Cerca per genere
Attori/registi più presenti

OGNI MALEDETTO NATALE

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 20
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/11/14 DAL BENEMERITO RAMBO90 POI DAVINOTTATO IL GIORNO 29/11/14
Ennesimo TI PRESENTO I MIEI all'italiana, questa volta raddoppiato e invertito: una prima parte con lui che va a conoscere la famiglia di lei, una seconda con lei che raggiunge lui al pranzo di Natale dei suoi. La particolarità sta nel fatto che le due diverse famiglie sono interpretate dagli stessi attori (esclusi naturalmente i due protagonisti, Catellan e Mastronardi), nella prima parte impegnati ad apparire più rozzi possibile, nella seconda a parodiare i modi nobili dell'alta società. Un film bifronte quindi, in cui le risate sono assicurate da un cast ben scelto che ha in Corrado Guzzanti il vero mattatore: esilarante come zio ottuso al casolare viterbese, straordinario come maggiordomo filippino in villa: purtroppo l'ex grande comico televisivo è solo uno dei tanti, e in un film così corale deve lasciare spazio anche agli altri: Giallini e Mastandrea (i più attori del gruppo) sono eccellenti quando si tratta di dare sfogo a una burinaggine strabordante, meno quando costretti nei panni dei gran signori; la Morante quasi non si vede nella prima parte, ripete invece all'infinito il suo solito personaggio di moglie nervosa e mezzo matta nella seconda, in cui ha grande spazio. Una seconda parte particolare e pungente, con sprazzi di intelligente satira e un Guzzanti molto più presente, magnifico nel suo slang che mescola disinvoltamente filippino e romanesco. Pannofino, figura piuttosto importante in entrambi i segmenti, denota i suoi limiti maggiormente quando si cerca la risata facile (quindi nella prima parte). Alcune trovate ad ogni modo sono comunque superiori alla media e condotte al meglio da un cast decisamente in forma e ben assortito. Se non fosse per una regia zoppicante e una sceneggiatura che conta molti passaggi a vuoto (la caccia al cinghiale ad esempio, inutilmente prolungata) potremmo dire di aver trovato una risposta di qualità ai tanto vituperati cinepanettoni; invece l'esperimento riesce a metà: la coppia al centro della storia è insignificante e, tra una stucchevole voce off e i continui alti e bassi della loro relazione non si fa che depotenziare il film, indubbiamente valorizzato dall'interazione tra i bizzarri figuri in campo. Tra di essi chi delude è una Caterina Guzzanti stranamente insipida in entrambi i ruoli, sprecata e quasi mai divertente come potrebbe essere, mentre se la Mastronardi può contare sul fascino personale e una dolcezza fuori del comune, Catellan non sembra poter stare al pari di chi lo circonda, pur non demeritando particolarmente dal momento che il suo ruolo è quello di semplice “spalla” costretta a subire gli attacchi di tutti. Il salire costantemente sopra le righe nella prima parte può infastidire, l'eccesso di macchiettismo a volte stanca, ma a tratti ci si diverte davvero; e per altri motivi lo si fa anche nella seconda parte, con un Guzzanti immobilizzato in un sorriso sempiterno e i capelli a caschetto, un Giallini preoccupato di dare il via al cenone natalizio pur in presenza di un morto di fresco, un Mastandrea versione pretino che racconta ai bimbi il significato della morte e i due poliziotti che interrogano a modo loro una famiglia che ha tutt'altro a cui pensare. Tecnicamente un film modestissimo, ma se si cerca solo di sorridere un po' può funzionare.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 28/3/15 15:28 - 11063 commenti

Come antidoto alla "cinemellassa" natalizia ci stava bene una pellicola del gruppo di Boris. Buona l'idea delle due parti affidate allo stesso gruppo di attori; peccato che gli stessi non siano stati supportati da una sceneggiatura più "polposa" e sia necessario affidarsi all'estro interpretativo dei singoli per i momenti migliori del film, che peraltro contiene qualche pausa di troppo ed è caratterizzato da una regia incolore. I migliori: Mastandrea (specie nella seconda parte), Giallini e Corrado Guzzanti. In parte un'occasione sprecata.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Puppigallo 22/12/18 20:54 - 4384 commenti

Un parco attorico dalle buone potenzialità come questo meritava un copione decisamente migliore. Ed è un peccato, perchè qua e là, grazie soprattutto a Guzzanti, Pannofino e Giallini, si sorride, ridacchiando anche. Ma sono davvero troppi i momenti di grana grossa; e l'esagerazione nella caricatura di alcuni personaggi finisce per minare inevitabilmente la pellicola (non sempre interpretare due ruoli giova agli attori, specialmente per chi qualche limite recitativo comunque ce l'ha).

