Candyman - Terrore dietro lo specchio

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 13/03/07 09:19 - 3039 commenti

I gusti di Caesars

Non certo un capolavoro ma uno degli horror più interessanti degli anni '90. Sicuramente la parte iniziale è la migliore e quando la presenza di Candyman si concretizza il film ha una certa caduta (anche se si mantiene comunque su un livello nettamente superiore alla media dei prodotti analoghi). A rendere più "angosciante" la vicenda contribuisce in maniera determinante la splendida musica di Philip Glass, al servizio di una trama interessante e ben sviluppata.

Lercio 3/04/07 23:39 - 232 commenti

I gusti di Lercio

Il film, tratto da un racconto di Barker, trasuda le atmosfere di questo grande scrittore. Il regista, Bernard Rose, non ci mostra certo virtuosismi registici e mette in campo un'opera stilisticamente solida e tutta d'un pezzo. La pellicola non fa una piega e gli effetti speciali sono ben fatti dosando lo splatter senza mai esagerare ma senza nemmeno tirarsi indietro. Un gran bel lavoro, non ci potrebbe essere stata trasposizione migliore!

Undying 13/08/07 01:28 - 3819 commenti

I gusti di Undying

La storia, ispirata (e co-sceneggiata) da Barker ha qualcosa di infantile e di poco credibile (lo specchio attraverso il quale viene richiamato, al quinto appello, Candyman, pur se derivato da una favola di prim'ordine è ben poco "riflessivo"), ma viene portata sullo schermo con serietà quasi inverosimile (dato l'assunto) dal regista, dagli attori (tra i quali si distingue Tony Todd, in seguito icona del genere) e dal reparto trucchi. Ha un suo fascino, insomma, in grado di originare due seguiti (il terzo ancora inedito da noi). Nel cast anche Ted Raimi (fratello del più celebre Sam).

Hackett 24/04/08 09:48 - 1807 commenti

I gusti di Hackett

Discreto horror che, senza troppe pretese, riuscì a creare un piccolo filone. Questo primo episodio, decisamente il più riuscito, non decolla del tutto ma regala alcuni momenti non male. L'idea dell'uomo-caramella è stata originale e i flashback che riguardano il malcapitato Todd hanno un gusto melò apprezzabile.

Ciavazzaro 30/04/09 15:54 - 4771 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Carino. L'idea di partenza è ben scritta, Tony Todd interpreta efficacemente il cattivo, destinato a diventare un'icona del cinema horror. Belle le ambientazioni, a tratti inquietanti, i delitti, l'idea dello specchio. Il ritmo è eccellente, ma il secondo capitolo è decisamente meglio. Un pochino meno di 3 pallini.
MEMORABILE: Il finale. E soprattutto: Candyman, Candyman...

Cotola 11/05/09 00:59 - 8048 commenti

I gusti di Cotola

Ispirandosi ad un racconto di Clive Barker, il regista ne trae fuori un discreto film di genere che può contare su una storia abbastanza intrigante, con risvolti interessanti e finale non edulcorato e su una realizzazione di buon livello. Non un capolavoro ma cinema medio di genere che si lascia guardare e come ce ne vorrebbe di più. Musiche di Philip Glass. Con più seguiti.

Ghirlanda 20/05/10 13:42 - 58 commenti

I gusti di Ghirlanda

Chi si nasconde dietro lo specchio se non sè stessi con le prorie insicurezze e paure? Pellicola abbastanza debitrice a Nightmare per la tematica fantastica che comunque risulta molto gradevole per lo stile (belle le locatione, i molti campi lunghi/oggettive irreali e le musiche di Glass) che conferisce un certo spessore. Accattivante per tre quarti, un po' pesante nel finale. Candyman è un po' laccato e non incute molto timore. Discreto.

Puppigallo 13/02/10 11:36 - 4681 commenti

I gusti di Puppigallo

Siamo al cospetto di un mostro senz'anima, ma non perchè mostro, bensì per la sua pochezza, per ciò che l'ha generato (una spiegazione da quattro soldi, condita con una sega arrugginita e api fameliche). Sembra tutto imbastito in quattro e quattr'otto, buttando lì l'uncinato che, alla quinta volta che sente il suo nome, giustamente si altera, facendo un macello (il sangue non manca). La protagonista se la cava bene, ma non è sorretta da una sceneggiatura sufficientemente forte. Se la pellicola si fosse conclusa al cimitero, sarebbe stato meglio, ma si è voluto inserire il colpetto finale.
MEMORABILE: Il pacchetto colarato con lametta; Candyman incastra la protagonista; Candyman volante dalla finestra, emulo di Superman (piuttosto ridicolo).

