LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/08/07 DAL BENEMERITO FABBIU
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 17/08/07 11:10 - 4526 commenti

I gusti di Puppigallo

Il successo di questa prima serie è dovuto a tre semplici ingredienti: ragazzi simpatici (su tutti il timido e pasciuto Bruno Sacchi e il somaro impenitente Lazzaretti), storie leggere e piuttosto divertenti e attori di contorno all'altezza (il padre burino di Sacchi, il professore che spaventa il povero Bruno e si diverte a sommergere di 2 Lazzaretti, e il padre di Sharon (la più bella), ricco (salumi Zampetti), sbruffone e dalla sentenza pronta (chiama il maggiordomo nero "Africa", o "Radici" e sottolinea le sue pensate con "Taaac". Piacevole.
MEMORABILE: La frase simbolo del professore: "Sacchi...3!" (prima di sentenziare, si tocca il naso con le tre dita).

Fabbiu 15/08/07 21:37 - 1954 commenti

I gusti di Fabbiu

L'atmosfera delle commedie italiane anni '80 è presente in questa serie che fa da specchio sia agli usi e alle tendenze dell'epoca che alla vita dei liceali. Una valida e salda sceneggiatura, con battute e dialoghi mai banali ma quasi sempre efficaci e divertenti. L'umorismo fa perno sulle personalità degli alunni stereotipizzati: dal tontolone Bruno Sacchi all'ultra ripetente Chicco; passando attraverso la dark lady, lo sportivo, le secchione e gli innamorati. Valido soprattutto per le buone interpretazioni dei caratteristi, molti ancora noti.
MEMORABILE: Tutte le comicissime parti di Spartaco (Ennio Antonelli), le fregature al povero Sacchi da parte del cartolibraio, i frequenti spot pubblicitari.

Renato 17/08/07 13:25 - 1593 commenti

I gusti di Renato

Uno dei pochi telefilm italiani di cui si parli ancora dopo 20 anni. Era bello seguire le vicissitudini di questo gruppo di liceali romani, merito anche di un cast di protagonisti decisamente azzeccato, e lo stesso dicasi per i comprimari (l'ottimo Guido Nicheli su tutti). Ci sono puntate estremamente divertenti ed altre così così, ma nel complesso la serie funzionava, eccome.

G.Godardi 22/05/08 19:31 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Titolo importantissimo per la fiction italiana. E' infatti da questa serie che praticamente ripartono le produzioni seriali made in italy. Più che per il suo valore effettivo vale per gli altissimi ascolti che fece. Questi ragazzi della 3^ C sono figli dei film dei Vanzina (la produzione è loro) e nipoti del mitico cinema popolare anni 70, dal quale si riesumano una marea di nomi cult (Nicheli, Antonelli, Allocca, Giuliani, Venantini, Lassander) simbolizzati del resto anche dagli ex bambini prodigio Cestiè e Elmi. Divertente, scacciapensieri e totalmente irreale.

Hackett 24/05/08 19:53 - 1747 commenti

I gusti di Hackett

Prodotto che porta in sé tutta l'atmosfera e l'ingenuità degli anni '80. "I ragazzi della terza C", per chi li ha gustati in tv all'epoca, sono stati un bel divertimento e sono diventati ora un piccolo cult. Poco importa forse per chi li ha apprezzati che le interpretazioni fossero poco all'altezza o che le storie fossero quanto di più banale potesse essere scritto. In fondo sono specchio di quegli anni, ad uso e consumo di chi li ha vissuti. Sconsigliabile forse vederli oggi per la prima volta.

Cangaceiro 29/10/08 11:45 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

A livello di ascolti è il telefilm italiano con più successo nella storia della nostra tv. Il gradimento popolare fu altissimo grazie alla simpatia e alla comicità degli attori e caratteristi presenti; gente come Bracconeri, Ferrari, Nicheli, Antonelli e Drovandi messa insieme dava vita a situazioni sempre divertenti e genuine all'interno di un susseguirsi di storie ingenue ma pur sempre vivaci e godibili. Anche il comparto femminile non è da meno, con la stralunata Elmi e le due secchione. Bei tempi che furono...

Cotola 30/10/08 14:00 - 7626 commenti

I gusti di Cotola

Simpatica scemenza che all'epoca ebbe un grandioso successo e che quando ero ragazzino mi faceva impazzire. Rivista ad anni di distanza va detto che la serie non eccelleva certo per ritmi, qualità ed originalità (specie nella caratterizzazione dei personaggi), ma si mantiene ancor oggi gradevole e divertente.

