Lo trovi su

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 14/07/16 DAL BENEMERITO DIGITAL
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Digital 14/07/16 21:17 - 1257 commenti

I gusti di Digital

Il sentore di "inaccettabile vaccata" lo si subodorava da km di distanza, ma per arrivare a uno scempio simile ce ne vuole... E dire che la trama poteva avere un sottotesto nemmeno peregrino: cellulari che hanno la facoltà di ridurti a un automa incapace di intendere e volere; peccato che la sceneggiatura sia quanto di più scombiccherato si sia visto negli ultimi anni e che gli attori, alcuni dei quali di un certo richiamo, diano il peggio di loro stessi. Ciliegina sulla rancida torta il delirante finale. Da evitare con certosina metodicità.

Daniela 17/07/16 23:24 - 12651 commenti

I gusti di Daniela

L'abuso del cellulare provoca il cancro? rende scemi? Fuocherello: qui si ipotizza che trasformi gli umani in zombi privi di volontà propria... Dopo l'horror alberghiero 1408, torna il trio Cusack-Jackson-King, con quest'ultimo non solo fornitore di trama ma anche sceneggiatore. C'è da preoccuparsi, visto che il re è un mediocre adattatore di se stesso, ed infatti il film spreca uno spunto di buone potenzialità per uno sviluppo banale e/o confuso, sciatto sotto tutti i punti di vista. Se Jackson può almeno contare sulla faccia interessante, Cusack neppure su quella. Film insignificante e noioso
MEMORABILE: il finale ciondolo, nel senso letterale del termine

Rambo90 19/07/16 22:56 - 7692 commenti

I gusti di Rambo90

Ho gradito questo adattamento da King. La confezione è rozza e in più punti la trama appare un po' lasciata al caso, ma proprio per questo ho trovato ricreata la stessa grottesca concezione dell'orrore del libro originale. Inoltre il ritmo è svelto, con un inizio di pura follia e un finale amaro e migliore di quello originale. Cusack è nato per interpretare questi ruoli, Jackson ha la solita classe, insieme i due funzionano e molto. Qualche discreto effetto gore qui e là, dialoghi a volte un po' scadenti, ma l'ho trovato godibile.

Maxx g 24/07/16 14:30 - 634 commenti

I gusti di Maxx g

Ormai l'horror (specie quello di fine stagione) non riserva grandi sorprese: ne è la riprova questo film, dove viene demonizzato il cellulare che ormai nella realtà (e non solo) ha letteralmente rapito la vita delle persone. Chi telefona muore e i sopravvissuti sono davvero pochi. La suspence c'è, l'horror pure e l'attenzione dello spettatore viene tenuta alta per quasi tutto il film. Il problema è appunto quel "quasi", perché verso la fine il tutto pare franare in modo netto: peccato, con qualche idea in più sarebbe stato davvero valido.
MEMORABILE: Le terribili sequenze iniziali dell'aeroporto, con il panico più totale.

Metuant 25/07/16 13:59 - 456 commenti

I gusti di Metuant

Lo spunto iniziale è anche buono e con una critica intelligente dietro, sebbene ricordi molto L'ombra dello scorpione; a conti fatti invece ci troviamo davanti a un film decisamente scombinato e poco coinvolgente, con attori che sembrano capitati lì solo per guadagnarsi la pagnotta e un adattamento che presenta non poche lacune. Si sa che King non ha troppa dimestichezza col cinema e questo nuovo prodotto non fa che confermarlo.

Il ferrini 19/08/16 21:42 - 2353 commenti

I gusti di Il ferrini

Come scomodare Cusack e Sam Jackson per girare una puntata di The walking dead. Sì, ok, non sono morti che camminano ma il senso è quello e i mezzi utilizzati sono addirittura inferiori. I telepazzi sono infatti creature piuttosto romeriane, mentre la scena che colpisce di più è decisamente l'auto che passa sui corpi (peccato averla già vista in Hotel Rwanda, anche se in un contesto ben più drammatico). I dialoghi non riservano guizzi segnalabili, regia e fotografia adatte al genere. Non è terribile come si dice ma si dimentica in fretta.
MEMORABILE: L'immenso falò notturno dei telepazzi cosparsi di benzina.

Pumpkh75 11/01/17 14:05 - 1748 commenti

I gusti di Pumpkh75

Lunga vita a King, ma basta con le sceneggiature: oltre a strapazzare il libro, imperano una pessima scrittura fatta di dialoghi inconcepibili; come collante una fretta e una approssimazione sorprendente, a tratti persino una gratuita ironia senza utilità. Tentatissimo dal pallino solitario, mi rincuoro a mente fredda con quel qualcosina che funziona (qualche assalto dei telepazzi, il falò al campo sportivo), ma lo scoramento è e resta parecchio. Regia, Cusack (con capigliatura orripilante) e Jackson vanno di puro mestiere. Disfatto.

Zaratozom 23/07/17 23:27 - 63 commenti

I gusti di Zaratozom

Peccato perché i primi dieci minuti erano ottimi; purtroppo il resto del film è banale e mal girato. Il finale è poi inguardabile, con il racconto che devia dal testo originale. Qualche rimando a The walking dead e a L'invasione degli ultracorpi con i telepazzi che gracchiano a bocca spalancata, catatonici. Primo premio all'assalto più banale e telefonato di tutti i film di genere con la moglie chiusa in soffitta. Pietoso. Protagonisti in palla solo senza dialogo.
MEMORABILE: Il falò nel campo sportivo e i primi minuti del film nell'areoporto.

Piero68 29/08/17 12:34 - 2957 commenti

I gusti di Piero68

Zombi hi-tech in questo film tratto da un romanzo di King. Ma l'ottimo potenziale viene malamente rovinato dallo stesso King che, nonostante ne curi la sceneggiatura, non solo modifica il finale ma dissemina madornali plot-hole per tutto il film tanto da renderlo frammentario e senza nemmeno una visione d'insieme esaustiva. Il low-budget poi non fa che diminuire ancora di più il valore del prodotto, visti gli scarsissimi effetti e la quasi totale mancanza di riprese in esterno. Regia e montaggio scarsi con un Cusack a tratti imbarazzante.
MEMORABILE: L'inizio all'aeroporto.

Hackett 9/09/17 18:51 - 1867 commenti

I gusti di Hackett

Dove una volta erano i simboli del consumismo o la televisione a decerebrare le persone, ora giustamente l'idea originale di King attualizza (qualche anno fa, ora si parlerebbe dei social) la peste della mente prendendo di mira la mania "cellulare". Partenza quindi interessante ma svolgimento assai deludente. Fiera del già visto tra i classici romeriani, 28 giorni dopo e il più recente The walking dead. Protagonisti poco ispirati, tra i quali gigioneggia l'ormai gommoso John Cusack. Trascurabile.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Spazio vuotoLocandina La guerra di domaniSpazio vuotoLocandina SomniaSpazio vuotoLocandina SeedsSpazio vuotoLocandina Rites of spring

Vito 25/10/17 04:46 - 695 commenti

I gusti di Vito

Un segnale giunge attraverso i cellulari alle menti delle persone trasformandole in bestie assassine. Ottima l'idea di partenza (da un romanzo di King, che qui sceneggia pure) e molto bravi gli interpreti, con Samuel L. Jackson in testa. Purtroppo col passare dei minuti la noia si fa sentire, i dialoghi diventano pesanti e si arriva al finale arrancando. Non male ma si poteva fare di più.

Pinhead80 2/11/17 16:05 - 4752 commenti

I gusti di Pinhead80

Un potente virus che si trasmette tramite cellulare fa impazzire le persone trasformandole in un branco di zombi pronti a infettare il prossimo. Le cose migliori le vediamo all'inizio (la scena dell'aeroporto) e alla fine (il finale è di quelli da non perdere); in mezzo però non c'è molto se non la buona idea di partenza. Sembra impossibile non riuscire a cavar fuori qualcosa di meglio dalle pagine del re dell'horror, ma spesso e volentieri è così (nonostante qui King curi in prima persona la sceneggiatura).

Mco 17/05/18 12:34 - 2326 commenti

I gusti di Mco

Si parte con alcune passeggere scalze in attesa dei controlli in aeroporto, si odono gli altoparlanti gracchiare di un ritardo dei voli a causa del maltempo e poi... bamm, ecco che tutti impazziscono. Dal Maestro Stephen King una riduzione che ha un incipit dinamico, spaventevole ma che, dal momento in cui Cusack esce dall'aerostazione di Boston, perde di ritmo. Non che risulti noioso, ma che mostri una minor dose di inventiva, quello sì. Cell è uno zombi-movie con qualche eco fantascientifica e una critica al sistema tecnologico. Only fan.
MEMORABILE: La schiera di "camminanti" in marcia, compatti e rumorosi.