Schramm 16/03/10 00:45 - 2602 commenti

I gusti di Schramm

Sbrigativamente liquidato dai più come rozzo o baracconesco, equivocato come horror, ascrivibile invero tra le tragiche love story impossibili con venature metafisiche e trascendentali. Horror colto, intellettuale e aristocratico (come sempre è stato, tra le righe ed oltre, tutto Barker), che non può che dispiacere ai puristi, ha il suo motore nella suggestione mitopoietica, è ricco di attraversamenti letterari (Carroll, Stoker, Shakespeare solo per chiamare in causa i più evidenti) e pittorici, disseminato di simbolismi esoterici ed archetipi junghiani, impaurisce, commuove: Magistra cinemae

Supercruel 20/05/10 12:00 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Discreto horror, Candyman. Non conosco la fonte letteraria (Barker) ma qualcuno, in qualche modo, deve pur esser passato per la Elm street di craveniana memoria. Ciò detto il film regge piuttosto bene, offre alcuni bei momenti di fotografia, alcune stuzzicanti location e riesce a dosare bene il sangue e le scene d'impatto (gustose le apparizioni delle api). Affascinante anche tutto l'impianto metaforico, ricco di simboli e folklore. Tody Todd affabula solo a tratti, la regia non ha guizzi, mentre davvero belle sono le musiche di Philip Glass.

Bernard Rose HA DIRETTO ANCHE...

Galbo 22/05/10 07:05 - 11698 commenti

I gusti di Galbo

Tratto da un racconto di Clive Barker, un film horror discretamente riuscito e ben realizzato, con una buona idea di partenza e una sceneggiatura piuttosto curata. Gli interpreti forniscono un recitazione decisamente di livello per un film del genere e il tutto è impreziosito dalla colonna sonora di Philip Glass.

Myvincent 20/07/11 12:21 - 2954 commenti

I gusti di Myvincent

Una favola nera e drammatica che riemerge in un quartiere-ghetto, dove la presenza di Candyman è un fantasma presente quotidianamente. Candyman può anche essere la paura più terrificante, nascosta nei recessi reconditi in ciascuno di noi. Finalmente un film in cui le morti non sono uno squallido e ossessivo ripetersi di sequenze senza senso. Buona sceneggiatura (mutuata in parte da Nightmare), notevole l'atmosfera di attesa ansiogena, sottolineata da una degna colonna sonora.

Belfagor 4/01/13 01:08 - 2643 commenti

I gusti di Belfagor

Tratta da un racconto di Clive Barker, questa pellicola horror dai tocchi folkloristici si differenzia dalla media degli anni '90, pur non essendo un capolavoro. Tony Todd interpreta un mostro à la Bloody Mary con pacata crudeltà, la Madsen offre una gradita variazione sul tema delle regine dell'urlo. In quanto a tensione non è il massimo, ma il film è impeccabile dal punto di vista stilistico, grazie alla fotografia fredda e alle splendide musiche di Philip Glass, che conferiscono alla vicenda un'aura tragica.

Rebis 22/04/13 19:07 - 2148 commenti

I gusti di Rebis

Importante horror dei '90, si insidia nelle complesse dinamiche della mitopoiesi mandando in frantumi gli interstizi tra desiderio e logica. Sontuosamente ravvolto nel minimalismo musicale di Philip Glass, concepisce un boogeyman dalle allarmanti connotazioni sociali che rinviano all'endemica paura del diverso. L'ascendenza barkeriana e l'impavido spirito melò, lo consacrano ad un pubblico adulto e sofisticato, pur ossequiando il gore più truce. Affascina la rilettura di alcuni topoi, come lo specchio, qui contraltare dell'autostrada che confina gli squallidi sobborghi del Cabrini Green.
MEMORABILE: La prima apparizione di Candyman; lo sciame di api psicopompe sulla città; l'attraversamento dello specchio.

Lucius 2/06/13 11:25 - 2940 commenti

I gusti di Lucius

La sceneggiatura è tra le cose più interessanti, (anche se non risulta particolarmente sviluppata), al pari delle notevoli partiture di Philip Glass. La scelta della Madsen dà quel quid al film senza il quale sarebbe quasi passato inosservato. Risultano altresì particolarmente indovinate le periferie degradate di Chicago, ma gli effetti speciali (nonostante la presenza di vere api) non sono dotati di eccessivo realismo. Interessante senz'altro, ma si poteva fare di meglio.