Homesick 8/03/09 19:07 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Estremo testimone di una TV perduta: divertente, sereno e senza volgarità, denso di riferimenti a noti fatti, persone e fenomeni televisivi degli anni’80 (una beatitudine per i nostalgici). Gli attori, non tutti brillanti, sanno comunque ben caratterizzare le varie tipologie di personaggi: risaltano il buon Bracconeri, il ripetente incallito Ferrari, l’esistenzialista Elmi e le secchione Dadda-Ventura. E poi Allocca, Antonelli, Nicheli tra i battibecchi con George e la corte alla Lassander… Sponsorizza il Cornetto Algida.
MEMORABILE: Bruno nella cartolibreria di Ciro. Benedetta e il cinema coreano. La pessima (ma simpaticissima) recitazione di Sharon.

Galbo 19/08/09 15:32 - 11451 commenti

I gusti di Galbo

Tra i primi esperimenti di telefilm seriale prodotti in italia e accompagnata da un grandissimo successo di pubblico, I ragazzi della 3° C è un produzione che con tutti i limiti insiti nell'operazione appare ancora abbastanza gradevole, grazie sopratutto alla simpatia di alcuni componenti del cast. Certo l'impianto generale lascia abbastanza a desiderare, specie in termini di qualità complessiva e di cura del prodotto.

Disorder 11/09/09 22:19 - 1410 commenti

I gusti di Disorder

Impossibile non lasciarsi conquistare dalla simpatia di Bruno, Chicco, Benedetta, Sharon ecc... i liceali in cui chiunque può riconoscersi (e che chiunque avrebbe voluto come compagni!). Il punto di forza era proprio la caratterizzazione dei personaggi, davvero riuscita; per il resto le puntate erano piuttosto ripetitive ma sempre molto divertenti. Da ricordare la presenza del grande Nicheli, qui padre della bella Sharon. Tra le poche fiction italiane veramente da ricordare.
MEMORABILE: Aziz, il cameriere di casa Zampetti; la mitica dark Benedetta.

Ciavazzaro 13/09/09 12:57 - 4766 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Sapendo già che mi attirerò strali di critiche, una serie che ho sempre detestato alla follia. Tolti ottimi caratteristi come il carissimo Antonelli, Nicheli o la Lassander, il cast di giovincielli è quanto di più insopportabile ci sia in circolazione. Inesistente.

Daidae 25/05/10 20:53 - 2762 commenti

I gusti di Daidae

Ho sempre detestato i telefilm/serie (College, Classe di ferro) e ancor di più le soap degli anni a venire (Beverly hills 90210 e ragazzinate varie). Ma questo I ragazzi della 3a C non è poi da buttar via: cast mitico composto da vecchie glorie del cinema anni 80 (Venantini, Allocca, Ennio Antonelli) e ex attori-bambini ora ragazzi (la Elmi che dopo questa esperienza lascerà il cinema e il bambino dei lacrima Cestiè). Divertente ma niente di eccezionale; comunque va riconosciuto che tra le serie italiane è stata una delle poche (l'unica?) decenti.
MEMORABILE: Le due secchione.

Dengus 13/01/11 21:11 - 349 commenti

I gusti di Dengus

Gli anni '80, La loro estrosità e superficialità... ma la gioventù che credeva ancora nell'amicizia e collaborazione! L'amicizia senza Web, i-Pod, Facebook, cellulare... Si litiga, ci si innamora, si piange (pochissimo) e ci si aiuta; un'atmosfera che quasi non c'è più, tanto che un ragazzino di oggi troverebbe surreali alcune cose e mode! Telefilm che ha fatto la storia: avevo 6 anni quando uscì, ma lo guardavo sempre! Invecchiato, quello sì, ma non stanca mai!

Trivex 14/03/11 14:22 - 1507 commenti

I gusti di Trivex

Rivista con piacere in tv, questa serie è riuscita in quanto: i personaggi sono simpaticissimi e c'è pure la mitica Nicoletta Elmi; le storie fanno assaporare l'ultimo pezzo d'atmosfera del carissimo ventennio 70/80; nel 1987 ero giovane! Riesco a beccarmi le due puntate del sabato che passano con disinvoltura tra feste, interrogazioni, sconfitte amorose, coppie mitiche e singoli istituzionali. Le caricature ci sono tutte: belle, belli, brutti e brutte; bravi e asini. Le famiglie sono simpatiche e la società vantava ancora apprezzamenti ormai persi.

Markus 10/10/12 08:32 - 3331 commenti

I gusti di Markus

Ci sono serie TV che restano nella storia e questa è senz'ombra di dubbio una di queste grazie al grande consenso ottenuto, per l'impatto che ebbe allora sui giovani e perché no, anche come istant-movie scolastico/generazionale anni '80 (decennio contrassegnato dalla voglia di leggerezza e disimpegno). Il cast ha funzionato e molti personaggi sono rimasti scanditi nel tempo facendo divertire milioni di ragazzi; anche se oggi resta un prodotto legato al periodo della messa in onda.

