LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Ancora una volta si parte dal titolo. Se ne trova uno simpatico, che sfrutti, parodiandolo, un film di successo (in questo caso PIEDONE LO SBIRRO con Bud Spencer, già di per sé una semi parodia) e si parte. Poi ovviamente l'originale non c'entra nulla e qui persino il titolo c'entra poco, visto che Franco Franchi fa la parte del brigadiere Petralia, che mai viene chiamato col nome di “Piedino”. Ambientato a Napoli, girato con quattro lire e una sceneggiatura penosa, incapace di produrre nemmeno uno spunto sul quale poter improvvisare, il film di Franco Lo Cascio si apre subito con una...Leggi tutto rapina al banco lotto alla quale contribuisce, suo malgrado, il brigadiere Petralia accendendo la moto inceppata del “palo”. Ed ecco l’inseguimento, con Franchi che sequestra la Citroën del povero Luca Sportelli fracassandogliela (diventarà il tormentone del film: a ogni inseguimento Petralia sequestra l'auto sempre allo stesso uomo, che si dispera per tutto il tragitto). Poi la famiglia d’una giovane contrabbandiera inviterà più volte l'ingenuo brigadiere a casa per estorcergli informazioni top secret da passare ai fratelli Pera, veri antagonisti capitanati dal bravo Geppino Anatrelli (più noto come il fantozziano Calboni). E’ tutto un susseguirsi di episodi sciocchi, destinati a concludersi con una penosa mega rissa a colpi di ortaggi. Durante uno di questi in una chiesa viene trafugato un prezioso quadro del Correggio; equivoci a non finire sulla frase: “Petralia, lei si è fatto scappare un Correggio”. Per dire il livello! Umorismo a quota zero, regia nulla, musiche di Continiello in stile fratelli De Angelis. Una delle peggiori prove del Franchi solista, cui in questo caso manca palesemente la spalla per improvvisare e trova qualche duetto solo con l'immancabile Enzo Andronico (è il commissario). Filo logico inesistente, montaggio pessimo.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lovejoy 12/12/07 14:03 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Uno dei migliori film interpretati dal solo Franchi. Nel ruolo del Brigadiere Petralia Franchi è a dir poco splendido. Ben servito da un ottimo copione e ben diretto dal bravo LoCascio, l'indimenticato attore siciliano è attorniato da un solido cast di supporto in cui spiccano gli indimenticabili Giuseppe Anatrelli, Nino Terzo, Enzo Andronico e Luca Sportelli. Diversi i momenti memorabili tra cui, almeno, da citare quello dell'identikit del ladro del quadro e la sarabanda finale.
MEMORABILE: Tra i tanti quello, ripetuto varie volte, di Franco che per inseguire i criminali prende in prestito le varie vetture guidate da Luca Sportelli.

Undying 10/07/09 12:37 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Qualche risata riesce a scapparci, per l'incredibilità che, nel complesso, tale operazione suscita. Non si tratta di un film con trama lineare, pur essendo presente un certo intreccio narrativo, ma piuttosto Lo Cascio preferisce mettere in fila una lunga serie di gag, facendo ricorso alla presenza di un notevole numero di caratteristi. L'idea di fondo del film è quella di "sbertucciare" certo tipo di cinema bis (il poliziesco, in particolare) facendo uso di cliché opportunamente messi alla berlina (l'inseguimento in auto, le battute da "caserma", i rimandi a titoli di genere). Impensabile.

Giuliam 12/02/10 17:21 - 178 commenti

I gusti di Giuliam

Franco Franchi senza Ciccio Ingrassia. Parodia di tutti i film polizieschi italiani ed è bello accennare in certe scene ai titoli di codesti "polizieschi". L'ilarità non è tanta, però c'é un coinvolgimento assai efficace. Franchi non è il solito Franchi, ma probabilmente è il suo miglior film da "solista".

Enzus79 12/02/10 09:59 - 1845 commenti

I gusti di Enzus79

Il peggiore con Franco senza Ciccio. Non c'è niente che interessi o faccia scaturire lacrime dagli occhi per le risate. Franchi sembra svogliato e, nonostante qualche battuta, il film non decolla mai. Buona la canzone che viene usata durante gli inseguimenti. Bravo Andronico.

Rickblaine 12/02/10 14:15 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

Franco Franchi è solo e si sente. Rispetto ad altri lavori da solista, questo è il peggiore. Certe scene rimembrano i migliori momenti del comico (i litigi con il commissario), ma è davvero poco. Sembra che lo stesso protagonista sia stanco di ripetute gag e della mancanza della sua "spalla".

