La casa dei fantasmi

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: House on haunted hill
Anno: 1959
Genere: horror (bianco e nero)
Note: Conosciuto recentemente col titolo del remake: "Il mistero della casa sulla collina".
Numero commenti presenti: 25
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fabbiu 30/05/07 11:47 - 1932 commenti

I gusti di Fabbiu

Probabilmente il film riusciva a spaventare efficacemente, nel 60. Curioso infatti che nei cinema la proiezione fosse accompagnata da trucchetti "live" per aumentare la suspance. Lo si guarda con piacere per tutta l'aria "giocherellona" che si trascina dietro (in fondo la trama si basa proprio su un gioco). Qualche testa mozzata, un po' di acido in cantina, una vecchia decrepita e un simpatico scheletrino sul finale (accennato già dalla locandina del film). Sempliciotto ma ben sceneggiato. Piacevole.
MEMORABILE: Due: lo scheletrino in cantina che spinge la donna nell'acido e la vecchia decrepita che si muove orizzontale e immobile come fosse una statua su uno skate.

Undying 14/06/07 21:37 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Poi rifatto come Il mistero della Casa sulla Collina, fu il primo film a sfruttare l'effetto Emergo, un sistema che faceva emergere un oggetto dallo schermo. Nella scena in cui lo scheletro di Price emerge dal bagno d'acido, in cui l'ha gettato la sua gentile mogliettina, Castle voleva che la creatura continuasse a muoversi, superasse la testa della donna fino ad uscire dallo schermo lanciandosi sul pubblico terrorizzato per poi rientrare nell'immagine cinematografica. Il regista diventerà famoso per queste trovate e questo è uno dei suoi migliori film.

Puppigallo 22/07/07 09:05 - 4508 commenti

I gusti di Puppigallo

Piuttosto deludente. L’unico che riesce a dare un po’ di lustro a questo filmetto è Price, col suo indiscusso carisma e i suoi sorrisi beffardi. L’idea non era poi così male (resistere una notte in una casa stregata per vincere un malloppone), ma di tensione ce n’è proprio poca (la testa) e non bastano le urla per spaventare, o quantomeno, inquietare. Come se non bastasse, ci si mette anche un finale improponibile (quasi comico involontario), che neanche Price riesce a salvare. Perdibile, anche se il bianco e nero gli dona un certo fascino.

Lovejoy 1/01/08 17:35 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Mediocre horror in parte riscattato dalla buona prestazione del solito Price. La storia non è molto originale e il regista Castle ci mette del suo con una prova più opaca del solito e con un ritmo decisamente basso. Il colpo di scena finale non è cosi originale come si crede. Price gigioneggia come suo solito e risulta il migliore di un cast a dir poco mediocre. Si è visto di meglio, in definitiva.

Ciavazzaro 2/04/08 15:19 - 4762 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Classico horror d'atmosfera firmato William Castle, con un Vincent Price in grandissima forma, ma che può contare anche su un cast perfetto: la sensuale Olmhart (l'unica del cast a essere ancora viva oggi), Long, Cook, jr. Ineccepibile il doppiaggio e un pochino di tensione la crea; come al solito Castle gioca con chi sta seduto al cinema (questa volta scheletri svolazzanti sopra la testa dello spettatore durante le proiezioni). Godibile.

Cotola 21/07/08 23:10 - 7513 commenti

I gusti di Cotola

Gioiellino del cinema horror vecchi tempi che, come spesso accade nel cinema di Castle, punta non tanto a spaventare quanto a divertire lo spettatore. In questo caso bisogna dire che il risultato è piuttosto riuscito: l'intreccio non è male (l'idea non è originalissima ma siamo appena nel 1959), la regia è competente anche se alterna qualche buona idea ad una certa dose di ingenuità, gli attori se la cavano più che bene (specialmente il veterano di questo genere di pellicole, Vincent Price).

Saintgifts 14/11/10 10:20 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Non è un horror ma un giallo in piena regola. Solo Elisha Cook Jr., noto caratterista di quegli anni, con le sue espressioni e i suoi occhi sbarrati che lo hanno reso noto, crede veramente ai fantasmi, ed apre e chiude il film con il suo viso disperato. Quindi non è tanto da giudicare se faccia più o meno paura agli spettatori, nonostante le urla e le innumerevoli porte che si chiudono cigolando; credo che nessuno sia rimasto scosso, ma è la costruzione della trama che si disvela pian piano il punto di forza, con un finale direi perfetto.
MEMORABILE: La sexy Carol Omhart che scende in cantina nella camicia da notte che lascia intravvedere le gambe, è perfetta per il finale.

Pigro 22/01/11 09:20 - 7777 commenti

I gusti di Pigro

Il riccone (un grande Price) invita alcune persone a passare una notte blindate nella casa dei fantasmi: carina l'idea e buona anche l'atmosfera di paura che si viene a creare, anche se una sceneggiatura logorroica rallenta, soprattutto nella prima parte, l'interesse dello spettatore. La bizzarria della situazione avrà poi uno svelamento che porta a compimento l'impostazione alla Agatha Christie che si annusa fin dall'inizio: ma questa soluzione è davvero scadente e ridicolizza il pur interessante plot seguito fino ad allora.

Pinhead80 1/04/11 10:32 - 3942 commenti

I gusti di Pinhead80

I soldi, si sa, fanno gola a tutti o quasi e non fanno eccezione i nostri protagonisti, che per la somma di 10.000 dollari dovranno affrontare una notte in una casa infestata dai fantasmi. Price è il solito marpione e la solida regia di Castle conferisce al film una buona struttura. Qualche sussulto e un buon finale fanno il resto. E' sufficiente a definirlo un buon film.

Rebis 5/03/12 20:48 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Ibridando "Dieci piccoli indiani" di Agatha Christie con "La casa degli invasati" di Shirley Jackson e memore degli amanti diabolici di Clouzot, Castle imbastisce un divertissement che, pur privo ormai del battage pubblicitario e dei gimmick che l'hanno reso celebre (l'effetto Emergo), riesce ancora a sorprendere per la tentata interazione tra telecamera e spettatore che ambisce, anche ingenuamente, a sfondare la "quarta parete cinema". In ogni caso più tecnica che stile, senza che questo diventi un limite per l'intrattenimento. Gradevolissimo se ci si accorda ad una percezione d'epoca.

Rigoletto 6/05/12 18:16 - 1552 commenti

I gusti di Rigoletto

Il tema horror è uno spunto, in realtà, per un giallo (o sarà un horror?), ben costruito nel timing e nella tensione, ricco di sorprese. William Castle gira un film un po' contorto ma efficace, con bravi attori che riescono a impreziosire la pellicola senza il bisogno di andare sopra le righe. Monumentale, invece, Vincent Price, uno dei non moltissimi attori in grado veramente di reggere da solo la baracca anche nei momenti meno riusciti. Eccellenti le atmosfere. Meritate le ***
MEMORABILE: L'apparizione del fantasma alla ragazza. La scena dello scheletro.

Myvincent 7/05/12 08:15 - 2546 commenti

I gusti di Myvincent

William Castle e un tipico film di genere cosparso di ironia e di attese claustrofobiche, dove cinque personaggi in cerca di dollari vengono invitati e sfidati a passare una lunga notte in un castello infestato dai fantasmi. In realtà c'è di mezzo una congiura con delitto... Nel suo complesso dimenticabile, diverte per una certa classe e le trovate, alcune involontariamente comiche (come quando appare uno scheletro "danzante").

Homesick 14/03/13 08:10 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Un “Dieci piccoli indiani” in un contesto gotico su cui cala bassa la pesante ombra di Clouzot. Il classico sistema di produrre orrore funziona in modo semplice e diretto con sinistri figuri, cadaveri, passaggi segreti e spettrali apparizioni, non ultima quella di uno scheletro semovente che fa pensare ai Lumière. Price calca la scena con classe ed ermetici sorrisi, accompagnato dalle urla delle sensuali Craig e Omhart e dalla maschera terrorizzata di Cook. In elegante b/n, la fotografia è la maggior artefice della lugubre atmosfera.
MEMORABILE: L’apparizione della serva cieca; la botola con l’acido; la misteriosa corda che si attorciglia alle caviglie della Craig; lo scheletro.

Jdelarge 6/05/13 10:12 - 871 commenti

I gusti di Jdelarge

Film che, nonostante le forti tinte horror miste a una comicità piuttosto tipica della commedia nera all'inglese, si classifica pienamente nell'ambito del genere giallo. Il risultato finale, va detto, non convince molto, però aleggia per tutta la durata del film una certa sensazione di genialità da parte del regista, come se avesse voluto prendere in giro lo spettatore dall'inizio alla fine. Che senso ha il titolo? I fantasmi infestano la casa? Se sì, di chi devono avere paura gli invitati? Bella la fotografia, male gli attori salvo Price.

Il Dandi 9/03/14 23:59 - 1762 commenti

I gusti di Il Dandi

Un "10 piccoli indiani" in salsa weird, anche se le implicazioni paranormali promesse dal titolo e dall'ambientazione gotica sono destinate a "sciogliersi" (è proprio il caso di dirlo) in un escamotage razionale, benché fantasioso, da classico giallo a sfondo coniugale. Peccato per alcune lungaggini noiose, che non giovano al ritmo di una pellicola di durata oltretutto modesta, ma in definitiva questa Casa dei Fantasmi mantiene esattamente quel poco che promette: proprio come l'omonima attrazione dei Luna Park di quei tempi.
MEMORABILE: Lo scheletro protagonista del finale.

