La bottega che vendeva la morte

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: From beyond the grave
Anno: 1974
Genere: horror (colore)
Regia: [4e] Kevin Connor
Note: Aka "The Creatures". Episodi: "The Gate Crasher", "An Act of Kindness", "The Elemental" e "The Door".
Numero commenti presenti: 24
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 18/09/07 22:04 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Kevin Connor (artefice di alcuni curiosi film fanta-preistorici) dirige alcuni "mostri sacri" del genere: Cushing e Pleasence. Produce la celebre casa inglese (alternativa alla Hammer) nota come Amicus. Narrazione ad episodi, tenuti assieme dal collante del rigattiere "moralmente" giudice/esecutore. I clienti del negozio del titolo hanno deprecabili vizi, ma ne pagheranno le conseguenze. Solo chi si comporta in maniera onesta potrà avere salva la vita (e l'anima). Affascinante ed intrigante, caratterizzato da dialoghi eccellenti.

Lovejoy 14/12/07 20:27 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Uno dei migliori horror a episodi del cinema inglese. Ben scritta e ben diretta dal bravo Connor, la pellicola ha un ottimo ritmo e alcune sequenze notevoli. Gli episodi migliori sono il primo (interpretato efficacemente da uno splendido David Warner), il secondo (con Bannen e Pleasence) e il terzo. L'ultimo è alquanto deludente. Peter Cushing è al solito ammirevole.
MEMORABILE: Il primo, il secondo e il terzo episodio.

Ciavazzaro 12/02/08 16:49 - 4756 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Vi sono molto legato, poiché è il primo horror Amicus che ho visto; funziona molto bene, dal momento che può contare su un cast di attori fenomenali. Inquietanti il primo e l'ultimo episodio (rispettivamente con David Warner nel primo e la coppia Ogivly-Lesley Anne Down nel secondo), non male quello con Pleasence e la Dors (soprattutto il colpo di scena finale), comico ma con finale molto horror l'episodio di mezzo. Ineffabile il venditore Peter Cushing.
MEMORABILE: La scritta finale: "Troverete cose per ogni gusto".

Cotola 11/05/08 03:11 - 7406 commenti

I gusti di Cotola

Divertente e gustoso film a episodi che come spesso accade in questi casi è un po' discontinuo nel senso che alterna episodi più riusciti ad altri che invece si rivelano essere deboli. In ogni caso la pellicola è gradevole e si lascia seguire in scioltezza. Consigliabile a chi piacciono i film horror a episodi vecchio stile o a chi cerca una pellicola scacciapensieri.

Homesick 13/12/08 11:52 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Cheto e mortifero, il vecchio antiquario Cushing è l’anello di congiunzione di quattro episodi horror-fantastici che alternano e/o confondono il macabro e l’ironia. Particolarmente riusciti il primo e il quarto (specchi e porte celanti mondi segreti e maledetti) per il loro affascinante impatto visivo; nel secondo si apprezzano il colpo di scena finale e Pleasence padre e figlia; l’esorcistico terzo episodio è purtroppo penalizzato dal pessimo doppiaggio italiano dell’esuberante Leighton. Di certo un paradigma per la serie Un salto nel buio.

Daniela 2/02/09 17:26 - 9111 commenti

I gusti di Daniela

Nonostante il glorioso cast, si rivela alquanto deludente, per la scarsa cura con cui sono impaginati i singoli episodi che pure sulla carta potevano essere intriganti o divertenti. Basta confrontarlo con un prodotto analogo, Le cinque chiavi del terrore, nel quale è sempre Peter Cushing il filo conduttore che lega i vari episodi, di valore diseguale ma diretti con maggior eleganza. Quel che c'è di buono è imputabile agli interpreti, in particolare a David Warner nel primo episodio vampiresco, il migliore anche se anch'esso sa di raffazzonato.
MEMORABILE: Mica tutti i vampiri possono essere fascinosi, però potevano anche trovarne uno dall'aspetto migliore, quello sembra la statua di cera di Landru.

Mco 6/05/10 01:04 - 2128 commenti

I gusti di Mco

La concorrente della Hammer produce questo filmetto ad episodi che tanto ha allietato le notti horror degli over 35 di oggi. Nulla di speciale, beninteso, ma la presenza del mefistofelico finto serafico lord Cushing come anfitrione di un bugigattolo di antichità foriere di disgrazie vale sicuramente l'intera visione. Il frammento iniziale, con specchio antico a far da protagonista, forse è il migliore, mentre quello di Pleasence il più debole. Comunque, da vedere.

