La tortura della freccia

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 30/05/08 DAL BENEMERITO COTOLA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Cotola 30/05/08 13:38 - 7459 commenti

I gusti di Cotola

In poche parole una sorta di Balla coi lupi 33 anni prima. Fuller ci regala l'ennesimo grande film della sua carriera e lo fa dando vita ad un'opera (in anticipo sui tempi) molto intensa e personale che suscita molte emozioni in chi la guarda. Il tutto impreziosito da una tecnica sopraffina e da una grande prova di Steiger. Da non perdere, soprattutto per chi ama il regista e per chi ha amato il film di Kostner, così da poter fare un raffronto tra le due opere.

Saintgifts 25/05/09 10:49 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

1865, fine della guerra di secessione: il sud si arrende e nascono gli Stati Uniti d'America. Un sudista convinto e ribelle (Rod Steiger) rifiuta di appartenere all'Unione e va a vivere con gli Sioux dopo aver superato la prova della freccia aiutato dall'indiana sua futura moglie. Il film mette sul piatto troppi argomenti su questo pezzo di storia Americana e rischia di essere lento e a tratti dispersivo. La trovata dell'ultima pallottola sparata poco prima della fine della guerra è buona e il proiettile viene riservato per il gran finale.

Giùan 5/05/11 13:53 - 2934 commenti

I gusti di Giùan

Regista dalla sensibilità sopraffina a dispetto del cipiglio e per questo sempre anticipatore di temi e approcci, Fuller filma un'opera classica e memorabile nello stile quanto all'avanguardia dal punto di vista del contenuto. Epopea di uno sconfitto (controllatissimo qui l'altrove gigione Steiger) che, nel percorso del film e nella conoscenza dell'altro da sè (gli Apache) ritrova se stesso e fa i conti con le proprie radici. Gli diano un occhiata i leghisti così imparano cos'è il federalismo...
MEMORABILE: La trovata dell'ultima pallottola della guerra civile è semplicemente geniale.

Galbo 26/03/13 15:35 - 11346 commenti

I gusti di Galbo

Samuel Fuller dirige un western revisionista i cui echi si proietteranno nel futuro fino al più celebre film di Costner, Balla coi lupi, con il quale La tortura della freccia ha molto in comune. L'abilità dell'autore è quella di conciliare una visione originale dell'epica western con i parametri narrativi classici del genere. Di grande livello fotografia e scene, così come la prova del protagonista Rod Steiger, in una delle sue migliori interpretazioni.

Rambo90 18/03/13 17:43 - 6318 commenti

I gusti di Rambo90

Balla coi lupi ante litteram, meno epico e più rozzo nella confezione ma sicuramente appassionante. Fuller si dedica molto alla costruzione di una storia nuova per il western americano dell'epoca, che in alcuni punti colpisce mentre in altri forse rallenta un po' troppo il ritmo. Steiger fornisce una prova maiuscola, ma anche Meeker e Keith sono bravi e si fa largo anche un giovane Charles Bronson. Buono.
MEMORABILE: La corsa della freccia; L'ultima pallottola.

Il Gobbo 29/12/15 10:43 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Western psicologico di Fuller con un valido Steiger in preda a varie pulsioni identitarie, incalzante nella prima parte poi un po' più involuto fino alla conclusione che spiazza le aspettative: Sioux si nasce? (o americani si muore?). Non sapremmo dire se la primogenitura di Dupalle coi lupi sia un merito, ma il vecchio Sam ha fatto di meglio

Daniela 29/01/17 09:42 - 9226 commenti

I gusti di Daniela

Incapace di rassegnarsi alla vittoria dei nordisti e alla realtà del nuovo Stato unitario, un soldato secessionista si rifugia nelle terre abitate dai Sioux e diventa uno di loro, ma il tempo delle scelte non è ancora finito.... Western sorprendente per come anticipa temi che saranno ripresi solo molti anni dopo, si segnala inoltre per la bella sceneggiatura ricca di personaggi sfaccettati ed impreziosita da sequenze di grande impatto come quella della corsa per la sopravvivenza del titolo. Cast in parte, a cominciare dal rabbioso Steiger fino al capo indiano Bronson.

Jdelarge 6/06/19 13:23 - 851 commenti

I gusti di Jdelarge

Un buon western, caratterizzato da una fotografia contrastata che dà vita a un'atmosfera particolare e sinistra. Purtroppo di scene significative ce ne sono davvero poche e il tutto tende a risolversi in un messaggio rivoluzionario che, seppur realistico e interessante, prende il sopravvento anche sui personaggi, i quali non sembrano avere una vera e propria personalità al di fuori del messaggio che devono veicolare. Buono, ma Fuller ha fatto decisamente di meglio.

Puppigallo 9/07/20 08:36 - 4499 commenti

I gusti di Puppigallo

L’inizio non è dei migliori, se si esclude la prova della freccia (il picnic con la pellerossa sembra parecchio posticcio). Ma poi, a sorpresa, ne scaturisce un western più riflessivo e, qua e là,  più profondo delle solite pellicole dove bianchi e nativi si scontrano. Qui si parla di retaggio e d'identità (il protagonista, scottato dal passato, è fermo nel cambiare radicalmente pur continuando a odiare i Nordisti). Oltre all’azione, anche gli scambi verbali sono piacevoli, con i diversi punti di vista che non rappresentano un ostacolo se gli interlocutori non sono ottusi. Riuscito.
MEMORABILE: Protagonista e indiano parlano degli Dei; Nordista e Sudista discutono, perorando la propria causa; Il passato ritorna; L’attacco finale.

Nicola81 24/06/20 21:47 - 1925 commenti

I gusti di Nicola81

Non poteva che essere uno dei registi più controcorrente di Hollywood a firmare uno dei western più originali degli anni '50. La scelta di promuovere a protagonista un indomito e tormentato sudista che non si riconosce nell'America nata dalle ceneri della Guerra di Secessione è già abbastanza spiazzante, ma Fuller (non a caso anche produttore e sceneggiatore) ci mette anche il rapporto amichevole con i pellerossa, al quale è fortemente debitore il Kevin Costner di Balla coi lupi. Buoni dialoghi, qualche picco di inaspettata violenza, personaggi ben caratterizzati, cast di rilievo.
MEMORABILE: L'ultima pallottola della guerra; La sequenza da cui deriva il titolo; Il finale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Giùan • 9/08/11 18:42
    Gestione sicurezza - 187 interventi
    Aiuto!!!Comunque da una rapida sgoogolata è possibile che il riferimento della locandina sia attribuibile al nome di una tribù di nativi americani (Quechan o Yuma appunto) particolarmente combattiva.Mi fa sorridere piuttosto vedere la Montiel così energica sul cartellone:per chi non ha visto il film si figuri che ascia di guerra può armeggiare la devota Mocassino giallo
  • Discussione Columbo • 9/08/11 19:16
    Magazziniere - 1102 interventi
    Direi che quella classica italiana è la più bella e "giusta" (cioè con i protagonisti veri):



    Zender, non hai scuse!!! :D

    Abominevole questo poster, con Bronson protagonista:

    http://www.ebay.co.uk/itm/TORTURA-DELLA-FRECCIA-CHARLES-BRONSON-POSTER-50X70-/120723915148?pt=Film_Italiani&hash=item1c1bb4c18c
    Ultima modifica: 9/08/11 19:41 da Columbo
  • Discussione Zender • 9/08/11 21:11
    Consigliere - 43440 interventi
    Spero sia uno scherzo, Columbo... Non vedi che è la medesima locandina di prima che è stata brutalmente schiacciata come fanno i grafici dilettanti? E' na roba tremenda... :)
  • Discussione Columbo • 10/08/11 09:12
    Magazziniere - 1102 interventi
    Questa? Che dici?



    Quella con Bronson che c'è attualmente è orrenda: non solo è sbagliato il protagonista ma pure il titolo (cioè con Apache non lo conosce nessuno).
    Ultima modifica: 10/08/11 16:42 da Columbo
  • Discussione Zender • 10/08/11 17:17
    Consigliere - 43440 interventi
    Ok, cambiata. Ad ogni modo a me piaceva l'altra proprio in quanto sballata e divertente. Inoltre il disegno non era affatto male.
    Ultima modifica: 10/08/11 17:22 da Zender
  • Discussione Cotola • 10/08/11 18:44
    Consigliere avanzato - 3619 interventi
    Io continuo a vedere quella vecchia.
  • Discussione Columbo • 10/08/11 18:47
    Magazziniere - 1102 interventi
    Pure io. Però non è che volessi creare un caos, con il cambio di copertina eh...
  • Discussione Zender • 10/08/11 19:08
    Consigliere - 43440 interventi
    Ragazzi, è sempre la solita storia :) Esiste una cache potente perché se le pagine si dovessero ricaricare ogni volta che le aprite ci mettereste una vita. Se volete annullare la cache (che vi mostra non la situazione attuale ma quella di tempo prima) dovete fare Ctrl + F5. Fidatevi, la locandina nuova è stata messa. Lo stesso per le correzioni che faccio quando uno mi dice ddi inserire un attore. Io lo inserisco, ma a voi sembra di no, se non fate ctrl + f5. E per gli attori a volte nemmeno basta fare quello...
  • Homevideo Buiomega71 • 26/03/17 20:38
    Pianificazione e progetti - 21765 interventi
    Rieditato in dvd da A&R Productions, disponibile dal 20/04/2017

    https://www.amazon.it/Tortura-Della-Freccia-Rod-Steiger/dp/B06XVLBDWZ/ref=sr_1_349?s=dvd&ie=UTF8&qid=1490553430&sr=1-349
  • Homevideo Digital • 6/08/17 08:54
    Segretario - 3026 interventi
    Dvd Golem (Rimasterizzato in hd) disponibile dal 11/10/2017.