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Guzzanti, domestico filippino, al giovane collega, che non vuole ridicolizzarsi "La devi finire! Hai rotto il cazzo! Hai capito!? Il cazzo è rotto!".
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Homesick 5/1/17 15:59 - 5737 commenti

Arriva l'anti-cinepanettone. Dopo un poco promettente inizio - l'excursus storico-demenziale e melensaggini da fidanzatini -, ecco erompere una caustica, selvaggia commedia sulle ipocrisie del Natale, che accomunano famiglie ricche e meno ricche. A parte questo tema, peraltro non certo nuovo al cinema, è uno dei rari casi italiani contemporanei di suprema recitazione ad opera del collettivo di attori, tutti strepitosi, trascinanti e in doppio ruolo, in cui troneggiano l'ombroso Giallini e Guzzanti nei panni del maggiordomo filippino. Sciolta e controllatissima la coppia Cattelan-Mastronardi.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I preparativi nella casa di Cattalan; Guzzanti maggiordomo filippino interrogato dalla polizia.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Daniela 23/3/15 9:03 - 8487 commenti

In occasione delle festività natalizie, una coppietta ben assortita fa la conoscenza delle rispettive famiglie... L'idea carina è quella di far interpretare i due nuclei - il buzzurro e lo snob - allo stesso gruppo di attori, quasi tutti "borisiani", cosa che offre l'occasione per macchiette in alcuni casi divertenti. Peccato che lo sforzo creativo si sia esaurito tutti qui, considerata la regia scialba e la sceneggiatura incapace di trarre il meglio dal materiale umano a disposizione. Il risultato è una commedia a tratti godibile ma inferiore alle aspettative.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il domestico filippino, interpretato dal travolgente Guzzanti, minaccia il suicidio se non verrà celebrato il pranzo natalizio .
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Markus 29/11/14 11:54 - 3024 commenti

Sorta di "Boris-movie" in salsa natalizia. Mi levo subito il sassolino dalla scarpa: la regia non c'è e l’esile sceneggiatura non aiuta; quindi, a salvare il salvabile, ci pensano alcuni sprazzi umoristici qua e là talvolta riusciti e tutti a carico della verve del protagonista che elargisce, se non grasse risate, almeno il dovuto humour un po' cinico che ci si aspetta. L'aria da occasione sprecata traspare, tuttavia l’aver spezzato in due parti distinte la pellicola (meglio la seconda) facilita la fruibilità.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

124c 1/12/14 12:49 - 2728 commenti

Anticinepanettone firmato dai creatori di Boris, dove le cose più riuscite sono le doppie caratterizzioni dell'intero cast. Abbiamo due tipi di famiglie: quella ruspante e rozza e quella ricca sfondata; entrambe distruggono i sacri valori natalizi. Una commedia così non si vedeva da Parenti serpenti. Da vedere assolutamente specie per la prima parte, con la famiglia di lei. Un po' sottotono la seconda, con la famiglia di lui, ma ci sono Corrado Guzzanti e Valerio Mastandrea che alzano le quotazioni del film. Adatto per un Natale alternativo.
I gusti di 124c (Commedia - Fantastico - Poliziesco)

Redeyes 5/1/17 11:09 - 2066 commenti

Simil Borissata con Cattalan e Mastronardi new entry, con il primo dall'aria molto Tiberiana, che uscendo dai canoni natalizi classici regala molti sorrisi. Scontro Tuscia-Roma Bene, con le rispettive famiglie grottesche l'una peggio dell'altra. Si sorride senza tralasciare l'elemento satirico, marchio di fabbrica del trio di registi-sceneggiatori. Commedia che ha qualche lacuna ma che agogniamo come il Mostro della riffa.
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Rambo90 28/11/14 23:24 - 6019 commenti

Dagli autori (e con gran parte del cast) di Boris, una commedia natalizia volutamente sopra le righe, grottesca e sguaiata. L'intero cast è sbalorditivo nello sdoppiarsi nelle duplici vesti di contadini e facoltosi industriali, con risultati quasi sempre divertenti. Cattelan protagonista se la cava e anche la Mastronardi sembra migliorata, tanto da essere buone spalle per le continue gag e macchiette degli altri personaggi. Una specie di cinepanettone ancora più demenziale dei modelli vanziniani, ma con uno stile registico molto più fresco.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Pinhead80 12/12/19 16:19 - 3590 commenti

Un Natale così strambo, è proprio il caso di dirlo, difficilmente si era visto sullo schermo. Due film al prezzo di uno per raccontare una storia assurda che avvicina due mondi completamente distanti tra loro. Ottima la scelta di far interpretare agli attori personaggi differenti a seconda della casa in cui si festeggia il Natale. Mentre nella prima parte si ride di gusto grazie all'ambientazione agreste, nella seconda abbiamo una cinica comicità che lascia l'amaro sulle labbra.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "La bestia".
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Nando 2/12/15 11:14 - 3377 commenti

Due situazioni natalizie molto diverse fra loro interpretate dagli stessi attori con risultati altalenanti. Grottesca e divertente la parte contadina, lenta e pesante quella industriale. Francamente una pellicola da cui ci si aspettava ben altro, visto che alla fine lascia poco. Bravi Mastandrea e Giallini, troppo gigionesco Guzzanti e teatrale all'inverosimile Pannofino.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Piero68 2/1/17 10:20 - 2713 commenti

Dal gruppo di Boris un film riuscito a metà e divertente con la giusta predisposizione. Se si esclude Cattelan che attore proprio non è, il resto del cast è forse quanto di meglio si possa trovare su piazza oggi in Italia. Ed essendo un bel film corale, ognuno lascia la propria impronta in maniera intelligente. Peccato che, come già detto, sia solo la prima parte a essere davvero interessante e zeppa di gag al fulmicotone. La seconda, seppur conservi la stessa aria surreale, lascia spazio solo a pochi personaggi e con gag sotto il livello atteso.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La surreale partita a carte a Burchio (???); "E cosa c'è di meglio che fare il sindaco di Cucuia?"; Le paturnie della Guzzanti ricca.
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)

Paulaster 30/9/16 12:33 - 2440 commenti

Occasione sprecata per un cast a rappresentare una certa romana comicità passando dal rapporto a due al film corale. Voce fuori campo, antefatto inutile, doppia rapina recitata male, suicidio e finale mieloso per una sceneggiatura povera di spunti che si salva per sparuti acuti personali (Mastandrea rozzo e Guzzanti filippino lasciano il segno come la Morante nel ruolo della prima madre). Cattelan, che era l'incognita, si arrangia e migliora man mano.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Il ferrini 2/3/16 22:55 - 1548 commenti

Grottesco anti-cinepanettone con cast d'eccezione. L'idea che ne sta alla base è banale e risaputa e i dialoghi non brillano per arguzia, tuttavia è apprezzabile il doppio ruolo che hanno tutti gli attori (Guzzanti strepitoso nei panni del filippino). Regia televisiva, fotografia anonima, buoni invece trucco e costumi che trasformano (letteralmente) i protagonisti fra il primo e il secondo tempo. Si sorride a sprazzi e resta la fastidiosa sensazione che con un gruppo del genere si sarebbe potuto e dovuto fare di più.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Gabrius79 7/12/14 12:36 - 1135 commenti

Una commedia che, visto il buon cast, dovrebbe promettere bene e invece risulta assai zoppicante a causa di una regia e una sceneggiatura piuttosto deboli. A fronte di una prima parte dove si ride ben poco, ne troviamo una seconda migliore grazie a un Corrado Guzzanti travolgente. Bene anche Pannofino, Mastandrea e Giallini, un po' deludenti Caterina Guzzanti e la Morante. Se la cavano benino Cattelan e la Mastronardi, ma la storia funziona poco.
I gusti di Gabrius79 (Comico - Commedia - Drammatico)