124c 16/08/13 12:51 - 2778 commenti

I gusti di 124c

La terza C apre i battenti facendosi conoscere al pubblico con i suoi ragazzi svogliati, ma simpatici, autentici mattatori delle storie. Claudio Risi si allontana dai film della commedia sulle scuole, degli anni '70/'80, evitando eccessivi siparietti sexy. I ragazzi si vedono anche fuori e a casa, dove sono accuditi dai genitori più bizzari e stralunati. Fra tutti emerge Fabrizio Bracconeri, scoperta di Carlo Verdone, qui nel ruolo di Bruno Sacchi, il più simpatico della classe. Grandi Guido Nicheli e Ennio Antonelli, bella Dagmar Lassender.

Pumpkh75 14/09/13 13:57 - 1336 commenti

I gusti di Pumpkh75

Una delle serie per eccellenza di noi ragazzi anni 80, traslati direttamente dalla nostra classe in quel martedì sera in TV e infarcita di un umorismo spesso forzato ma dal dolce e nostalgico sapore retrò. Tranne un caso (Rossella’s Baby), gli episodi sono tutti ad alto tasso di divertimento, nonostante qualche performance inadeguata (la Gusberti!) e i continui inserti pubblicitari. Ci ricordiamo tutti di Bruno Sacchi, Chicco o Benedetta, ma a essere irresistibili sono Guido Nicheli, Andrea Giuliani e lo straordinario Ennio Antonelli. Cult.

Ramino 30/12/13 19:53 - 127 commenti

I gusti di Ramino

L'universo scolastico degli anni '80 rappresentato da un folto gruppo di amici, più che compagni di scuola. Cast giovanile ben assortito e storielline ben sviluppate nonostante i limiti di recitazione e di budget per la messa in scena (strano, considerata l'enorme quantità di pubblicità poco occulta). Nutrito cast di caratteristi che spazia da Nicheli alla Lassander passando per i grandi Antonelli e signora, strepitosi nella parte dei genitori del povero Bracconieri. Rivisto oggi è sempre un piacere.
MEMORABILE: Sacchi... tre!

Ultimo 14/07/16 09:26 - 1384 commenti

I gusti di Ultimo

Siamo in pieno anni 80 con questa serie tv semplice ma divertente e sicuramente riuscita. Il merito è sopratutto dell'ottima commistione del cast: tra i giovani i migliori sono Bracconeri e Ferrari (il leggendario pluri-ripetente Lazzaretti); tra i grandi spiccano Ennio Antonelli (il padre di Bracconeri) e Guido Nicheli (un ricco sfondato che sforna battute a raffica e chiama il maggiordomo nero "Biancaneve"). Non tutti gli episodi sono di pari livello ma nel complesso merita tre pallini.
MEMORABILE: Lazzaretti al quiz in tv.

Stelio 8/08/16 21:22 - 384 commenti

I gusti di Stelio

Enormemente mediocre. Scritto benino, recitato male ma girato peggio (fatta eccezione per attori di enorme spessore come il sottovalutatissimo Massimo Giuliani), I ragazzi della Terza C ha soprattutto il merito di aver tracciato un'epoca. Ciò detto, la prima stagione della serie è davvero sottotono, rivista dopo anni e lontano dal clima infantile e giovanile degli anni d'oro. Meglio le altre due, pur senza essere chissà quali capolavori.

Plauto 8/01/18 22:04 - 119 commenti

I gusti di Plauto

Si salvano i primi due episodi, poi va sempre più scemando fino a raggiungere livelli di amatorialità tristissimi. Il peggiore è Bracconeri, che stranamente in Acqua e sapone di Verdone era stato abbastanza bravo. Il telefilm piacque perché i ragazzini si riconoscevano in qualche modo nei modi di fare di questa classe romana. In fondo nostalgico.
MEMORABILE: Lo strano gesto del professore di italiano (Allocca) quando affibbiava i "2" a Sacchi.

Il Dandi 4/08/19 17:23 - 1849 commenti

I gusti di Il Dandi

Il cult degli anni d'oro della Fininvest di fatto è un rip-off televisivo del cinema vanziniano (in particolare di Vacanze in America da cui si riprendono il Rosselli musicologo e Ferrari promosso al ruolo del capobranco ripetente che lì era Calà). Tutto inspiegabilmente funziona, dalle non-recitazioni (Sharon) a un product placement spudorato ma intelligentemente targettizzato: il Cornetto Algida, loghi paninari come Timberland e Benetton, nonché la dimensione meta-Fininvest (come la puntata del quiz con Marco Columbro). Oggi ancor più naïf.
MEMORABILE: Stranamente (o forse no) sono gli adulti a collezionare le frasi più memorabili, dal professore napoletano (Allocca) al commenda milanese (Dogui).