Daniela 27/12/15 00:43 - 9369 commenti

I gusti di Daniela

Ricco organizza una festa in onore della bella moglie di cui sospetta le intenzioni omicide invitando cinque persone a trascorrere una notte in una villa nota come teatro di raccapriccianti delitti... Lo spunto alla 10 piccoli indiani non sarebbe neppure male ma la sceneggiatura traballante con un finale moscio e gli effetti speciali letteralmente baracconeschi finiscono per relegare il film in una mediocrità che neppure la presenza sempre regale di Price è in grado di riscattare. Curiosa la presenza "cassandrica" di Elisha Cook Jr.

Faggi 17/03/17 17:11 - 1501 commenti

I gusti di Faggi

Spassoso horror ironico dalla patina antiquaria, con effetti speciali che fanno sorridere (con cognizione di causa), una bella ambientazione tenebrosa, personaggi curiosi e un Vincent Price istrionico e magnetico. La vicenda, seppur non originalissima, è condotta con buon gusto, quindi non corre il rischio del déjà vu e della mancanza di personalità, anzi. Ha la verve pazzerella del prodotto senza particolari grilli per la testa se non l'intrattenimento puro; dunque, come scacciapensieri macabro, magari da guardare a notte fonda, va benissimo.

Giùan 5/01/18 07:13 - 2982 commenti

I gusti di Giùan

Del cinema di Castle, di quello migliore come di quello più mediocre, colpisce sempre la coscienza metacinematografica mai greve, per nulla mossa da una fastidiosa volontà di stupire. Caratteristica questa che rende i suoi film ovviamente più "rassicuranti" che disturbanti. Qui il divertissement è assicurato da un soggetto permeato di diffusa ironia (il convitato di pietra della haunted house, come ha detto giustamente qualcuno, è l'avidità umana) e da un manipolo di caratteristi capeggiato dal più divertito che mai Price. Impagabile Cook Jr, bella Ohmart.

Rufus68 14/02/18 18:31 - 3076 commenti

I gusti di Rufus68

La struttura gialla non salva il filmino. Dopo un inizio verboso si entra nel vivo della tensione: sostanziata, purtroppo, solo dalle urla (acutissime) delle signore. Per il resto poco c'è da segnalare a parte trucchetti buoni per il tunnel della paura al luna park o per qualche fatiscente teatro Grand Guignol (la vasca piena di acido, topos invero sottovalutato). L'aristocratico aplomb di Price è sempre un piacere e solleva la storiella dall'infimo giudizio.

Anthonyvm 19/02/18 00:15 - 1909 commenti

I gusti di Anthonyvm

Buon film di Castle che mescola bene elementi da giallo classico (cinque sconosciuti invitati in una casa isolata) ad altri propriamente da ghost-story sovrannaturale. Con Castle non bisogna mai andare in cerca di verosimiglianza o di logica a tutti i costi e infatti i colpi di scena sono molto improbabili e non tutto alla fine torna. Ma è anche questo il bello: un'ingenuità divertita e divertente che fa scorrere il film in modo molto piacevole. Ottima la presenza di Price, belle atmosfere e qualche trovata creepy (la vecchia cieca). Da vedere!

Alex75 16/05/18 13:31 - 675 commenti

I gusti di Alex75

Più riuscito come commedia nera che come horror, dato che l’elemento che dà più sapore al film è l’umorismo nerissimo del maestro di cerimonie Vincent Price e che alcuni trucchi, come quelli della vecchia cieca e dello scheletro, suscitano qualche risata (e si resta col dubbio che l’effetto sia voluto). Si trema poco (e più per gli intrighi che per i fantasmi) ma ci si può divertire, anche se il promettente spunto dell’avidità umana non è sviluppato come avrebbe meritato.
MEMORABILE: “Quale marito non ha desiderato qualche volta di uccidere la propria moglie?”; La vasca con l’acido.

Von Leppe 4/09/19 18:44 - 1025 commenti

I gusti di Von Leppe

Film di fantasmi con un ottimo incipit e dalla trama che si fa seguire con interesse, malgrado ci si aspetti da un momento all'altro la svolta materialistica. E' ambientato in una grande casa dall'esterno moderno e bizzarro mentre gli interni sono abbastanza convenzionali, per un horror. Gli spauracchi - come ci ha abituato il regista William Castle - sembrano da tunnel dell'orrore. Gli attori sono perlopiù azzeccati e tra tutti spicca naturalmente Vincent Price.

