LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 22/10/07 DAL BENEMERITO HOMESICK POI DAVINOTTATO IL GIORNO 20/02/08
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 22/10/07 18:19 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Miserrimo poliziesco/noir dalla quasi invisibile ambientazione torinese. Tutto (trama, regia, recitazione, azione, fotografia, scene che si interrompono bruscamente) è dilettantesco ed approssimativo; si salva solo un blando richiamo neorealista nella presentazione di umili personaggi prelevati direttamente dalla strada. Cannarsa, reduce dal mediocre Torino violenta, veste i panni di uno sfaccendato ma generoso eroe dei bassifondi.

G.Godardi 22/05/08 18:55 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Nonostante non fosse un film eccezionale, Torino Violenta fu un discreto successo. Ausino qui compie un'operazione più ambiziosa, che da una parte si rifà a certo realismo poetico francese (il protagonista dei bassifondi ai margini della legalità di dotato di una sua etica) e dall'altra tenta pure un abbozzo sociologico alla Di Leo. C'è da dire che il film è molto più riuscito del precedente (allo script c'è anche lo zampino di Vincenzoni), tuttavia non raggiunge in pieno la sufficienza a causa di un'ultima parte tirata via. Alcune sequenze sono riciclate dal film precedente.
MEMORABILE: Ma è davvero Renato Zero quello ???

Renato 31/03/09 19:35 - 1513 commenti

I gusti di Renato

Tony, sorta di reietto dal passato indecifrabile, si trova coinvolto suo malgrado nel rapimento di un bambino messo a segno da una feroce banda di delinquenti. Poliziesco di produzione artigianale, vanta un plot piuttosto interessante ma sconta la presenza di troppi attori dilettanti lasciati allo sbando. Anche Torino non è granché valorizzata, visto che nel film prevalgono decisamente gli interni. Comunque Ausino sapeva il fatto suo, ed in certe sequenze si vede benissimo. Comparsata per un giovanissimo Jimmy Ghione.

Daidae 9/07/09 01:40 - 2720 commenti

I gusti di Daidae

Mediocre lo è, brutto pure... ma vuoi per la sua rarità, vuoi per la storia tutto sommato passabile, mi è piaciuto più questo film che l'orrido Torino violenta. Alcune scene, nonostante la mediocrità e la regia dilettantistica, riescono a coinvolgere e divertire, anche se poi frana tutto nel vedere scazzottate fintissime e sentire battute idiote. Sceneggiatura forse scritta da bambini? Tutto sommato mediocre.
MEMORABILE: La scazzottata tra Cannarsa e l'ispettore; La faccia di Cannarsa ai giardini pubblici quando scopre l'amico; La stupida scena all'ospedale.

Ischan 8/03/10 19:34 - 16 commenti

I gusti di Ischan

Non ce la fa proprio questa pellicola di Ausino a raggiungere la sufficienza. Il cast è veramente poca cosa e la trama, pur non essendo così pessima (il solito rapimento di un bambino figlio di un insustriale), viene soffocata dalla pessima scenografia e dai dialoghi scadenti. Ci sono delle assonanze con Torino, centrale del vizio di Bruno Vani, entrambi crescono tardi e fanno letteralmente addormentare. Unica nota positiva, la sensazione di grigio che emerge dallo schermo, è molto anni '70.

Nando 13/06/10 12:05 - 3454 commenti

I gusti di Nando

Autarchico e privo di grandi idee, il film mostra riprese e dialoghi insufficienti, financo la narrazione mostra lacune. Cannarsa in questo film interpreta la parte di uno sbandato da cuore tenero pronto ad aiutare gli altri. Alla fine tutto sembra posticcio nonostante l'impegno.

Guru 22/04/12 19:06 - 348 commenti

I gusti di Guru

Un poliziesco che non lascia tracce; non mi ha entusiasmato e soprattutto è il risultato di vari ricicli di sceneggiature anni '70. I rapimenti, la malavita organizzata, sono il pane quotidiano in una Torino distratta e poco presente alle vicende nere della città. Compare una location storica, la discoteca Angelo Azzurro di via Po, che fu teatro di atti di terrorismo politico nel '77, indicativo di quanto quel recente passato abbia condizionato anche alcune scelte della cinematografia locale.

