La maschera di cera

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: House of Wax
Anno: 1953
Genere: horror (colore)
Note: remake del film omonimo
Numero commenti presenti: 16
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
PAPIRO DAVINOTTICO INSERITO IL GIORNO 1/08/06
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 9/07/07 18:50 - 4716 commenti

I gusti di Puppigallo

La forza del film è Vincent Price, in un'interpretazione delle sue (un uomo non capito, con un dono, calpestato da chi lo dovrebbe sostenere e apprezzare). La pellicola ha ormai un'età (e si vede tutta), ma nonostante questo, i dialoghi (quando c'è Vincent) sono tutti da gustare (la descrizione delle statue al futuro socio. La spiegazione del suo marchingegno) e alcune scene (l'incendio. Nella stanza di lei) hanno ancora un certo impatto. Nota di merito per il fedele servo Igor (il muto Bronson). Quello che si dice un buon film.
MEMORABILE: Price spiega al futuro socio che lui i capelli, alle statue di cera, li attacca a uno a uno.

Undying 29/12/07 10:59 - 3819 commenti

I gusti di Undying

C'era già stato un Mystery of the Wax Museum, diretto nel lontano 1933 da Michael Curtiz (da noi -ovviamente- distribuito come "La Maschera di Cera"). Per quanto strano, a conti fatti, il titolo precedente è ben più impressionante (e già a colori) di questa rivisitazione (che non sarà nè l'ultima, nè la peggiore). Sul titolo specifico si può solo lodare la sempre pregevole presenza di un attore teatrale del calibro di Price, in grado di appassionare nel ruolo (più che adatto) del professor Henry Jarrod. Meritevole d'esser visto, più d'una volta.

B. Legnani 31/12/07 01:18 - 5030 commenti

I gusti di B. Legnani

Una pellicola discreta, non proprio apportatrice di tensione, ma condita con un Vincent Price che è sempre un piacere guardare. Qui non è tonitruante come magari si vorrebbe, ma coltiva e raccoglie occhiate e piccoli gesti delizianti. Cast secondario non proprio rimarchevole, ma il film è Price e Price è il film.

Ciavazzaro 23/10/08 16:54 - 4770 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Ottima seconda versione, dopo la prima diretta negli Anni Trenta da Curtiz. Vincent Price è il madman protagonista della pellicola (unica pecca nel doppiaggio italiano: non è doppiato dal solito Emilio Cigoli e la sua caratterizzazione per questo ci perde parecchio), belle le statue di cera, l'incipit, il teso finale, la morte dell'amica. Davvero un piccolo classico, indubbiamente da vedere.

R.f.e. 22/08/09 12:27 - 816 commenti

I gusti di R.f.e.

Da ragazzo, pur non essendo un fan del cinema horror, gradivo molto questo film. Ottimo Price e i comprimari. Mi piaceva soprattutto la sequenza in cui la bella Phyllis Kirk (attrice purtroppo scomparsa abbastanza di recente) ha le caviglie bloccate nella cassa e Price le sta per colare addosso la cera fusa: non si vede praticamente nulla di "erotico", ma la pelle bianchissima della Kirk, quei piedini... uhmmm, insomma, ti fa capire cosa intendesse Ado Kyrou con la frase "i lampi di erotismo nei B-movies hanno sempre fatto la mia gioia...".

Pinhead80 24/11/10 18:20 - 4172 commenti

I gusti di Pinhead80

La furia vendicatrice di Vincent Price si abbatte su coloro che disdegnano l'arte dopo che per una colluttazione tutte le sue opere d'arte vengono bruciate da un incendio (e anche lui ci rimette la faccia). Il carisma del protagonista e una trama ben congegnata fanno sì che sia un buon film. L'orrore più che essere visibile è sotteso, nascosto, come il volto di Price coperto dalla maschera.

Galbo 1/12/10 05:54 - 11728 commenti

I gusti di Galbo

Remake del film di Curtiz (risalente agli anni ’30) ne segue abbastanza fedelmente la trama ma colpisce molto meno nel segno in quanto a differenza del precedente appare maggiormente datato. Certo, alcune scene mantengono un forte impatto e il film si caratterizza per l’ottima prova di Vincent Price, neo (all'epoca) astro nascente del genere horror, la cui prova veramente personale permea totalmente la vicenda.

Giacomovie 22/05/11 13:16 - 1369 commenti

I gusti di Giacomovie

Girato in uno sperimentale 3D, è un horror essenziale e concreto dai colori vivaci. Ricalca fedelmente l'omonimo (e migliore) film di 20 anni prima e vi si trova un'abile manipolazione della discreta tensione, a cui manca il culmine di un finale adeguato. Qualche fugace rimando erotico. ***

Giùan 5/07/11 17:48 - 3503 commenti

I gusti di Giùan

Lussureggiante confezione Warner Bros (c'è perfino una sperimentazione di 3D) per questo remake robustamente diretto dal sempre ottimo Andre De Toth. La componente gotica del soggetto è ben temperata da abbondanti sfumature di sottinteso ironico, nelle quali ovviamente giganteggia quel Maestro di understatement che era Vincent Price. Non banali se pur superficiali i paralleli su arte e vita, muta ma intensa interpretazione del giovanissimo ma già segnato Bronson e perfino un tocco di erotico feticismo quasi Bunueliano: i polsi e piedi nudi della Kirk.
MEMORABILE: La lotta nel museo in fiamme; l'insistenza delle inquadrature sulle estremità nude di Phillys Kirk.

Von Leppe 5/08/13 20:14 - 1116 commenti

I gusti di Von Leppe

È un remake ma sarà precursore di molti horror e può contare sulla buona interpretazione di Vincent Price, che diventerà un'icona del genere. Ottime ricostruzioni delle statue di cera e notevoli scenografie, negli interni ma sopratutto nelle vie notturne, con un'interessante fotografia. Alcune scene sono memorabili, tra cui il delitto dell'impiccato nell'ascensore. Ci sono trovate fatte su misura per il 3D come il tizio che gioca con le palline e c'è un giovane Charles Bronson nel ruolo di Igor.
MEMORABILE: "Ci vuole un pizzico di pazzia per il tuo mestiere!"

Frank Lovejoy HA RECITATO ANCHE IN...

Il Dandi 4/02/14 18:03 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Come ogni film dalle larghe (e ingenue) concessioni alla spettacolarità d'epoca (fu girato e distribuito in formato stereoscopico: un effetto 3D impossibile da apprezzare oggi), si mostra inequivocabilmente datato; colpa anche di uno script che indugia troppo all'inizio e diventa troppo frettoloso nello svolgimento. Tuttavia quella dello scultore assassino è una delle maschere più iconiche di Vincent Price, e la sua interpretazione cult basta a consegnare la pellicola alla storia dell'horror.
MEMORABILE: La testa di Charles Bronson (il giovane aiutante muto) tra le maschere di cera.

Lythops 31/07/15 11:57 - 980 commenti

I gusti di Lythops

Se Vincent Price dà prova di quel talento che svilupperà nel cinema di genere, De Toth dirige un film non del tutto all'altezza del precedente degli anni '30 ma fedele alle paura dell'epoca, con "l'uomo nero" in abito macabramente svolazzante nei vicoli nebbiosi, un volto (ben) sfigurato, giochi d'ombre e una buona fotografia. La scenografia, non particolarmente apprezzabile nei vicoli ricostruiti, si fa più interessante negli interni. Meraviglioso il doppiaggio, ma si sa che allora era tutt'altra cosa; musiche invadenti.
MEMORABILE: L'omino con la racchetta da ping pong: perché nessuno lo ha ucciso?

Cotola 8/09/15 13:55 - 8111 commenti

I gusti di Cotola

Discreto rifacimento del classico di Curtiz. C'è un certo gusto visivo che conferma le buone qualità di un regista come De Toth che non era certo l'ultimo arrivato. Il meccanismo thrilling non è il massimo, ma gli ultimi minuti (sebbene siano "risaputi" allo spettatore contemporaneo) sono orchestrati in maniera efficace. Poi ci si può godere l'ottima prova di Price nonché i trucchetti e gli alambicchi che servono a creare le statue di cera. Forse gli anni ne hanno sminuito il valore, ma resta comunque un "filmetto" non male.

Rufus68 2/08/16 08:31 - 3394 commenti

I gusti di Rufus68

A parte Vincent Price che, per la gioia degli amanti del genere, gigioneggia da par suo, c'è davvero poco nel film in termini di tensione e atmosfera. A nuocergli è, probabilmente, anche il fatto d'essere un remake: il colpo di scena principe cade, perciò, senza sorprese; la regia di de Toth, sola corretta, non ha la forza d'infondere nuova linfa al soggetto. Di rilievo l'ugola della protagonista (almeno nel doppiaggio).

Daniela 16/03/18 20:01 - 10920 commenti

I gusti di Daniela

Sfigurato e reso folle dell'incendio che ha distrutto il suo museo di statue di cera, uno scultore ne apre uno nuovo, dopo aver messo a punto un procedimento innovativo per modellare le figure... Presentato come il primo film in 3d, ma non è questo il principale titolo di merito del film: qui Price fa il suo trionfale ingresso nel genere horror, a cui deve fama imperitura, dopo aver prestato anni prima solo la voce ad uno degli uomini invisibili dello schermo. Opera elegante come il suo protagonista, qui affiancato come compare di nefandezze da Bronson, ceffo muto ma molto espressivo.
MEMORABILE: La testa immobile del muto Igor, accanto ad altre teste di cera, muove gli occhi rivelando la sua vera natura

Fedeerra 16/10/21 06:45 - 783 commenti

I gusti di Fedeerra

Meno visionario rispetto al capostipite ma più accurato nella presentazione dei personaggi, nella struttura narrativa e nel passaggio logico di causa-effetto. Il film di André De Toth è comunque forgiato e sovrastato da una cornice e da un timpano di stampo gotico assai classico, e basa buona parte della sua forza evocativa nel personaggio - diabolico e ammaliante - di Vincent Price. Ottima la fotografia del duo Glennon/Marley, altisonanti le musiche di David Buttolph.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Undying • 19/01/09 00:21
    Scrivano - 7614 interventi
    Remake sperimentale di un capolavoro, proposto nel prestigioso effetto tridimensionale. Il regista André De Toth (1912-2002) si dimostrò particolarmemnte interessanto al processo 3D, tanto da avere scritto un articolo del procedimento sull'Hollywood Reporter. Peccato solo che il regista fosse cieco da un occhio, pertanto l'effetto (visivo) tridimensionale non avrebbe mai potuto provarlo!
  • Curiosità Ciavazzaro • 9/06/09 14:49
    Scrivano - 5629 interventi
    Nedrick Young che interpreta l'assistente Leon non avvenne accreditato nei titoli,dal momento che si trovava nella famigerata lista dei comunisti voluta da Mc Carthy.
  • Curiosità Undying • 30/10/09 13:39
    Scrivano - 7614 interventi
    La maschera di cera: differenze tra l'edizione del 1933 e quella del 1953



    Il film ripercorre fedelmente lo stesso soggetto del suo predecessore datato 1933 e firmato da Michael Curtiz, essendo sostanzialmente diverso per scenografie e obiettivi nuovi, dettati dall'uso del 3-D: quindi sono presenti, in questa edizione, gli immancabili momenti di oggetti svariati (palline da ping pong, sedie e pure gambe: quelle delle ballerine di can-can!) fatti fluire dritti in faccia allo spettatore.

    Questo effetto tridimensionale, associato all'uso del Warnercolor (procedimento del colore fondato sulle matrici a base di blu, celeste e giallo) distanziano i due film: in particolare perché il primo ha taglio espressionista, garantito dall' abbondanza d'uso di linee oblique, scale tortuose, ombre oblunghe e statue simil creatura animata/inanimata.

    Restano inalterati rispetto al modello del 1933: il tema blando (ma presente) della necrofilia; il corpo e la sua controparte fisica ma priva di anima (le statue); l'ossessione di dare linfa vitale a corpi esanimi, direttamente prelevata dal più celebre Frankenstein.

    Il biennio 1953-1954 fu uno - dei tanti - che vide predominare l'uso del sistema tridimensionale, in quegli anni, oltre a questo La maschera di cera, fecero la comparsa, girati in 3-D, anche: Il mostro della via Morgue e Il mostro delle nebbie.
  • Homevideo Digital • 24/03/12 14:55
    Portaborse - 3291 interventi
    Dvd della A e R Productions disponibile dal 10/04/2012.
    Ricordo che il dvd region 2 della Warner dispone della traccia audio italiana.
  • Homevideo Undying • 30/09/12 14:22
    Scrivano - 7614 interventi
    Dvd della A e R Productions:

    Qualità video del film sufficiente, audio (ovviamente mono) accettabile ed extra nulli.
    Formato immagine: un anacronistico 4:3 full screen.
    Linguaggi selezionabili: italiano, inglese, tedesco e spagnolo.
    Sottotitoli in italiano.
    Durata della versione: 1:24:39.

    Sotto: frame dal DVD A & R Productions
    Ultima modifica: 30/09/12 20:10 da Zender
  • Homevideo Von Leppe • 10/08/13 13:32
    Call center Davinotti - 992 interventi
    Il dvd della Warner Bros:

    Formato: 1.33:1 (4.3)
    Lingue: inglese, francese, italiano
    Durata: 1:24:41
    Extra: cinegiornale d'epoca, film originale in technicolor del 1933

    min 07:44

    Ultima modifica: 10/08/13 16:16 da Zender
  • Discussione Fedemelis • 10/08/13 23:40
    Fotocopista - 1939 interventi
    Nella immagine prima del titolo appare la R di "marchio registrato" invece del solito quadratino colorato, è normale?
    Ultima modifica: 10/08/13 23:41 da Fedemelis
  • Discussione Zender • 11/08/13 08:11
    Consigliere - 45088 interventi
    Non so, io vedevo tutto normale. Prova a guardare ora (aggiornando con l'F5 più volte).
  • Discussione Fedemelis • 11/08/13 10:24
    Fotocopista - 1939 interventi
    Con il tablet e il cellulare è un po' difficile. Adesso tutto ok.
    Ultima modifica: 11/08/13 10:25 da Fedemelis