Anno 2000 - La corsa della morte - Film (1975)

Anno 2000 - La corsa della morte
Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Death race 2000
Anno: 1975
Genere: fantastico (colore)
Note: Aka "La corsa della morte". Rifatto come "Death race" (2008).
Lo trovi su

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

Commenti L'IMPRESSIONE DI MMJImpressione Davinotti

Prodotto da Roger Corman e diretto da Paul Bartel, un B-movie frizzante e zeppo di idee folli quanto divertenti, imitato molte volte più o meno dichiaratamente. Siamo nel futuro (quando il 2000 poteva ancora essere tale) e una fantomatica società dello spettacolo indice annualmente una corsa dalle regole incredibili, un coast to coast che vince chi arriva primo o chi fa più punti investendo quanti più pedoni possibile (anziani e bambini le vittime più premianti). I concorrenti sono una mezza dozzina, il più rappresentativo e celebrato dei quali è Frankenstein (David Carradine), reduce da mille plastiche post-incidente e inguainato in una caratteristica...Leggi tutto tuta nera aderente. A contrastarlo, uomini e donne meno carismatici salvo il feroce e imbestialito Joe Viterbo (Sylvester Stallone, all’epoca ancora lontano dal grande successo), ognuno con il proprio navigatore (di sesso opposto) e pronto a darsi battaglia a bordo di auto corazzate e ricoperte di corni laceranti, armi contundenti e adesivi sgargianti. Bartel si diverte con lo splatter, indugia sadicamente sugli investimenti con effetti e trovate ghignanti, ma poi rallenta il ritmo inserendo parentesi spesso fuori luogo che rendono il film disomogeneo e fin troppo sgangherato: i lunghi discorsi del presidente, i piani dei ribelli francesi per sabotare la corsa, la vita privata di Frankenstein… Tutto toglie spazio all'azione rendendo DEATH RACE 2000 meno godibile di quanto potrebbe. L'accelerazione in moviola per rendere meglio l'idea della velocità delle auto ha spesso effetti comici involontari. Comunque un capostipite delirante e a tratti esilarante.

Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 25/02/07 14:29 - 5574 commenti

I gusti di B. Legnani

Divertente e fumettistico, ma con alcune cadute di gusto, tipicamente statunitensi, che lo tengono lontano dall'essere quel buon film che l'idea di base e molte trovate potevano far diventare. Le scene di velocità, almeno all'epoca, risultavano molto coinvolgenti.

Cinevision 24/09/07 19:46 - 72 commenti

I gusti di Cinevision

In una America futuristica e dittatoriale ogni anno si svolge una corsa automobilistica dove vince chi fa più punti. Niente di speciale se non fosse che i punti si ottengono investendo a folle velocità i passanti, meglio se vecchi e bambini (!). Già di per sé la storia è pazzesca, aggiungiamoci poi David Carradine nel ruolo del campione chiamato Frankenstein (!), un giovane ed esilarante Stallone, qualche splatterata, macchine assurde, dei terroristi francesi (!!) ed eccovi servito un cult.

Tromeo 20/05/08 11:32 - 52 commenti

I gusti di Tromeo

Divertentissimo e coinvolgente film prodotto da Roger Corman e diretto dall'allievo Paul Bartel. Un'aspra e cinica critica alla società dello spettacolo tra cronisti esaltati, presidenti che si credono Dio, automobili dal look fantastico, piloti nazisti e rozzi. Sicuramente da vedere.
MEMORABILE: Il look delle automobili.

Capannelle 1/04/09 16:00 - 4448 commenti

I gusti di Capannelle

Prendete le Wacky races e fatene la versione politicamente scorretta, con tre chiavi di lettura. La corsa a punti, graffiante ma ripetitiva. I gruppi di sabotatori, del tutto insipidi. Il ruolo di media e lacchè del presidente, tema più intelligente. Ah dimenticavo, ci sono anche qualche sana rotondità femminile e delle interessanti location futuriste, vere o dipinte che siano. Nel complesso non tiene granché, soffre di buchi clamorosi ma alcune trovate giustificano la visione.
MEMORABILE: Lo sfondo futurista che riprende da Metropolis. L'arto con bomba a mano incorporata.

Daniela 2/04/09 18:03 - 12803 commenti

I gusti di Daniela

Quando uscì il gioco pc Carmageddon, su tutti i media a gridare allo scandalo, ma è un'idea vecchia, come dimostra questo prodotto di fucina cormaniana, pochi soldi ma capacità di restare impresso: lo ricordo bene, pur avendolo visto tanti anni fa, tanto è vero che ancor oggi, se mi sembra che il marito vada troppo veloce, mi vien da dirgli "rallenta, che tanto non te li danno i punti se non metti sotto qualche passante". La star è Corradine-Frankestein, Stallone è un trucido rivale, le macchine sono fantasiose: film pacchiano ultra trash, ma divertente.

Patrick78 9/10/09 15:49 - 357 commenti

I gusti di Patrick78

Cult senza tempo per Bartel e la factory Corman (leggasi New World Pictures) che nell'ormai lontano 1975 sfornarono uno dei più film più divertenti ed in assoluto weird della loro lunga filmografia. Tutto concorre allo status di immortalità per una pellicola di puro intrattenimento da serie B che diventa di serie A se paragonato al remake-oscenità girato da Paul W. Anderson. Cast di mestieranti in cui brilla ovviamente il mai dimenticato David Carradine ed un giovane Sly già alquanto sbruffone. In una particina da meccanico si può notare John Landis.

Rambo90 14/03/10 19:15 - 7744 commenti

I gusti di Rambo90

Film non all'altezza del culto che lo avvolge: è abbastanza noiosetto, le scene delle corse non sono poi tanto violente (nemmeno per gli anni settanta) e i due protagonisti sono spenti e svogliati (Carradine quasi sempre in maschera e quando se la toglie è ancora meno espressivo, Stallone giovanissimo è imbarazzante). Tante donne nude, dialoghi da duri ma mai vero divertimento. Un po' meglio la parte finale.

Puppigallo 11/01/11 16:55 - 5339 commenti

I gusti di Puppigallo

Un film decisamente particolare, che riesce a mettere in burletta persino le morti più violente e sanguinose, quasi si volesse dire allo spettatore "Ma mica ci prenderete sul serio...". Ovviamente, non c'era questo rischio, ma va apprezzato il coraggio di mettere in scena una corsa dove le persone investite danno punti (più di tutti, gli anziani e i bambini) e i piloti non hanno nessun problema a farlo. In più, il personaggio di Frankenstein (reduce da trapianto di braccio) è fumettisticamente simpatico; e Stallone,che lo odia, tiene a galla una pellicola che qua e là perde la via. Non male.
MEMORABILE: Frankenstein, invece di investire degli anziani in barella e sulle sedie a rotelle, fa strage di medici e infermieri; Stallone vs pescatore.

Uomomite 23/02/11 05:49 - 174 commenti

I gusti di Uomomite

Cult del sempre troppo sottovalutato Paul Bartel. Gli Stati Uniti sono diventati una superpotenza nazistoide e per divertire il popolo il presidente s'inventa una supercorsa con superpiloti che guidano supermacchine (bellissime!). I punti si ottengono "stirando" i passanti: i vecchi valgono 100 punti, i neonati 75 e così via. Finale a sorpresa. Corman (il produttore) voleva un adrenalinico splatterone, Bertel una commedia nera sarcastica, "distaccata", europea. Ne viene fuori uno strano ma irresistibile ibrido. C'è un cameo di Landis.

Giùan 24/07/12 21:14 - 4678 commenti

I gusti di Giùan

Film che conserva intatti buona parte del suo fascino splatter e del suo caustico senso dell'ironia. Bartel gioca intelligentemente le carte della propria personalità registica, obbedendo sì alle regole auree della factory Corman (azione e pupe), ma limando i margini di autonomia per dar vita ad una disinvolta dissacrazione dei valori della democrazia USA (tutta muscoli e violenza). I riferimenti sono più al cinema cartoonistico di Waters e Russ Meyer che a quello di Babbo Roger. Carradine anticipa Lord Fener e Sly regalerà il cappello al suo Rocky.
MEMORABILE: Il commentatore esaltato e la giornalista che ha tanti "vecchi amici"; La Griffeth nuda sul letto; Le fisime anti-francesi.

Roberta Collins HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina Quel motel vicino alla paludeSpazio vuotoLocandina Saturday the 14thSpazio vuotoLocandina Rivelazioni di un'evasa da un carcere femminileSpazio vuotoLocandina Il camping della paura

Rigoletto 21/03/13 20:04 - 1796 commenti

I gusti di Rigoletto

Un fumetto che a mio avviso non mantiene le potenzialità che aveva; tutto sommato però lo rivedrei perchè la rivalità Carradine-Stallone ha dato vita a due personaggi allucinanti. Non mi ha particolarmente appassionato e in certi tratti mi ha persino annoiato, ma ha qualcosa di interessante, sepolto tra le tante assurdità. Nel complesso **

Blutarsky 31/10/13 18:13 - 360 commenti

I gusti di Blutarsky

Film di produzione Corman con un'originale idea di partenza ma senza il budget adeguato a sfruttarne il potenziale. Grottesco nelle intenzioni ma fin troppo serio nello svolgimento, non riesce mai a essere totalmente folle per divertire in maniera incondizionata. Ottimo il design delle macchine, funzionale Carradine e divertente Sly in uno dei suoi primi ruoli "di peso". Il budget risicato condiziona un po' tutto: regia ordinaria, scenografie povere, non molte comparse, effetti (poco) speciali. Discreto, nulla più.

Cotola 12/12/15 19:00 - 9176 commenti

I gusti di Cotola

Divertente fumettone d'altri tempi magari un po' pacchianello e, a tratti, trash ma in modo simpatico e gustoso. La storia si fa ben presto ripetitiva ma si lascia comunque seguire piacevolmente e senza problemi. Le intenzioni di satira e critica sociale sono un po' blande e fanno sorridere ma non sono nuove in film del genere. Preso per quello che è, un simpatico ed innocuo divertimento, può risultare piacevole e riuscito.

Schramm 27/03/16 15:10 - 3588 commenti

I gusti di Schramm

Che il motore del 2000 sarebbe stato bello e lucente ce l’aveva già cantato in immagini il buon Bartel, in una sorta di fumettistico pamphlet dove la benzina fa buon sangue e le strade sono neo-arene dove uccidere o essere uccisi in nome dello show-biz: col suo aplomb avveniristico di grana grossa, delirante e un po’ derivativo come solo Corman (alla produzione) sa essere, una spruzzata di buonumore e disimpegno all’insegna del “ma cosa sto guardando?” sono garantiti. Valore aggiunto dell’opera: riconoscerla musa ispiratrice di parte del design (ma anche dei plot) degli spaghetti-postnuke.

Taxius 27/08/19 12:06 - 1656 commenti

I gusti di Taxius

Divertente film su una gara automobilistica che vede vincere chi investe più pedoni durante il tragitto. Un fumettone d'altri tempi con automobili fatte di cartone, molti modellini e tanta fantasia. L'atmosfera da B-movie anni 70 che si respira è la cosa migliore, nonostante la pochezza generale del film. Salta subito all'occhio la presenza di un giovanissimo Stallone (con un'inaccostabile voce) nei panni dello scorretto avversario del protagonista Carradine. I segni del tempo ci sono tutti, ma resta pur sempre piacevole.

Rufus68 15/04/20 17:55 - 3867 commenti

I gusti di Rufus68

Una colorata e divertente pop-distopia che ha l'unico demerito di finire a lieto fine. Sebbene i temi futuribili siano svolti con ingenua semplicità (violenza, aggressività, totalitarismo) il film li ripercorre tutti con intelligenza rimanendo altresì simpaticamente indiavolato per tutta la durata. Qualche scena splatter ben eseguita (anche se la crudeltà non è mai portata sin in fondo: anziani e bambini sono risparmiati) e blandi ma gustosi accenni satirici (Tomasina Paine) recano la fatica in porto. Stallone in parte, meglio di Carradine.

Caesars 3/04/23 10:16 - 3827 commenti

I gusti di Caesars

Invecchiato assai male: rivisto oggi risulta abbastanza puerile e con trovate non molto divertenti. La critica alla società americana è all'acqua di rose, ma rimane l'unica cosa interessante in una trama praticamente inesistente. David Carradine firnisce un'interpretazione discreta, mentre Stallone non convince; graziosa ma nulla più la co-protagonista Simone Griffeth. Corman produce da par suo, cioè cercando di far rendere al massimo il basso budget a disposizione, ma il risultato è debole, anche a causa di una regia non molto incisiva.

Anthonyvm 8/07/24 02:02 - 5904 commenti

I gusti di Anthonyvm

Sport estremi, uccisioni ludiche e acre satira sociale: il film di Bartel, per quanto inevitabilmente datato e produttivamente modesto, resta un godibilissimo cocktail di goliardia exploitativa (nudi muliebri gratuiti, fulminee quanto brutali scenette splatter), graffianti invenzioni umoristiche (il giorno dell'eutanasia alla casa di riposo) ed estetica fumettosa (dall'arredamento degli interni al mostruoso design dei veicoli in gara). Un B-movie solido e dinamico, che trova sempre l'escamotage giusto (visivo o narrativo) per rimediare a eventuali cedimenti ritmici. Finale azzeccato.
MEMORABILE: Lo smascheramento di Carradine; Gli scatti d'ira dell'invidioso Stallone; Il rocambolesco incontro col presidente in un tripudio di colpi di scena.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Curiosità Daniela • 8/08/09 14:45
    Gran Burattinaio - 5934 interventi
    Citazione del film nella puntata 2x18 "La macchina satanica" di Futurama, quando Fry, per attirare su di sé la macchina-che-era che vuole investire lui e Leela, le dice: "guarda qua, sono un pedone cieco, 20 punti..."
  • Curiosità Daniela • 8/08/09 14:50
    Gran Burattinaio - 5934 interventi
    Particina come meccanico per John Landis, che aveva già diretto il suo primo film (Schlock)
  • Curiosità Puppigallo • 11/01/11 17:00
    Scrivano - 506 interventi
    L'infanzia del pilota Joe (Stallone)
    La giornalista: "Joe, da piccolo, aveva un serpente che amava travolgere col suo triciclo".

    Proprio come nei cartoni di Willy il coyote
    In pochi secondi viene piantato un cartello di deviazione e issata una finta entrata in galleria, che in realtà porta a un burrone.
  • Homevideo Digital • 20/07/11 10:21
    Portaborse - 4039 interventi


    La Pulp Video lo ripropone in dvd a partire dal mese di ottobre.
  • Homevideo Xtron • 9/06/12 19:01
    Servizio caffè - 2184 interventi
    Il dvd Pulp Video ha una durata di 1h16m22s

    Ultima modifica: 10/06/12 10:47 da Zender
  • Homevideo Digital • 20/10/12 14:05
    Portaborse - 4039 interventi
    Blu-ray della Pulp Video disponibile dal 05/12/2012.
  • Discussione Schramm • 27/03/16 15:19
    Scrivano - 7709 interventi
    gli spaghetti postnuke pagano una discreta cambiale a questo film (che a sua volta ha dei punti di raccordo con flash gordon): la trama verrà bene o male riecheggiata dal fulci di 2072 e dal massaccesi di endgame, mentre il design delle auto tarocche (e del vestiario degli annessi conducenti) verrà tenuto a mente dal martino di 2019: oltre al generale decor delle carrozzerie e dei costumi, va notato come le regole del nevada race sussumano praticamente il plot del film, di cui viene anche spudoratamente ricalcato il letale passaggio nel lincoln tunnel...
  • Discussione Raremirko • 27/03/16 21:59
    Call center Davinotti - 3862 interventi
    E' inoltre il più grande ispiratore del controverso videogame Carmageddon...
  • Discussione Daniela • 29/03/16 14:00
    Gran Burattinaio - 5934 interventi
    Raremirko ebbe a dire:
    E' inoltre il più grande ispiratore del controverso videogame Carmageddon...

    Già, la faccenda dei punti guadagnati per ogni passante investito viene da qui...
    Nel film c'era una vera e propria tabella dei punteggi (vecchietta tot punti, mamma con carrozzina top punti ect) ed inoltre i fan si buttavano sotto le ruote dei loro idoli per favorirli.
    Roba demenziale, ma se vista in un cinemino di quarta categoria in un affollatissimo sabato sera, molto "chiappante": al glorioso Universale c'era un tifo da stadio ogni volta che lo davano.
    Rivisto tanti anni dopo, ovviamente l'effetto non è più lo stesso, però resta un film "politicamente scorretto", girato in un'epoca in cui questa definizione non esisteva neppure.
    Ne è riprova il remake con quel bel tocco di Statham: violento si, ma "incanalato" in una pista da videogame, senza che i passanti innocenti corrano pericoli.
    Ultima modifica: 29/03/16 14:47 da Daniela
  • Discussione Raremirko • 29/03/16 22:00
    Call center Davinotti - 3862 interventi
    Anche il videogioco giocava sul politicamente scorretto, e non a caso sollevò un polverone di critiche, tanto che, in qualche versione, i pedoni vennero sostituiti da zombies (io ce l'ho, per N64!).

    Era interessante per la grande libertà data al giocatore (GTA gli deve moooltooooooo), si impersonava per la prima volta un tizio non buono (Max Damage) e tante cosine eran ok, ma tutto sommato molte versioni del giochillo non andavan oltre la mediocrità (ehm, la versione N64 prese ben 1.3 su un noto sito di videogiochi... anche se qualcuno arriva comunque a dargli la sufficienza, tra i quali il sottoscritto).

    Credo ne sia uscita comunque di recente una versione next-gen (chiamata Reincarnation).

    Quando l'idea è superiore al resto.