Pesten 9/11/19 13:00 - 789 commenti

I gusti di Pesten

Ennesimo adattamento cinematografico andato a male di un'opera di King (che pure è direttamente coinvolto). Parte bene ma col passare dei minuti tende a peggiorare, a diventare quasi sterile e noioso fino a una conclusione che pare quasi raffazzonata. Peccato perché gli spunti interessanti, nonostante tutto, c'erano. Cusack è comunque uno di quegli attori simpatici a cui concediamo quasi tutto, Jackson è sempre di livello, ma la trama è troppo in linea con uno dei tanti e scialbi zombie-movie attuali.

Taxius 13/01/20 13:00 - 1656 commenti

I gusti di Taxius

Stare sempre col telefono in mano è una brutta abitudine, oltre che dannosa, e in questo film ti trasforma anche in un famelico zombi. Il film di Tod Williams non è malaccio, nel senso che ha diversi pregi e altrettanti difetti; da un lato il ritmo è sempre molto veloce e serrato, non ci sono tempi morti e le scene splatter non mancano, dall'altro però si hanno un finale buttato là e i soliti cliché del genere. Si fa vedere ma anche dimenticare piuttosto in fretta.

Minitina80 2/02/20 19:51 - 2980 commenti

I gusti di Minitina80

Voleva essere la dimostrazione estrema delle conseguenze di un uso inappropriato del cellulare. Si rivela, invece, un film assolutamente privo di sostanza che devia il percorso principale a favore di un’ostinata ricerca personale del personaggio interpretato da Cusack. Non brilla nemmeno la regia, permettendo a dialoghi e situazioni scontate e ritrite di prendere il sopravvento. Soltanto qualche barlume illumina sul finire il buio pesto grazie a una sequenza che ruba l’occhio. Resta, al di là di tutto, un qualcosa di inutile ed evitabile.

Enzus79 1/01/21 23:37 - 2888 commenti

I gusti di Enzus79

Tratto dal romanzo omonimo di Stephen King. Al netto delle differenze con il libro, il film tutto sommato convince e crea quel giusto mix fra suspense e tensione. Benché non ci siano scene che facciano saltare dalla sedia, è diretto discretamente. John Cusack e Samuel L. Jackson di nuovo insieme dopo 1408, col primo che sembra, purtroppo, non adatto al ruolo affidatogli.

Capannelle 2/09/22 23:46 - 4408 commenti

I gusti di Capannelle

Terribilmente povero sia nella confezione che nei cointenuti. Dopo un incipit interessaante ma anche già troppo esagerato per risultare portatore di sincera tensione, la storia si trascina stancamente lungo percorsi già visti e con dialoghi e situazioni da serie B. Non sono di grande apporto i due attori più famosi; anzi, si può dire che ormai Cusack accetti serenamente la sua pensione anticipata. Gli stessi effetti non impressionano, forse il finale regala qualcosa ma anche lì si nota una strana voglia di concludere il tutto. E noi ringraziamo.

Gottardi 2/01/23 11:47 - 396 commenti

I gusti di Gottardi

D’improvviso tutte le persone che parlano al cellulare si trasformano in assatanati iperviolenti assalendo chi è rimasto immune. Un uomo qualunque cerca di ritrovare la sua famiglia con dei compagni di viaggio. Schematico e abbondantemente già visto zombie-movie nella prima parte (ma perlomeno ci vengono risparmiate scene truculente), nella seconda migliora un po'co quando finalmente si avverte la mano di Stephen King (autore del racconto e co-sceneggiatore) e prende il sopravvento le componenti mistero e incubo. Cusack irritante e bolso; cosa ci fa qui Jackson?