Gabrius79 3/09/19 21:17 - 1206 commenti

I gusti di Gabrius79

Prima serie di questo telefilm che tanto successo ebbe a suo tempo. Ció è dovuto alle storie semplici, mai volgari, non prive di una certa bonarietà. Il cast principale vede tra i migliori Bracconeri, Ferrari e la Elmi, mentre quello secondario è più che brillante (su tutti Antonelli e Nicheli), da dimenticare la Gusberti. È evidente che gli episodi (alcuni godibili, altri meno) siano girati in economia, ma poco importa per il buon risultato finale. Sponsor à gogo con Algida e Opel.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Ruber • 19/08/09 02:11
    Compilatore d’emergenza - 9009 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Non mi stupisce che sia ancora intestata a lui. La villa della foto è lei. Che dite, facciamo una colletta e ci piazziamo la sede ufficiale del Davinotti? :-)

    la puoi trovare qui ma voglio la medaglia al valore civile nonche' gli squilli di tromba,
    cmq me la ricordavo bene, e' l'altra sera ho controllato bene su http://www.dimore.com/ un sito che pubblcizza villee case da sogno in vendita e affitto in Italia, ed eccolali non mi potevo sbagliare, la chiamano la residence du golf, propio eprche' e affacciata sul campo da golf dell olgiata, come si vede anche dalla mappa postata nello speciale; vara' credo una decina di mioni di euri, ma sai quante' che la pubblicizzano, uff, praticamente da quando l'avevano prposta ad eriksson, quindi parecchi anni, non vendendola l'affittano al cinema e pubblcita' varie,cmq bella l'idea di farne la sede del davinotti assolutamente idea azzecata, tipo playboy mansion, dentro una decina di ragazze avvenenti:)) ciao!
    Ultima modifica: 19/08/09 02:12 da Ruber
  • Discussione Olotiv • 5/08/11 01:09
    Galoppino - 3 interventi
    Una piccola annotazione dopo aver rivisto la prima puntata: nei panni del preside del Liceo Leopardi compare Mario Maranzana, che sarà Giovanni Malfenti ne La Coscienza di Zeno di Sandro Bolchi.
  • Discussione Gugly • 1/01/14 12:12
    Segretario - 4679 interventi
    Ho appena saputo che ci lasciati Antonio Allocca, mannaggia! Mi piace ricordarlo qui, nei panni del mitico prof. del "tre"!
  • Discussione Zender • 1/01/14 19:07
    Consigliere - 43737 interventi
    Caratterista storico anche nella Lotteria di Capodanno (poer rimanere in tema con la giornata).
  • Musiche Ruber • 14/09/19 08:45
    Compilatore d’emergenza - 9009 interventi
    La sigla della prima serie era la bella Fire Lady di Christal (M. De Martino/Rava), nella seconda stagione era la divertente Studiare in jeans di Simon Luca, infine nella terza e ultima stagione è: Joe disumano rock, sempre di Simon Luca.
  • Curiosità Samuel1979 • 5/05/20 02:09
    Call center Davinotti - 2977 interventi
    Il flipper presente nel bar gestito da Matteo "Totip" (Drovandi), è un Gottlieb Chicago Cubs Triple Play del 1985:

  • Musiche Samuel1979 • 6/05/20 22:42
    Call center Davinotti - 2977 interventi
    Nell'episodio "Tutti al mare", durante le sequenze girate in spiaggia, viene trasmesso il brano "Good Vibrations" dei Beach Boys
    Ultima modifica: 6/05/20 22:43 da Samuel1979
  • Musiche Samuel1979 • 8/05/20 22:17
    Call center Davinotti - 2977 interventi
    Episodio " Buon Natale"

    Il disco regalato da Bruno Sacchi (Bracconieri), a Rossella (Vegliante), è " Effetto Amore" di Al Bano & Romina Power datato 1984

    ----
    Ultima modifica: 11/05/20 10:36 da Samuel1979
  • Curiosità Samuel1979 • 14/05/20 22:44
    Call center Davinotti - 2977 interventi
    Il libro di letteratura usato in classe dai ragazzi della 3°C, è "Letteratura e Realtà" di Riccardo Marchese. Questo libro viene praticamente inquadrato ogni puntata! Proprio da questo testo vengono spiegate dal prof. di italiano (Allocca) le innumerevoli lezioni su Leopardi:

  • Discussione Samuel1979 • 16/05/20 11:02
    Call center Davinotti - 2977 interventi
    Nel cast è presente l'attrice Anita Durante, qui nei panni della nonna di Bruno Sacchi ( Bracconieri),