Il padre della sposa 2

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Father of the bride 2
Anno: 1995
Genere: commedia (colore)
Note: sequel di "Il padre della sposa" con Steve Martin
Numero commenti presenti: 10
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lovejoy 28/12/07 15:08 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Torna la famiglia Banks in una nuova avventura. Ben scritta e ben trasposta sul grande schermo dal bravo Shyer, la pellicola si avvale di un buon ritmo, di diverse gag molto divertenti e di un Martin impagabile mattatore. Basta vedere la scena in cui si tinge i capelli e quella immediatamente successiva. Ottimo anche il resto del cast, con Short e Levy su tutti.

Il Gobbo 20/07/08 18:23 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Commediola di classica ascendenza, ammodernata il giusto, prevedibile come un aumento dei tassi da parte della Banca centrale europea, ma sorretta da interpreti di grande calibro. Il mai abbastanza stimato Martin fa ridere anche narcotizzato, la Keaton non è travolgente come nel suo sodalizio alleniano ma tiene botta, detestabile invece (forse anche per il doppiaggio) Martin Short. Come avrebbe detto (ma forse no, neppure in questo caso) una vetusta istituzione, "accettabile/famiglie".

Supervigno 20/07/08 18:50 - 229 commenti

I gusti di Supervigno

Il pallinaggio è un omaggio a Steve Martin. Le sue facce sono impareggiabili e il regista lo sa, visto che dissemina di primi piani tutto il film. Per il resto, s'impone la sospensione dell'incredulità, dopodichè ci si diverte. Perchè nel film c'è l'America che ormai è sempre più difficile da vedere nei film americani e che un po' ci manca. I vialetti fioriti, i biscotti nel vaso in cucina, i vestiti color pastello, il clima sempre bello, nessun dolore duraturo, affetti familiari a iosa e doppio finale lietissimo, con un briciolo di malinconia.

Il gipeto 21/06/10 22:58 - 14 commenti

I gusti di Il gipeto

Una porcheria assoluta: maldestro sequel in cui la noia e l'ovvietà regnano sovrane. Trama priva di qualsiasi mordente, uso e abuso di gag logore come quella di Fronc (il creatore di eventi) che balla con la Keaton (personaggio inverosimile), il tutto con un ottimo Steva Martin che sembra quasi vergognarsi di alcuni passaggi. Gli ultimi 30/35 minuti sono un climax di ovvietà con una sceneggiatura che sarebbe considerata melensa anche dal direttore di "Famiglia cristiana". Da evitare!

Gugly 30/07/10 23:45 - 1022 commenti

I gusti di Gugly

Dopo il trauma del matrimonio della figlia, Stanley Banks deve affrontare una nuova avventura: diventare nonno (e non solo): il film, come il precedente, si regge tutto sulla simpatia di Steve Martin, anche se qui le idee giocofoza sono più stiracchiate e quindi il protagonista fa molto, ma non può tutto, in mezzo alla carambola di avventure al limite dell'assurdo (la vendita ed il riacquisto della casa). Piacevole, ma si ferma qui. Diane Keaton madre di famiglia suona sempre strana.

Ciavazzaro 24/05/11 11:00 - 4768 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Evitabile. Steve Martin rimane bravo, ma il film è davvero fiacco, mal scritto e mal recitato dal cast secondario. Se si fa poi il confronto con l'originale questo film sprofonda in uno dei pozzi dell'inferno più bassi. Da evitare senza se e senza ma!

Galbo 25/05/11 19:28 - 11546 commenti

I gusti di Galbo

La seconda puntata delle avventure della famiglia Banks è forse migliore della precedente. Abbastanza ben caratterizzato il personaggio principale alle prese con i turbamenti dell'età matura ma con "voglie" ancora giovanile. Bravissimo Steve Martin che appare più naturale rispetto al primo film, ma anche il resto del cast non gli è da meno.

124c 13/05/18 21:03 - 2796 commenti

I gusti di 124c

Dopo aver sbancato il botteghino con Il padre della sposa, Steve Martin riprova a mettersi nei panni che furono di Spencer Tracy nel sequel dove la figlia annuncia ai familiari e ai suoceri che è incinta di un bambino. Rispetto a Papà diventa nonno qui s'inserisce anche la gravidanza di Diane Keaton, che fa la moglie di Steve Martin, probabilmente per dibattere sulla questione delle donne che partoriscono figli anche dopo i cinquant'anni negli anni '90. La Disney confeziona un sequel per famiglie, dove tutto finisce a tarallucci e vino.

Claudius 19/12/20 20:13 - 448 commenti

I gusti di Claudius

Sequel del film del 1991. Persa la magia del primo capitolo rimane una discreta commedia affidata alla mimica di Martin in cui il regista riesce a piazzare qualche bella idea (la ginnastica ideata da Fronk, il tentativo di George di ringiovanire) oltre a una velata critica a coloro che diventano genitori dopo i quaranta e oltre. Non all'altezza del primo ma comunque degno di una visione. Bellissima la Williams.

Rambo90 15/01/21 16:58 - 6602 commenti

I gusti di Rambo90

Sequel simpatico, che ripropone la stessa formula del primo senza inventarsi chissà cosa ma con una sceneggiatura che sa ancora come usare i suoi personaggi, spaziando agilmente tra situazioni comiche e altre più tenere e zuccherose. Steve Martin conferma la sua buona verve nei panni del protagonista, mentre a Martin Short viene concesso più spazio soprattutto nel concitato finale, in cui le risate la fanno da padrone. Godibile e leggero.

George Newbern HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 13/10/09 09:51
    Scrivano - 5619 interventi
    Diane Keaton inizialmente rifiutò il ruolo perchè doveva fingersi incinta,e considerata la sua età (era vicino ai 50),lo considerava di cattivo gusto.
    Alla fine venne convinta da Martin e Nancy Meyers.

    Fonte:Imdb