Schramm 2/06/23 14:11 - 3495 commenti

I gusti di Schramm

King misoneista, King come Ludd: la tecnologia è il male la morte il nemico la nientificazione delle menti il buio di un'epoca la fine di tutto. Per ribadirlo finché la cosa non esce da occhi e orecchie, quale migliore sotterfugio del ricicciare i Tommyknockers a ridosso dei complottismi da 5G? Allarma nei credits la sovrintendenza produttiva di quel Gens reo di apocalissi crioessicate e Cusack e Jackson, abbonati al re, si adeguano come possono. Si sospira che dato il materiale d'abbrivio non si poteva far di meglio e resta grande il rimpianto per il mancato rimaneggiamento di Roth.
MEMORABILE: Incipit aeroportuale; Ring my bell; Trance girotondina attorno al ripetitore alla Midnight express.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Spazio vuotoLocandina The door in the floorSpazio vuotoLocandina Paranormal activity 2Spazio vuotoLocandina SomniaSpazio vuotoLocandina Seeds
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Discussione Schramm • 20/07/16 11:14
    Scrivano - 7694 interventi
    magari verrò presto smentito, ma credo sia un film che può attrarre solo stroncature, dato che fa capo a quello che è a memoria di biblioteca il peggior king di sempre. pensare di elevarlo al quadrato seguendo la via pedissequa anziché renderne perfettibili gli errori e i vuoti (del resto innumerevoli) è davvero un suicidio annunciato.
  • Discussione Mco • 20/07/16 15:49
    Risorse umane - 9970 interventi
    Schramm ebbe a dire:
    magari verrò presto smentito, ma credo sia un film che può attrarre solo stroncature, dato che fa capo a quello che è a memoria di biblioteca il peggior king di sempre. pensare di elevarlo al quadrato seguendo la via pedissequa anziché renderne perfettibili gli errori e i vuoti (del resto innumerevoli) è davvero un suicidio annunciato.
    Se rimane in palinsesto anche la prossima settimana cercherò di vederlo al cinema...
  • Discussione Raremirko • 20/07/16 23:28
    Call center Davinotti - 3862 interventi
    King stesso non possiede il cellulare, come Dylan Dog!

    Anche io, lo ammetto, vivo con il cellulare rapporti conflittuali...
  • Discussione Schramm • 21/07/16 18:10
    Scrivano - 7694 interventi
    penso di essere uno dei rari a non volerne minimamente sapere di smartphones e tablet. vado avanti con una ciabattina da nemmeno 30 euro di circa 8 anni fa. ma a prescindere dall'essere pro o contro le nuove tecnologie, il libro di king resta la sua opera più limitata.
  • Discussione Daniela • 22/07/16 07:42
    Gran Burattinaio - 5926 interventi
    Ho letto che King ha scritto per la sceneggiatura un finale molto diverso da quello del romanzo, in quanto quest'ultimo aveva ricevuto molte critiche.
    Non so come sia quello letterario, ma quello cinematografico è proprio ciondolo, moscio come il resto del film.
    Schramm, se ti va di vedere qualcosa di kinghiano, anche se il soggetto non è tratto da King, segnati per i tempi migliori la miniserie Strange Things. Lo spirito del re è più presente qui che negli ultimi film da lui sceneggiati (questo e l'altrettanto modesto Good Marriage) ed anche che nella serie tratta dal suo romanzo sui viaggi nel tempo.
    Ultima modifica: 22/07/16 07:45 da Daniela
  • Discussione Schramm • 22/07/16 12:08
    Scrivano - 7694 interventi
    danyta il finale letterario di cell è proprio il minore dei suoi problemi strutturali-narrativi-stilistici. è proprio tutto il resto che è franato, sprofondato. a parte un incipit davvero ottimo che lasciava sperare grandi cose. non so quando arriveranno sti benedetti tempi migliori, ma terrò caro il consiglio per la vecchiaia. ;)
  • Discussione Raremirko • 23/07/16 20:56
    Call center Davinotti - 3862 interventi
    Schramm ebbe a dire:
    penso di essere uno dei rari a non volerne minimamente sapere di smartphones e tablet. vado avanti con una ciabattina da nemmeno 30 euro di circa 8 anni fa.


    Amche io sono così.

    Il libro di King ce l'ho ma ancora non l'ho letto; per farci su un film un minimo di successo deve pur averlo avuto, però.
  • Discussione Daniela • 24/07/16 11:54
    Gran Burattinaio - 5926 interventi
    King conta su una zoccolo duro di fan disposti a leggere tutto quel che pubblica, ma pare proprio, a giudicare dalle recensioni, che Cell non sia da annoversarsi fra le sue cose migliori. In particolare, il finale del romanzo è stato oggetto di critiche, per cui King ha pensato di modificarlo in sede di sceneggiatura del film.
    Quando al film stesso, in origine doveva dirigerlo Eli Roth, chissà cosa sarebbe venuto fuori, magari qualcosa di meno spossato...
    Ultima modifica: 24/07/16 12:00 da Daniela
  • Homevideo Mco • 5/12/16 23:00
    Risorse umane - 9970 interventi
    Dal 15 Dicembre 2016 in DVD e BD per Notorious Pictures.