LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 27/09/14 DAL BENEMERITO MTINE
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ira72 15/02/17 09:24 - 920 commenti

I gusti di Ira72

Ferrara diventa qui regista di un film nel film mettendo in scena un lavoro, rimasto incompiuto, di Pasolini. Operazione decisamente rischiosa e sdrucciolevole. Ed è proprio su questo terreno scivoloso che atterrano miseramente Ferrara, Scamarcio, Betti e Davoli. Perché a parte questo intento non saprei trovare altro senso: se voleva essere un omaggio al Poeta, il film è troppo asettico e privo di pathos. E' svilente anche per durata, doppiaggi e dialoghi ("How are you, Pierut?", imbarazzante). Salvo la scelta di Dafoe nelle vesti di Pasolini.

Nando 2/11/15 22:55 - 3458 commenti

I gusti di Nando

Una grande occasione mancata per un film praticamente inutile, che non aggiunge nulla alla vita di Pasolini. Tra immagini visionarie, ricostruzioni prive di verità, l'omicidio e abbondanti scene di sesso si giunge all'agognata fine con un senso di totale smarrimento per la carente visione. Bravo Dafoe, benché il doppiaggio di Gifuni lo penalizzi. Gli altri interpreti appaiono per lo più in camei; la più convincente sembra la Asti, in parte la De Medeiros. Deludente.

Il Dandi 28/09/14 15:42 - 1747 commenti

I gusti di Il Dandi

Vacua ed estetizzante strombazzata di Ferrara, che viene a girare ad Ostiense una storia che lui evidentemente immagina ambientata negli anni '70 di Brooklyn. Arreda "Al Biondo tevere" come nel '75 (e poi rimette tutto a posto), con spesa degna di maggior sostanza da mettere in scena. Anche le scelte più interessanti sulla carta (mettere il vero Ninetto accanto a un attore che lo impersona, esibire una piatta ricostruzione omosessuale dell'omicidio) falliscono miseramente all'attuazione. Si appaga solo (e con una certa vergogna) la nostra morbosità necrofila, grazie al volto di Defoe.
MEMORABILE: Il sottile senso di terrore che Pasolini sembra incutere ai parenti (madre e cugini) che abitano con lui, centro delle loro vite.

Mtine 27/09/14 19:25 - 224 commenti

I gusti di Mtine

Quando non si ha niente da dire, di solito, è meglio restare in silenzio. Non deve averlo capito Ferrara, che gira questo film sull'ultimo giorno di vita di Pasolini senza raccontare nulla. Scene (poche) di intimità familiare si mischiano senza soluzione di continuità a interviste e immagini di come sarebbero dovuti essere filmati Petrolio e Porno-Teo-Kolossal, in un pesante groviglio di scene sfilacciate e sconnesse fra loro. A tutto ciò aggiungiamo un Dafoe assolutamente non in parte, doppiato malissimo da Gifuni. Da evitare assolutamente.
MEMORABILE: Lo strazio della madre Susanna (ben interpretata da Adriana Asti) alla notizia della morte del figlio.

Maxx g 5/10/14 01:27 - 492 commenti

I gusti di Maxx g

Ferrara dice di voler svelare la verità sul delitto Pasolini. Il film parte con alcune scene della terribile ultima opera dello scrittore; poi si prosegue nella vacuità assoluta, senza una direzione precisa, senza spessore ma anzi, cercando apposta i lati torbidi di Pier Paolo Pasolini. Un'opera deludente, che non lascerà quasi traccia di sé. Viene da capire cos'abbia capito o recepito Ferrara del regista friulano: a giudicare da quest'opera sembrerebbe poco o nulla. In una piccola parte (ancora da capire) si vede Davoli.
MEMORABILE: L'arrivo a casa Pasolini di Laura Betti (interpretata in modo assai macchiettistico e assai fuori parte da Maria de Medeiros).

