Rocketman

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Rocketman
Anno: 2019
Genere: biografico (colore)
Note: Il film racconta la storia del cantante Elton John. E non "Rocket man".
Numero commenti presenti: 15
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Inevitabile che l'exploit straordinario di BOHEMIAN RHAPSODY desse il via a una reazione a catena: ROCKETMAN, che alla regia promuove il regista ombra del film sui Queen, colui che sostituì Singer senza guadaganarsi il credito nei titoli, sembra costruito in modo molto simile. Rivissuta in flashback attraverso il racconto di un Elton John (Egerton) che irrompe con uno dei suoi improbabili costumi a una riunione di alcolisti anonimi, la storia della grande rockstar non sembra poi così differente da quelle di chi in quegli anni abusò di alcool e droghe d'ogni tipo. Pur tuttavia una ricostruzione d'ambiente impeccabile,...Leggi tutto un lavoro magnifico sull'immagine operato intervenendo sugli stacchi, sul montaggio e sui fotogrammi stessi attraverso la grafica, fanno sì che il film riesca gustoso anche agli occhi del non-necessariamente-fan. In questo caso si sceglie la via del musical: alle esibizioni canore del protagonista sul palco si aggiungono infatti interpretazioni corali e coreografate di brani che - con opportuni sottotitoli – diventano parte della storia, portati in scena per movimentare il ritmo e sfruttare il vastissimo repertorio dell'artista. Ed è proprio la rivisitazione di alcuni classici di Elton John a colpire in positivo: l'esibizione al Troubadour di Los Angeles con la presentazione al pubblico americano di "Crocodile rock" moltiplica l'impatto del brano rispetto alla più compassata versione da studio e la cosa si ripete con molti altri pezzi: restaurati e risuonati con le potenzialità delle nuove tecnologie i brani acquistano una forza straordinaria, che la voce di Taron Egerton reinterpreta talmente bene da aver suscitato il plauso dello stesso Elton John. Insomma, dal punto di vista musicale l'operazione è centrata in pieno, e se la scelta è costretta ad accantonare classici come "Blue Eyes", "Candle In The Wind" (solo accennata al piano durante la prima audizione), "Elton's song", "Sacrifice", “Tonight” e tante altre, quelli presenti non suscitano troppi rimpianti (la meravigliosa "Goodbye Yellow Brick Road" viene riproposta quattro volte in versioni sempre diverse). L'ottimo lavoro sull'immagine e nella riproposizione degli incredibili costumi di scena di Elton si rispecchia anche in una sceneggiatura che si capisce essere non qualsiasi, e se qualche divagazione superflua e qualche pausa minano il ritmo qua e là (ma la stessa cosa accadeva in BOHEMIAN RHAPSODY) ciò che resta è comunque la valida restituzione romanzata di un personaggio che forse non in molti conoscevano dal punto di vista umano; emerge nelle sue pulsioni omosessuali, nell'eccentricità del look e delle mille paia di occhiali che ne segnano lo stile bizzarro. Più di maniera il disegno dei comprimari a cominciare dai genitori, scontato l'atteggiamento del nuovo manager/amante (Madden), più interessante il rapporto col paroliere di fiducia Bernie Taupin (Bell). Non travolgente quanto BOHEMIAN RHAPSODY, umanamente però più studiato nonché rispettoso nei confronti del'artista, comunque messo a nudo nelle sue debolezze, nella sua omosessualità e nei suoi eccessi.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 30/05/19 DAL BENEMERITO DIGITAL POI DAVINOTTATO IL GIORNO 9/06/19
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Digital 30/05/19 11:26 - 1121 commenti

I gusti di Digital

Biopic su Elton John che miscela momenti di vita personale, numeri musicali e puntate nell'onirico e nel fantastico. Una buona regia imprime un considerevole ritmo al girato, con una fotografia di abbacinante bellezza e trascinanti performance canore. Egerton si cala con buoni risultati nel ruolo del celebre artista londinese; la Howard non dispiace, ma sembra in alcuni frangenti fin troppo giovane per il personaggio che deve interpretare; molto bravo Bell come Bernie Taupin. Si esce dalla sala carichi di emozioni e, in definitiva, soddisfatti.

