:20 minuti per trasferirsi nella casa malefica mi sembrano un pò troppi.
  • Homevideo Caesars • 18/06/21 13:35
    Scrivano - 16480 interventi
    Accidenti,
    il 28/7 esce nuova edizione (2dvd) per la Sinister.
    Non ho idea dei contenuti del secondo disco, ma se fossero interessanti mi sa che non resisterò e prenderò il terzo dvd si questo film (ho già cde e Sinister precedente)...
    https://www.dvd-store.it/Video/DVD-Video/ID-74601/Ballata-macabra-Special-Edition-Restaurato-in-HD-Horror-d-Essai

  • Homevideo Caesars • 31/08/21 11:44
    Scrivano - 16480 interventi
    Caesars ebbe a dire:
    Accidenti,
    il 28/7 esce nuova edizione (2dvd) per la Sinister.
    Non ho idea dei contenuti del secondo disco, ma se fossero interessanti mi sa che non resisterò e prenderò il terzo dvd si questo film (ho già cde e Sinister precedente)...
    https://www.dvd-store.it/Video/DVD-Video/ID-74601/Ballata-macabra-Special-Edition-Restaurato-in-HD-Horror-d-Essai

    Dal sito di Amazon.it:

    Questa edizione contiene: Commento audio del regista Dan Curtis; dell'attrice Karen Black e del co-sceneggiatore William F. Nolan; Intervista con Anthony James; Intervista con Lee Montgomery; Intervista con William F. Nolan; Trailer cinematografico.

    P.S:
    Segnalo che il commento audio al film è, solo in lingua originale, sprovvisto di qualsiasi sottotitolo, 

    Ultima modifica: 14/10/21 10:48 da Caesars
  • Discussione Xtron • 25/09/21 11:02
    Servizio caffè - 2059 interventi
    Secondo IMDB si tratta di una co-produzione USA-Italia
  • Discussione Buiomega71 • 25/09/21 11:07
    Pianificazione e progetti - 24637 interventi
    Xtron ebbe a dire:
    Secondo IMDB si tratta di una co-produzione USA-Italia

    Avevo letto, non ricordo più dove, che Alberto Grimaldi figurava come produttore non accreditato (IMDB mi dà conferma)
    Ultima modifica: 25/09/21 14:13 da Buiomega71
  • Homevideo Mortician • 31/10/21 10:47
    Galoppino - 122 interventi
    Ho appena visionato il doppio DVD (i contenuti speciali non ancora), e mi ritengo molto soddisfatto del risultato, ottimo il comparto video, sicuramente migliore rispetto alla vecchia e ormai irreperibile edizione CDE, e anche quello sonoro. Durante la visione non ho riscontrato nessuna anomalia (scatti video, segni di interlacciamento, pixel scomposti). Degna edizione per un bellissimo film, da avere.