Pigro 9/10/14 11:04 - 7733 commenti

I gusti di Pigro

Omaggio a Pasolini attraverso la rievocazione, quasi filologica, del suo ultimo giorno di vita. Ferrara descrive la molteplicità del poeta, qui descritto in affetti, pulsioni, pensieri e visioni, con sprazzi (inadeguati) del film mai girato Porno-Teo-Kolossal e del romanzo mai finito Petrolio. E proprio il recupero pasoliniano del non-finito dà senso a un film che non osa (o non sa) calarsi in profondità, tratteggiato per appunti, per presentarsi come magma naif ma sincero. Con un Dafoe mimetico (ma pessimamente doppiato) e uno Scamarcio (Ninetto) fuori luogo.

Rebis 10/10/14 13:53 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Un consiglio. Anzi tre. Ascoltate l'ultima intervista di Pasolini, e meditate. Leggete Porno Teo Kolossal, e immaginate. Guardate il film di Giordana, e capirete. Ferrara, incapace di tradurre l'estraneità del suo sguardo in onestà d'intenti, s'inerpica nella forma con esiti di una bruttezza sconcertante; fa di un uomo la somma delle sue azioni - si veda l'interpretazione di Dafoe, solo prossemica e fisiognomica. Emerge il ritratto avvilente di un apocalittico integrato, la cui vacuità è pretestuosamente affidata all'ermeneutica a posteriori - casomai qualcuno sentisse l'urgenza di soddisfarla.

Matalo! 27/01/15 12:57 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Lo so, ha scatenato le ire di molti. Posso capire che spesso sembri velleitario. Visto doppiato acquista uno spessore maggiore e, secondo me, è un omaggio sincero e spetto puntuale verso PPP. Non trovo esecrabile la messa in scena né di Petrolio (anzi...) né di Porno-Teo-Kolossal perché forse è lì a dimostrare ciò che Ferrara ha preso dal maestro. Defoe eccezionale, Davoli commovente, pessimo Scamarcio e poco riuscita la Betti della Medeiros. Ma il film segue la sua corrente e ciò mi piace. Onesto, imperfetto, appassionato.

Myvincent 30/11/14 22:35 - 2524 commenti

I gusti di Myvincent

Opera difficile quella di un film sul più grande, ultimo poeta italiano del '900, ne effigia non solo la personalità ma anche la biografia, la produzione artistica, il pensiero. Il lavoro di Ferrara è un tentativo, riuscito, di proporre un'idea, un'interpretazione attorno a un personaggio dalla intensità a volte anche eccessiva. Il risultato è se non altro lontano da logiche "televisive" o scandalistiche o pruriginose. Indiscutibilmente bravo Willem Dafoe.

Deepred89 29/08/15 15:27 - 3269 commenti

I gusti di Deepred89

Biopic vuoto e squallido, con una desolante atmosfera da film italiano contemporaneo alla quale concorrono una serie di volti che si sarebbe preferito non rivedere (mancava solo la Rohrwacher). Si arriva agli strascicatissimi 80 minuti infilando Porno Teo Kolossal e Petrolio in versione cortometraggio kitsch, ma a ben vedere pure il trash scarseggia (forse tranne quando - per citare Grignani - la notte se ne va in giro come se fosse un vampiro) mentre a colpire è solo una tragica incapacità di scavare o di approfondire. Trascurabile.

Lucius 11/09/15 01:13 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Nelle intenzioni un plateale omaggio, in pratica uno sputacchio di film in cui, a parte la scena dell'uccisione di Pier Paol (realizzata in cronistoria dell'evento) si salva ben poco: un doppiaggio carente (improponibile la voce associata a Laura Betti) e una sceneggiatura agli sgoccioli (l'ultimo giorno nella vita di Pasolini appartiene solo alla sua memoria) tradotti in immagini partoriscono un film che non appaga, che non rivela, che non interessa. Tarato geneticamente e privo di spessore.

Didda23 5/10/15 10:11 - 2282 commenti

I gusti di Didda23

La brevissima durata (non arriva agli 80 escudendo i titoli di coda) dovrebbe già far capire che c'è pochissimo da dire su una delle figure più controverse e interessanti del secolo scorso. Un'operazione inutile e senz'anima (non parlo da fan, considerando che il Pasolini regista lo tollero pochissimo) che non intriga e che non fa rivivere la complessità del personaggio. In negativo: il terrificante doppiaggio di Gifuni e Pasolini che gira in macchina alla ricerca della preda per dar sfogo allla propria sessualità. Uno dei biografici più insulsi mai concepiti. Ferrara conferma la propria discesa nella mediocrità.

