Il paradiso può attendere

Media utenti
Titolo originale: Heaven can wait
Anno: 1978
Genere: commedia (colore)
Note: E' il remake di "L'inafferrabile signor Jordan" (in originale: Here comes Mr. Jordan), commedia girata nel 1941 da Alexander Hall.
Numero commenti presenti: 12

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/02/07 DAL BENEMERITO MAGNETTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Magnetti 20/02/07 23:06 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Joe è un campione di football che, in seguito a un errore degli addetti del Paradiso, viene erroneamente portato in cielo. Accortesi dell'errore, le alte sfere lo "reintegrano" nel corpo di un miliardario, Leo Fansworth, che sta per morire. Da questo punto l'arzillo Joe farà di tutto per tornare a giocare e si innamorerà. Film molto divertente, ben recitato e ben confezionato. Warren Beatty, sia come regista che come attore nel ruolo di Joe/Leo, è molto efficace. Insomma, da vedere.

B. Legnani 4/03/07 01:37 - 4785 commenti

I gusti di B. Legnani

Film piacevole, assai ben recitato, con alcune scene esilaranti e con una certa finezza di gusto, ricco di attori fenomenali in tutti i ruoli (si pensi a Charles Grodin, segretario con segreto, o all'immenso Vincent Gardenia, poliziotto un po' diverso rispetto a quanto fa vedere in Il giustiziere della notte), ma che cala nettamente nei duetti fra Beatty e la Christie. Da vedere, ma senza attendersi il capolavoro.

Galbo 23/01/08 06:10 - 11451 commenti

I gusti di Galbo

Gradevole commedia solo ispirata al quasi omonimo film di Hall, questo film è una favola innocua, ma ben realizzata, a partire da una sceneggiatura discreta che miscela sapientemente ironia ed elementi fantastici e sentimentali. Mai sopra le righe, il film è ben diretto ed intepretato da Warren Beatty, cui si affiancano bravi attori, tra i quali il grande James Mason.

Pigro 22/09/08 09:30 - 7910 commenti

I gusti di Pigro

Remake piuttosto fedele dell'Inafferrabile Signor Jordan. Oltre al cambio di sport (da boxe a football), qui si avverte maggiormente l'idea della commedia fantastica del genere “una seconda chance” che piace tanto agli americani. Gustoso, piacevole, divertente, il film prende tutta la sua linfa migliore dall'originale senza riuscire a dare una sostanziale motivazione e autonomia al remake. Insomma, sarebbe un buon film, ma non aggiunge nulla al precedente. Quindi non male, ma uno sforzo in più sarebbe stato apprezzato.

Caesars 6/02/09 13:35 - 2765 commenti

I gusti di Caesars

Gradevole remake del film di Alexander Hall (L'inafferrabile signor Jordan) diretto, affiancato da Buck Henry, oltre che interpretato da Warren Beatty. Ben confezionata e ben recitata da tutti gli attori, la commedia viaggia veloce e si lascia vedere con interesse. Beatty è simpatico e Julie Christie sempre bella, i comprimari svolgono più che adeguatamente il loro lavoro, quindi possiamo dire che, pur non essendo di certo di fronte ad un capolavoro, quseto prodotto tipicamente hollywoodiano è più che dignitoso. Quasi tre pallini.

Cotola 21/03/10 23:54 - 7622 commenti

I gusti di Cotola

Remake dai buoni risultati de L'inafferabile signor Jordan; in cui a farla da padrone è un ottimo cast pieno di stelle in cui ognuno svolge egregiamente la sua parte. La sceneggiatura è gradevole, la regia è discreta ed il risultato finale è abbastanza soddisfacente.

Ilcassiere 1/12/10 12:09 - 283 commenti

I gusti di Ilcassiere

Un errore dei funzionari del paradiso porta a conclusione la vita della persona sbagliata. Quando si tenta di rimediare è troppo tardi, il corpo del protagonista è già stato cremato e quindi non rimane che reincarnarne l'anima nel corpo di un'altra persona che sta, a sua volta, per morire. Seguono equivoci, innamoramenti, successi... e l'immancabile buonismo finale. Commedia tutto sommato gradevole.

Jofielias 13/11/11 09:06 - 170 commenti

I gusti di Jofielias

Più che una semplice commedia, una favola moderna garbata e piacevole, con un ritmo perfetto, una regia attenta, caratterizzazioni riuscitissime e attori in parte. La sceneggiatura, piena di humour e inventiva, è di Elaine May (la regista dell'ottimo Mikey e Nicky). Gigionissimo Warren Beatty e battagliera la Christie. Indimenticabile il finale, che regala un momento di autentica commozione e tutti coloro che hanno pensato almeno una volta alla reincarnazione come possibiltà dopo la morte.
MEMORABILE: L'incontro finale tra i due protagonisti che si incrociano e "sentono" d'essersi già conosciuti.

Daniela 14/11/11 10:42 - 9643 commenti

I gusti di Daniela

Remake di un simpatico film degli anni 40, con il football americano al posto del pugilato come disciplina sportiva del protagonista che, per un errore della burocrazia celeste, si trova privato del suo corpo e provvisoriamente trasferito in quello di un magnate con problemi coniugali. Anche questa diretta da Beatty è una commedia fanta-romantica gradevole, ben ritmata, interpretata da un cast azzeccato soprattutto nei ruoli di contorno (Warden, Grodin, Cannon), che regala persino un momento di commozione nel finale, con il "nuovo" incontro.

Homesick 9/01/12 17:09 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Commedia sofisticata di facile presa, esorcizza la paura della morte con la certezza dell’immortalità e cattura le simpatie del grande pubblico con i suoi messaggi di amicizia, fiducia ed ecologismo, lasciando solo un po’ di retrogusto dolciastro nei dialoghi sentimentali tra il reincarnato Beatty e la capelluta Christie. La leggerezza del prodotto non demotiva gli attori, tra i quali si apprezzano in primo luogo le prestazioni di Beatty, con la sua faccia da eterno ragazzone, la signorilità di Mason e i momenti di spasso e commozione quando è di scena il simpaticissimo Warden.
MEMORABILE: La commovente scena negli spogliatoi quando Warden, incredulo e sconvolto, constata che Beatty non ricorda più nulla della sua identità precedente.

Paulaster 29/04/12 19:08 - 2865 commenti

I gusti di Paulaster

Beatty si dimostra in buona forma, atletica e registica. Dirige una ben confezionata commedia romantica dove il ritmo e il cast si amalgamano nel gioco delle parti. Forse la fotografia molto televisiva rimarca eccessivamente i primi piani togliendo realismo alle scene, ma è il peccato veniale nel dare importanza al duo Beatty/Christie. Tema della reincarnazione preso con le molle giuste: lascia soddisfatti nella sua analisi e ne beneficia il finale.

Hackett 2/04/17 11:26 - 1743 commenti

I gusti di Hackett

Commedia gradevole e delicata che Warren Beatty si sceglie ad arte, sfruttando la sua aria da bravo ragazzo e la sua fama da Casanova. Divertente e politically correct, il film si avvale di una sceneggiatura curata e di interpretazioni funzionali a narrare una vicenda di buoni sentimenti. Piccolo cult che proietterà ancora più in alto Beatty tra le stelle di Hollywood.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Daniela • 17/12/09 13:35
    Consigliere massimo - 5295 interventi
    Nonostante il titolo originale (Heaven Can Wait) sia lo stesso, il film di Warren Beatty non è il remake de Il cielo può attendere diretto nel 1943 da Ernst Lubitsc, bensì di L'inafferrabile signor Jordan (in originale: Here comes Mr. Jordan), commedia girata nel 1941 da Alexander Hall.

    Rispetto alla prima versione, cambia l'ambiente sportivo in cui si sviluppa la vicenda: Warren è un campione di football americano, mentre Robert Montgomery, protagonista del vecchio film, era un pugile. Viene invece mantenuto il personaggio di mr. Jordan, funzionario celeste che deve rimediare ad una "dipartita" non programmata.
    Nel film originale era impersonato da Claude Rains, qui da un attore altrettanto suadente, James Mason.
  • Discussione Caesars • 17/12/09 14:19
    Scrivano - 11295 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Nonostante il titolo originale (Heaven Can Wait) sia lo stesso, il film di Warren Beatty non è il remake de "Il cielo può attendere" diretto nel 1943 da Ernst Lubitsc, bensì di "L'inafferrabile signor Jordan" (in originale: Here comes Mr. Jordan), commedia girata nel 1941 da Alexander Hall.


    Hai ragionissima, ho sbagliato citazione nel mio commento. E si che avevo visto anche l'originale di Hall (qualche milione di anni fa).
  • Discussione Zender • 17/12/09 15:44
    Consigliere - 43740 interventi
    Grazie mille a Daniela per l'utile citazione. Aggiunto nelle note e corretto anche il tuo commento, Caesars.
  • Discussione Caesars • 17/12/09 16:38
    Scrivano - 11295 interventi
    Ringrazio sia Daniela per aver colto la mia "svista" sia Zender per averla prontamente eliminata.
  • Discussione Pigro • 24/07/10 09:10
    Consigliere avanzato - 1492 interventi
    La "svista" è rimasta nel commento di Galbo, che quindi andrebbe corretto sostituendo "Lubitsch" con "Hall" e togliendo il riferimento al titolo quasi simile (e ovviamente linkando al film giusto).
    Inoltre va fatta una correzione anche per Cotola, perché il suo link al film (questa volta giusto) non è funzionante.
  • Discussione Zender • 24/07/10 09:21
    Consigliere - 43740 interventi
    Sistemato tutto, grazie Pigro!
    Ultima modifica: 24/07/10 09:22 da Zender
  • Curiosità Buiomega71 • 22/03/18 19:10
    Pianificazione e progetti - 22102 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71 il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima visione Tv (mercoledì 21 novembre 1984) di Il paradiso può attendere:

  • Curiosità Fauno • 15/09/18 13:28
    Contratto a progetto - 2544 interventi
    Dalla collezione cartacea Fauno, il flano del film:

  • Discussione Caesars • 21/07/20 09:51
    Scrivano - 11295 interventi
    Rivisto ieri per l'ennesima volta. E' sempre un film simpatico e divertente, ma con vistoso calo di ritmo nel finale; cosa che gli impedisce di raggiungere i 3 pallini ( a mio giudizio, ovviamente). Notevolissimo il cast attoriale, con una  Dyan Cannon sempre urlante che è un vero spasso.