Giordani 16/10/13 01:25 - 39 commenti

I gusti di Giordani

Opera piuttosto deludente; la trama non brilla né per originalità né per credibilità, ma quello che fa crollare davvero il film è la qualità assolutamente scarsa della recitazione, a tratti davvero surreale. Tuttavia qualcosa da salvare c'è; qui e là Ausino concede qualche piacevole inquadratura e il finale, tutto sommato, è piuttosto riuscito: negli ultimi minuti il ritmo sale e il protagonista si fa più credibile, conquistando in un qualche modo lo spettatore.

Nicola81 24/10/13 18:19 - 1905 commenti

I gusti di Nicola81

Inferiore al già non eccezionale Torino violenta che, pur senza entusiasmare, era un classico poliziesco con i tipici ingredienti del genere. Stavolta Ausino ci mette anche del neorealismo di ritorno, scegliendo come protagonista uno sbandato non privo di una sua etica. L'idea non sarebbe neppure malvagia, ma per sarebbero serviti altri attori, un'altra sceneggiatura, un'altra regia. Come sempre nelle pellicole di basso livello, Cipriani ricicla tutto il possibile e stavolta, anche Torino si vede troppo poco.
MEMORABILE: Il dignitoso finale, che fa guadagnare al film quel mezzo pallino...

Cotola 22/05/14 00:09 - 7404 commenti

I gusti di Cotola

Terribile: roba da far rimpiangere Torino violenta che già non era certo memorabile. Storia a parte (roba di poco conto), quel che colpisce è la pochezza dell'insieme. La confezione poveristica non è certo il peggio: quel che è inaccettabile è una regia sotto il livello di guardia (è un poliziottesco ma le scene d'azione quasi non esistono e le scazzottate sono girate, ad essere buoni, con poca perizia) e i dialoghi che, a tratti, riservano perle degne degli annali del trash. Velo pietoso sul regolamento di conti finale. Il meglio sono le blande e derivative musiche di Cipriani.
MEMORABILE: Il commissario: "Date inizio alla seconda parte dell'operazione, la prima è andata a puttane". Tony, di notte, all'amante: "Aspetti qualcun altro?".

Disorder 26/05/14 15:07 - 1408 commenti

I gusti di Disorder

Gli anni 70 sono finiti, ma Ausino non sembra essersene accorto. Ecco l'ennesimo, ultra-convenzionale poliziesco all'italiana, nella variante "antieroe solitario". La grossa pecca del film a mio avviso non è tanto la fattura casereccia quanto l'estrema prevedibilità dell'insieme: tutto, ma veramente tutto, sa troppo di già visto. Nessuno degli attori poi si fa particolarmente ricordare (tranne forse il protagonista, doppiato da Ferruccio Amendola). Archiviabile senza rimpianti.

Fauno 19/07/14 20:30 - 1900 commenti

I gusti di Fauno

Tony è un personaggio atipico, che vive sulla strada in quanto mal voluto dal padre per non aver dimostrato adattabilità e sacrificio, ma che non per questo viene mai meno ai suoi valori di base. E non è certo facile evitare di collidere con una malavita ormai radicata, che permea perfino i sogni di rivalsa dei più disperati, come anche sottrarsi alle grinfie di un commissario granitico nella sua arroganza e imbecillità. Ma sarà questa perenne ribellione di Tony a ogni logica distorta il punto di forza del film, il cui titolo è azzeccato in pieno...
MEMORABILE: I cazzotti che il commissario si becca, prima da Tony poi dal collega.

Maik271 26/11/14 14:06 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Inaccettabile vaccata! Parto dal giudizio per questa pellicola che vede un protagonista incapace di recitare e incapace nelle scene d'azione, una storia che è di una lentezza imbarazzante nonostante si partisse da un soggetto che in fondo non era male. Il regista tuttofare (regia, soggetto, sceneggiatura, fotografia e produzione) fa tutto male a parte tranne, come detto, il soggetto (e due tre inquadrature discrete). Come si può doppiare così male Elsa l'amica di Tony? Il protagonista non si può vedere, sembra Porcaro! Evitare please!
MEMORABILE: "Come stai lavativo? hai finito di dormire?" (Elsa nella sua miglior battuta).

Alex1988 4/02/16 18:14 - 631 commenti

I gusti di Alex1988

E' vero che non sempre, con un budget ristrettissimo come in questo caso, escono delle gran boiate; ma spesso capita, come in questo caso! Film pessimo, innanzitutto sul piano tecnico; doppiaggio mal-sincronizzato nonostante le grandi "voci" coinvolte, storia che coinvolge molto poco; neanche le scarse sparatorie possono molto.

Pessoa 5/04/17 22:33 - 1094 commenti

I gusti di Pessoa

Fatto in casa che di più non si può, quando il poliziottesco era ormai morto, questo film di Audino nasce male poiché è figlio di una scarsità di idee e di mezzi. Le scene d'azione sono poche ed elementari mentre la sceneggiatura sembra provenire da dimensioni note solo all'autore. Migliora appena con un po' di suspense nella seconda parte, con i dialoghi che continuano fra il banale e l'insensato. Molta buona volontà (che trasmette simpatia) da parte di Cannarsa, ma il cinema è un'altra cosa. Solo per completisti che hanno già visto davvero tutto...

Herrkinski 30/09/18 21:30 - 4969 commenti

I gusti di Herrkinski

Più o meno sui (bassi) livelli di Torino violenta. Anche questa volta la città non viene sfruttata benissimo, nonostante qualche scorcio interessante; se non altro è pregevole l'idea di mettere in scena un perdente non privo di una sua dignità al posto dei soliti commissari di ferro, non fosse che Cannarsa viene parzialmente salvato solo dal doppiaggio di Amendola. Qualche discreto dialogo e un buono score di Cipriani, ma a latitare sono le sequenze d'azione in un film che idealmente vira più verso il noir pauperistico che il poliziottesco.

Markus 1/10/18 22:00 - 3232 commenti

I gusti di Markus

Un perdigiorno dall'animo buono si ritroverà invischiato in un rapimento che gli sconquasserà la vita. All'ombra della Mole Antonelliana, un tardo "poliziottesco" che strizza l'occhio al noir di grana grossa. Il protagonista, tale Emanuel Cannarsa, guarda a caso doppiato da Amendola, è un personaggio che ricorda per sommi capi Tomas Milian. Tutto è di serie B ma, a parte il fattore-clone povero e i pochi spicci a disposizione, sono proprio la mancanza di azione e un montaggio molto grossolano a rendere difficile la vita della spettatore.

Berto88fi 9/05/19 11:51 - 199 commenti

I gusti di Berto88fi

Nel complesso, preferibile rispetto al precedente Torino violenta; apprezzabile almeno per l'originalità della trama e un certo appeal dato dalla rozza confezione e dal cast semidilettantesco. Manca un po' il mordente, scarseggia il supporto di qualche scena d'azione e ci sono due elementi fortemente tirati via: doppiaggio e montaggio. Godibile la soundtrack di Cipriani. Siamo nella mediocrità per il genere noir, ma si è visto di peggio.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Cotola • 21/05/14 23:58
    Consigliere avanzato - 3606 interventi
    Ah ah ah ah! "Torino violenta" al confronto è un capolavoro. E poi la locandina con la dicitura una storia di mafia e camorra...troppo forte! Per inciso: mafia e camorra nulla hanno a che fare (o almeno così pare) con quello che succede nel film. E poi certe scene...certi dialoghi...una perla del trash che potrebbe allietare le serate della ciurma markussiana.
  • Discussione Matalo! • 18/12/14 17:13
    Call center Davinotti - 621 interventi
    Avevo iniziato a vederlo; Emmanuel Cannarsa è un qualcosa che non si può spiegare. Uno di quei casi in cui l'amore per l'oggetto amato non viene ricambiato. Ho letto in giro che Cannarsa era anche allenatore di basket etc etc e che con Ausino faceva le affissioni dei manifesti dei suoi film. Se Cannarsa accoglie il cinema come un innamorato il cinema non ricambia; destino crudele. Certo, fare un personaggio alla Hoffmann o Stallone prima maniera e avere una faccia come la sua.... E "Tony" è la celebrazione di un attore da parte di un regista!
  • Curiosità Zender • 18/03/16 18:34
    Consigliere - 43818 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film:
  • Discussione Panza • 14/12/19 13:19
    Contratto a progetto - 4970 interventi
    Emanuel Cannarsa ---> Emanuele Cannarsa Paul Theicheid ---> Paul Teitcheid Tony Campa ---> Antonio Campa (Imdb sbaglia su due cose: la Flori va con l'accento finale e l'attore si chiama Rino Moggio e non Maggio) Cast: Emanuele Cannarsa, Giuseppe Alotta, Paul Teitcheid, Cinzia Arcuri, Elsa, Nicole Florì, Rino Moggio, Antonio Campa, Lorenzo Gobello, Ruggero Spagnoli, Lorenzo Gobello, Armando Rossi
  • Discussione Zender • 14/12/19 17:18
    Consigliere - 43818 interventi
    Aspettiamo prima che Buono le corregga in Imdb allora.
  • Discussione Panza • 14/12/19 17:20
    Contratto a progetto - 4970 interventi
    Zender ebbe a dire: Aspettiamo prima che Buono le corregga in Imdb allora. Volentieri. Speriamo che Imdb non sia "tenace" alle correzioni come negli ultimi tempi.
  • Discussione B. Legnani • 14/12/19 17:41
    Consigliere - 13754 interventi
    Panza ebbe a dire: Emanuel Cannarsa ---> Emanuele Cannarsa Paul Theicheid ---> Paul Teitcheid Tony Campa ---> Antonio Campa Non ho capito. Quelli che sottolineo sono i nomi così come si leggono nei crediti? A me serve, per partire, questo tipo di informazione.
    Ultima modifica: 14/12/19 17:43 da B. Legnani
  • Discussione Panza • 14/12/19 17:52
    Contratto a progetto - 4970 interventi
    B. Legnani ebbe a dire: Panza ebbe a dire: Emanuel Cannarsa ---> Emanuele Cannarsa Paul Theicheid ---> Paul Teitcheid Tony Campa ---> Antonio Campa Non ho capito. Quelli che sottolineo sono i nomi così come si leggono nei crediti? A me serve, per partire, questo tipo di informazione. Quelle sottolineate sono le correzioni a questa scheda conformate a Imdb. Su Imdb bisognerebbe passare da Nicole Flori a Nicole Florì e togliere il credit Rino Maggio (il nome sui titoli di testa è Rino Moggio).
  • Discussione B. Legnani • 14/12/19 18:14
    Consigliere - 13754 interventi
    Panza ebbe a dire: B. Legnani ebbe a dire: Panza ebbe a dire: Emanuel Cannarsa ---> Emanuele Cannarsa Paul Theicheid ---> Paul Teitcheid Tony Campa ---> Antonio Campa Non ho capito. Quelli che sottolineo sono i nomi così come si leggono nei crediti? A me serve, per partire, questo tipo di informazione. Quelle sottolineate sono le correzioni a questa scheda conformate a Imdb. Su Imdb bisognerebbe passare da Nicole Flori a Nicole Florì e togliere il credit Rino Maggio (il nome sui titoli di testa è Rino Moggio). Capito. Faccio una cosa alla volta. Ho già proposto Florì, dopo aver date più volte assicurazioni che non mentivo. Vediamo che succede. Ci sono oggi 190 richieste di azione sui nomi. Dovrebbero rispondere entro lunedì.
    Ultima modifica: 14/12/19 19:04 da B. Legnani
  • Discussione B. Legnani • 17/12/19 19:27
    Consigliere - 13754 interventi
    B. Legnani ebbe a dire: Panza ebbe a dire: B. Legnani ebbe a dire: Panza ebbe a dire: Emanuel Cannarsa ---> Emanuele Cannarsa Paul Theicheid ---> Paul Teitcheid Tony Campa ---> Antonio Campa Non ho capito. Quelli che sottolineo sono i nomi così come si leggono nei crediti? A me serve, per partire, questo tipo di informazione. Quelle sottolineate sono le correzioni a questa scheda conformate a Imdb. Su Imdb bisognerebbe passare da Nicole Flori a Nicole Florì e togliere il credit Rino Maggio (il nome sui titoli di testa è Rino Moggio). Capito. Faccio una cosa alla volta. Ho già proposto Florì, dopo aver date più volte assicurazioni che non mentivo. Vediamo che succede. Ci sono oggi 190 richieste di azione sui nomi. Dovrebbero rispondere entro lunedì. Florì accettato. Maggio non ancora.