Angelo della vendetta

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Ms. 45
Anno: 1981
Genere: drammatico (colore)
Note: Aka "Angel of vengeance", "L'angelo della vendetta".
Numero commenti presenti: 20
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 14/09/07 09:08 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Revenge-movie girato da Ferrara come un horror (idea che si realizza compiutamente nel finale), in una New York particolarmente squallida e spettrale. Malgrado una certa pretestuosità dell'assunto e il piattume della fotografia e della musica anni '80 c'è una certa atmosfera malata che lo rende non poi malvagio, e la protagonista ha una sua intensità. Certo il doppiaggio da telenovela dell'edizione italiana non è di grande aiuto. Fra gli antenati di Kill Bill?

Herrkinski 15/06/08 21:12 - 5297 commenti

I gusti di Herrkinski

Abel Ferrara dice la sua sul filone "Rape & revenge" con quest'ottimo film che prende a esempio L'ultima Casa a Sinistra ma soprattutto Non Violentate Jennifer. Il film di Ferrara non raggiunge i livelli di violenza parossistici di quest'ultimo, tuttavia non ci risparmia parecchi colpi bassi e spesso la brutalità è davvero alta. La Tamerlis ha un indubbio fascino nei panni della spietata "giustiziera" di turno, anche se la sua vendetta va troppo "oltre". Ferrara gira con stile e con un pizzico di humour nero appena percepibile. Notevole!

Undying 11/03/09 17:23 - 3839 commenti

I gusti di Undying

Muta, ma assai graziosa, Thana è vittima di due feroci aggressioni sessuali, sviluppate a distanza di poche ore. L'evento scatena in lei una reazione destinata a proseguire sul piano della violenza: dopo avere deciso di fare a pezzi il corpo del secondo violentatore (castigato con la morte) chiunque tenti di avvicinarsi con finalità ludico-sessuali è destinato ad incontrare la sua ira. Incisiva pellicola di Ferrara, che scandaglia la psicologia femminile (anch'essa alla deriva) in una città ormai assorta tra l'indifferenza e l'ignoranza. Efficace parabola sulle metropoli che generano mostri.

Tomastich 29/07/09 15:17 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

Un mio personale cult: trasporre le atmosfere da rape & revenge (di solito più bucoliche o palustri) in un'ambientazione da Gotham City è un'ottima idea. Qui si spara e non si fanno distinzioni: il colpevole è la città, i colpevoli siamo tutti. Carica e spara, vai Thana.

Xabaras 25/08/10 20:49 - 189 commenti

I gusti di Xabaras

Illuminato e maturo esempio di Rape & revenge che si distacca da tutti i precedenti e successivi appartenenti al filone per l'acuta capacità di introspezione e analisi psicologica della seviziata/vendicatrice e per l'indubbio talento registico di Ferrara che, con in mente sempre Taxi Driver (omaggiato nella scena in cui Thana si ammira allo specchio impugnando una pistola) realizza un'opera disperata e cupa, ambientata (proprio come Driller Killer) in una spettrale e nerissima metropoli svuotata da ogni forma di virtù e moralità. Cult assoluto.
MEMORABILE: Il finale al ralenti.

Aal 23/08/10 15:35 - 322 commenti

I gusti di Aal

"Rape and revenge" piuttosto squallido e recitato male. Si salva solo la Tamerlis (ancora non Lund) più per la sua bellezza particolare che per la sua interpretazione. Non male però l'ambientazione da degrado urbano. Molto scene sono francamente ridicole e la regia mi è parsa piuttosto confusa, incapace di dare una visione organica allo svolgimento della pur misera trama, in bilico tra critica sociale e violenza compiaciuta. La sensazione che associo alla vista di questo film è la perplessità.

