Hazzard - Serie TV (1979)

Hazzard (serie tv)
Media utenti
Durata: 147 episodi
Titolo originale: The Dukes Of Hazzard
Anno: 1979
Genere: fiction (colore)
Regia: Vari

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/10/07 DAL BENEMERITO HOMESICK
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 13/10/07 11:38 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Le spericolate avventure dei cugini Duke (il moro Wopat e il biondo Schneider) a bordo del loro Generale Lee: inseguimenti, corse mozzafiato, scazzottate, trabocchetti... Un bel mix di azione e divertimento con un cast simpaticissimo e indimenticabile: la sexy cugina Daisy con i suoi shorts, l'obeso e corrotto Boss Hog (e il suo completo bianco, puntualmente imbrattato di melma), gli inetti Rosco e Enos. E la voce off di Pandolfi. Osceno il remake del 2005.

Lovejoy 10/12/07 17:26 - 1823 commenti

I gusti di Lovejoy

Semplicemente indimenticabile. Uno di quei telefilm che, purtroppo, non si fanno più. E se anche venisse rifatto mancherebbe l'effetto sorpresa oltre, sopratutto, a un cast perfetto come lo era in questo caso. Oltre ai due protagonisti indimenticabili Denver Pyle (lo Zio Jesse), James Best (sceriffo Rosco P. Coltrane) e Sorrell Booke (alias Boss Hogg). Nella leggenda i pantaloncini corti di Daisy. Simpatica la voce off del grande Elio Pandolfi e bella sigla iniziale (sia italiana che originale).
MEMORABILE: I salti del Generale Lee (anche se più di una volta riciclati). Tutte le scene che vedono coinvolti Rosco, Boss Hogg, Enos e Cletus. Impagabili!

Puppigallo 26/01/08 09:48 - 5241 commenti

I gusti di Puppigallo

Il voto più giusto sarebbe 2 e mezzo. Ma questa serie merita mezzo pallino extra per l’invenzione del Generale Lee (l’auto), un vero e proprio personaggio (riuscito) a tutti gli effetti. Se poi si aggiungono, due clown come Boss Hog e Rosco, una cugina di “livello” e uno zio attempato, ma arzillo, si finisce per ottenere un simpatico passatempo, con sì cadute nello scemo e nell’eccessivamente ridicolo, ma comunque piacevole.
MEMORABILE: I ragionamenti idioti di Rosco; I salti (quelli con famosa strombazzata) del Generale Lee

Galbo 5/07/08 13:27 - 12368 commenti

I gusti di Galbo

Serie televisiva prodotta dalla fine degli anni '70 ed assurta rapidamente allo status di vero e proprio cult, in verità piuttosto immeritatamente. Certo le avventura dei cugini Duke (più la sexy cugina Daisy) sono indubbiamente divertenti ma le storie sono sempre uguali a sè stesse e sebbene realizzate con professionalità risultano rapidamente piuttosto ripetitive. Buono il cast, specie quello dei caratteristi.

Capannelle 7/03/09 11:16 - 4389 commenti

I gusti di Capannelle

Da una parte Bo e Duke, simpatici ma anche un po' troppo bambinoni come solo gli americani sanno essere. Accompagnati da due status symbol di quel territorio: la macchina con bandiera sudista e la solare e sempre in salute, Daisy. Dall'altra parte quelle che ritengo essere le vere star della serie: Boss Hogg e lo sceriffo Rosco, impersonati da due bravissimi caratteristi.

Magnetti 8/06/09 15:29 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Un telefilm che ha fatto storia per la presenza della Dodge Charger "Generale Lee". Altro elemento caratterizzante e riuscito era l'ottima ambientazione sudista: il Generale Lee era un eroe sudista della guerra civile americana e la bandiera degli stati confederati sul tetto era li a ricordarlo. Ben caratterizzati tutti i personaggi fra i quali menziono Rosco, Zio Jesse e ovviamente la prosperosa e bella Daisy. Le puntate propongono quasi sempre lo stesso tema con piccole varianti (cattivi, inseguimenti etc etc) ma da piccoli proprio quello volevamo.

Herrkinski 13/11/09 21:49 - 8020 commenti

I gusti di Herrkinski

Uno dei telefilm più classici degli anni '70, insieme a Starsky & Hutch (personalmente i miei preferiti). Hazzard punta tutto sul divertimento e sull'azione fracassona; storici gli inseguimenti e le scorribande dei cugini Duke sulla mitica General Lee (che macchina, ragazzi), la succinta Daisy, lo stupido Rosco... Certo, a volte il livello di demenzialità saliva pericolosamente, ma d'altronde l'obiettivo era divertire senza tante pretese. Mitiche le musiche e il clacson. Roba da autentici rednecks, ma proprio per questo spassosa e "villana".

Disorder 15/11/09 13:52 - 1416 commenti

I gusti di Disorder

Assodato che tanto il Generale Lee (e la sua bandiera Confederata sul tettino) quanto Daisy Duke coi suoi hot-pants sono ormai icone cult televisive, il serial in sè era poca cosa. Un'esaltazione dei tipici valori di "wild life" sudisti e nulla più: le storie erano sempre le stesse, i personaggi tagliati con l'accetta e privi di qualsivoglia psicologia. Va bene per divertirsi un'oretta guardando inseguimenti d'auto e belle ragazze...
MEMORABILE: La cuginetta Daisy; i cattivoni Rosco e Boss Hog; il Generale Lee (chi non ha mai sognato di guidarla?!!)

Ciavazzaro 15/11/09 12:30 - 4769 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Non sono un grande estimatore della serie. Sarà per un cast che non mi ha mai catturato in modo eccessivo, per delle sceneggiature che col corso delle stagioni diventano sempre più ripetitive... il risultato finale non è propriamente sufficiente.

124c 21/01/10 16:35 - 2910 commenti

I gusti di 124c

La storia di Bo e Luke Duke, cugini della contea di Hazzard, ha sempre appasionato ogni bambino italiano degli anni 80, sopratutto per la presenza della bella Daisy, del goffo sceriffo Rosco P. Coltrane e del panciuto Boss Hogg. Le prime stagioni sono le più riuscite (merito di sceneggiature ricche d'inseguimenti)! Con l'andare de tempo la formula della corse spericolate in aperta campagna fra cugini Duke e autopattuglie dello sceriffo si logora e il cambio dei protagonisti, da Bo e Luke a Coy e Vance, non aiuta. Serie divertente, però.
MEMORABILE: Le voci italiane di Bo e Luke erano di due grandi attori italiani: Lino Capolicchio e Flavio Bucci!

Vari HA DIRETTO ANCHE...

Spazio vuotoLocandina FantasiaSpazio vuotoLocandina BambiSpazio vuotoLocandina Hemlock groveSpazio vuotoLocandina Amori di mezzo secolo

Cangaceiro 23/01/10 13:12 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Telefilm membro di quella schiera di prodotti tv statunitensi che hanno spopolato in Italia negli anni '80 e ormai diventati cult imprescindibili. Hazzard è una contea che non esiste così come i vari personaggi sono più da fumetto che da serial ma tutto ciò è proprio il bello di questo "cartone animato" in pellicola scanzonato, ruspante e spensierato. Ormai nella storia gli shorts di Daisy, la salopette dello zio Jesse e l'entrata dei Dukes nella loro Charger (fantastico mostro d'auto!). Simpaticissimi Rosco e Boss Hogg.
MEMORABILE: Il clacson del Generale Lee.

R.f.e. 15/05/10 09:47 - 816 commenti

I gusti di R.f.e.

Non era proprio la mia favorita in assoluto - ne preferivo altre come L'uomo dell'U.N.C.L.E o Grizzly Adams - ma pur tuttavia non mi dispiaceva neppure questa. Certo, con il tempo la formula divenne logora e ripetitiva, però è una delle più godibili e "solari" della tv d'allora. Assolutamente deliziosa e "peperina", con i suoi shorts che ben poco lasciavano all'immaginazione, la Daisy interpretata da Catherine Bach (meglio nelle prime stagioni però, quando era doppiata da Micaela Pignatelli).

Ale nkf 13/05/10 16:20 - 802 commenti

I gusti di Ale nkf

Notevole serie americana fine anni '80. Le avventure dei fratelli Duke (Tom Wopat e John Schneider) sono ben ideate e il cast è più che dignitoso. Da ricordare gli innumerevoli inseguimenti per le strade di terra battuta, la bellissima cugina Daisy e il fuoristrada rosso (che porta persino il nome di una persona, generale Lee). Nel complesso la serie risulta divertente e spassosa.

Il Gobbo 27/07/10 10:45 - 3015 commenti

I gusti di Il Gobbo

Modestuccia, col senno di poi e un po' anche di allora, sebbene al tempo della sua programmazione su Canale 5, prima di Popcorn e di Arcibaldo, funzionasse abbastanza. Bonaria e fracassona, un po' grezzotta come del resto si confà all'ambiente in cui si svolge. Banale, ma inevitabile, la menzione d'onore per la cugina Daisy e al suo succinto abbigliamento.

Il Dandi 22/11/10 17:27 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Serie colpevole di avermi fatto maturare un lungo pregiudizio (immeritato) sulla musica country, ma al contempo meritevole di avermi insegnato ad entrare e uscire dalla macchina senza aprire gli sportelli! La formula (condita da esili comicità) a base di inseguimenti da poliziottesco italiano (soggettive delle ruote, salti in ralenty, riciclaggi vistosi) tra gli sterrati di una Contea del Sud è ripetitiva e non si capisce l'ostinazione nel tirala così a lungo (addirittura con la sostituzione dei protagonisti!), ma un suo perché l'ha avuto.
MEMORABILE: Il clackson della Dodge Charger; si può anche comprare, ma non lo montate sulla vostra: ci si prende la multa

Kriminal 17/02/13 21:32 - 48 commenti

I gusti di Kriminal

Simpatico e spassoso serial americano anni 70 ambientato nella provincia del profondo Sud degli USA. I protagonisti sono tutti al posto giusto: i due scavezzacolli cugini Duke, la bellona Daisy, il saggio e coriaceo zio Jesse, il potente e prepotente Boss Hogg con l'ottuso sceriffo Roscoe e lo stupido agente Enos... un bello spaccato di vita nella provincia americana spesso celebrata dai serial americani con molta accattivante musica country e inseguimenti mozzafiato. Anche se a tratti piuttosto ripetitivo, è un serial che si lascia guardare.
MEMORABILE: La macchina Generale Lee col suo clacson Dixieland: era una di famiglia; Gli shorts della bella Daisy, sexy ma non volgari; Gli sceriffi delle contee.

Ale73 5/08/13 12:33 - 5 commenti

I gusti di Ale73

Uno dei migliori telefilm degli ultimi 50 anni; diversamente dagli attuali tutto lo spazio è lasciato alle gag e all'azione invece che ai mielosi sentimentalismi e altri aspetti che rallentano il ritmo. Il TF fa anche leva sui valori della famiglia e sull'amicizia rispetto al denaro e al materialismo, istruttiva anche per i giovanissimi, si capisce perché in Italia sia stata apprezzata molto ma non da tutti.

Rigoletto 3/01/14 13:45 - 1785 commenti

I gusti di Rigoletto

Sarà che per quelli della mia generazione rappresenta una fuga dagli schemi, la libertà di avere una macchina super e un pizzico di anarchia; Hazzard, con pregi e difetti, lascia il marchio. È vero che le storie tendono a ripetersi, con personaggi stereotipati la cui crescita psicologica è pressoché ignota, ma riesce strappare sorrisi e spensieratezza grazie anche ai cattivi di turno (Booke e Best), autentici marpioni. Si rivede con piacere. ***
MEMORABILE: Daisy è mitica; Le trame di Boss Hogg e Rosco.

Mco 8/07/14 19:06 - 2321 commenti

I gusti di Mco

Luke, Duke, consonanza con cui si gioca dai tempi in cui la serie impazzava sul piccolo schermo di casa nostra. E con le frizzanti vicissitudini dei cugini Duke si cresce o, al contrario, si rimane eternamente ragazzini. Su ogni personaggio volteggia aura di cult, Rosco e Boss su tutti. Con l'auto (anch'essa avvinta da mitopoiesi) ci si butta tra le strade polverose in un costante tam tam di inseguimenti, vero e proprio contenitore scenico di quasi metà episodio. Non difetta nemmeno la componente sexy: Catherine Bach docet.

Ultimo 5/10/14 10:46 - 1648 commenti

I gusti di Ultimo

Una serie televisiva che ha fatto epoca e suscita ancor oggi interesse. Partiamo dai punti deboli: le vicende sono sempre molto simili e spesso si cade nello scontato. Accanto a questo si accostano d'altro canto elementi molto positivi, tra cui i personaggi a partire da Bo e Luke, i cugini padroni del "Generale Lee", un auto divenuta famosa per il suo colore arancione e il numero 01 marcato sulle portiere. Bellissima poi la cugina Daisy, tonti e divertenti Boss Hog e lo sceriffo Rosco, riflessivo lo zio Jessy. Serie riuscita.
MEMORABILE: Gli inseguimenti di Rosco al generale dei cugini Duke.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Spazio vuotoLocandina ServantSpazio vuotoLocandina Il romanzo di un giovane poveroSpazio vuotoLocandina LoopSpazio vuotoLocandina Self-made: la vita di Madam C.J. Walker

Trivex 6/11/14 11:45 - 1736 commenti

I gusti di Trivex

Riviste numerose puntate. Come in altri casi, il ricordo è stato in parte smentito; ma forse sono solo l'elaborazione della memoria e il paragone con il dato di fatto della visione attuale. Le puntate sono semplici, scontate nell'andamento e nel finale e "modestamente" emozionanti. Le corse in auto, con i salti e le acrobazie del "Generale" sono poi sempre le stesse, anche se realizzate con la concretezza e il realismo tipico di quel "tempo" così passato. Eppure non si riesce a essere così coerenti, perché al cuor infine non si comanda...

Giùan 28/07/22 17:19 - 4508 commenti

I gusti di Giùan

Fa parte della schiera di telefilm (che meraviglia poterli chiamare ancora così) che valgono più per i personaggi che per le storie, invero piuttosto basiche sotto il polveroso sole rurale della Georgia. A movimentare la situazione invece sono appunto i numerosi "characters" della serie: i due cugini debitori, pure nei colori, dei modelli Starsky e Hutch, l'alternativa coppia di malvagi buzzurri Hogg/Rosco, i numeri in perenne derapata del Generale Lee e soprattutto la carrozzeria fuoriserie della Bach per la quale ci saremmo fatti tutti volentieri gabbare a tormentone come Enos.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Discussione Zender • 21/01/10 17:31
    Capo scrivano - 47630 interventi
    124c ebbe a dire, nelle curiosità:
    Gli attori Sorrell Booke (Boss Hogg) e Sonny Schroyer (vice-sceriffo Enos) compaiono in uno degli episodi della sit-com "Alice" con Linda Lavin. Il doppiaggio italiano, curato dalla CVD, una coooperativa diversa da quella di "Hazzard, ribattezza Boss Hogg come Boss Pork... Triste vero ?
    Vergognoso, altro che triste! Assurdo!
  • Discussione 124c • 21/01/10 17:49
    Gestione sicurezza - 5190 interventi
    Zender ebbe a dire:
    124c ebbe a dire, nelle curiosità:
    Gli attori Sorrell Booke (Boss Hogg) e Sonny Schroyer (vice-sceriffo Enos) compaiono in uno degli episodi della sit-com "Alice" con Linda Lavin. Il doppiaggio italiano, curato dalla CVD, una coooperativa diversa da quella di "Hazzard, ribattezza Boss Hogg come Boss Pork... Triste vero ?
    Vergognoso, altro che triste! Assurdo!


    Se è per questo Linda Lavin i italiano, pronunciava anche "Enos" e non "Inos"!
  • Discussione Magnetti • 21/01/10 18:45
    Call center Davinotti - 210 interventi
    124c,
    parlando della Dodge Charger, ovvero la classica muscle car alla americana, ricordi che appare (fra le altre) bella in forma anche in Grind House - A prova di morte?
  • Curiosità Capannelle • 22/01/10 09:30
    Scrivano - 3450 interventi
    124c ebbe a dire:
    GIl doppiaggio italiano, curato dalla CVD, una coooperativa diversa da quella di "Hazzard", ribattezza Boss Hogg come Boss Pork...Triste vero ?

    Da scandalo e poi suonasse bene..
  • Discussione 124c • 22/01/10 10:58
    Gestione sicurezza - 5190 interventi
    Magnetti ebbe a dire:
    124c,
    parlando della Dodge Charger, ovvero la classica muscle car alla americana, ricordi che appare (fra le altre) bella in forma anche in Grind House - A prova di morte?


    Quella delle stunt-women, o quella di Kurt Russell?
  • Discussione Magnetti • 22/01/10 11:22
    Call center Davinotti - 210 interventi
    La Dodge Charger viene usata da Stuntman Mike nella seconda parte del film, ovvero quella che si conclude fra lui e le tre donne a bordo di una Dodge Challenger bianca "alla Punto zero" (ovvero lo stesso modello utilizzato nell'omonimo film).



  • Curiosità 124c • 22/01/10 11:24
    Gestione sicurezza - 5190 interventi
    Venne prodotto uno spin-off, "Enos", di una ventina di puntate, dove il vice-sceriffo di Hazzard, impersonato da Sonny Schroyer, si trasferiva in California. Ma fu un flop, tanto che Enos ritornò ad Hazzard per aiutare Boss e Rosco ad arrestare gli allora nuovi cugini Duke, Coy e Vance.
  • Curiosità 124c • 22/01/10 11:28
    Gestione sicurezza - 5190 interventi
    L'inizio della fine di "Hazzard" fu la trovata di sostituire, per una stagione Bo e Luke con Coy e Vance, due cugini-sosia degli originali. Nemmeno il ritorno di Tom Wopat e di John Schneider aiutò gli ascolti a rialzare. "Hazzard era finito molto tempo prima!
  • Discussione 124c • 22/01/10 11:33
    Gestione sicurezza - 5190 interventi
    Avevo ragione al 50%, allora!
    Ultima modifica: 23/07/10 20:14 da Zender
  • Musiche Franci90 • 28/05/10 18:22
    Disoccupato - 36 interventi
    La sigla del telefilm "Hazzard" :

    La Ballata di Bo & Luke (Augusto Martelli)