Jena 1/11/19 20:14 - 1185 commenti

I gusti di Jena

L'inizio folgorante con il sottofondo di urla e schermo nero su cui compaiono le teste di un Elisha Cook stravolto e un mellifluo Vincent Price, faceva sperare in un vero capolavoro. Il film in realtà poi si adagia su una vicenda gialla più convenzionale. Però non mancano spunti interessanti: la domestica cieca very creepy; il pozzo ripieno d'acido, le teste putrefatte. Price al meglio in un ruolo suo tipico, ma spiccano anche Elisha Cook e la carinissima Carolyn Craig, destinata a fine precoce. Regia di Castle moderna e in anticipo sui tempi.

Minitina80 6/01/20 00:37 - 2336 commenti

I gusti di Minitina80

Un horror d’altri tempi verrebbe da dire, visto il ricorso a sibili ventosi, scheletri, segrete e stratagemmi simili. Si contraddistingue per qualche buona intuizione e una raffinatezza di fondo, ormai impensabile per questo genere di pellicole. Probabile che anche all’epoca l’intento non fosse di spaventare ma di deragliare su un binario più eterogeneo per mettere in risalto un maggior numero di sfaccettature, dalla commedia nera al giallo. Nonostante i pregi, è pur sempre un’opera di un’altra epoca e potrebbe a tratti tediare un po'.
MEMORABILE: Lo scheletro che emerge dalla pozza di acido.

Caesars 17/07/20 10:43 - 2689 commenti

I gusti di Caesars

Delusione. Pur con tutta la simpatia che si può provare per il regista e pur tenendo conto della buona prova di Vincent Price, il film non riesce davvero a convincere a causa di una sceneggiatura sgangheratissima che non sta in piedi. Alcune situazioni risultano anche efficaci, ma la loro amalgama manca totalmente, cosicché il risultato finale non può che lasciare l'amaro in bocca. Comunque anche la recitazione degli altri protagonisti, oltre a quella di Price già citata,  risulta discreta, così come la fotografia in b&n. 
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 2/04/09 16:00
    Vice capo scrivano - 5599 interventi
    Durante la proiezione di questo film nei cinema, nella scena durante la quale Price muove con i fili uno scheletro dall'altro lato del cinema, Castle faceva scendere in sala uno scheletro di plastica fosforescente che faceva impazzire letteralmente il pubblico (soprattutto ragazzini)!
  • Curiosità Undying • 23/04/10 21:01
    Scrivano - 7630 interventi
    Il sistema promozionale sopra citato da Ciavazzaro, ribattezzato "Emergo", venne affiancato - all'epoca dell'uscita del film nelle sale - dalla distribuzione di un apparecchio in grado di misurare la pressione sanguigna, in occasione del presunto shock emotivo provocato allo spettatore dall'apparizione dello scheletro illuminato.
  • Discussione Matalo! • 23/06/10 16:53
    Call center Davinotti - 620 interventi
    http://www.youtube.com/watch?v=F2o77cakESs

    effetto emergo
  • Homevideo Rebis • 7/03/12 15:52
    Comunicazione esterna - 4283 interventi
    Ennesimo dvd "pacco" della Pulp Video: se il comparto audio è più che sufficiente (ita d'epoca e eng con sottotitoli ita opzionali) in quello video ci sono grossi problemi di conversione per cui tutte le volte che la telecamera si sposta o un personaggio si muove da sinistra a destra o viceversa l'immagine va a scatti...
    Ultima modifica: 7/03/12 15:53 da Rebis
  • Discussione Ciavazzaro • 8/06/16 00:07
    Vice capo scrivano - 5599 interventi
    Da sempre un mio culto.
    Rivisto oggi nella storica registrazione sul defunto telepiù !, mi ha fatto molto piacere constatare come mi sia piaciuto come la prima volta che lo vidi.
    Sarò forse l'unico, ma io personalmente ho sempre trovato una bella atmosfera inquietante in questa pellicola, nonostante i soliti giochi del buon Castle.
    L'atmosfera, è veramente ben resa.
    Poi il cast è ottimo, a cominciare da Price (doppiato divinamente dal solito Cigoli), ma anche la sexy Carol Ohmart, il sempre caro Long, il mitico Elisha Cook,jr.
    Il finale io poi l'ho sempre trovato ambiguo:

    SPOILER

    Benissimo si scopre, che era tutto un complottone dei soliti amanti diabolici, al quale Price risponde giustamente.
    Ma la notte è ancora lunga, e forse la profezia di Cook nel finale si realizzerà ?
    Saranno ancora vivi quando la mattina la polizia arriverà ?


    FINE SPOILER
  • Homevideo Digital • 19/06/20 12:58
    Segretario - 3035 interventi
    Dvd Sinister disponibile dal 30/07/2020.
  • Discussione Caesars • 17/07/20 11:47
    Scrivano - 10681 interventi
    Ultimo film in cui ha recitato Julie Mitchum, sorella maggiore del ben più famoso Robert.