Il Dandi 5/04/10 22:32 - 1842 commenti

I gusti di Il Dandi

Non sono sicuro di aver compreso bene in cosa consistano i compiti dell'aiuto regista: perché è veramente difficile scorgere qualcosa di Fernando Di Leo in questo esordio di Lo Cascio. Al di là della totale nullità della sceneggiatura, il film conferma una volta di più che se Ingrassia poteva ancora permettersi delle parentesi soliste (già di per sé modeste), Franchi da solo invece non ha proprio alcuna ragion d'essere. Ricco il cast di caratteristi e l'atmosfera citazionista strappa qualche sorriso. Si fatica ad arrivare in fondo però.

124c 23/06/11 17:06 - 2778 commenti

I gusti di 124c

Una delle ultime pellicole-parodia di Franco Franchi (anche qui senza Ciccio Ingrassia), che scimmiotta, a suo modo, i polizieschi d'azione di quegli anni come il citato Piedone lo sbirro con Bud Spencer. Franco Franchi ce la mette tutta, ma senza la sua tradizionale spalla mi dice veramente poco. Da ricordare, fra gli interpreti, nel ruolo del cattivo, l'attore Giuseppe Anatrelli, ovvero l'odioso geometra Calboni dei primi tre film di Fantozzi. Continua il triste tramonto di uno dei comici più divertenti degli anni '60/70. Solo per fan.

Graf 19/07/11 15:41 - 700 commenti

I gusti di Graf

Inqualificabile vaccata diretta da Franco Lo Cascio. Il più brutto film interpretato da Franco Franchi da solo o in coppia con Ingrassia, persino peggiore di quelli diretti da Osvaldo Civirani. In questo film non funziona niente: né la sceneggiatura (che non è neanche prevista...) né la regia (inesistente) né gli interpreti, di un guittume umiliante. Franco Franchi fa quello che può, cioè praticamente niente. Addirittura mette tristezza. La vera protagonista del film è la noia. Incidente di percorso.

Matalo! 28/09/11 09:58 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Di parodia c'è solo il titolo e le mimetiche musiche di Continiello (che si ricicla nei momenti seri). Poi siamo nella pochade franchesca, che a me fa anche simpatia. Petralia è un Candide finito in un covo di innocui voltagabbana. Peccato che le gag si ripetano per tutto il film, demotivando lo spettatore al sorriso. Alla terza apparizione di Sportelli, autista disgraziato, non ce la si fa più. Attanasio, calvo storico del cinema bis, fa il pazzo. Andronico, una tantum, è del nord.
MEMORABILE: L'identikit del Cristo del Correggio (sul nome si spreca una gag infelice).

Daidae 2/03/12 02:33 - 2761 commenti

I gusti di Daidae

Non male questo film con Franco Franchi solista, che però se la cava benissimo. Anche se certe battute infantili potevano essere evitate, il film, grazie anche al nutrito cast di validi attori comici e caratteristi d'azione, regge bene. Diverse citazioni di polizieschi e di un noto fatto di cronaca del 70. Passabile.

Panza 9/09/12 20:53 - 1502 commenti

I gusti di Panza

Vaga ripresa (per l'ambientazione e per il titolo, ma non per la trama) dei film di Piedone lo sbirro. Franchi è più composto e ingessato rispetto ad altre prove solistiche (Il gatto di Brooklyn aspirante detective). Il caos regna sovrano tra lanci di frutta e mere scenette che si tengono in piedi per miracolo. Si citano alcuni poliziotteschi (La polizia incrimina la legge assolve, La polizia ringrazia). Belle le musiche di Continelli, Franchi canta "L'ultimo dei belli". Noioso; interessante l'apparizione di Nino Terzo (questa volta senza asma).

Neapolis 27/10/14 21:01 - 175 commenti

I gusti di Neapolis

Parodia di molti polizieschi di cui troviamo le citazioni nei dialoghi, il film propone anche scene di inseguimento già viste in Operazione San Gennaro e altre che anticipano di due anni Napoli violenta; situazioni surreali e goffe di un imbranato brigadiere che rivedremo in seguito nella serie di Fantozzi e gag esilaranti tipo Le comiche del 1990. Ma l'interpretazione di Franchi appare leggermente spenta, gli occhi non gli brillano come in coppia con Ciccio, anche se la mimica facciale è sempre uno spettacolo. Da vedere assolutamente.
MEMORABILE: La gag degli spaghetti strappati al volo in auto da Luca Sportelli per due volte e mezza al malcapitato di turno.

Lòpe 29/12/16 11:29 - 14 commenti

I gusti di Lòpe

Passabile parodia del filone poliziottesco anni 70, con tanto di organizzazione criminale antagonista (che perpetra i propri crimini a bordo del furgone della ditta) e inseguimenti a tema. Caratteristi degni di nota per l'epoca. A parte alcune gag scontate e forse troppo calcate, tutto il film è piacevole da guardare. Per passare una serata senza pensieri è l'ideale.
MEMORABILE: I memorabili inseguimenti che portano alla sistematica distruzione delle vetture del povero malcapitato Sportelli.

Gabrius79 14/01/17 02:46 - 1205 commenti

I gusti di Gabrius79

Franco Franchi senza Ciccio ovviamente non è che possa rendere più di tanto, peró in questa parodia dei film cosiddetti poliziotteschi ci regala qualche buon momento di divertimento. Ció si deve al tormentone del film in cui Franchi per inseguire i ladri ricorre sempre all'auto del malcapitato Luca Sportelli. Per il resto tante banalità in un mare di povertà di idee e di budget.

Siska80 13/07/20 17:01 - 826 commenti

I gusti di Siska80

Nonostante i buchi nella sceneggiatura e certe scene che volutamente si ripetono finendo con l'annoiare (come quella del povero tizio sulla Cinquecento costretto a rocamboleschi inseguimenti dal protagonista), Franchi riesce a strappare delle risate (sia per la buffa mimica facciale, sia per certe situazioni in cui il suo personaggio strampalato rimane coinvolto) dimostrando ancora una volta di non avere bisogno della spalla Ingrassia; simpatico anche il cast di contorno (soprattutto Andronico e Anatrelli).
MEMORABILE: La discesa dalle scale all'indietro di Franco che per sbaglio si è ammanettato ai sospettati che ha arrestato.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Samuel1979 • 3/11/12 09:31
    Call center Davinotti - 2972 interventi
    Nel ruolo di un collega del brigadiere Petralia c'è l'attore Franco Marino, cioè colui che in "Troppo Forte" di Carlo Verdone recluta le comparse all'inizio del film.
  • Discussione Geppo • 3/11/12 09:49
    Addetto riparazione hardware - 4019 interventi
    Samuel1979 ebbe a dire:
    Nel ruolo di un collega del brigadiere Petralia c'è l'attore Franco Marino, cioè colui che in "Troppo Forte" di Carlo Verdone recluta le comparse all'inizio del film.

    È verissimo! Franco Marino ha interpretato anche un piccolo ruolo in Farfallon.
  • Curiosità B. Legnani • 8/07/14 14:59
    Consigliere - 13980 interventi
    Al debuttante regista Lo Cascio, fece da Assistente alla Regia la madre Luisa Alessandri, storica Assistente di De Sica, Da Rose scarlatte (1940) a Il viaggio (1974).
  • Discussione Graf • 17/10/19 13:41
    Call center Davinotti - 906 interventi
    Geppo ebbe a dire:
    Zender ebbe a dire:
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" lo storico flano del film (dedicato dalla Fondazione a Geppo):

    Grande Zender, grazie!!!! Una vera chicca.


    L'inventiva l'hanno esaurita con la frase di lancio.
    Ultima modifica: 17/10/19 13:43 da Graf
  • Discussione Siska80 • 13/07/20 21:42
    Call center Davinotti - 421 interventi
    Film a parte, più guardo Franchi, più mi convinco della sua grandezza; nulla togliere al bravo Ingrassia, ma Franco ruba la scena a tutti, non capisco da cosa si evinca il fatto che egli senta la mancanza della sua storica spalla...
  • Discussione Zender • 14/07/20 08:01
    Consigliere - 43735 interventi
    Dipende dai film. Per quanto mi riguarda in questo film più che Ingrassia manca proprio tutto. Se vedo Ku-fu e Zagarol ci vedo tutta un'altra categoria. Questo fa proprio parte, per quanto mi riguarda, del Franchi più sgangherato e abbandonato a se stesso.
  • Discussione Siska80 • 14/07/20 13:27
    Call center Davinotti - 421 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Dipende dai film. Per quanto mi riguarda in questo film più che Ingrassia manca proprio tutto. Se vedo Ku-fu e Zagarol ci vedo tutta un'altra categoria. Questo fa proprio parte, per quanto mi riguarda, del Franchi più sgangherato e abbandonato a se stesso.
    Ingrassia aveva dalla sua il fatto di essere anche un buon regista: L'Esorciccio è un film divertentissimo, ma io rido soprattutto per le situazioni paradossali, per la faccia di Banfi, per Lai che fa la parodia al personaggio da lui stesso interpretato; non rido per Ciccio, bravo ma portato per una recitazione più seria. Franchi magari non sapeva scegliere (o non gli interessava farlo) i copioni migliori, ma era nato per fare il comico...Ok, sono di parte, ma ho letto persino che senza Ingrassia non ha ragione di essere, e mi sembra un'esagerazione (senza offesa per chi non la pensa come me).
     
  • Discussione B. Legnani • 14/07/20 14:13
    Consigliere - 13980 interventi
    Siska80 ebbe a dire:
    Zender ebbe a dire:
    Dipende dai film. Per quanto mi riguarda in questo film più che Ingrassia manca proprio tutto. Se vedo Ku-fu e Zagarol ci vedo tutta un'altra categoria. Questo fa proprio parte, per quanto mi riguarda, del Franchi più sgangherato e abbandonato a se stesso.
    Ingrassia aveva dalla sua il fatto di essere anche un buon regista: L'Esorciccio è un film divertentissimo, ma io rido soprattutto per le situazioni paradossali, per la faccia di Banfi, per Lai che fa la parodia al personaggio da lui stesso interpretato; non rido per Ciccio, bravo ma portato per una recitazione più seria. Franchi magari non sapeva scegliere (o non gli interessava farlo) i copioni migliori, ma era nato per fare il comico...Ok, sono di parte, ma ho letto persino che senza Ingrassia non ha ragione di essere, e mi sembra un'esagerazione (senza offesa per chi non la pensa come me).
     
    Ovviamente è un'esagerazione, ma dipende essenzialmente da copioni e registi. Insieme sono terribili in film terribili (l'elenco sarebbe lungo). Franchi, da solo, è grandissimo in Zagarol, in cui, appunto, ci sono validi regista e copione.
    Il lavoro in coppia funziona bene perché ripete un topos, presente anche in Laurel e Hardy, in cui l'umorismo di coppia nasce dalla presenza di uno tutto tonto (Stanlio/Franchi)) e uno apparentemente intelligente (Ollio/Ingrassia).
     
  • Discussione Zender • 14/07/20 14:17
    Consigliere - 43735 interventi
    E' chiaro che ha ragion d'essere anche da solo, Franchi, per quanto mi riguarda. E' per l'appunto un eccellente comico, Ingrassia ha doti diverse.
  • Discussione B. Legnani • 14/07/20 14:26
    Consigliere - 13980 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:
    Siska80 ebbe a dire:
    Zender ebbe a dire:
    Dipende dai film. Per quanto mi riguarda in questo film più che Ingrassia manca proprio tutto. Se vedo Ku-fu e Zagarol ci vedo tutta un'altra categoria. Questo fa proprio parte, per quanto mi riguarda, del Franchi più sgangherato e abbandonato a se stesso.
    Ingrassia aveva dalla sua il fatto di essere anche un buon regista: L'Esorciccio è un film divertentissimo, ma io rido soprattutto per le situazioni paradossali, per la faccia di Banfi, per Lai che fa la parodia al personaggio da lui stesso interpretato; non rido per Ciccio, bravo ma portato per una recitazione più seria. Franchi magari non sapeva scegliere (o non gli interessava farlo) i copioni migliori, ma era nato per fare il comico...Ok, sono di parte, ma ho letto persino che senza Ingrassia non ha ragione di essere, e mi sembra un'esagerazione (senza offesa per chi non la pensa come me).
     
    Ovviamente è un'esagerazione, ma dipende essenzialmente da copioni e registi. Insieme sono terribili in film terribili (l'elenco sarebbe lungo). Franchi, da solo, è grandissimo in Zagarol, in cui, appunto, ci sono validi regista e copione.
    Il lavoro in coppia funziona bene perché ripete un topos, presente anche in Laurel e Hardy, in cui l'umorismo di coppia nasce dalla presenza di uno tutto tonto (Stanlio/Franchi)) e uno apparentemente intelligente (Ollio/Ingrassia).
     
    Dimenticavo: con almeno un'eccezione, in cui i ruoli sono invertiti: Don Chisciotte e Sancio, in cui Franchi è "giusto", l'altro no.