Rambo90 20/05/10 03:56 - 6278 commenti

I gusti di Rambo90

Classico horror ad episodi della Amicus. Questa volta il filo conduttore è una bottega d'antiquariato gestita dal grande Peter Cushing. L'episodio migliore è il primo con un'ottima interpretazione di David Warner e che comunica molta inquietudine, buoni anche il secondo (con un simpatico Pleasence) e il quarto (l'unico che finisce bene). Il terzo risulta il peggiore in quanto troppo ironico e poco pauroso, anche se l'idea dello spirito invisibile sulla spalla era buona. Piacevole.

Manowar79 28/06/10 17:35 - 309 commenti

I gusti di Manowar79

Cushing è una specie di losco rigattiere alle prese con clienti tutt'altro che onesti, cui non esita a riservare quelle che chiameremmo simpaticamente delle "sole". Questo il filo conduttore dell'ennesima antologia di marca Amicus, che stavolta non riesce a mantenere il livello del buon Le cinque chiavi del terrore e propone tre episodi su quattro davvero insipidi. Si salva il secondo (con famiglia Pleasance), sinistro e a suo modo persino originale. L'episodio a base di spiritelli, con le sue pretese parodistiche, è di una bruttezza unica.

Lucius 6/11/10 00:59 - 2819 commenti

I gusti di Lucius

Di buona fattura, un horror classico per ragazzi ad episodi tenuti assieme non solo dal filo conduttore, ma anche dalla vecchia bottega dell'antiquario dove lo stesso vende oggetti, con una lunga storia alle spalle, pregni di morte. Bella l'ironia alla base dei soggetti: agli acquirenti che cercano di fregare il vecchio antiquario ne capitano di tutti i colori, in un gioco di luci e di terrore. Accurata la pellicola anche se non priva di qualche ingenuità.

Il Gobbo 30/05/11 08:37 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Articolo caratteristico dela bottega Amicus, di chiara connotazione fumettistica, funziona meglio dove la storia consente di enfatizzare l'impatto visivo, mentre le soluzioni più d'atmosfera risentono forse dei limiti di spazio e restano irrisolte (il secondo pezzo in particolare). Ma Warner non poteva semplicemente cambiare appartamento? Nostalgicamente godibile.

Hearty76 29/05/12 18:42 - 220 commenti

I gusti di Hearty76

Molte cineproduzioni degli anni '70/'80 ebbero la pretesa di passare per appartenenti al genere horror, quando invece oggi fanno penosamente ridere... oppure sono paradossalmente utili per farsi del male se inserite nel "ciclo autopunitivo". Almeno si salvicchiano, se non altro per questioni di durata, le pellicole ad episodi come questa. Confezione e contenuti sono più televisivi che altro, ma con una certa gradevole accuratezza. Un po' pedante il taglio moralistico, ma nel complesso è buono.

Daidae 26/10/12 13:50 - 2721 commenti

I gusti di Daidae

Alti e bassi. Film a episodi di vario spessore: bruttino il primo, bello il secondo, pessimo il terzo e ottimo il quarto. Stilisticamente simile ai vecchi film dell'orrore inglesi (del resto è inglese...) Buon cast ma episodi non sempre all'altezza. Diciamo che la sufficienza piena la prende.
MEMORABILE: Il taglio della torta, la porta.

Von Leppe 20/01/13 13:46 - 1016 commenti

I gusti di Von Leppe

Episodi che vengono raccontati in modo leggermente piatto (ma con ottima atmosfera); le storie risentono della breve durata e in alcuni punti sono poco convincenti. Spiccano tra tutti il primo episodio dello specchio e il secondo, interpretato tra gli altri da Donald Pleasence e Diana Dors. Buono anche l'ultimo per l'atmosfera magica e la ricostruzione della stanza antica. Il tutto è legato dalla bottega e dal suo bottegaio Peter Cushing, con un taglio che può essere definito morale, ma beffardo, come capita spesso nei film a episodi.

John trent 23/01/14 11:06 - 326 commenti

I gusti di John trent

Discreto horror diviso in 4 episodi (marchio di fabbrica Amicus) con Peter Cushing a fare da collante nei panni di un ineffabile rigattiere che vende oggetti antichi e maledetti (anticipando di 20 anni il, per certi versi, simile Cose preziose). Chiunque cerchi di truffarlo, rubando nel suo negozio o pagando meno di quanto gli oggetti valgano, verrà punito dagli oggetti stessi. Ottimo il primo segmento con David Warner, in calando i due successivi e un pelino meglio l'ultimo. L'unico cliente onesto avrà salva la vita. Non male.
MEMORABILE: David Warner dietro lo specchio; La porta maledetta.

Claudius 12/03/17 10:46 - 397 commenti

I gusti di Claudius

Uno dei migliori film della gloriosa Amicus. Splendido e inquietante il primo episodio (ottimo Warner), buona la cornice ai racconti, discreto il secondo, sufficiente il terzo e quasi buono l'ultimo. Ai giorni nostri sembra un po' invecchiato ma regge ancora bene; una visione la vale sempre, per chi ama l'horror.
MEMORABILE: Il primo episodio (lo specchio e il lampadario) e la porta nell'ultimo.

Pinhead80 10/08/17 13:19 - 3837 commenti

I gusti di Pinhead80

Quasi alla fine della sua avventura nel mondo del cinema, la Amicus Productions ci regala un piccolo gioiello horror con la classica struttura a episodi. Tutti i personaggi delle quattro storie raccontate passano nel negozio d'antiquariato di Peter Cushing. La disonestà o l'onestà saranno l'ago della bilancia del loro destino. Come al solito qualche episodio è riuscito meglio di altri, ma nella media siamo di fronte a un buon prodotto che sicuramente merita una visione.

Rufus68 1/03/18 16:53 - 3016 commenti

I gusti di Rufus68

Consueto e piacevole decamerorrifico: non conta la qualità ma, appunto, la voglia di narrare "l'altra parte", lo spaventevole risvolto della realtà. Ogni episodio pecca in qualcosa (o manca in qualcosa): primo segmento mediocre, ma con un ottimo Warner; bene l'aria minimale nel secondo che è risolto, tuttavia, con un semplice sberleffo; leggero il terzo, ma con chiusa crudelissima, buono seppur troppo piatto l'ultimo... Il mestieraccio si sente e Cushing ci accompagna sino alla fine.

Il Dandi 25/03/19 19:03 - 1733 commenti

I gusti di Il Dandi

Ultimo horror antologico della Amicus e canto del cigno del genere: la cornice con la bottega del titolo è scarsamente incisiva (Cushing sarà stato sul set mezza giornata in tutto) ma gli episodi, per chi ama il genere, risultano tutti abbastanza piacevoli ancorché prevedibili. La preferenza personale la accordiamo alla coppia Pleasence (padre e figlia) e al pendolare Carmichael esorcizzato dalla medium Leighton, protagonisti dei due segmenti dal sapore più smaccatamente britannico.
MEMORABILE: Pleasence mendicante; L'esorcismo.

Markus 9/09/18 19:46 - 3233 commenti

I gusti di Markus

Chi osa buggerare un negoziante di una bottega d'antiquariato, poi paga pegno. Nel più tipico stile british d'antan, un horror in quattro episodi che mischiano le carte del terrore a quelle del macabro umorismo. "The gate crasher" (**): la creatura dello specchio è divertente e la situazione, seppur ripetitiva, è attagliante; "An act of kindness" (**): tra introspezione psicologia e horror; "The elemental" (*!): inizio promettente ma sviluppo della vicenda poco appassionante; "The door" (**!): dietro la porta, l'affascinate stanza blu.

Anthonyvm 26/09/18 23:33 - 1707 commenti

I gusti di Anthonyvm

Quattro episodi di qualità altalenante, condotti con la solita maestria e l'usuale fascino da un criptico Cushing. Il primo episodio è banalotto, anche se la presenza di David Warner è apprezzabile e il finale circolare è buono; il secondo (con Pleasence) è il migliore, maligno e con un bel twist nel finale; il terzo è il peggiore, poco interessante e troppo umoristico; l'ultimo ha qualche bella idea, anche se manca (per ragioni di plot) quella gustosa cattiveria che caratterizza gli altri. Nel complesso un'antologia discreta, ma c'è di meglio.
MEMORABILE: L'inquietante somiglianza fra Donald Pleasence e sua figlia (sia nel film sia nella realtà) Angela.

Rigoletto 19/03/19 10:35 - 1483 commenti

I gusti di Rigoletto

Horror a episodi, dal tipico sapore anglosassone, interpretato da un cast di tutto rispetto tra cui spicca il bottegaio Cushing ma che può vantare anche gli ottimi Banner, Pleasence e Warner. Naturalmente la frammentazione non può permettere un lavoro dalla qualità omogenea; eppure, nonostante possa apparire sottotono rispetto ad altri film concepiti con un'identica struttura portante, rimane sempre un'opera dal gusto piacevole e rétro.

Keyser3 13/03/20 22:58 - 96 commenti

I gusti di Keyser3

Horror all'inglese ben confezionato ma discontinuo, caratteristica, quest'ultima, ricorrente nei film a episodi. Il primo è senza dubbio il più riuscito, capace di regalare momenti di puro terrore. Positivo anche il secondo, dominato dalla figlia di Pleasance, il cui ghigno malefico non si dimentica facilmente. Penalizzato da un registro eccessivamente macchiettistico il terzo, mentre il quarto non lascia traccia. Tirando le somme, meritevole di una visione.
MEMORABILE: Le sembianze hitleriane di Ian Bannen.

Siska80 31/05/20 07:49 - 435 commenti

I gusti di Siska80

Sobrio prodotto realizzato con pochi mezzi che mescola elementi macabri a humor tipicamente inglese: il primo episodio (con un Warner inespressivo) può essere considerato l'antesignano di Hellraiser; il secondo (interpretato dal bravo Pleasence) è genialmente perverso; il terzo è ironicamente grottesco: il quarto è il più debole, ma deve avere ispirato Bava junior per lo script de La casa dell'Orco. Plauso a Peter Cushing, inquietante bottegaio (si veda il finale).
MEMORABILE: "Vita, natura, amore!" (Susan).
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 30/05/09 14:45
    Vice capo scrivano - 5597 interventi
    Marcel Steiner nella versione inglese e' doppiato da Robert Rietty.
  • Curiosità Ciavazzaro • 22/10/09 20:23
    Vice capo scrivano - 5597 interventi
    Scheda di doppiaggio: Sandro Tuminelli:Peter Cushing Episodio The Gate Casher Alfredo Censi:Marcel Steiner Episodio An act of kindness Adriana De Roberto:Diana Dors Lorenza Biella:Angela Pleasence Episodio The Elemental Mario Colli:Ian Charmichael Noemi Gifuni:Nyree Dawn Porter
  • Curiosità R.f.e. • 7/12/10 09:25
    Call center Davinotti - 860 interventi
    Ciavazzaro ebbe a dire: Scheda di doppiaggio: Sandro Tuminelli: Peter Cushing Episodio The Gate Casher Alfredo Censi: Marcel Steiner Episodio An act of kindness Adriana De Roberto: Diana Dors Lorenza Biella: Angela Pleasence Episodio The Elemental Mario Colli: Ian Charmichael Noemi Gifuni: Nyree Dawn Porter Aggiungo alla scheda di Ciavazzaro: Episodio The Gate Casher *Pier Angelo Civera: David Warner *Franca Salerno: Wendy Allnutt *Roberto Del Giudice: Dallas Adams Episodio An Act of kindness *Luciano Melani: Ian Bannen *Leonardo Severini: Donald Pleasence Episodio The Elemental *Francesca Palopoli: Margaret Leighton Episodio The Door *Carlo Sabatini: Ian Ogilvy *Maresa Gallo: Lesley-Anne Down *Silvio Noto: Jack Watson doppiaggio: S.A.S.
  • Curiosità Ciavazzaro • 7/12/10 20:55
    Vice capo scrivano - 5597 interventi
    Ottimo,ne avevo dimenticato parecchi hehe.
  • Homevideo Digital • 12/10/12 19:36
    Segretario - 3014 interventi
    Dvd della 30 Holding disponibile dal 12/12/2012.
  • Homevideo Buiomega71 • 12/10/12 19:51
    Pianificazione e progetti - 21685 interventi
    Succosa notizia. Io ho la vhs Warner, ma ahimè un pò rovinata. Sicuro lo prenderò anche in dvd.
  • Homevideo Ciavazzaro • 14/10/12 21:08
    Vice capo scrivano - 5597 interventi
    La 30 holding cos'e ? Non la conoscevo questa etichetta,è nuova ?
  • Homevideo Buiomega71 • 14/10/12 21:11
    Pianificazione e progetti - 21685 interventi
    Ciavazzaro ebbe a dire: La 30 holding cos'e ? Non la conoscevo questa etichetta,è nuova ? No, Ciava, praticamente e la Millenium Storm (ha cambiato solo il nome)
  • Curiosità Kanon • 22/10/12 23:19
    Fotocopista - 815 interventi
    Il personaggio del misterioso rigattiere Hamlin e del suo negozio "Safarà" è un chiaro omaggio al personaggio interpretato da Cushing in questo film.
  • Curiosità Buiomega71 • 22/11/15 11:06
    Pianificazione e progetti - 21685 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni (Ciclo: "Cinema europa: Gran Bretagna"", venerdì 12 agosto 1988) di La bottega che vendeva la morte: