Nosferatu a Venezia

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1988
Genere: horror (colore)
Note: Registi non accreditati: Mario Caiano, Luigi Cozzi, Klaus Kinski, Maurizio Lucidi (scene del carnevale)
Papiro: elettronico

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Del NOSFERATU di Werner Herzog è rimasto solo il nome del protagonista, per il resto sarebbe decisamente fuori luogo affiancare i due film: il produttore Augusto Caminito si è voluto occupare per la prima volta anche di regia e ne è uscito un vero disastro in celluloide, il cui unico fascino è dato dalla naturale bellezza della città lagunare ripresa quasi sempre all'alba per apparire deserta. Nosferatu vi si aggira lentamente col suo incedere regale, ma il vecchio Kinski - ormai decisamente malandato - è solo una caricatura di se stesso: nemmeno calvo come nei precedenti capolavori con Nosferatu ma anzi pesantemente imparruccato,...Leggi tutto sembra lì in gita turistica. La sceneggiatura (firmata sempre da Caminito) prevede diverse varianti rispetto al mito classico e lo studioso di vampiri Christopher Plummer pare conoscerle tutte: il problema è che proprio non riesce a debellarlo, nemmeno con l'aiuto del medico Yorgo Voyagis (che all'occorrenza sfodera fucili da caccia grossa). Il prete Donald Pleasence (notare come il nome del suo personaggio, Don Alvise, suoni in modo assai similare a quello dell'attore!) straparla senza concludere nulla e come lui un po' tutti si ritrovano in bocca dialoghi banali e superflui. Tanto si sa, l'unico fascino è esercitato da Nosferatu e dalla laguna. Elvire Audray (si vede pochissimo), Barbara De Rossi e gli altri sono lì giusto per fare numero e improvvisarsi ammazzavampiri poco credibili. Effetti speciali ridicoli, un carnevale veneziano che fa folklore ma nulla c'entra con la storia (e fuochi d'artificio fuori stagione, il Redentore è cinque mesi dopo!). Belle invece le musiche di Vangelis e Luigi Ceccarelli.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 6/02/07 16:26 - 3364 commenti

I gusti di Caesars

Un film che fa davvero paura, ma solo per la sua bruttezza! Caminito riesce a trascinare in questa disastrosa operazione attori del calibro di Kinski, Plummer e Pleasence (sicuramente non nuovi a parti in film malriusciti). Incomprensibile come si possano girare film così, che già sulla carta si presentano come clamorosi fiaschi anche al botteghino. Se amate il buon cinema statene alla larga, se invece siete in vena di farvi quattro risate guardatevelo pure (dimenticandolo subito dopo, però).

B. Legnani 6/02/07 20:14 - 5195 commenti

I gusti di B. Legnani

Micidiale e grottesco. Frasi incredibili: "Viene a distruggere la precaria pace", "Ciò che può accadere va al di là di ogni immaginazione" pronunciate facendole cadere dall'alto, il che funziona quando tutto ciò che sta attorno è un capolavoro: non è il nostro caso. Incredibili gli incisivi di Kinski. Il momento più tragico è quando Nosferatu vola su Venezia, alla David Copperfield. Barbara De Rossi è bellissima. C'è la Cumani Quasimodo, la cui carrozzella viene spinta da Donald Pleasence: è cosa per pochi, ma si tratta di una situazione fantastica.

Undying 18/07/07 22:05 - 3814 commenti

I gusti di Undying

Inizilmente avrebbe dovuto essere diretto da Maurizio Lucidi, poi Mario Caiano avviò le riprese: nate male (la sceneggiatura arrivava "a pezzi" di giorno in giorno) e proseguite peggio (Kinski ebbe diverse discussioni col regista in merito alla pesantezza del trucco). Alla fine lo stesso produttore Augusto Caminito mise mano alla regia. Ed il film non funziona in nessun senso: né sul versante narrativo, né su quello di "genere", né tantomeno su quello delle interpretazioni, delle quali si ricorda solo il corpo nudo di una acerba Barbara De Rossi. Anemico.

Herrkinski 14/05/08 15:12 - 6689 commenti

I gusti di Herrkinski

Evitando il paragone con il capolavoro herzoghiano (peraltro impossibile, per ovvi motivi tecnico/artistici), il film mantiene un certo fascino, sicuramente imputabile alla splendida e crepuscolare cornice veneziana (fotografata magnificamente, anche grazie alla lungimiranza di Kinski che volle girare tante scene all'alba) e alle musiche d'atmosfera di Vangelis. Kinski rivisita Nosferatu in un'ottica differente, forse più affine al suo carattere turbolento ma altrettanto poetico; il resto del cast (di una certa qualità) lo asseconda con buon mestiere. Gotico e decadente.

Ghostship 6/07/08 14:09 - 394 commenti

I gusti di Ghostship

Lavoro travagliatissimo che dà la continua impressione di patire il susseguirsi di troppe mani dietro la telecamera (comprese quelle di Kinski invasato come non mai). Ne esce fuori un film che non ha niente a che fare né con il classico né con il Nosferatu di Herzog. Horror di consumo destinato al grande pubblico, patinato nella confezione ma affascinante nella ricercata fotografia e nel carisma del suo unico ed inimitabile protagonista. Per i fan di Kinski un must.

Didda23 9/11/17 10:22 - 2355 commenti

I gusti di Didda23

Si avverte sin da subito che l'opera ha subito un travaglio produttivo che ha putroppo inficiato pesantemente sulla buona riuscita finale. Un vero peccato perché Venezia in questo film è malinconica e fotografata benissimo e le scene in laguna hanno un tocco magico non indifferente. Cast di nomi altisonanti ma con prove non certo indimenticabili. I dialoghi sono di una banalità sconcertante e la storia offre quasi unicamente momenti di pura confusione. Potrebbe funzionare come opera d'arte visiva, magari con il sottofondo di un bel disco prog.
MEMORABILE: Venezia spettrale e decadente; Il volo sulla città; La foga sessuale di Kinski.

Daidae 14/11/09 18:27 - 2941 commenti

I gusti di Daidae

Se cercate il seguito di Nosferatu (non esiste) lasciate perdere, questo film è di un altra dimensione rispetto al più famoso Nosferatu con il quale condivide l'attore principale Kinski, il nome (in parte) e basta. Nonostante sia bistrattato e considerato immondizia da diversa critica, dimenticando il film di Herzog potrà anche piacere. Bellissime le musiche di Vangelis, buona prova di Kinski e di Barbara De Rossi (che ci offre un bel nudo integrale).
MEMORABILE: Il prete urlante, Voyagis che spara a Kinski un mega proiettile.

Ciavazzaro 16/11/09 12:48 - 4774 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Pessimo. A causa di molte traversie produttive il film risulta parecchio confuso (soprattutto nel finale), il cast è ottimo (c'e pure la Cumani Quasimodo), ma (giustamente) si impegna poco. Kinski è apprezzabile in certi punti, ma il film è davvero risibile. Bocciato.
MEMORABILE: La morte della Quasimodo

Homesick 8/10/10 11:05 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

La gestazione travagliata e i cambi di regia sono causa precipua di un plot informe con dialoghi enfatici e pacchiani cui rispondono, per contro, le suggestive istantanee di una Venezia patrizia e nebbiosa, l'arditezza nel truculento, i pregiati nudi femminili, una certa inventiva nell'aggiornare il mito di Nosferatu (non teme i crocifissi, dorme 24 ore ogni 24 giorni e cerca la morte nell'amplesso con una vergine) e l'interpretazione ferina e allucinata di Kinski, primo attore in un cast di prima grandezza. Le musiche liturgiche di Vangelis-Ceccarelli plagiano la Mater Tenebrarum di Emerson.

Galbo 24/12/09 09:23 - 11876 commenti

I gusti di Galbo

Trascinante quando interpreta il celebre vampiro nel film di Herzog quanto inutilmente istrionico e debordante in questa prosecuzione delle vicende di Nosferatu ambientate in laguna. Nonostante il cast prestigioso, questo film delude su tutti i fronti anche perchè segnato da varie traversie produttive. Vicenda sconclusionata e regia impersonale (peraltro passata da più mani) ne fanno un film di cui non si sentiva il bisogno.

Christopher Plummer HA RECITATO ANCHE IN...

Zardoz35 20/08/11 01:56 - 276 commenti

I gusti di Zardoz35

Un Kinski sul viale del tramonto, in una delle sue ultime interpretazioni, non basta certo a sostenere un film ambizioso solo sulla carta, ma che finisce per rivelarsi un fiasco. Solo le musiche di Vangelis e la fotografia di una Venezia cupa e decadente evitano il disastro totale. La storia è poco verosimile, gli attori, a parte Plummer, non sono all'altezza. C'è anche qualche tocco di erotismo, grazie ad una De Rossi peraltro non troppo in palla. Si tocca il ridicolo quando Kinski vola su Venezia.
MEMORABILE: Nosferatu si rifugia in un'isola veneziana popolata solo di cani e di scheletri di appestati.

Enzus79 9/05/12 18:13 - 2299 commenti

I gusti di Enzus79

Buona la trama dedicata al vampiro Nosferatu, ma il film ha i ritmi troppo bassi e qua e là è anche ripetitivo. Non basta nemmeno il buon Klaus Kinski (sembra stanco), confuso in un cast davvero mediocre (spicca il povero Pleasance). Musiche poco coinvolgenti.

Puppigallo 26/05/12 18:10 - 4878 commenti

I gusti di Puppigallo

Di una lentezza quasi letale; e anche a stupidità siamo messi bene...Sembra una parodia mal riuscita, ma in realtà il film dovrebbe essere serio. Il problema è che risulta un'impresa restare impassibili davanti a dialoghi ultrapuerili, scene mal girate e un Kinski più imbalsamato che mai, persino eccessivamente passivo per un morto...vivente. Gli attori, in generale, sono più ridicoli che altro e assolutamente mal diretti. E se non bastasse la pochezza dell'insieme, il finale è quanto di più insulso ci si potesse aspettare. Vaccata.
MEMORABILE: Alcuni momentoni: mega bastonata della vegliarda con effetto sonoro; "Gran maestro della putredine!!!"; Nosferatu scavalca Plummer come una cacchetta.

Jurgen77 4/12/12 08:11 - 630 commenti

I gusti di Jurgen77

L'idea iniziale non era malvagia. Anche la scenografia e le ambientazioni in una Venezia nebbiosa non sono male. Ma vedere Nosferatu (Kinski) con i capelli in testa, frutto di una chirurgia estetica di non so quale truccatore, è ridicolo! Sempre validi il superbo Donald Pleasence e una Barbara De Rossi come molti maschietti la vorrebero vedere... La trama fa acqua da ogni punto. Si salva veramente poco.

Ronax 1/09/13 02:10 - 1061 commenti

I gusti di Ronax

Passato distrattamente di mano in mano e finito alla bell'e meglio da Cozzi e Caminito, comprensibilmente desideroso di recuperare qualche spicciolo, si muove costantemente su un doppio binario. Da un lato domina la sceneggiatura squinternata, con il ridicolo che attende al varco dietro l'angolo, come Nosferatu fra calli e campielli. Dall'altro c'è il fascino della malata e decadente atmosfera gotico-veneziana, ben sottolineata dalle musiche stordenti di Vangelis e dal volto disfatto di un Kinski ormai al capolinea. Appetitosa la De Rossi.
MEMORABILE: Gli ululati dei cani nell'isola maledetta dove Kinski porta la De Rossi e le altre.

Quietcrash 11/09/13 17:58 - 83 commenti

I gusti di Quietcrash

Ambientare un Nosferatu a Venezia rende il film più suggestivo. È un film interessante; non lo si può definire un film d'autore ma ha il suo perché. Bellissimo l'utilizzo del colore blu, simbolo di vulnerabilità agli "attacchi" esterni. Kinski magistrale, con il suo volto espressione del male. Da vedere.
MEMORABILE: Nosferatu (Kinski): "Che senso ha il tempo per chi non conosce la morte".

Cotola 20/07/16 00:41 - 8347 commenti

I gusti di Cotola

Tale è la sua cattiva fama, che pensavo persino peggio. E invece se è vero che i dialoghi sono quasi sempre terribili e la storia molto pasticciata (anche a causa delle tante traversie produttive: basti vedere il lungo elenco dei registi), va anche detto che l'ambientazione, a tratti fascinosa, (in questo Venezia aiuta sempre molto ma bisogna anche saperla sfruttare), scenografie e costumi, non sono male ed anzi non sono per nulla tirati via o dozzinali e pacchiani. C'è anche qualche bella inquadratura. Ovvio che con un cast tecnico e attoriale del genere era lecito aspettarsi molto di più.

Minitina80 19/11/16 08:16 - 2742 commenti

I gusti di Minitina80

Considerando le vicissitudini che ha avuto in fase di realizzazione è un miracolo che sia arrivato a conclusione. Sul piano puramente narrativo per ovvie ragioni non trova compimento risultando praticamente inconcludente e assomigliando quasi a un esercizio di stile nei numerosi momenti in cui Kinski si dedica alla sua vanità. È un peccato perché i paesaggi lagunari hanno un fascino particolare e il cast non è da buttare via; Kinski all’apice della sua follia aveva il volto perfetto. Un’occasione sprecata su cui resta qualche rimpianto.

Faggi 8/05/17 17:48 - 1528 commenti

I gusti di Faggi

Horror-fantastico, decadente per ambientazione e vicende produttive. Kinski è allucinato a puntino, sembra ubriaco di se stesso. Trama e sceneggiatura delinquenziali: un'istigazione alla parodia; battute e dialoghi assurdi quando non banali. Regia indecifrabile (per motivi noti), su cui si potrebbe dire molto di distruttivo e poco di elogiativo; se si è ammaliati da certi passaggi, da qualche messa in quadro e dalla riuscita di certe sequenze ci si chiede: qual è la mano dominante e a chi si devono le soluzioni migliori? Kitsch in agguato.

Markus 6/11/17 15:19 - 3512 commenti

I gusti di Markus

Travagliato e forse anche un po' disgraziato film che riprende (solo negli intenti) il film di Herzog del 1979. L'istrionico Kinski è ancora nei truccatissimi panni di Nosferatu, ovvero la rappresentazione del Male. I ridicoli dialoghi e certe scene (s)cult (il volo a mo’ di Mia moglie è una strega di Kinski su Venezia, i compiaciuti palpeggiamenti del seno delle attrici...) fanno di questa pellicola una specie di epocale trash movie che regalerà più di una risata. Si salvano solo la bella fotografia e le musiche synth di Vangelis.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Myvincent 1/04/18 08:12 - 3217 commenti

I gusti di Myvincent

Nosferatu, principe del male, ritorna a Venezia da dove se ne erano perse le tracce due secoli prima e la tana del lupo sembra essere un antico palazzo nobiliare. Un vorticoso viaggio nella città lagunare, vista dietro le maschere inquietanti del suo celebre carnevale, dove un "Casanova" succhiasangue redivivo è in cerca di giovani colli femminili. Vince la suggestione generale, perché tutto il resto (sceneggiatura, montaggio, ritmo) sembra impantanarsi dopo la prima mezz'ora. Cast di gran lustro.

Deepred89 26/05/18 20:03 - 3493 commenti

I gusti di Deepred89

Pur dotato di qualche merito a livello formale (fotografia curata, regia a tratti ambiziosa, buona OST), questo ritorno del Kinski-Nosferatu - stavolta sotto l'ala tutta italiana di Reteitalia/Caminito - si rivela una mattonata non indifferente, in grado di far rimpiangere il già non scatenatissimo ritmo del film di Herzog. Una sceneggiatura di rara pochezza non colmata da immagini magari visivamente intriganti ma incapaci di scavare nell'animo dello spettatore, a cui non resta che assistere impotente a tale spreco di energie e di buoni attori.

Pinhead80 9/04/19 20:30 - 4300 commenti

I gusti di Pinhead80

Richiamato da una seduta spiritica il non-spirato Kinski cerca di trovare pace tra le braccia di una giovane vergine. Tralasciando la sceneggiatura che tutto sommato non è neppure male, il film non ha nulla di horror se non l'interpretazione fiacca e scarica di un cast tutt'altro che da poco. Non basta l'ambientazione magica di Venezia a creare l'effetto desiderato e Caminito dimostra che non bastano nemmeno attori di alto livello per fare un film decente.
MEMORABILE: L'ombra di Kinski che giganteggia per un attimo sulla De Rossi.

Anthonyvm 1/02/22 15:40 - 3863 commenti

I gusti di Anthonyvm

Pasticcio tardo-gotico dalla produzione travagliata (si contano cinque registi in totale e si nota), solo idealmente associabile a Herzog per la presenza di Kinski, molto meno perturbante di come appariva nel film del '79, non solo in fatto di make-up, qui limitato ai due incisivi puntuti, ma anche per la poco implicita lascivia e per la lunatica iracondia del personaggio (quando non lancia occhiate gelanti va a prendere a calci le gabbie dei canili). Lo script è scombinato, i dialoghi spesso demenziali, gli SFX risibili. Ottime però certe atmosfere (grande fotografia) e le musiche.
MEMORABILE: Il coinvolgimento di Plummer e Pleasence; Cadavere dissolto; Bacio di sangue alla De Rossi; Kinski "bacia" Voyagis; Riuscito finale tragico-romantico.

Taxius 9/02/22 12:06 - 1652 commenti

I gusti di Taxius

Film entrato nella storia del cinema non tanto per la sua qualità ma, piuttosto, per la travagliata storia che riguarda la sua produzione, che passa dal cambio di tre registi ai continui capricci di Kinski fino alle presunte violenze di quest'ultimo nei confronti della De Rossi. Da tutto ciò esce fuori un film zoppicante, zeppo di dialoghi al limite dell'imbarazzante a dai ritmi catatonici. Nonostante tutto non è un pessimo film e questo lo si deve alla magnifica atmosfera di una Venezia decadente avvolta nella nebbia mattutina e da un cast di indiscusso livello.
MEMORABILE: La cripta del palazzo veneziano situata a 10 metri sotto il livello del Canal Grande.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Dusso • 19/10/13 16:11
    Archivista in seconda - 1678 interventi
    Io ho avuto una bruttissima esperienza con il dvd Cinekult di "Il saprofita" acquistato per la prima volta nel dicembre 2011, quando l'ho aperto (era ancora incellophanato) qualche mese dopo si erano fatte delle bollicine dietro, ed il dvd era in parte illeggibile. Lo riacquisto a dicembre 2012 lo apro subito e vedo che è tutto ok qualche settimana fa lo riapro e vedo che si sono fatte le stesse bollicine ed il dvd è illeggibile come quello di prima :(
  • Homevideo Lucius • 19/10/13 16:25
    Scrivano - 8807 interventi
    A questo punto una copia di back-up si rende necessaria.Ricordo che anche i dvd che presentano piccoli tagli o graffi possono essere masterizzati su supporti di qualità tipo i Sony.Certamente queste cose non dovrebbero accadere.
  • Homevideo Rebis • 19/10/13 17:20
    Compilatore d’emergenza - 4328 interventi
    A parte il caso specifico di Dusso, mi sembra un allarme molto generico questo che andrebbe comprovato con esempi concreti. C'è una sorta di campagna diffamatoria immotivata in vari forum contro la Cinekult di cui non ho mai capito il senso. Che la Cinekult abbia commesso degli errori con alcune edizioni integrali (alle quali ha per altro posto quasi sempre rimedio) è fuori discussione, ma personalmente non ho mai avuto problemi tecnici con i loro dvd, sono sempre di ottima qualità. Quali sarebbero questi titoli fallati?
  • Homevideo Zender • 19/10/13 17:38
    Pianificazione e progetti - 45833 interventi
    Penso che le bolle derivino da una scarsa qualità dei materiali utilizzati o da un errore di incollaggio degli strati. Insomma, purtroppo bisognerebbe starci attenti. Sono il primo a dire che la qualità dei master è notevole e sono lodevolissimi certi recuperi, certo se fosse vero che sono presto da gettare è cosa biasimevole... Io ne ho un sacco ma finora non ho avuto modo di constatarne la "durata".
  • Homevideo Silverstar • 21/10/13 23:06
    Galoppino - 48 interventi
    scusate l'intervento,ma ci tengo a precisare alcune cose.Innanzitutto il problema dovuto alla qualità dei supporti ottici è noto e molte case di distribuzione cinematografiche e anche videoludiche usano detti supporti di qualità scarsa (quanti dvd mgm,paramount,columbia mi sono fatto sostituire),logicamente pagandoli di meno e sulla quantità il risparmio è notevole.Detto questo,la qualità si evince ad occhio nudo cosi: 1)la rifinatura ai bordi del supporto in quelli di qualità è liscio e non ha tacchette,2)controllando con una lente potente d'ingrandimento,nei supporti di qualità non risultano tracce visibili,ma tutto omogeneo e più lucido.Infine io della cinekult ho l'occhio dietro la parete e controllato con software dvd check pioneer risulta calibrato,di lettura costante e settori omogenei e quindi con alimentatore laser lettore dvd costante e indi ne consegue un buon supporto.Attenzione che su ebay vendono molti supporti tdk e verbatim come originali,ma sono dei falsi e sono pure pericolosi,perchè possono implodere nel lettore,rovinando il tutto e sono assemblati con materiale cancerogeno.Se li ordinate,appena vi arrivano fate un bel check del supporto e basatevi in base alla risposta.Un altro consiglio,al primo sintomo di difetto del supporto ottico (se è fuori garanzia) fatevi un bel backup 1:1.Un inciso: @Zender,vedo con molto stupore che se si mette una parentesi graffa al posto della tonda si viene ripresi,invece se si urla,che è la cosa più fastidiosa che ci possa essere perchè è segno di arroganza e mancanza di rispetto,tutto passa in carrozza,vedi Medusa71 a pag.1 di questa discussione....complimenti davvero!!!!;è più forte di me e siccome non mi sembra un agire corretto,l'ho sottolineato...cordiali saluti.
  • Homevideo Zender • 22/10/13 08:59
    Pianificazione e progetti - 45833 interventi
    Caro Silverstar, visto che mi chiami in causa preciso:

    Primo: innanzitutto non ti ho ripreso, ti ho chiesto credo gentilmente di fare una cosa che infatti hai fatto.

    Secondo: se tu avessi fatto un solo intervento o due non ti avrei detto proprio nulla (e infatti le prime volte nulla ti dissi, se ricordi), ma visto che sembrava avessi intenzione di continuare te l'ho detto proprio per migliorare la qualità dei tuoi post visto che sono ben più interessanti e volevo che godessero della maggior leggibilità possibile.

    Terzo: gli altri interventi di Medusa che ripetevano la cosa li ho proprio cancellati (cosa che non ho mai fatto con te, direi proprio)... Le prime volte aspetto di vedere chi è l'utente; poi agisco, eventualmente.

    Spero di essere stato chiaro.

    Quarto: grazie delle precisazioni sul supporto, queste davvero utili. Mi conforta sapere che almeno ad un primo controllo i Cinekult sembrino buoni. Bisognerebbe poi verificarlo su altri per esser certi che non sia un caso, ma intanto è già un passo avanti.
    Ultima modifica: 22/10/13 09:11 da Zender
  • Homevideo Silverstar • 22/10/13 11:36
    Galoppino - 48 interventi
    Risposta Chiarissima ed educata,oltre che esaustiva,grazie.
    P.S.
    ho altri DvD Cinekult,appena li testo,posto poi il risultato.
  • Homevideo Rebis • 22/10/13 14:09
    Compilatore d’emergenza - 4328 interventi
    Silverstar ebbe a dire:

    ho altri DvD Cinekult,appena li testo,posto poi il risultato.


    Grazie Silverstar ci sarebbe di grande aiuto!
  • Homevideo Silverstar • 26/10/13 01:54
    Galoppino - 48 interventi
    i risultati dei test verranno postati nei relativi titoli...vedere per esempio L'ultimo treno della notte.
    Ultima modifica: 26/10/13 08:27 da Zender
  • Homevideo Digital • 25/01/22 00:18
    Portaborse - 3453 interventi
    Dvd Dynit/Variety disponibile dal 23/03/2022.