Il ritorno dell'uomo invisibile - Film (1940)

Il ritorno dell'uomo invisibile
Media utenti
Titolo originale: The Invisible Man Returns
Anno: 1940
Genere: fantastico (bianco e nero)
Regia: Joe May
Note: Il seguito di "L'uomo invisibile".

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 22/11/11 DAL BENEMERITO MYVINCENT
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Myvincent 22/11/11 10:32 - 3418 commenti

I gusti di Myvincent

Un nuovo uomo invisibile, nudo ed esposto alle basse temperature ambientali, è braccato per una colpa non commessa. Il film gira attorno a una formula chimica capace di eliminare l'invisibilità e che alla fine non viene mai praticata. Il racconto è accattivante, ma la resa non è altrettanto entusiasmante. Resta comunque un'opera da vedere per i "magici" effetti speciali. Vincent Price si materializza nell'ultimo quarto d'ora.

Puppigallo 9/03/14 09:07 - 5001 commenti

I gusti di Puppigallo

La trama non ha certo importanza (il fratello del defunto uomo invisibile che aiuta il fratello di un assassinato a scoprire la verità...). E' solo un pretesto per risfruttare l'invisibilità. Ma se da una parte la pellicola è lontana parente del capostipite, dove l'originalità e la psicologia del protagonista ne facevano un fantagioiellino, dall'altra si è comunque al cospetto di un film dignitoso, qua e là sfizioso (gli esperimenti e l'inevitabile discesa nella follia), che rende il tutto meritevole di un'occhiata. Da sottolineare gli effetti speciali nel finale (notevoli, vista anche l'età).
MEMORABILE: La scena col custode terrorizzato "Satana!". E l'uomo invisibile, starnutendo, commenta: "Fa freddo nell'aldilà..."; Il brindisi con sorrisi forzati.

Cotola 22/02/17 22:45 - 8564 commenti

I gusti di Cotola

Passabile film firmato da un regista che in passato aveva ben altre aspettative. Certo si lascia seguire, ma il vero problema è la prevedibilità di una trama che prende sempre la strada più trita. Forse l'epilogo è un po' meno scontato del previsto, ma non basta a salvare la baracca. Pochi e non eccezionali, soprattutto considerati quelli del capostipite, gli effetti speciali.

Daniela 5/03/17 12:35 - 11928 commenti

I gusti di Daniela

Il fratello del defunto dr.Griffin utilizza la formula per rendere invisibile un amico ingiustamente condannato a morte. Ma anche questi, una volta evaso dalla prigione, comincia ben presto ad avvertire gli effetti collaterali del siero... Sequel che, pur senza raggiungere le vette del capolavoro di Whale, risulta dignitoso ed anche gradevole, nonostante la prevedibilità degli sviluppi grazie soprattutto al buon cast in cui, oltre a Price che si vede ovviamente molto poco (ma la sua voce è ben riconoscibile in originale), spiccano Kellaway e Hardwicke.

Von Leppe 20/11/19 18:48 - 1173 commenti

I gusti di Von Leppe

E' interpretato da ottimi attori come Cedric Hardwicke, Cecil Kellaway e Vincent Price, alcune trovate sono divertenti (il fumo e la pioggia per vedere l'uomo invisibile). Anche gli effetti speciali fanno il loro dovere e la trama non è poi male, ma il risultato è blando. L'atmosfera non pare all'altezza delle migliori pellicole Universal, malgrado sia ambientato in parte in un castello (di cui si vedono solo pochi interni).

Rambo90 11/04/20 01:52 - 7279 commenti

I gusti di Rambo90

Un sequel riuscitissimo. L'idea migliore è quella di cambiare direzione: c'è meno umorismo, più melodramma e soprattutto una trama gialla a fare da sfondo alle avventure del nuovo uomo invisibile. La regia di May ha classe e sa come valorizzare gli ottimi effetti speciali attraverso alcune inquadrature studiate ad hoc. Bravi gli interpreti tra cui il giovane Price, che presta la voce grossa e la stazza al protagonista. Notevole.

Anthonyvm 23/09/22 01:11 - 4524 commenti

I gusti di Anthonyvm

Sequel di discreto livello, messo però a dura prova dal confronto col capolavoro di Whale. L'umorismo pronunciato del regista inglese viene ripreso rispettosamente dall'austriaco May, artefice di sequenze ragguardevoli (la silhouette di Price nella sbuffata di fumo, tipo L'uomo senza ombra, o la malinconica svestizione dello spaventapasseri, ottimo quadretto desolante). Quel che funziona meno è il plot, la cui deviazione pseudo-giallista è troppo flebile per dissolvere l'effetto déjà vu; gli SFX, seppur laboriosi e affascinanti, non sembrano essersi evoluti in maniera significativa.
MEMORABILE: Il guardiano notturno tormentato dal "fantasma" freddoloso; Le manie di grandezza di Price e il vino drogato; Movimentata resa dei conti alla miniera.

Nan Grey HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.