Buiomega71 17/12/10 21:32 - 2298 commenti

I gusti di Buiomega71

Ancor oggi resta il capolavoro di Abel Ferrara. Insieme a Taxi Driver e Maniac, il film che più di ogni altro mostra l'alienazione e la discesa agli inferi della grande mela. Tana è muta, Tana è bella, viene stuprata due volte nel giro di poche ore, diventerà un'implacabile giustiziera ammazzauomini di una furia devastante e incrontollata, su tutto l'ossessivo sax di Joe Delia che sottolinea l'abisso di follia in cui precipita Tana. Una versione metropolitana e "dark" della Catherine Deneuve di Repulsion. Da non mancare assolutamente.
MEMORABILE: Il secondo assalitore di Tana, fatto a pezzi nella vasca da bagno; il finale alla festa in maschera dove Tana esplode nella più totale follia.

Stefania 19/12/10 20:01 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Muta in una città urlante e sorda, Thana si ingigantisce progressivamente, fotogramma dopo fotogramma, fino a raggiungere una statura da vertigine. Il sadismo è sempre più compiaciuto, la violenza è sempre più estrema, eppure stilizzata: il finale omaggia un leggendario horror-movie: Carrie! E in quest'ultima scena Thana, suora in giarrettiere, è l'incarnazione della dicotomia maschilista vergine-prostituta, ma sembra smaterializzarsi, compiendo il salto di qualità: non quello banale, da vittima a carnefice, ma quello metafisico, da vendicatrice (umana) a giustiziera (divina). Catarsi pulp!
MEMORABILE: Lo smembramento del cadavere del secondo stupratore. I dialoghi degli invitati al party.

Cotola 16/08/11 22:41 - 7630 commenti

I gusti di Cotola

Mettendo da parte certe inverosimiglianze della trama, il film colpisce per la messa in scena e per la descrizione molto scorsesiana di una città malata e sporca. Lo stile di Ferrara è già buono nel confezionare una pellicola livida e violenta eppure non prima di humor nero (merito del fidato Nicolas S.John). Indimenticabile la figura di Tana (interpretata dalla diciassettenne Tamerlis) così come le sue mise, specie quella finale da suora. Non il solito rape & revenge.

Giùan 11/09/11 11:30 - 3052 commenti

I gusti di Giùan

È un rape e revenge molto sui generis e "definitivo" quello di Ms. 45, film con cui Ferrara comincia a dar voce al suo rapporto con una New York livida, fredda e brulicante. Non è un caso che per farlo, ricorra alla metafora di una vendicatrice muta, la quale per reagire alla violenza metropolitana sceglie la strada drastica di una furia cieca e alla fine addirittura iconoclasta. Supportato allo script dal fido St. John, Abel propone già, pur con le contingenze del budget e un ritmo troppo catatonico, alcuni dei suoi stilemi. Si fa ricordare Zoe Tamerlis.

Deepred89 3/11/11 01:52 - 3311 commenti

I gusti di Deepred89

Stupro & vendetta di ambientazione metropolitana, complessivamente di medio livello. Colpisce positivamente la regia pulita ed essenziale, oltre che la quasi totale assenza di compiacimento nell'esibizione della violenza (si veda come sono risolte le scene di stupro), ma la vicenda una volta attivato il meccanismo classico del genere non riesce a progredire ulteriormente, chiudendosi con un finalino alla Carrie (in tono minore), piacevolmente psichedelico ma non troppo soddisfacente. Insopportabile il personaggio della vicina di casa. Discreto.

Belfagor 17/09/13 17:56 - 2627 commenti

I gusti di Belfagor

Non il solito rape & revenge: c'è un desiderio di catarsi, l'alienazione di una città inumana e violenta (chiara l'influenza di Taxi driver), la discesa agli inferi di una vittima che diventa carnefice. Siamo dalle parti della tragedia metropolitana, seppure non manchino tocchi di humour grottesco. Buona parte del film poggia sull'interpretazione di Zoe Lund (qui ancora Tamerlis), perfetta nel ruolo della delicata e gelida vendicatrice. Una delle opere migliori di Ferrara, decisamente più realistica e meno forzata de Il cattivo tenente.
MEMORABILE: Il cadavere smembrato; Thana vestita da suora per la strage finale.

Darkknight 6/10/15 21:05 - 353 commenti

I gusti di Darkknight

Il giustiziere della notte incontra Maniac e Taxi driver nella cornice del filone rape & revenge. Non raggiunge le profondità a cui Abel Ferrara e lo sceneggiatore Nicholas St. John ci hanno abituato, ma l'exploitation da B-movie viene presto superata: non c'è infatti nessun eccesso gratuito, il ritmo è lento ma senza alcuna scena superflua, i tocchi d'ironia non sono indigesti, la location è ben sfruttata e gli attori hanno tutti la faccia giusta e non sbagliano nulla. Un gioiellino.
MEMORABILE: Il marito cornuto; Thana a spasso col cane Phil; Thana in abito da suora che si esercita con la pistola davanti allo specchio come De Niro.

Rebis 16/11/15 20:34 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Il capolavoro di Abel Ferrara, soprattutto alla luce del maledettismo d'accatto e delle pretese intellettualistiche dell'ultim'ora. Pervaso da un'ironia sulfurea e ghignante, narrativamente scabro ed elementare, sempre a un passo dal cinema horror, gioca interamente a favore della pura exploitation: dal montaggio serrato e violento, dal virtuosismo delle inquadrature e dal livore fotografico di James Lemmo, Ferrara ricava il massimo della brutalità mostrando il minimo della truculenza. Iconica e perturbante Zoë Tamerlis. Score malato di Joe Delia. Un vero cult movie.

Kinodrop 30/06/16 18:16 - 1600 commenti

I gusti di Kinodrop

In una New York colta nella sua parte più degradata, Thana, da sartina acqua e sapone si trasforma in una spietata dark lady. Avendo subìto "ben" due stupri nello stesso pomeriggio, scatta in lei la furia omicida verso il sesso maschile. Tanto bella quanto inespressiva, Zoe si barcamena in una trama pretenziosa e pretestuosa, spesso al limite del ridicolo, circondata da altre figure senza valore, giusto per mandare avanti una narrazione zoppicante, inutilmente ripetitiva. Anche nella catastrofe finale il risultato appare prevedibile e affrettato.
MEMORABILE: L'escalation della furia vendicativa; Il look di Thana via via sempre più aggressivo; La festa in cui la tromba è inspiegabilmente doppiata dal sax. (?)

Minitina80 16/09/16 15:08 - 2400 commenti

I gusti di Minitina80

New York nelle mani di Ferrara si scopre asettica, sudicia e tutta la sua lordura, mal celata nel caos metropolitano, balza agli occhi con inaudita ferocia. Sembra un labirinto di inestricabile violenza in cui paradossalmente si è invisibili agli occhi e si rischia di essere risucchiati in un vortice letale. Un piccolo cult in cui il volto efebico di una giovane Zoë Lund metamorfosa in qualcosa di temibile e terribile allo stesso tempo. L’epilogo celebra la tragedia come fosse un unico grande incubo da cui è impossibile fuggire.
MEMORABILE: La “carne macinata” data al cagnolino della padrona di casa.

Almanot 4/01/17 14:09 - 39 commenti

I gusti di Almanot

Ferrara segue la falsariga di Winner nella degradata ambientazione newyorkese, nel doppio trauma iniziale e nella scena del girotondo, unica concessione al tema dell'autogiustizia. In parallelo alla radicalizzazione del look, la protagonista guadagna in sicurezza mentre perde via via il controllo. Il modo in cui Thana fredda l'ignobile fotografo è di grande impatto, come lo è, a suo modo, il gesto con cui estrae la pistola, mostrato per due volte: più ancora che felpato, meravigliosamente aggraziato. Ritmo controllato, grande finale.

Jena 24/04/17 12:47 - 1219 commenti

I gusti di Jena

Primo colpo grosso di Ferrara e uno dei suoi migliori. Pochissimi sono riusciti a filmare così efficacemente una New York livida e sporca. Bellissime le immagini notturne. Quanto al rape and revenge Abel dà lezioni a tutti i precedessori e successori con la bellissima Tana sordomuta violentata due volte in un giorno e diventata terribile, stupendo angelo vendicatore. Strepitosa la performance di Zoe Lund, allora appena diciottenne, che si cala nella parte in maniera assoluta (e peccato morirà giovanissima per overdose). Ottima colonna sonora.
MEMORABILE: Il tizio fatto a pezzi nel bagno; quello colpito in testa; Il fricchettone crivellato nel suo studio; Il massacro finale con Tana vestita da suora.

