Cerca per genere
Attori/registi più presenti

MOMENTI DI TRASCURABILE FELICITà

All'interno del forum, per questo film:
Momenti di trascurabile felicità
Dati:Anno: 2019Genere: commedia (colore)
Regia:Daniele Luchetti
Cast:Pif, Thony, Renato Carpentieri, Francesco Giammarco, Angelica Alleruzzo, Vincenzo Ferrera, Franz Cantalupo, Manfredi Pannizzo
Note:Film tratto da due romanzi di Francesco Piccolo: l'omonimo "Momenti di trascurabile felicità" e "Momenti di trascurabile infelicità".
Visite:471
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 9
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/3/19 DAL BENEMERITO MARKUS

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 16/8/19 8:08 - 10903 commenti

Commedia sulle priorità della vita diretta da Daniele Lucchetti e tratta da due libri di grande successo. Portatore di una filosofia spicciola di facile presa, il film si basa su una sceneggiatura flebile che esaurito il primo spunto si sviluppa a fatica. Ci mettono una pezza i protagonisti Pif e Thony efficaci e di grande simpatia e umanità, mentre il grande Carpentieri incide poco, a causa di un personaggio parecchio insulso. Si può vedere ma si dimentica in fretta.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Tarabas 19/3/19 9:51 - 1608 commenti

Per quanto il protagonista possa risultare simpatico, il film non è molto convincente, non ha un registro chiaro e ammicca troppo. Ammicca al pubblico femminile e a quello maschile, ai genitori e ai figli, ai credenti e agli atei. Troppo di tutto, troppa voce fuori campo stile audiolibro, troppi finali (ci sono 5 minuti veramente di troppo). I romanzi avevano suscitato reazioni molto contrastanti, il film sembra pensato per un pubblico mainstream alla ricerca di intrattenimento con ambizioni filosofiche. Scontato anzichenò.
I gusti di Tarabas (Commedia - Gangster - Western)

Daniela 4/7/19 18:43 - 8008 commenti

Come accadeva in un vecchio film di Hall ripreso da Beatty, il protagonista muore in anticipo rispetto al momento prefissato a causa di un errore da parte di un contabile celeste. Nel suo caso però l'errore è stato solo di un'ora e mezza. Troppo poco per rimediare agli errori di una vita, abbastanza per comprenderne le priorità. Spunto grazioso ma risultato a tratti stucchevole a causa di una sceneggiatura troppo ammiccante. Inoltre l'epilogo ha l'effetto di un soufflée che si sgonfia, svilendo quanto di buono visto in precedenza. Pif simpatico ma poco convincente, brava Thony.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Markus 18/3/19 8:40 - 2874 commenti

Un ingegnere palermitano muore in un incidente stradale e si ritrova lassù, nello smistamento delle anime, dove avrà l'occasione per ritornare alla vita terrena per circa un'ora. Conscio del fatto che l'assonato pubblico del cinema richiede leggerezza e qualche ghigno qua e là, Daniele Luchetti trasborda su pellicola due romanzi di Francesco Piccolo con l'acutezza di chi sa che deve intrattenere (a partire da Pif come protagonista assoluto e la sua "non recitazione"). Morale un po' di maniera, ma complessivamente un film dilettevole.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Rambo90 24/3/19 18:55 - 5772 commenti

Un film leggero e piacevole, che riesce a parlare di quotidianità ponendo l'accento sui giusti momenti senza pontificare troppo. L'intero film si sviluppa in una specie di bolla straniante senza un genere preciso, dove l'interpretazione atipica di Pif si inserisce perfettamente. Non è un capolavoro ma intrattiene il giusto, con un finale azzeccato. Buono.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Ryo 3/4/19 11:48 - 1875 commenti

Regia particolare con sorprendenti scelte originali. Piuttosto atipico rispetto ai canoni che caratterizzano questo genere di commedie "di redenzione", si sviluppa per mezzo di flashback raramente scanditi, creando un effetto straniante che ci fa chiedere: "Siamo nel presente o nel passato, adesso?". Gli attori sono ben scelti e tutti molto credibili; anzi, a dirla tutta il meno bravo risulta forse proprio Pif, spesso fra le nuvole, ma forse è proprio per quello che è stato scelto, perché si sposa bene col personaggio.
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Bubobubo 21/7/19 15:57 - 843 commenti

Riuscito a metà. Alcuni elementi comici, specialmente quelli apertamente autoironici verso i protagonisti e il loro mondo d'appartenenza piccolo borghese, strappano più di un sorriso (bravo Pif, ma ancora meglio l'incantevole spalla Thony e alcuni tra i personaggi adulti di contorno). Anche lo spunto narrativo, per quanto scivoloso, viene trattato con giusto equilibrio. La scrittura è però incostante (stereotipata la figura di Aurora-Alleruzzo) e il finale, che vorrebbe farsi e dirsi ambiguo, eccede nella melassa. Nel complesso sufficiente.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'apertura del sottopassaggio accolta con esultanza da Pif-Paolo sulle note di "Un'emozione da poco" di Anna Oxa.
I gusti di Bubobubo (Drammatico - Horror - Thriller)

Lou 21/7/19 13:45 - 811 commenti

La simpatia stralunata di Pif risalta anche in questo film di Luchetti, liberamente ispirato ai brevi romanzi di Piccolo (qui anche sceneggiatore). Niente di particolarmente originale, ma il tema della nostra incapacità di apprezzare le cose importanti della vita, come gli affetti famigliari, se non quando stiamo per perderle ha sempre grande fascino, soprattutto se ben condito con ironia e leggerezza.
I gusti di Lou (Avventura - Azione - Drammatico)

Sircharles 14/4/19 23:30 - 80 commenti

Il solito Pif che, preso in doti abbondanti, alla lunga può risultare stucchevole e ripetitivo. La sensazione è che, sotto il vestito della sua capacità affabulatoria, ci sia ben poco: la storia non brilla per originalità (ricorda una celentanata d'antan, per dire) e qualche buona intuizione si stempera col progredire della trama. Il protagonista, certo, riesce a rendere l'opera godibile più di quanto essa meriti, finendo però col "fagocitarla". Se non altro la morale è chiara, condivisibile come la filosofia di vita che il film veicola.
I gusti di Sircharles (Azione - Commedia - Thriller)