Galbo 12/10/15 05:57 - 11343 commenti

I gusti di Galbo

A prescindere dalla conoscenza del personaggio Pasolini, si rimane perplessi davanti all’operazione di Abel Ferrara in quanto si fatica a comprenderne l’utilità. Una ricostruzione dell’ultimo giorno della vita dell’artista inframmezzata da immagini che sono una libera interpretazione della sua ultima opera, non aggiunge nulla alla figura del personaggio né fornisce contributi di altro genere. L’aderenza di Dafoe al personaggio sembra buona ma per il resto il film è davvero povero e per fortuna di breve durata.

Metakosmos 1/11/15 22:27 - 201 commenti

I gusti di Metakosmos

Ferrara omaggia il grande poeta italiano con un film appassionato e devastante; diversamente dal cinema-verità di Giordana, "Pasolini" non vuole cercare la verità di quella tragica notte ma solo far capire quanto il mondo ha avuto la disgrazia di perdere. E lo fa in maniera estremamente onesta e sincera, mettendo da parte la figura dell'intellettuale su cui già si sono versati fiumi di inchiostro, mostrando prima di tutto il Pasolini-uomo, con la sua quotidianità, le paure e le insicurezze. Abel ha "sentito" Pier Paolo meglio di molti altri.

Tersilli 3/11/15 16:54 - 61 commenti

I gusti di Tersilli

Grande e sincero omaggio al Maestro Pier Paolo Pasolini. Abel Ferrara ricostruisce con fedeltà e maestria l'ultimo giorno del poeta soffermandosi molto su "Petrolio" e su "Porno-Teo-Kolossal", dando anche uno sguardo alla situazione sociale/politica dell'epoca. L'apice del film è l'intervista con Furio Colombo (interpretato da in bravo Siciliano). Monumentale Willem Dafoe, doppiato da Gifuni; grandissimo Ninetto Davoli, fuori parte Scamarcio. Buona la regia, azzeccate le musiche. Ottimo.
MEMORABILE: L'interpretazione di Dafoe; L'intervista con Furio Colombo; L'Alfa Giulia GT 2000.

Gugly 4/11/15 18:42 - 1013 commenti

I gusti di Gugly

Ma che roba è? Un film brevissimo in cui un Willem Dafoe mimetico e doppiato malissimo da Gifuni si muove e fa cose mentre si susseguono in parallelo vicende oscene e inspiegate... Sogni? Presagi? Boh, chi lo sa, intanto cogliamo qualche aspetto quotidiano del nostro, intellettuale scomodo ma figlio di mamma servito e riverito anche dalla cugina, mentre una Laura Betti parodiata passa in visita a lasciare regali. L'uccisione è secondo gli atti di autopsia della parte civile; Davoli- Eduardo e Scamarcio-Davoli: ma che, davero?
MEMORABILE: Le scene finali con in sottofondo una celebre aria della Callas, sia mai che scordiamo che si parlò di una storia tra i due.

Hackett 14/11/15 16:53 - 1721 commenti

I gusti di Hackett

La bella idea di omaggiare il celebre scrittore, poeta e regista italiano che tante premesse aveva alimentato, si è poi ridotta a una pellicola asettica e superficiale, che spia invece di guardare e che appena sfiora una personalitá complessa e poliedrica come quella di Pasolini. Nonostante la fantastica idea di utilizzare un perfetto Dafoe l'esperimento è fallito, il film è senza profondità e non omaggia. Quasi pura cronaca, senza domande... tantomeno risposte.

Cotola 23/04/16 19:17 - 7458 commenti

I gusti di Cotola

Lo dico da profano, ma mi è sembrato terribile. E la cosa spiace perché il personaggio avrebbe meritato ben altro trattamento: qui invece ne viene fuori un ritratto sbiadito che dipinge il Pasolini intellettuale quasi come un alieno disancorato dalla realtà (si veda l'intervista) e sul piano privato come un allupato continuamente in cerca di ragazzetti. Insomma tante banalità e nessuna novità che possa contribuire in modo interessante allo "studio" della figura pasoliniana. Di sicuro risultano imbarazzanti il doppiaggio di Gifuni e la prova di Scamarcio assolutamente fuori ruolo.

Daniela 1/10/19 12:17 - 9222 commenti

I gusti di Daniela

Il racconto dell'ultimo giorno di vita inframezzato con spezzoni basati soprattutto su Petrolio, il romanzo rimasto incompiuto: fra i vari film girati sulla figura di Pasolini, questo suscita la maggiore perplessità, a partire dallo "scollamento" fra il volto del pur bravo Dafoe e la voce doppiante di Gifuni fino all'ipotesi dell'assassinio come casuale conseguenza di un tentativo di rapina finito male. Abel Ferrara non è un regista banale e palesemente non ha voluto limitarsi ad un convenzionale biopic, ma il risultato è discutibile quanto modesto.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Matalo! • 29/01/15 12:49
    Call center Davinotti - 620 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    Ciao Matalo! Complimenti per l'analisi fluviale! Purtroppo del film conservo ancora un ricordo respingente, ma le tue parole mi hanno incoraggiato a rivederlo, cosa che prima o poi farò... chissà che non riveda anche la mia posizione :)
    Vale anche per me: i commenti di questa discussione possono aiutarmi
  • Curiosità Lucius • 10/09/15 01:05
    Scrivano - 8343 interventi
    Cameo di Donato Placido, fratello di Michele:

  • Discussione Didda23 • 4/11/15 08:45
    Comunicazione esterna - 5712 interventi
    Metakosmos ebbe a commentare:

    Ferrara omaggia il grande poeta italiano con un film appassionato e devastante; diversamente dal cinema-verità di Giordana, Pasolini non vuole cercare la verità di quella tragica notte ma solo far capire quanto il mondo ha avuto la disgrazia di perdere. E lo fa in maniera estremamente onesta e sincera, mettendo da parte la figura dell'intellettuale su cui già si sono versati fiumi di inchiostro, mostrando prima di tutto il Pasolini-uomo, con la sua quotidianità, le paure e le insicurezze. Abel ha "sentito" Pier Paolo meglio di molti altri.

    Quel Pasolini andrebbe sostituito con Ferrara, o in alternativa andrebbe omesso.
    Ultima modifica: 4/11/15 08:46 da Didda23
  • Discussione Caesars • 4/11/15 09:13
    Scrivano - 10501 interventi
    Didda, penso che con "Pasolini", in quella frase, Metakosmos intendesse il film non il regista e quindi ci può stare. Mia interpretazione...
  • Discussione Didda23 • 4/11/15 09:18
    Comunicazione esterna - 5712 interventi
    Hai ragione, ci può stare eccome. Però per non creare equivoci lo ometterei o cambierei la frase.
    Guardiamo che dice Zender.
  • Discussione Galbo • 4/11/15 09:25
    Gran Burattinaio - 3746 interventi
    A mio parere la frase è corretta, al più il titolo del film andrebbe virgolettato....
  • Discussione Didda23 • 4/11/15 09:27
    Comunicazione esterna - 5712 interventi
    Ecco. Bravo, un'ottima soluzione.
  • Discussione Caesars • 4/11/15 11:21
    Scrivano - 10501 interventi
    Concordo. Virgolettando il titolo non ci possono essere equivoci.
  • Discussione Zender • 4/11/15 17:06
    Consigliere - 43519 interventi
    Sì, di solito si virgolettano SOLO i titoli di film che non devono essere linkati in quanto quelli stessi della scheda.
  • Homevideo Tersilli • 7/11/15 13:38
    Galoppino - 124 interventi
    Il dvd uscito in questi giorni in edicola è doppio:

    il primo disco contiene la versione italiana,
    il secondo la versione originale con i sottotitoli in italiano.
    Ultima modifica: 7/11/15 13:39 da Tersilli