Don Franco e Don Ciccio nell'anno della contestazione - Film (1970)

Don Franco e Don Ciccio nell'anno della contestazione

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lovejoy 26/12/07 15:15 - 1823 commenti

I gusti di Lovejoy

Uno dei migliori della coppia Franchi/Ingrassia. Ben diretto dallo specialista Girolami è una divertente commediola ambientata in un paesino della provincia romana poco dopo il '68, con i giovani contestatori a bloccare le strade e hippy capelloni e drogati che si assestano in una fabbrica. Franco e Ciccio sono impagabili e sono ben affiancati dal solito manipolo di caratteristi di valore. Spiccano, tra gli altri, Banfi, D'Orsi, Enzo Andronico e Luca Sportelli.
MEMORABILE: L'inizio; Le rispettive confessioni di Don Franco e Don Ciccio; La partita di calcio.

Il Gobbo 10/01/08 22:54 - 3015 commenti

I gusti di Il Gobbo

Carino, con momenti divertenti: Girolami e il fido (della coppia) Sollazzo forniscono a Franco (prete post-conciliare) e Ciccio (più ortodosso) un copione con qualche pagina in più, e anche se non mancano le lungaggini (la partita nun se regge) il film tutto sommato scivola. Misuratissimi i mattatori, il gruppo di caratteristi valorosi di contorno ha qualche spazio in più. Terribile come al solito Girolami figlio, sfolgorante Edwige (per ovvie ragioni piuttosto vestita).
MEMORABILE: Il calcio di rigore, filmato come un duello leoniano

Renato 11/01/09 14:26 - 1648 commenti

I gusti di Renato

Molto divertente, uno dei film della coppia che preferisco in assoluto. La storia è semplice (i due preti di un paesino che si fronteggiano in quanto uno conservatore e l'altro progressista) e c'è solo una lunga divagazione su alcuni hippy da barzelletta a spezzare un po' il ritmo, per il resto tutto funziona egregiamente, compreso Lino Banfi in un ruolo di supporto. E poi c'è una giovane e bellissima Fenech a fare da tappezzeria (e che tappezzeria!); per gli appassionati di Franco e Ciccio rimane un film importante.
MEMORABILE: La rivalità tra la parrocchia di S.Antonio contro quella del Sacro Cuore di Gesù tramutata in sfida calcistica.

B. Legnani 10/01/09 23:48 - 5368 commenti

I gusti di B. Legnani

Mediocre Franco&Ciccio, pesantemente ispirato al Don Camillo di Guareschi, che giunge addirittura a piccoli plagi (la pedata calcistica al cappello del prete viene dal primo film con Fernandel e Cervi, solo che là avviene dopo la partita e non durante). Le trame laterali, sindacale ed amorosa, sono mediocri. Mal recitano Girolami junior e la Fenech, meglio Malavasi e Banfi. La Pamphili, regina delle epifanie CSC prima della Mancini, dà il calcio d'inizio. Il riconoscibile castello della prima inquadratura fa capire che siamo a Soriano nel Cimino.

Undying 11/01/09 01:22 - 3812 commenti

I gusti di Undying

A cavallo del 1968 in un piccolo paesino meridionale le ideologie politiche sono molto estremizzate e si fanno (vagamente) riconoscere anche in due parrocchie: quella di Sant'Antonio e quella del Sacro Cuore, rètte da i due Don del titolo. Decisamente interessante grazie, soprattutto, al gruppo di attori secondari, tra i quali brilla un giovanissimo Lino Banfi già lanciato nel personaggio "da commedia sexy" che sarà reso popolare da registi come Mariano Laurenti, Michele Massimo Tarantini e Sergio Martino. Gradevole, inoltre, la presenza di Umberto D'Orsi nel ruolo polemico di capo-rivoltosi.
MEMORABILE: L'effetto del "tè indiano" sugli occupanti di una fabbrica...

R.f.e. 28/08/10 11:14 - 816 commenti

I gusti di R.f.e.

Palese omaggio-plagio sia dei film della serie "Don Camillo" interpretati, negli anni '50 e albori '60, da Fernandel e Gino Cervi, sia, presumibilmente, dei tardi racconti di Guareschi poi raccolti nel volume "Don Camillo e i giovani d'oggi". Il risultato, a mio parere, non è male, diverte abbastanza e se si ignorano i fastidiosi riferimenti all'odiato '68, può essere considerata una pellicola piacevolissima da rivedere (a dire il vero, non molto trasmessa in tv di recente, chissà poi perché, oppure programmata solo ad orari impossibili).

124c 29/08/10 21:24 - 2855 commenti

I gusti di 124c

Più che un film di Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, sembra una pellicola della serie di Don Camillo, solo che i sacerdoti sono due e non uno (inoltre, il sindaco comunista non è così incisivo come il Peppone di Gino Cervi). Edwige Fenech (all'epoca, in ascesa nel ruolo della bella fatalona), intanto, fa la sua bella figura, mentre, accanto a Franchi, spunta un giovane Lino Banfi. Ciò che non mi va giù è che nella parte che precede il finale manchino proprio i due comici siciliani, anche se Banfi cerca di sostituirli al meglio. Uno e mezzo.
MEMORABILE: La partita di calcio fra le squadre di don Franco e Don Ciccio, rivali che, poi, fanno pace giocando una partita al calcio balilla.

Cangaceiro 30/08/10 17:58 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Essendo calati negli abiti da prete, Franchi e Ingrassia appaiono contenuti e misurati, con un particolare impegno alla recitazione del personaggio e non alla selvaggia improvvisazione. I due si confermano attori bravissimi in una sorta di duello in punta di fioretto. Il clima ruspante ed agitato del paesino in pieno '68 è una cornice vivace ed insolita che dà la stura ad una serie di dialoghi pungenti. Parecchio lo spazio a comprimari di lusso come D'Orsi, una giovane e bella Fenech e Banfi. Un Franco&Ciccio-movie inconsueto, più completo e ambizioso.
MEMORABILE: Il rosario "al telefono".

Stefania 14/09/11 23:05 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Ridurre il conflitto tra sacerdozio progressista e sacerdozio conservatore a una barzelletta è un peccato veniale, se la barzelletta è fresca e divertente come questo film! E l'occupazione della fabbrica che diventa un happening strapaesano con tanto di... hippie end? Quello, è il momento di Lino Banfi, giovane e già straripante energia comica, nella "telefonata degli equivoci" col veterinario. Meno convincente il sodalizio litigarello tra la contestatrice Fenech e il carabiniere Girolami, ma Franco e Ciccio sono fisiognomicamente a caratterialmente "in parte". Birichino e irresistibile!
MEMORABILE: La corsa in bici senza freni di Don Franco, col reggipetto attorno al collo...

Graf 16/09/11 23:16 - 708 commenti

I gusti di Graf

Sono d’accordo con chi giudica questo film bello e vivo quando sono in scena “Don” Franco e “Don” Ciccio e invece mediocre e convenzionale quando rappresenta le altre due storielle parallele (lo sciopero della fabbrica e la relazione tra il Maresciallo e la studentessa sessantottina). Girolami comunque si conquista la sufficienza: i battibecchi tra il parroco progressista e quello conservatore sono di una tenerezza commovente oltre che divertenti e, d'altronde, la “contestazione generale ”ambientata in un paese ha un sapore singolarmente naif e casareccio.

Marino Girolami HA DIRETTO ANCHE...

Panza 22/09/12 20:12 - 1696 commenti

I gusti di Panza

Sciatta parodia sessantottina (siamo nel 1970) e più in generale della serie di Don Camillo. La regia di Girolami peggiora il tutto con inquadrature improvvisate e inadatte. Il film si trascina stancamente fra la satira sui "capelloni" e vaghi accenni di critica sociale/politica (come farà Grimaldi con I due deputati). Tolti questi elementi rimane soltanto lo spazio comico, che sarà di fattura davvero scarna con poche idee ripetute senza verve. Da segnalare la Fenech (che non si spoglia) e Girolami junior che recita davvero da cani! Brutto.

Modo 18/10/12 22:03 - 914 commenti

I gusti di Modo

Film divertente e socio politico sul '68 all'acqua di rose. Sulla falsariga di Peppone e Don Camillo. La storia è banale ma non per questo noiosa. Ottimi attori secondari e una Fenech in gran forma. Sicuramente un film di fascia medio alta della coppia siciliana.

Il Dandi 24/02/14 03:27 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Palesemente ispirato alla serie di film con Fernandel e Cervi (sostituendo il confronto tra parroco e sindaco con quello tra un prete conservatore e uno progressista, ma mantenendo a lato personaggi che animano le vicende politiche del paesello), il film ha la particolarità di anticipare i temi di Don Camillo e i giovani d'oggi (il personaggio della giovane contestatrice che metterà la testa a posto, qui incarnata da una splendida Fenech), forse addirittura superandolo in freschezza. Non male.
MEMORABILE: Il battesimo di "Karl Vladimir Mao", negato da don Ciccio e furbescamente dirottato da don Franco in "Giuseppe Pietro Paolo".

Ramino 9/07/14 22:03 - 127 commenti

I gusti di Ramino

Nonostante i risibili rimandi alla serie di Don Camillo, i due protagonisti Franco e Ciccio sembrano in grande forma, come Banfi e co., in questa piccola commedia sessantottina. In maniera ironica si vogliono mettere alla berlina le idee rivoluzionarie e la contrapposizione conservatrice/progressista rappresentata dai due protagonisti. I buoni sentimenti vincono su tutto.
MEMORABILE: La partita di pallone tra le due parrocchie e la rivincita a calcio balilla.

Homesick 11/12/15 08:30 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Con vistose reminescenze di Guareschi, una commedia paesana diretta da Girolami in uno dei suoi momenti migliori, soprattutto per il polso sicuro con cui tiene sotto controllo l'esuberanza della coppia Franchi-Ingrassia, bloccandone gli eccessi slapstick e le sguaiate puerilità. Banfi irrefrenabile sagrestano è ormai pronto per i futuri exploits da primo comico e tutti gli altri caratteristi sono azzeccatissimi, a cominciare dal comunista D'Orsi e dal fascista Malavasi.
MEMORABILE: I vivaci battibecchi tra nonno fascista e nipote comunista; Il battesimo; il comunista reumatico che si riprende; la partita di calcio.

Daidae 19/02/17 13:02 - 3012 commenti

I gusti di Daidae

Davvero non male. Ci sono gli ottimi Franco e Ciccio, la Fenech e Girolami (senza i baffi) nei panni di un carabiniere, ottimi anche i restanti Banfi, Andronico, D'Orsi e Malavasi. Girato in un centro Italia spacciato per la Sicilia, ha il merito di offrire situazioni divertenti senza scarse freddure purtroppo spesso presenti nella prima tornata del comico all'italiana. Non ho visto grandi analogie con Peppone e Don Camillo. Dda rivalutare.
MEMORABILE: Banfi al telefono col veterinario credendo sia un medico il quale a sua volta pensa stiano parlando di un vitello.

Noodles 28/04/19 23:00 - 1782 commenti

I gusti di Noodles

Chiaramente ispirato alle vicende di Don Camillo e Peppone, è un film inusuale per Franco & Ciccio, che lasciano da parte la loro tipica comicità per darsi a una commedia "politica" che a tratti diverte, pur proponendo poco di nuovo. Alcune scene sono troppo lunghe, vedi la partita di calcio. La seconda parte inoltre diventa lentissima per poi darsi a un finale frettoloso. Ritmo mal gestito. Si può guardare, ma potrebbe deludere. Edwige Fenech è splendida.

Markus 19/03/20 21:52 - 3578 commenti

I gusti di Markus

L'ennesimo clone di Don Camillo, che già il titolo ci ricorda essere ambientato nel post Sessantotto. Tra citazioni più o meno dichiarate ci si trascina nel più classico film col duo siculo fatto di battute dal fiato un po' corto e frangenti da "pochade". Marino Girolami riesce per lo meno a rendere passabile il film col mestiere, fornendo ritmo e dinamicità a una pellicola altrimenti di scarsissimo livello. Si segnala una giovanissima Edwige Fenech, che fa - come quasi sempre - da bellezza da osservare nelle sue note fattezze.

Reeves 14/04/22 08:16 - 1351 commenti

I gusti di Reeves

Divertente, piccolo film senza pretese che però rende bene l'idea di come la contestazione del '68 abbia fatto capolino in tutti gli strati della società, ivi compresa la farsa più esplicitamente popolare. Ci sono battute interessanti e comprimari validi, in particolare Dottesio e D'Orsi supercomunisti da operetta. E poi c'è la Fenech, che basta da sola a giustificare la visione (come sempre).

Michelino 14/04/22 16:30 - 98 commenti

I gusti di Michelino

A parte la prima e l'ultima scena, e ovviamente la partita nella parte centrale, è purtroppo uno dei film nei quali la sceneggiatura non consente ai protagonisti di esprimere il massimo, seppur l'idea del soggetto offrisse più di uno spunto per articolarla meglio. Tra i comprimari non troppo credibile la Fenech contestatrice, mentre è straordinario Malavasi nella sua interpretazione del nostalgico fascista, forse l'unico a strappare qualche sorriso in più. Si lascia comunque guardare.
MEMORABILE: La vetrata in frantumi; I tre anziani fascisti chiamati in ''adunata'' per far sgomberare i manifestanti; ''Arbitro coorrn...!''; Il tè indiano.

Franco Franchi HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Zender • 19/03/08 10:48
    Pianificazione e progetti - 46717 interventi
    GEPPO PRIVATE COLLECTION
    Il nostro carissimo inviato di Germania ha deciso di presentarci in esclusiva mondiale le fascette delle sue rarissime vhs di Franco e Ciccio. Solo per intenditori e amanti del magico duo!

    Ultima modifica: 19/03/08 18:48 da Zender
  • Homevideo Geppo • 21/06/08 20:28
    Call center Davinotti - 4238 interventi
    Disponibile in DVD per la Ecovision - Cecchi Gori.
    Un master eccellente, il video è sufficientemente luminoso e nel formato corretto.
    Versione integrale.
    Extras: Trailer
  • Curiosità Reeves • 19/01/22 17:01
    Capo call center Davinotti - 493 interventi
    Divertente il racconto della lavorazione del film fatto da Castellari nella sua autobiografia Il bianco spara. Il padre Marino Girolami lo chiama sul set perché ha sotto contratto Franco e Ciccio ma solo per sei giorni, così uno gira le scene con Franco da solo e l'altro quelle con Ciccio da solo; poi assemblano il tutto, per un giorno li fanno girare in coppia e poi girano le scene senza di loro.
  • Discussione Caesars • 20/01/22 09:02
    Scrivano - 16480 interventi
    Leggendo la curiosità postata ieri da Reeves, direi che Castellari sarebbe da aggiungere come coregista (n.n.)
  • Discussione Zender • 20/01/22 09:21
    Pianificazione e progetti - 46717 interventi
    Testoimonianza sua e basta però, aspettiamo di averne qualche altra.
  • Discussione Buiomega71 • 20/01/22 09:24
    Pianificazione e progetti - 24637 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Testoimonianza sua e basta però, aspettiamo di averne qualche altra.
    Infatti, meglio attenersi a IMDb, perché se dovessimo dare retta a quello che dicono registi o attori si dovrebbero riempire le schede di n.c.

    Ultima modifica: 20/01/22 09:24 da Buiomega71
  • Discussione Reeves • 14/04/22 08:10
    Capo call center Davinotti - 493 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Zender ebbe a dire:
    Testoimonianza sua e basta però, aspettiamo di averne qualche altra.
    Infatti, meglio attenersi a IMDb, perché se dovessimo dare retta a quello che dicono registi o attori si dovrebbero riempire le schede di n.c.

    Come criterio generale mi sembra giusto. forse in questo caso, trattandosi di padre e figlio, potrebbe essere verisimile