Vito 22/12/16 16:06 - 630 commenti

Bella commedia nera ambientata a Natale che ricorda un po' Parenti serpenti di Monicelli. Ci sono battute e sequenze veramente divertenti e parecchie sferzate di cattiveria niente male, come la morte del filippino di cui tutti sbagliano il nome. Ottimi gli attori, quasi tutti in un doppio ruolo (soprattutto Guzzanti, la Morante, Giallini e Mastandrea).
I gusti di Vito (Fantastico - Horror - Western)

Parsifal68 17/8/16 22:47 - 607 commenti

Due fidanzati alle prese con il Natale e con le rispettive bizzarre famiglie. Commedia surreale che ha come mossa vincente l'idea di utilizzare gli stessi attori per interpretare le due famiglie. La sceneggiatura però non morde ed è abbstanza diseguale. Se nella prima parte gli spunti comici sono diversi e ben riusciti, nella seconda regna soprattutto la noia. Buon film, ma poteva uscire meglio. Tra gli attori, ottimi come sempre i due Guzzanti, tutti gli altri nella media.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La scena della surreale partita a carte di un inesistente gioco.
I gusti di Parsifal68 (Comico - Commedia - Drammatico)

Ilcassiere 12/5/15 15:09 - 282 commenti

Cinepanettone alternativo, caratterizzato purtroppo da trama blanda, sceneggiatura piatta e regia moscia. Sarebbe un film da stroncare se non ci fossero gli acuti di alcuni degli attori protagonisti (in primis Corrado Guzzanti, capace di creare personaggi straordinari come solo lui sa fare). Molto in palla anche Mastandrea e la Guzzanti nella seconda parte e Sartoretti nella prima. Ma, a pensarci bene, forse è proprio per questo che va stroncato: con un cast di attori del genere e per giunta in formissima, si poteva fare molto di più.
I gusti di Ilcassiere (Commedia - Giallo - Thriller)

Lupus73 31/12/19 1:02 - 169 commenti

Un film con troppe pretese che non calzano col modo di far commedia all'italiana ma che strizza l'occhio a certo cinema d'oltreoceano che tramite la farsa riesce a esprimere una certa profondità. Buona l'idea del cinismo a profusione per bastonare l'ipocrisia che tutti gli anni ammanta la festa più importante dell'Occidente, bravi gli interpreti (su tutti Giallini e Pannofino) ma il tutto poteva semplicemente essere espresso con un cinema più tipicamente nazionale e senza troppe ambizioni forzate che finiscono per scadere nella superficialità.
I gusti di Lupus73 (Horror - Peplum - Thriller)

Ianrufus 11/12/14 21:08 - 139 commenti

Occasione sprecata. Manca la sceneggiatura (i dialoghi!) e gli attori sembrano o frenati o lasciati a se stessi. Il dividere il film in pratica in due episodi non raddoppia il divertimento: Pannofino, Giallini, Mastandrea & C. girano a vuoto: anche da sostenitori sfegatati di Boris si fatica a sorridere. I fratelli Guzzanti poi sono un caso a sè di talento sprecato (possiamo ancora divertirci con un Guzzanti che fa ormai il filippino come se fosse il Tomas Milian di Delitto al ristorante cinese?)
I gusti di Ianrufus (Commedia - Poliziesco - Western)

Stuntman22 4/2/15 20:10 - 110 commenti

Ma cos'è questo? Cattelan attore? Ma in quale film? Operazione parodistica assolutamente incomprensibile, malgrado la presenza di gente come Giallini e Pannofino. Ma il Guzzanti della prima parte diventa poi grottesco nei panni di un indisponente finto cameriere orientale. E un Natale girato quando la natura attorno è piena di alberi verdi non ha senso. Una palestra di macchiette, in fondo. Dopo un po' il manierismo alla Boris stucca, anche perché è mal applicato.
I gusti di Stuntman22 (Avventura - Azione - Poliziesco)