Herrkinski 22/07/13 23:42 - 6070 commenti

I gusti di Herrkinski

La memoria fa brutti scherzi: all'epoca dell'uscita lo trovai affascinante e innovativo, forse a causa dell'età adolescenziale; rivisto recentemente, mi è parso estremamente invecchiato (male), con una fotografia da straight-to-video per nulla coinvolgente e una recitazione spesso sopra le righe, forse anche a causa di un doppiaggio pessimo. Rimane qualche buona inquadratura, qualche simbologia e richiamo letterario interessanti, ma nel complesso come horror delude non poco e a tratti, cosa più grave, sfiora il ridicolo involontario. Peccato.

Redeyes 10/06/15 09:18 - 2268 commenti

I gusti di Redeyes

In questo horror che prende spunto da una storia piuttosto banale e che di terrificante ha ben poco si riesce comunque ad apprezzare una certa eleganza, che altro non è se non il tratto distintivo di quel geniaccio di Barker. Piuttosto in parte la Madsen: sostiene il peso delle indagini e della pellicola, che tuttavia va scemando con lo scorrere dei minuti fino a un finale riuscito a metà. La storia d'amore quasi stokeriana tradita è lo spunto, involontario, per una nuova vendetta che nascerà. Gradevole ma niente più.

Almicione 4/06/15 01:30 - 765 commenti

I gusti di Almicione

Un horror che non ha niente di rimarchevole né di particolarmente terrorizzante, non tiene sulle spine e ha numerosi aspetti che vorrebbero sembrare misteriosi e mistici, ma che in realtà si percepiscono come frivoli elementi aggiunti a un soggetto che continua a vacillare. Le api e la biografia del killer, il modo in cui egli appare e colpisce non fanno che confondere uno spettatore che prova anche a trovare un senso alla tematica sociale rappresentata nel film, ma getta presto la spugna per la confusione e la noia a cui è indotto.

Minitina80 1/08/15 23:00 - 2628 commenti

I gusti di Minitina80

Attingere dalla fertile produzione letteraria di Clive Barker rappresenta una buona base di partenza e questo Candyman lo dimostra, qualora ce ne fosse bisogno. Inizia in maniera quasi scontata per prendere successivamente una piega più complessa e imprevedibile a cui una regia fredda, ma solida, rende giustizia. Un cast all’altezza e una buona colonna sonora fanno il resto. Gli manca forse quel quid per compiere il salto definitivo, ma per questa volta va bene anche così.
MEMORABILE: Il degrado del Cabrini-Green.

Von Leppe 8/12/15 11:47 - 1110 commenti

I gusti di Von Leppe

Un horror americano non ambientato nei bei quartieri dalle splendide ville in legno ma tra i palazzi popolari di una periferia degradata, abitata da afroamericani. La casa maledetta è proprio l'interno di uno di questi edifici, dove campeggiano sui muri i murales che riguardano il personaggio da leggenda metropolitana protagonista del film: sembrano quasi riferimenti al fatto che Candyman nella sua vita passata fosse pittore, oltre che schiavo nero. L'idea di partenza è buona, anche se il film perde qualche colpo. Il finale non è del tutto convincente.
MEMORABILE: Il bagno pubblico; La prima apparizione di Candyman; Candyman mostra le sue api.

Virginia Madsen HA RECITATO ANCHE IN...

Rufus68 1/07/17 21:35 - 3394 commenti

I gusti di Rufus68

Si apprezza più per la sua estraneità a temi e stile dell'imbelle horror post Ottanta. Interessante nella prima parte per l'understatement e gli accenni a un livello psicologico profondo; quindi il tutto si normalizza (e il revenant Candyman è sin troppo ciarliero) assestandosi a un gotico insolito (l'ambientazione nel ghetto nero, il dipinto ominoso con la bella reincarnata) il cui filo logico, tuttavia, non è mai originale e davvero perspicuo. Le musiche di Glass, pur belle, mal si sposano alla pellicola.

Anthonyvm 9/03/18 09:50 - 3118 commenti

I gusti di Anthonyvm

Un film riuscito e ben confezionato, ma che aveva la possibilità di trasformarsi in qualcosa di più incisivo. Certi elementi della trama vengono lasciati un po' troppo in sospeso e non spiegati adeguatamente, oppure trattati superficialmente, specie nel climax finale (che non convince appieno). Comunque gli sporchi ambienti metropolitani sono ottimi, la protagonista è bella e brava, Tony Todd dà vita al "suo" boogeyman e lo fa benissimo. Qualche tocco splatter e la meravigliosa colonna sonora di Philip Glass fanno il resto. Un cult minore.
MEMORABILE: Ogni volta che Candyman si mette all'opera ci si diverte, anche perché non fa distinzioni di età, etnia o specie.

Rambo90 11/03/19 01:49 - 6868 commenti

I gusti di Rambo90

Interessante perché pur partendo dalle classiche caratteristiche degli slasher del periodo (con baubau visto come leggenda metropolitana e puntualmente invocato) se ne discosta, con venature psicologiche e oniriche non indifferenti. Peccato per la fotografia televisiva, perché la regia è buona e quando la protagonista (una brava Madsen) inizia a essere trascinata nel gorgo creato da Candyman si resta coinvolti. Tony Todd scelta ottima. Buona la colonna sonora.

Ryo 9/09/19 12:18 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Terribilmente noioso e soporifero, con una regia e una recitazione svogliate. È un peccato sprecare uno spunto interessante come quello della figura di una leggenda urbana - da cui poteva uscire un interessante slasher - per produrre questa sorta di film in stile serial povero con una fotografia da soap opera. Infatti il soggetto e la sceneggiatura (a tratti) non sono niente male. Azzeccata la scena delle api. Esistono altri due sequel...

Jena 21/12/19 16:49 - 1346 commenti

I gusti di Jena

Autore quasi mai banale, Bernard Rose non crea un ennesimo clone di Freddy Kruger e sceglie la via dell'ambiguità. Candyman esiste davvero o è un urban legend, "creato" da chi ci crede, dalla "fede" che esista? Discorso che può portare molto lontano anche in campo religioso. La forza del film, tratto da Clive Barker, sta soprattutto in questo. Finale ambiguo che conferma l'interrogativo iniziale. Bella e brava la Madsen, bene Tony Todd, che si farà un nome nell'horror recente. Un po' banali gli omicidi e gli effetti speciali.

Capannelle 7/02/20 09:18 - 3928 commenti

I gusti di Capannelle

E' un racconto a tratti didascalico o che volentieri parte per la tangente, ma non si può negare che la prova della Madsen e la figura iconica impersonata da Todd, il pregiato score musicale e la forza di certe sequenze facciano il loro sporco lavoro e giustifichino una certa considerazione. Come dialoghi e linearità dei fatti non si pone certo al top, ma interpretandolo più come una favola che un puro horror può funzionare.

Siska80 23/07/20 17:05 - 1595 commenti

I gusti di Siska80

Soltanto Barker poteva creare un personaggio tanto inquietante (cui le fattezze dell'aitante Todd calzano a pennello) sul quale Rose costruisce con mano sapiente un film violento e visionario al quale la soundtrack azzeccata conferisce un'atmosfera da incubo. Buoni anche ritmo, trucco, effetti speciali e cast, in maniera particolare Virginia Madsen. Il finale (piuttosto triste) evidentemente non prevedeva seguiti (o forse si è pensato di continuare sulla scia del capostipite).
MEMORABILE: Le api dentro la bocca dell'assassino.

Kinodrop 28/07/20 19:09 - 1991 commenti

I gusti di Kinodrop

Le ricerche da parte di una laureanda sulla natura di alcune leggende metropolitane la portano a imbattersi in una figura a dir poco inquietante che alligna tra le pareti di un edificio fatiscente. Un horror dall'incipit realistico e "possibile" che poi prende una piega metafisica dai vari e complessi risvolti, dal doppio registro misterico e psicotico e con qualche buon soprassalto. La confezione è di livello non usuale, con uno script coerente e un cast appropriato (specie Madsen); peccato per la fotografia dal taglio un po' televisivo e per l'invadenza della colonna sonora.
MEMORABILE: L'orribile latrina pubblica; Nello studio dello psichiatra; Uncino e api.

Daniela 14/09/21 09:56 - 10766 commenti

I gusti di Daniela

Ricercatrice di leggende metropolitane si imbatte in quella di Candyman e ne cerca conferme in un fatiscente quartiere popolare... E' proprio l'ambientazione, insieme alla ost di Glass, la cosa migliore di questo film ispirato ad uno dei più noti racconti di Baker, dignitosa ma piuttosto opaca per via di una messa in scena piatta e paratelevisiva. Solo corretta la prova di Madsen, mentre l'Uomo Nero di Todd possiede un certo fascino suadente, pur senza avvicinarsi a quello di altre icone malefiche del genere. Vedibile, per alcuni versi apprezzabile, ma non all'altezza del racconto. 

Nick franc 14/09/21 23:39 - 105 commenti

I gusti di Nick franc

Horror basato su di un racconto di Barker che indovina una buona ambientazione nel quartiere-ghetto e che può contare su di un'eccellente colonna sonora di Glass. La Madsen riesce a conferire spessore al crescendo di sofferenze del suo personaggio, mentre Todd ha un carisma realmente inquietante, tanto che diventerà un'icona del genere. Funziona anche la costruzione del legame tra i loro due personaggi, che prenderà risvolti inaspettati e che culminerà in un finale realmente suggestivo. Qualche momento un po' lento nella prima parte, ma la pellicola funziona complessivamente bene.
MEMORABILE: Il risveglio di Helen a casa di Anne-Marie; La catasta di rifiuti in fiamme; Il murales di Candyman; Le musiche di Glass.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Nicola81 21/09/21 18:50 - 2207 commenti

I gusti di Nicola81

Horror pregevole, che rispetto a molti altri prodotti analoghi poggia su basi più solide e realistiche, affrontando tematiche come il pregiudizio razziale e il degrado urbano. La tensione c'è, e anche se di sangue ne scorre abbastanza, nel complesso non ci si rifugia nei facili effettacci (solo la scena delle api è abbastanza gratuita). Finale cattivo e moralizzatore ma tutt'altro che pretestuoso. Molto brava la Madsen, Todd diventerà un'icona del genere ma forse sul suo versante si poteva fare anche di meglio. Bella la colonna sonora di Philip Glass.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Rebis • 23/04/13 09:32
    Contatti col mondo - 4319 interventi
    Verificherò al prossimo passaggio ;)
  • Curiosità Schramm • 23/08/17 17:19
    Controllo di gestione - 6919 interventi
    * Le api sono state specificamente allevate per il film. Era necessario che avessero solo 12 ore di vita di modo da poter sembrare adulte e al contempo non poter nuocere per via del pungiglione non ancora sviluppato abbastanza da recare danno. Nonostante lo scrupoloso accorgimento, lungo la trilogia Tony Todd ha totalizzato 23 punture d’ape.

    * Le scene in esterni, nei corridoi e nelle scale sono state realmente filmate nell’infame Cabrini Green, previo casting di alcuni membri delle gang dominanti per evitare alla crew problemi di sicurezza legati alle “leggi territoriali”. Nonostante questo accordo, nell’ultimo giorno di riprese un cecchino ha comunque aperto il fuoco su un furgone della produzione. Nessuno è rimasto ferito.

    * L’appartamento adiacente all’armadietto dei medicinali che fungeva da passaggio segreto per intrufolarsi da un loft all’altro è stato scoperto da Rose durante i sopralluoghi per il film e c’è realmente stata una serie di omicidi commessa grazie al passaggio segreto.

    * Se Virginia Madsen non fosse stata disponibile o avesse rifiutato la parte, il piano B per il ruolo di Helen contemplava la allora sconosciuta Sandra Bullock.

    * Data l’allergia alle api di Virginia Madsen, un’ambulanza era sempre presente sul set mentre venivano girate le scene con le api.

    * Oltre a essere divenuto il nomignolo di Gacy, il reale serial killer di riferimento per il villain ideato da Barker era Dean Corll: colpì l’area di Houston, Texas, stuprando, torturando e assassinando (specie tramite una Vergine di Norimberga rudimentalmente costruita con uncini e aculei) una trentina di ragazzini tra il 1970 e il 1973, dopo averli adescati in casa usando come esca caramelle dell’industria dolciaria di famiglia (da cui il soprannome affibbiatogli dai media). Era aiutato nelle proprie gesta da due complici adolescenti; nel tentativo di stuprare e uccidere uno di loro in seguito a una lite, gli hanno sparato uccidendolo. Le ricerche dei cadaveri delle vittime hanno avuto luogo oltre 30 anni. L’ultima non venne mai trovata. Prima di Barker e Rose, fu Monte Cazazza a dedicargli nel 1976 un brano omonimo.

    * Kasi Lemmons è Bernadette, la migliore amica di Helen. Prima di Candyman, ha avuto un ruolo assai similare ne Il silenzio degli innocenti.

    * Appesa accanto allo specchio del bagno di Helen, si intravede una maschera di Guy Fawkes. Fawkes è una pecora nera della storia inglese, ed è tristemente noto per aver tentato di far saltare in aria il Parlamento il 5 novembre 1605. Questa data divenne anniversaria: il Guy Fawkes Day era tradizionalmente celebrata con degli enormi falò in cima e al centro ai/dei quali veniva bruciata l’effigie di Fawkes. Questa ricorrenza è stata interrotta e abolita recentemente per volere dei vigili del fuoco, e a essa si sono ispirati gli autori per il finale del film.

    * In bocca a Todd sono state messe api reali. La sua sola protezione era una griglia che impediva a queste di scendergli per la gola.

    * Per il ruolo di Candyman era stato preso in iniziale considerazione Eddie Murphy, ma dovettero scartarlo per insufficienza toracica, preferendogli in voce, peso, girovita e statura Todd.

    (Fonte: Imdb)

    * The forbidden è il titolo del racconto da cui è tratto il film. È anche il titolo del primo cortometraggio di Barker, che però è stato più una sorta di prova tecnica sperimentale per Hellraiser, che con la novella usata come base da Rose ha ben poco a che fare. Rispetto al film, nel racconto Candyman non è afroamericano ed è descritto come un essere estremamente pallido.
  • Musiche Schramm • 23/08/17 17:20
    Controllo di gestione - 6919 interventi
    Il risultato finale deluse Philip Glass –che si aspettava tutt’altro tipo di realizzazione- a tal punto che negò l’autorizzazione per la vendita della colonna sonora fino al 2001. (Fonte: Imdb)
  • Discussione Ruber • 4/03/19 15:28
    Contratto a progetto - 9078 interventi
    Si girerà un sequel durante quest'anno che dovrebbe andare nelle sale nel giugno del 2020, alla regia Nia DaCosta.
  • Discussione Schramm • 4/03/19 17:43
    Controllo di gestione - 6919 interventi
    di sequel, del tutto inutili, già ne ebbe due, sicuramente qui schedati. un altro sequel, senza barker e rose consorziati, cui prodest?
  • Discussione Ruber • 6/03/19 01:40
    Contratto a progetto - 9078 interventi
    Schramm ebbe a dire:
    di sequel, del tutto inutili, già ne ebbe due, sicuramente qui schedati. un altro sequel, senza barker e rose consorziati, cui prodest?

    A Hollywood negli ultimi anni hanno ben poche idee, e allora sfornano reboot e remake di ogni cosa, vedasi anche l'annunciato remake di "A letto con il nemico" (lo rovineranno di sicuro!) e probabilmente il sequel di "Quattro matrimoni e un funerale", quest'ultimo per lo meno dovrebbe avere lo stesso cast dell originale e sopratutto lo stesso regista. Per Candyman non contenti delle due brutture fatte dopo il primo, hanno deciso di ritentare ancora, se per lo meno fosse con lo stesso regista e cast, mentre gli appioppano questa misconosciuta regista...
  • Discussione Schramm • 6/03/19 02:34
    Controllo di gestione - 6919 interventi
    Ruber ebbe a dire:
    se per lo meno fosse con lo stesso regista e cast

    sarebbe comunque un bel guaio. anzi, sarebbe forse anche peggio (vedi il monumento al pleonasmo scolpito da haneke con l'autoremake di funny games). non credo comunque rose abbia interesse a fare altrettanto.
  • Discussione Buiomega71 • 15/08/19 19:22
    Pianificazione e progetti - 23188 interventi
    Pare che Jordan Peele metta mano al reboot

    https://www.joblo.com/horror-movies/news/jordan-peeles-candyman-reboot-begins-filming
  • Discussione Schramm • 13/05/21 15:56
    Controllo di gestione - 6919 interventi
    santa madre, non c'è più religione, l'hanno violato davvero! annunciato per lo scorso giugno, il reboot della miglior cosa mai tratta da barker si affaccerà sugli schermi a fine agosto 2021. per me, obiezione di cine-coscienza.
  • Discussione Caesars • 31/08/21 15:17
    Scrivano - 13803 interventi
    Il 26 di Agosto è uscito un nuovo "seguito" del film, diretto da 
    Nia DaCosta. Titolo: semplicemente "Candyman". Potrebbe non essere malaccio (qui si può leggere una recensione scritta da Rudy Salvagnini).