Lo trovi su

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/02/17 DAL BENEMERITO BELGAZZARA
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Belgazzara 1/03/17 00:32 - 27 commenti

I gusti di Belgazzara

Un film anomalo, poco commerciale, apparentemente distante dai gusti dell'Academy che però lo premia con l'Oscar (forse per scelta politica: un'opera di cui la comunità afroamericana sentiva il bisogno?), Moonlight è una difficile storia di formazione che sottrae emozioni anziché regalarle. Tuttavia la regia rarefatta che ricorda film asiatici, la sciatta rappresentazione di Miami, la quasi totale assenza di glamour e imbellettamenti catchy, ci fanno chiedere se, in realtà, Jenkins non sia avanti anni luce su nuovi modi di fare cinema.
MEMORABILE: La scena del bacio; "Cell Therapy" dei Goodie Mob.

Saintgifts 8/03/17 00:07 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Piccolo, Chiron, Black, tre nomi per la stessa persona, tre stadi della vita, da bambino a uomo. Di origine teatrale, una storia di vita piuttosto comune per il luogo, la condizione e il tempo in cui viene vissuta, raccontata con la pretesa di prendere lo spettatore per il collo costringendolo a fermare la frenesia della routine quotidiana per seguire i silenzi, le paure, le pulsioni, le rabbie del protagonista. Per fare questo imprime un ritmo a forte rischio di assopimento. La parte finale gira a vuoto, tra ripetizioni e vacuità. Pretenzioso.

Rebis 8/03/17 09:02 - 2353 commenti

I gusti di Rebis

La cultura afro è addomesticata in una confezione raffinatissima, costellata di primi piani, ralenti, sfocature, luci fluo e oscurità che s'inabissano nel tempo. Il sentore di un'operazione incravattata per l'Academy è duro a estinguersi: ma il fatto che la parabola in tre atti di Chiron, tolto il contesto ambientale, sia assimilabile a quella di un giovane caucasico, diventa un paradossale valore aggiunto, segno di una democratizzazione dei contenuti, di un'orizzontalità empatica del vissuto. Certo, chi cerca sperma, sudore e sangue dovrà fare ammenda con un montaggio ellittico, erotizzante.
MEMORABILE: La mano che scivola sulla sabbia dopo la masturbazione.

Capannelle 12/03/17 14:33 - 4438 commenti

I gusti di Capannelle

Prendendo spunto da un lavoro teatrale, Jenkins mette in scena la vita di un ragazzo nero in tre stadi innestando i soliti temi di periferia su basi lontane dal solito e soffermandosi con la mdp sui pensieri dei protagonisti, senza per fortuna drammatizzare in modo esplicito né cercare teatrini giudicanti. Non tutto torna come racconto; non so se fosse da Oscar ma è un lavoro di qualità e personalità che fa risplendere le prove di molti attori.

Paulaster 8/06/17 10:22 - 4494 commenti

I gusti di Paulaster

Suddivisa in tre macro fasi temporali, la vita di un giovane nero. Sincero senza essere emotivo, il film fa percepire la fragilità di chi cresce in un ambiente da machi provando pulsioni gay. L'ultima parte è sbilanciata perché rallenta troppo, però riesce ad avere un buon finale. Regìa poco esaltante: somiglia a Aronofsky, copia spudoratamente I quattrocento colpi e inserisce senza motivo Caetano Veloso in mezzo all’hip-hop. Utilizzo della fotografia satura adatta solo per il caldo di Miami.
MEMORABILE: La sediata nella schiena; I denti d’oro.

Galbo 7/08/17 08:10 - 12438 commenti

I gusti di Galbo

Visione d’autore della vita dei ghetti afroamericani che si focalizza su un giovane in tre fasi diverse della vita, a partire dall’infanzia. Il talentuoso regista Jenkins segue il personaggio regalando allo spettatore una visione molto intima e personale con momenti di profondo realismo. Un merito dell’autore è quello di avere trovato un gruppo di eccellenti e credibilissimi interpreti, particolarmente aderenti ai propri personaggi. Ottima la scelta delle musiche e la fotografia. Un Oscar meritato.

Nando 4/03/18 22:15 - 3833 commenti

I gusti di Nando

Una pellicola che affronta un tema delicato miscelando bullismo con latente omosessualità nei sobborghi di Miami. Validi e ben realizzati i primi due "episodi" mentre nel terzo emerge una certa lentezza che sfocia in dialoghi prolissi e un finale forse previsto. Buono il cast, con Ali spacciatore dal cuore d'oro e gli altri interpreti ispirati. Indubbiamente un buon film ma non un capolavoro.

Giùan 11/05/18 09:38 - 4612 commenti

I gusti di Giùan

Ellittico e "oleografico" per scelta autoriale, il film di Jenkins resta senza dubbio impresso per la sua poetica didascalicità alla quale tuttavia paga il fio alla distanza sembrando inconsistente e artefatto al di là delle sue buone intenzioni. E se alcuni personaggi, come l'anomalo spacciatore di Mahershala Ali, rifulgono di complessità grazie alle "omissioni" della narrazione, il protagonista Chiron finisce quasi per polverizzarsi sociologicamente. Politicamente e psicologicamente nella rarefazione di un quadro troppo intento a far la cosa giusta.

Tomastich 12/09/18 10:08 - 1255 commenti

I gusti di Tomastich

Problemi razziali, droga, omosessualità, solitudine. Tutti temi che trattati singolarmente hanno fatto la "fortuna" di tantissimi titoli; Barry Jenkins invece li prende tutti assieme e costruisce un'opera in tre atti di grande intensità emotiva senza scadere nel "filmino a tema" tanto caro alle minoranze. Qui, anche per lo sguardo così dolce e allo stesso tempo apocalittico del regista, gli altri siamo noi.

Jandileida 23/02/19 09:05 - 1576 commenti

I gusti di Jandileida

Parabola di formazione dal sapore universale nonostante l'ambientazione afroamericana: nei tre atti della vita di Chiron si ritrovano infatti tutte le dure pietre che, in ogni quando e dove, lastricano di dolore la vita delle minoranze, degli ultimi e dei deboli. Dato atto a Jenkins di questo e riconosciutogli anche il merito di aver schivato il piagnisteo, arriviamo alle note dolenti: ritmo blando, finale tirato per le lunghe, regia stilosa ma troppo leccata che finisce per togliere immediatezza al racconto. Bravi i tre Chiron, Ali di sostanza ma fugace.

Trevante Rhodes HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina 12 soldiersSpazio vuotoLocandina The PredatorSpazio vuotoLocandina Bird box - La morte avrà i tuoi occhiSpazio vuotoLocandina Gli Stati Uniti contro Billie Holiday

Redeyes 15/04/20 07:14 - 2455 commenti

I gusti di Redeyes

Jenkins mette in scena una cruda realtà di disagio con poche, quasi nulle concessioni alla spettacolarizzazione. Un ragazzo e la sua vita, dall'infanzia fino alla maggiore età, costantemente inseguito dal proprio malessere: una madre tossica, bullismo, la propria sessualità. Con lo scorrere dei minuti si fatica a non voler bene a Piccolo e parallelamente ringraziare di essere lontani da certe realtà. L'esasperazione del realismo castra il nostro bisogno di rivincita ma non sempre questa è come la immaginiamo.

Daniela 23/01/20 16:20 - 12731 commenti

I gusti di Daniela

Bambino senza padre trascurato dalla madre tossica, adolescente bullizzato dai compagni ed incerto sulla proprietà identità sessuale, giovane uomo che si guadagna da vivere spacciando: scandita in capitoli, la vita di un afro-americano al giorno d'oggi al centro di un film che fa dell'approccio intimistico e del rifiuto di ogni spettacolarizzazione la propria cifra stilistica, tanto da non fornire spiegazione alcuna circa la sorte di uno dei personaggi-chiave. Una scelta coraggiosa, premiata dalla critica, ma che sacrifica la possibilità di empatia sull'altare di un'algida autorialità.

Pigro 19/02/21 10:19 - 9753 commenti

I gusti di Pigro

Bambino, adolescente e giovane adulto: tre momenti della vita di un individuo immerso in una profonda solitudine, tra una madre tossica, il bullismo a scuola e la scoperta di una sessualità diversa. Il protagonista anestetizza sentimenti ed emozioni, costruendo una corazza di silenzi e muscoli, che nascondono un dolore e una personalità incapaci di esprimersi. Il tocco delicato della regia (la scena di sesso gay sulla spiaggia è poesia), che gioca tra allunghi e sottrazioni, trasforma una classica storia di formazione in un vibrante poema.

Medicinema 15/05/21 01:12 - 125 commenti

I gusti di Medicinema

Di una dignità e una tenerezza fuori dal comune, l'opera di Jenkins ha molto da insegnare, e non solo in senso cinematografico. La vita del timido Chiron, alla disperata ricerca di una figura a cui aggrapparsi, scorre fra una madre tossica, una strana figura paterna e il rapporto col coetaneo Kevin. Aiutato da un cast da applausi, il regista tocca con magistrale delicatezza temi come l'omosessualità, la droga, l'omofobia, ferendo e accarezzando lo spettatore, e chiudendo con un finale memorabile. Un film all black che si tinge di rosa, e di verde speranza. Oscar strameritato.
MEMORABILE: L'incontro al ristorante.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Curiosità Zender • 1/03/17 07:15
    Capo scrivano - 47992 interventi
    Oscar 2017 come miglior film, miglior attore non protagonista (Mahershala Ali), miglior sceneggiatura non originale (Barry Jenkins e Tarell Alvin McCraney).
  • Discussione Buiomega71 • 2/07/19 16:28
    Consigliere - 26171 interventi
    Trasmesso in tv con il titolo: Moonlight - Tre storie di una vita
    Ultima modifica: 2/07/19 17:49 da Zender
  • Discussione Raremirko • 2/10/19 14:45
    Call center Davinotti - 3862 interventi
    Solito racconto di formazione, ben interpretato, ben fotografato.

    Le dinamiche sono possibili/verosimili (rimandi omosessuali, spaccato sociale invaso da droga e criminalità, ecc.), la regia lodevole ma da qui a dare 3 Oscar maggiori ce ne passa abbastanza; comunque un buon film.
  • Discussione Pigro • 19/02/21 10:38
    Consigliere - 1669 interventi
    Scusate, ma l'elenco dei nomi riportato nella locandina è piuttosto casuale: manca addirittura il protagonista Trevante Rhodes, e invece ci sono poco più che comparse... Quindi chiedo anzitutto di integrare e, visto che ci siamo, di rimettere i nomi con un criterio di senso e di importanza. Nell'elenco che riporto io qui, fino a Patrick Decile compreso sono attori di un certo peso, dopodiché sono appunto poco più che comparse (e quindi volendo si possono non mettere):
    Trevante Rhodes, Ashton Sanders, Alex R. Hibbert, Naomie Harris, André Holland, Jharrel Jerome, Jaden Piner, Mahershala Ali, Janelle Monáe, Patrick Decile, Shariff Earp, Duan Sanderson, Herman 'Caheei McGloun, Kamal Ani-Bellow, Keomi Givens, Eddie Blanchard, Rudi Goblen, Edson Jean, Ashton Sanders, Edson Jean, Herveline Moncion, Fransley Hyppolite, Jesus Mitchell, Larry Anderson, Tanisha Cidel, Stephon Bron, Don Seward
    ('Caheel non è un errore: c'è proprio un apostrofo prima della C)

    p.s. - il problema nasce da come sono stati riportati i nomi su Imdb, che in questo caso ha riportato in ordine di apparizione! E quindi non rispondenti al reale peso degli attori. E chi ha fatto il copia-incolla, probabilmente anche perché i protagonisti non sono così famosi, non si è reso conto di assenze così clamorose.

  • Discussione Zender • 19/02/21 12:37
    Capo scrivano - 47992 interventi
    Sì certo, è una cosa che capita spesso purtroppo. Grazie, sistemati.