Anthonyvm 1/05/18 23:13 - 2137 commenti

I gusti di Anthonyvm

Più interessante il soggetto che il film in sé. Parte come un rape and revenge molto rapido (nel senso che lo stupratore viene accoppato subito) per poi tramutarsi in un vigilante-movie al femminile con più di un rimando al Giustiziere della notte. Molto belli gli scorci metropolitani degradati e degradanti e la lenta ma evidente trasformazione della protagonista in femme fatale dal grilletto facile. Il ritmo però non è sempre sostenuto, a lungo andare la trama è ridondante. Comunque il finale è d'effetto, con una palese punizione "fallica".
MEMORABILE: Il suicidio del "cornuto" che segue un suo lungo monologo; Il trattamento del cadavere dato in pasto a un cagnetto, da horror in piena regola.

Bullseye2 19/04/20 02:24 - 92 commenti

I gusti di Bullseye2

Travis Bickle che diventa Frank Zito: quanto è labile il confine tra giustizia, vendetta e follia omicida? Al suo primo vero film commerciale, Ferrara fa subito centro con un grande ritratto di una New York oscura, putrida e violenta senza alcuna possibilità di redenzione, oltre a scardinare le convenzioni dei generi, cinematografici e non. Exploitation che non sfrutta, vigilante movie che diventa horror, film femminista che mette in guardia dagli eccessi di un pericoloso sessismo alla rovescia. Cinema coraggioso oggi tristemente estinto.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Buiomega71 • 1/05/14 10:53
    Pianificazione e progetti - 22112 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    È l' unico film di Ferrara che amo, anzi, adoro... ci vorrebbe un'edizioni in dvd per rispolverarlo...

    Per me resta il suo capolavoro assoluto (e del cinema "nero" metropolitano in toto)

    Pur amando il suo cinema, non c'è Cattivo Tenente che tenga dinnanzi a questa femminea e sconvolgente discesa negli inferi (che pare una versione vendicativa e furente del Repulsion polanskiano)

    Assolutamente uno di quei film che fanno "parte di me"

    Io non ho la vhs originale, ma una registrazione (in seconda serata) su RaiTre (del 1992), rigorosamente uncut (almeno, la stessa versione della vhs Warner)

    Però, si, vero, e una specie di delitto che manchi ancora l'edizione italica in dvd
  • Discussione Rebis • 1/05/14 12:06
    Gestione sicurezza - 4287 interventi
    Già, in realtà mi manca Driller Killer, ma questo è il Ferrara più genuinamente pessimistico e incazzato che mi sia capitato sott'occhi... Poi ha preso una deriva intellettual-mortifera assai discutibile.

    Anche io ho una registrazione da Fuori orario... Strano che Raro Video non ci abbia ancora messo mano.
  • Discussione Buiomega71 • 1/05/14 13:16
    Pianificazione e progetti - 22112 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    Già, in realtà mi manca Driller Killer, ma questo è il Ferrara più genuinamente pessimistico e incazzato che mi sia capitato sott'occhi... Poi ha preso una deriva intellettual-mortifera assai discutibile.

    Anche io ho una registrazione da Fuori orario... Strano che Raro Video non ci abbia ancora messo mano.