Rambo90 2/06/19 20:53 - 6392 commenti

I gusti di Rambo90

La vita di Elton John non è stata molto dissimile da quella di altri artisti (anzi, con meno avvenimenti), ma il film ha il pregio di sopperire a una sceneggiatura un po' statica con belle invenzioni visive, numeri musical che intervengono nel narrato e sconfinamenti nell'onirico che vivacizzano le cose. Molto molto bravo Egerton, sia nel recitato che nelle parti canore, un po' meno Madden che fuori dal trono deve ancora convincere. Ritmo veloce, belle ricostruzioni d'epoca e costumi sfavillanti. Buono.

Ryo 9/06/19 13:35 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Rocketman è una grande esperienza emozionale. Non si pone come film storico, non pretende di raccontare la vita di Elton John documentandola con precisione. Rocketman fa vivere un sogno, facendoci immergere nei ricordi dell'infanzia, nei primi approcci alla musica, nel successo, nel declino e nella ripresa. I tocchi di regia di Fletcher sono poetici, surreali e coinvolgenti. Ottimo il cast, superbe le musiche cantate dal cast. Da brividi molte sequenze coreografate con metafore. Bellissimo film, bravissimo Taron Egerton.
MEMORABILE: Direttore d'orchestra dal lettino; Il volo verso l'alto durante Crocodile Rock; La coreografia di Saturday night Alright; Sul fondo della piscina.

Cotola 14/06/19 00:26 - 7556 commenti

I gusti di Cotola

Biopic sulla vita di Elton John che consta di tutti gli ingredienti tipici del genere: andirivieni temporali, canzoni, qualche scena madre, ascesa, caduta e poi di nuovo la gloria. Ciò che lo rende diverso da operazioni del genere è quello di dare ampio spazio, sin dall'inizio, alla parte onirica che funziona molto bene. Anche la regia fa egregiamente la sua parte, così come i numeri musicali ben coreografati e molto coinvolgenti. Ne è così venuto fuori un film vivace, ritmato e colorato che piacerà soprattutto ai fan ma non solo a loro. Bravissimo Egerton nella parte di John.
MEMORABILE: L'esecuzione di Rocket Man e la creazione di Your song.

Deepred89 24/06/19 00:18 - 3292 commenti

I gusti di Deepred89

Questi biopic stelle e strisce sugli artisti si assomigliano un po' tutti: ascesa, crollo con droghe annesse, rinascita in nome dei veri affetti, finale che piomba senza avvincere più di tanto, alto budget che garantisce professionalità di cast e confezione. Questo gode di una parte iniziale particolarmente riuscita, di un ritmo elevato e di qualche azzeccato affondo visionario, ma per il resto - purtroppo tale è la vita reale - niente di nuovo sotto il sole. Madden, pettinato in questo modo, ricorda Luc Merenda.
MEMORABILE: I due amici che parlano, parlano e parlano, col pomeriggio che diventa sera, che diventa notte, fino all'alba, fuori dalla metropolitana.

Daniela 7/07/19 09:22 - 9518 commenti

I gusti di Daniela

Inevitabile il confronto con il film di Singer ma fin dalle prime sequenze è chiaro che qui il genere non è il biopic convenzionale, in cui fatalmente risaltano inesattezze e forzature, ma il musical in cui le canzoni, oltre ad essere presenti in quanto esibizioni sul palco, sono coreografate con fantasia ed inserite fluidamente nella narrazione. Scelta stilistica felice al pari di quella del protagonista: altrove attore modesto, Egerton fornisce una prova d'eccellenza anche dal punto di vista vocale, prescindendo dalla mera somiglianza fisica. Un bell'omaggio a Elton John.
MEMORABILE: La sequenza di "Saturday Night's Alright For Fighting"; Il costume da diavolo rosso; La coreografia subacquea del tentato suicidio

Paulaster 27/09/19 10:11 - 2823 commenti

I gusti di Paulaster

Biopic su Elton John che parte a ritroso dalla sua riabilitazione dall'alcolismo. Tenuto conto che con un protagonista tanto eccentrico e stupende canzoni sarebbe forse stato più indicato un regista maggiormente innovatore, è l'onestà di fondo che premia il film. Discreti l'inizio infantile e le varie scene fantasiose e nota per una conclusione che non sfrutta i brani più conosciuti. A volte rallenta per insistere sui tarli familiari e sull'ovvia carenza d'amore e non scava nell'intimo più di tanto.
MEMORABILE: Il duetto con Kiki Dee; "I want love" cantata da bambino; Il video di "I'm still standing" rifatto come l'originale.

Capannelle 30/09/19 00:28 - 3731 commenti

I gusti di Capannelle

Confezione che non lesina sforzi tra ambienti americani e costumi di varie epoche e un Egerton che si impegna per dare umanità al personaggio e canalizzare una variopinta gamma di emozioni. Però sono troppe le canzoni e le vicissitudini di carattere sentimentale del protagonista per rendere veramente appassionante la pellicola, che soffre di passaggi non proprio riusciti o quantomeno prevedibili. Nel cast menzione particolare per Jamie Bell.

Bruce 18/11/19 10:15 - 1005 commenti

I gusti di Bruce

Deludente biografia musicale sulla vita e la carriera di Elton John che paga forse il confronto con il coevo e ben più incisivo film sui Queen. Manca di forza e intensità, tutto è molto didascalico e superficiale, la regia è piatta e quando cerca di inserire momenti destinati a emozionare non vi riesce. Ne esce un quadro di un uomo profondamente triste e della sua vita solo apparentemente di successo. Alla fine quel che si salva veramente sono quella decina di canzoni che fanno ormai parte della storia della musica leggera.

Galbo 25/11/19 19:24 - 11421 commenti

I gusti di Galbo

Più che un biopic, un riuscito omaggio ad un musicista straordinariamente dotato, colto nel suo momento di massimo fulgore e nelle fasi più cupe della vita. Una sceneggiatura che “scandaglia” l’uomo e l’artista, inserita in un contesto ambientale ottimamente ricreato, con una colonna sonora da urlo e belle coreografie. Colpisce la grande naturalezza con cui le parti musicali vengono inserite nella narrazione. Taron Egerton si rivela eccellente performer. Da vedere.

Alex75 6/12/19 18:34 - 680 commenti

I gusti di Alex75

La vita e le opere di Elton John si prestano sia al biopic che al musical. Regista e autori hanno preferito la seconda opzione, con soluzioni a tratti visionarie e una rigorosa ricostruzione di suoni e colori di un’epoca, che restituiscono (sia pure con qualche ridondanza) l’immagine di un artista molto dotato e molto infelice. Il non eccelso Egerton, oltre a metterci la faccia e a riprendere vezzi e tic di “Reggie”, si dimostra anche un buon cantante. Accanto a lui, ben figurano Bell e Madden.
MEMORABILE: “Devi uccidere la persona che ti volevano far essere, per diventare quel che vuoi essere davvero”; “Pinball Wizard”; La piscina; Al ristorante.

Pigro 15/04/20 09:31 - 7822 commenti

I gusti di Pigro

Che sia il cantante a produrre un film sulla sua vita è sospetto. Ma questo non è un biopic, bensì una sua stessa creazione per interposta persona: una fantasiosa commedia musicale che lo fa assurgere a emblema dell’artista sofferente, dall’infanzia dolorosa al successo che nasconde solitudine e alienazione. Opera di notevole ricchezza visiva e musicale, dove le canzoni si integrano alla perfezione con le vicende narrate, in un’ottima ricostruzione ambientale. Inutile cercarvi il vero Elton, ma ancora una volta il suo personaggio. Affascinante.

Taxius 21/04/20 12:10 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Il film di Dexter Fletcher è un biopic diverso dal solito, molto distante dal genere di cui fanno parte molti altri film su musicisti famosi come ad esempio il contemporaneo Bohemian Rhapsody; Rocketman è infatti più un musical che un film. La storia è focalizzata sulla giovinezza e sulla prima parte della grande carriera di Elton John, non occupandosi affatto della seconda, quella matura e priva di eccessi. Il film è girato bene e i vari stacchi musicali sono molto efficaci. Notevole la somiglianza di Egerton. In definitiva un bel film.

Muttl19741 14/06/20 22:34 - 106 commenti

I gusti di Muttl19741

Bella biografia di un'icona mondiale  della musica pop rock. Notevole la messa in scena; in particolar modo risulta originale e vincente  la scelta di effettuare transazioni surreali tra storia e musical, che danno corpo a una narrazione continuamente in tensione, senza pause, frenetica, appassionante. Prove degli attori molto convincenti e intense, storia mai banale o didascalica. Il risultato è un omaggio al protagonista e al suo amico di una vita , Bernie Taupin, l'unico che esce veramente alla grande in ogni istante della  narrazione.

Anthonyvm 30/09/20 15:50 - 2025 commenti

I gusti di Anthonyvm

Buona l'idea di fondere il solito biopic a sfondo pop-rock con il musical classico, di fatto alternando fasi della vita di Elton (che rispondono più o meno alle consuete tappe di questo genere di film, fra contrasti familiari, successo, depressione, perdita e ritrovamento delle amicizie, eccetera...) a sorprendenti numeri musicali, in cui le canzoni dell'artista vengono arrangiate con pregevole inventiva (si veda il riadattamento di "Crocodile Rock") su sgargianti coreografie (niente di diverso ci si poteva aspettare, visto il personaggio). Notevole omaggio all'estro del cantante.
MEMORABILE: La coreografia di "Saturday Night's Alright For Fighting"; Il "volo" durante il concerto; Il tentato suicidio; Le foto dei costumi del vero Elton.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Digital • 30/05/19 21:44
    Segretario - 3038 interventi
    Al cinema da ieri, 29/05/2019.
  • Discussione Raremirko • 9/07/19 23:16
    Addetto riparazione hardware - 3479 interventi
    Ryo, chiedo scusa per l'eventuale domanda scema...

    Ma come faceva Elton John ad alzarsi dal piano all'indietro, come si vede nel film durante Crocodile rock?


    pare voli...lo faceva per poco nelle esibizioni vere, o stava così tanto?
  • Discussione Raremirko • 10/07/19 00:00
    Addetto riparazione hardware - 3479 interventi
    Molto molto bello, sullo stesso piano di Bohemian rhapsody (Fletcher lì era produttore esecutivo), anche se qui si vira più sul musical.

    Bravissimo Egerton (a tratti poi pare di avere di fronte il vero Elton John), indicati gli attori di supporto (ricco il cast insomma).

    A dirla tutta ho trovato gratuite e fuori luogo le scene di sesso, non son stato l'unico a storcere il naso in sala.

    Comunque molto buono e ben diretto; un altro grande omaggio ad un altro mostro musicale, per fortuna ancora vivo.
  • Musiche Alex75 • 9/12/19 19:03
    Call center Davinotti - 625 interventi
    La tracklist della colonna sonora:
    1 The Bitch Is Back (Introduction)
    2 I Want Love
    3 Saturday Night’s Alright (For Fighting)
    4 Thank You For All Your Loving
    5 Border Song
    6 Rock & Roll Madonna – Interlude
    7 Your Song
    8 Amoreena
    9 Crocodile Rock
    10 Tiny Dancer
    11 Take Me To The Pilot
    12 Hercules
    13 Don’t Go Breaking My Heart
    14 Honky Cat
    15 Pinball Wizard – Interlude
    16 Rocket Man
    17 Bennie and the Jets
    18 Don’t Let The Sun Go Down – Interlude
    19 Sorry Seems To Be The Hardest Word
    20 Goodbye Yellow Brick Road
    21 I’m Still Standing
    22 (I’m Gonna) Love Me Again
  • Discussione Alex75 • 10/12/19 19:12
    Call center Davinotti - 625 interventi
    Io sono rimasto un po' spiazzato perché mi aspettavo (e avrei preferito) un biopic; ho comunque apprezzato molto la messa in scena: le performance canore e la fedeltà dei costumi all'originale sono davvero impressionanti. Delle scene di sesso avrei sinceramente fatto a meno (la tentazione di premere il tasto FF è stata forte): mi sono sembrate inserite a forza (come in tanti, troppi film, soprattutto degli ultimi vent'anni), senza che aggiungessero qualcosa alla storia.
    Mi ha suscitato qualche perplessità la scena in cui Elton e Bernie sottopongono vari brani al giudizio di Dick James: tra i brani accennati ci sono un paio di canzoni degli anni '80 ("Sad songs" e "I guess that's why they call it the blues"); non so se si tratti di un errore passato inosservato o se si tratti di materiale comunque scritto all'epoca e rimasto per anni inedito (in una scena, il giovane Bernie dichiara di avere già scritto un centinaio di testi). Spero che qualche esperto eltoniano passi di qui e dica la sua. Io, comunque, propendo per la prima ipotesi.
    Ultima modifica: 10/12/19 19:12 da Alex75
  • Curiosità Cotola • 10/02/20 04:47
    Consigliere avanzato - 3632 interventi
    Oscar 2020 per la miglior canzone ad Elton John e Bernie Taupin.