LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/01/07 DAL BENEMERITO PUPPIGALLO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 21/01/07 01:30 - 4467 commenti

I gusti di Puppigallo

Metti un po’ di Full metal jacket (l’addestramento), un po’ di Ufficiale e gentiluomo (il giovane sbruffone), aggiungi luoghi comuni, una spruzzata di banalità e otterrai The Guardian. Per fortuna il film scivola via abbastanza fluidamente, anche se due ore abbondanti per una pellicola come questa sono troppe. Si dimentica in fretta.

Galbo 8/09/07 06:07 - 11271 commenti

I gusti di Galbo

Il film è un omaggio ai coraggiosi uomini della guardia costiera americana. Nonostante la lunghezza non indifferente e le continue citazioni (volute e non) di illustri film precedenti (tra tutti in particolare Ufficiale e gentiluomo), il film si lascia guardare, ciò grazie alla buona realizzazione tecnica (il regista è quello de Il fuggitivo e sa il suo mestiere) e alla presenza di Kevin Costner, efficace nei panni dell'eroe stanco e malinconico nonché decisamente superiore al suo giovane partner Kutcher. Belle le immagini dei salvataggi in mare.

G.Godardi 20/08/07 19:24 - 950 commenti

I gusti di G.Godardi

Dopo aver perso la sua squadra di soccorso, il capitano della guardia costiera viene inviato a fare l'istruttore in accademia. Film retorico che pesca a piene mani da svariate pellicole (i più palesi sono Ufficiale e gentiluomo, Top gun e Gunny, ma ve ne sono moltissimi altri) a cui il buon mestierante Davis riece comunque a imprimere un'ottima confezione e dare ritmo. Troppo prolisso (praticamente sono due storie in una) ha il suo limite più grave in Kutcher, attore di rara antipatia. A chi piace Constner piacerà anche il film.

Flazich 18/12/07 13:37 - 658 commenti

I gusti di Flazich

Film contrassegnato principalmente dalla non originalità della trama, anzi. Purtroppo anche la regia non eccelle e l'ormai stanco Kevin Costner non basta a risollevare le sorti dell'insieme. Elemento penalizzante anche l'eccessiva lunghezza. Il finale è interminabile e prevedibile (personalmente l'avrei interrotto almeno un paio di scene prima). Consigliato a chi vuole sbadigliare per un paio di ore abbondanti.

Magnetti 3/01/08 11:37 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Filmaccio veramente irritante in cui si ravvisa una rapporto inversamente proporzionale tra il dispiego di risorse e attori e l'interesse della pellicola. Una serie di luoghi comuni che raramente si registra anche nei film più orientati al botteghino di Hollywood. Ulteriore aggravante è la lunghezza che rende ancora più irritante il tutto. Non bastano a salvare il film dal disastro le ben realizzate scene di salvataggio nel mare in tempesta (se interessa quello ci sono altrettanto validi documentari) e la discreta prova di Kevin Kostner.

Mascherato 26/07/08 23:48 - 583 commenti

I gusti di Mascherato

Per sviluppo ed epilogo, in Italia si sarebbe potuto intitolare anche Guardia costiera e gentiluomo. Se non fosse per il cristologico ending con l'uomo che diventa leggenda (ma John Ford non c'entra niente!) ed il fatto che col film di Taylor Hackford (mica un autore!) questo di Andrew Davis (mai datogli credito, fin dal sopravvalutato Il fuggitivo)non ha nulla da spartire. Kevin Costner interprete è ormai cotto (meglio dietro la m.d.p.), Ashton Kutcher lo è da sempre. . Se proprio volete vedere The Guardian, fate finta di sbagliare ed optate per la serie Tv con Simon Baker.

Capannelle 27/03/09 12:51 - 3667 commenti

I gusti di Capannelle

Decisamente scopiazzato da Ufficiale e gentiluomo vanta un ambiente operativo di maggior bellezza naturale (l'oceano, le grotte marine). Peccato che il resto non appassioni più di tanto e ci presenti dialoghi e situazioni viste mille volte. Costner svolge il suo ruolo con sufficiente bravura ma il giovane ribelle, Ashton Kutcher, mi pare destinato ad un rapido oblio.

Ciavazzaro 3/11/09 09:54 - 4751 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Solito film avventuroso-drammatico pieno di scadenti effetti speciali e di scene inutili. Ashton Kutcher non recita come al solito e anche Kevin Kline non offre una grandissima interpretazione. Il film poi è piatto, prevedibile, inutile.

Hackett 17/05/10 07:20 - 1717 commenti

I gusti di Hackett

Pomposo film d'azione e buoni sentimenti che non dice proprio nulla di nuovo sul tema: vecchia volpe che alleva nuova giovane promessa. Per i fan di Costner (come chi scrive) è un peccato vedere l'attore costretto a fare sempre da spalla a qualcun altro. Belle le scene in mare, in cui gli effetti speciali la fanno da padroni.

Cangaceiro 3/11/11 15:39 - 982 commenti

I gusti di Cangaceiro

Attingendo (o copiando) a piene mani da titoli del passato (Ufficiale e gentiluomo, Gunny e La tempesta perfetta) Davis realizza una mattonata gonfia di retorica e luoghi comuni rinnegando l'azione sfrenata e adrenalinica che portò fortuna ai suoi primi film. È proprio questo il grave peccato originale: superare le due ore accatastando chiacchiere e riempitivi (la storiella d'amore del cadetto) senza che succeda veramente qualcosa, finale escluso. Kutcher, forse rendendosi antipatico, almeno dà sprazzi di vitalità al contrario dell'ex attore Costner.

Belfagor 10/02/12 09:03 - 2617 commenti

I gusti di Belfagor

Derivato in parte da Ufficiale gentiluomo e in parte da Top Gun, è la solita storia di addestramento, questa volta nel corpo della guardia costiera. Luoghi comuni come se piovesse, ma il lato tecnico ben curato e le sequenze dei salvataggi abbastanza coinvolgenti tengono a galla il film. Anche se ridotto al ruolo di spalla, un burbero Costner è decisamente superiore rispetto al giovane protagonista Kutcher. Film da buon mestierante, ma anonimo e soprattutto prolisso (l'ultima parte allunga davvero troppo il brodo).

Nando 21/09/12 11:28 - 3441 commenti

I gusti di Nando

Un esperto guardacoste e una recluta ribelle, il duro addestramento e poi i salvataggi fino al drammatico finale. Un film discreto che mette in campo i valori del coraggio e dell'amicizia nonostante le tante traversie che regala la vita. Interessanti le scene di salvataggio; certo vi sono molti riferimenti a pellicole del passato, ma appare normale. Valido Costner.

Saintgifts 2/04/16 10:41 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Notevole la differenza tra gli incassi che il film ha realizzato negli Stati Uniti e quelli realizzati in Italia. È vero che il film assomiglia a diversi altri, anche se qui si parla di guardia costiera e di uomini che non fanno la guerra, ma rischiano la vita per salvare chi è in pericolo. Fatto salva la serietà dell'argomento, il film, per non assomigliare troppo a un documentario, inventa storie più o meno interessanti sui protagonisti, che intervallano le scene di salvataggi in mare. Punto debole è la scelta di Kutcher, faccia sbagliata.

Rambo90 28/10/18 01:53 - 6246 commenti

I gusti di Rambo90

Rivedendolo continua a piacere. A metà tra il catastrofico e il dramma di addestramento durissimo (con omaggio alla guarda costiera, in effetti poco sfruttata dal cinema di genere), girato bene, con un buon ritmo e una sceneggiatura che sa mescolare bene le carte, tutte conosciute ma giocate con maestria. Costner è perfetto nel ruolo, Kutcher fa il suo. La regia di Davis si nota soprattutto nell'inizio e nella fine spettacolari. Persino commovente, in alcuni punti.

Piero68 17/04/19 08:23 - 2749 commenti

I gusti di Piero68

Omaggio alla Guardia costiera e a tanti film di genere "The guardian" non è poi così male. Davis se la cava anche benino alla regia. Il problema è che la narrazione è la somma di una serie di luoghi comuni stucchevoli con l'aggiunta di riferimenti a pellicole più importanti. Meno male che Costner convince e Kutcher riesce a recitare meglio del suo trend abituale. Buone le scene girate nell'acqua. Sia in piscina che in mare aperto.
MEMORABILE: La lezione sull'ipotermia; Costner che picchia il marinaio che aveva picchiato Kutcher.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Cangaceiro • 28/03/09 09:27
    Call center Davinotti - 744 interventi
    Ne ho visto solo una parte l'altra sera e dopo pochi secondi ho notato la sfacciata somiglianza con "Ufficiale e gentiluomo" nelle scene di addestramento in piscina e negli screzi tra i due protagonisti,con il giovane che puntualmente sbava dietro a una ragazza.Ma si tratta di plagio spudorato o hanno tentato di spacciarlo come omaggio? Inoltre Costner ormai è bollito...
  • Discussione Gugly • 28/03/09 11:32
    Segretario - 4678 interventi
    al momento non ho memoria delle critiche, ma è certo che ogni produttore vorrebbe, se non altro per i soldi, fare " l'ufficiale e gentiluono del 2000", così come Australia ( o più indietro nel tempo Titanic" vengono riproposti come il Via col vento dei nostri tempi.
  • Discussione G.Godardi • 28/03/09 15:14
    Magazziniere - 667 interventi
    La sceneggiatura è tutto un rimasticamento di vecchi film del genere...tuttavia non è malvagio come film,almeno visto d'estate....
  • Discussione Galbo • 28/03/09 17:39
    Gran Burattinaio - 3735 interventi
    E' un prodotto di evasione realizzato dignitosamente, non certo un capolavoro ma discreto per passare un paio d'oro. Forse un po' troppo lungo.
  • Homevideo Gestarsh99 • 1/10/11 00:43
    Scrivano - 13507 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc per Eagle Pictures: DATI TECNICI * Formato video 2,35:1 Anamorfico 1080p * Formato audio 5.1 Dolby Digital: Italiano 5.1 PCM: Italiano * Sottotitoli Italiano Italiano non Udenti * Extra Scene taglaite Finale alternativo Gli eroi invisibili Costruttori di onde Interviste Backstage
  • Discussione Nando • 21/09/12 11:32
    Controllo di gestione - 1418 interventi
    Il film non e' male e la sfacciata somiglianza con " Ufficiale e Gentiluomo" non mi sembra molto marcata, a parte l'addestramento, questo film vira sulle operazioni di salvataggio e sul rischioso mestiere di guardia costiera, mentre nel film con Gere l'addestramento occupa gran parte della pellicola e la parte finale vira al melodrammone sentimentale cosa che non ho proprio visto nel film con Costner. Ci sono delle lievi somiglianze che non appaiono affatto sfacciate.