    Di Driller Killer ho una registrazione da RaisatCinema, ma nettamente inferiore a L'Angelo della Vendetta, anche perchè un pò troppo insistito verso l' "underground" e a un certo "maledettismo d'autore" che un pò infastidisce

    L'angelo...non ha rivali, nè nella stessa filmografia di Ferrara (pur avendo film eccezionali come King Of New York, Il Cattivo Tenente e Fratelli), nè tantomeno nel genere "nero metropolitano"

    Sullo stesso piano, se proprio in versione "femminea", lo metto al pari di Maniac

    Quoto , poi, sulla deriva ferrariana "intellettuale", trovando noiosi e inutili Occhi Di Serpente, The Addiction e Il Nostro Natale
    Ultima modifica: 3/03/15 21:16 da Buiomega71
  • Discussione Rebis • 1/05/14 14:03
    Gestione sicurezza - 4287 interventi
    The addiction è il punto più basso, dopo di che ho abbandonato la faccenda... ma mi puzzavano di intelletualismo già Il cattivo tenente (tutto sintomi e niente sostanza, con la suora fashion stuprata e Keitel narcolettico...) e Occhi di serpente. Prima o poi recupererò King of NY ma senza troppa curiosità.
  • Discussione Buiomega71 • 1/05/14 14:07
    Pianificazione e progetti - 22112 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    The addiction è il punto più basso, dopo di che ho abbandonato la faccenda... ma mi puzzavano di intelletualismo già Il cattivo tenente (tutto sintomi e niente sostanza, con la suora fashion stuprata e Keitel narcolettico...) e Occhi di serpente. Prima o poi recupererò King of NY ma senza troppa curiosità.

    No, qui non sono d'accordo, Il Cattivo Tenente e puro cinema viscerale che ti sconbussola l'animo come pochi (e lo metto subito dopo L'Angelo... tra i capolavori ferrariani)

    D'accordo su Occhi di Serpente e The Addiction (noiosi e pretenziosi, pervasi da un "intelletualismo" da sfiorare la prova di nervi). Da tanto ho amato Abel nei suoi gioielli, qui lo detestato!

    Ho trovato adorabile anche un film puramente di genere come Ultracorpi, mentre Paura Su Manhattan e China Girl piuttosto convenzionali all'interno della sua filmografia

    King Of New York altro tassello importante nel cinema ferrariano, notturno e spietato

    Straordinario, infine, Fratelli, con quel finale violentissimo a la Taxi Driver che ti rimane nell'animo e negli occhi
    Ultima modifica: 1/05/14 14:42 da Buiomega71
  • Discussione Gestarsh99 • 1/05/14 19:20
    Scrivano - 15092 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    The addiction è il punto più basso, dopo di che ho abbandonato la faccenda... ma mi puzzavano di intelletualismo già Il cattivo tenente (tutto sintomi e niente sostanza, con la suora fashion stuprata e Keitel narcolettico...) e Occhi di serpente. Prima o poi recupererò King of NY ma senza troppa curiosità.


    Su The addiction ho opinioni lievemente differenti ma dando anche per scontato che sia un film brutto e cattivo, c'è sempre un'altra pellicola che lo straccia in negativo:

    QUESTA
  • Discussione Rebis • 2/05/14 00:20
    Gestione sicurezza - 4287 interventi
    Non l'ho visto e penso che me ne terrò alla larga :)

    Però mi sono accorto che il mio pallinaggio a The Addiction era sbagliato...
    Ultima modifica: 2/05/14 00:29 da Rebis
  • Discussione Schramm • 25/09/18 22:10
    Risorse umane - 6724 interventi
    forse questa domanda era già stata sollevata, ma perché L'angelo della vendetta e non come da locandina sia cinematografica che homevideo (e annessi manifesti murali, flani etc), angelo della vendetta, senza quel posticcio articolo apostrofato? è vero che il referente è imdb, ma qui lo sbaglio da parte del sito mi sembra lampante. è vero che in linea di principio e di massima è un sito molto preciso , ma perché adottarne anche gli sbagli più comprovabili e comprovati?
    Ultima modifica: 25/09/18 22:11 da Schramm
  • Discussione Zender • 26/09/18 07:46
    Consigliere - 43743 interventi
    Spiego per l'ennesima volta: Imdb fa testo SOLO per la fgrafia di attori e registi, per gli anni e i credits di film stranieri, NON per i titoli italiani o gli anni dei film italiani. Quindi questo è semplicemente un errore, Imdb non c'entra.
  • Curiosità Fauno • 9/11/19 18:49
    Contratto a progetto - 2544 interventi
    Dalla collezione cartacea Fauno, il flano del film: