Strade violente

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Prima ancora di girare il favoloso MANHUNTER, Michael Mann uscì con questo THIEF, il cui titolo originale, ben più chiarificante di quello italiano (che erroneamente potrebbe far pensare a un "action" alla Friedkin, tutto inseguimenti e scontri a fuoco). Il protagonista è Frank (un sorprendentemente perfetto James Caan), ladro di diamanti che vorrebbe gestire in proprio i suoi affari ma finirà sfruttato dal solito gruppo di supergangster. Mann ha costruito il film su di lui nel tentativo di dare maggiore spessore possibile al personaggio, analizzando la psicologia del ladro professionista molto a fondo. A questo punto inevitabili le descrizioni di un paio di rapine;...Leggi tutto solo si poteva condensarle in minor tempo, perché un quarto d'ora di trapani, fiamme ossidriche, fili intrecciati non si capisce a chi possano interessare. La violenza si scatena in realtà sono nel finale quando, con un incessante sottofondo musicale dei Tangerine Dream (che prelude agli Iron Butterfly di “In-a-gadda-da-vida” utilizzati nel travolgente scontro decisivo di MANHUNTER), la vendetta di Frank si consumerà in un parco destinato a diventare una vera e propria arena. Unire musiche insolite a sequenze rallentate ha affascinato parte della critica, in realtà siamo molto distanti dalle magistrali scene di violenza "coreografate" da Peckinpah o John Woo, e Mann non riesce ancora a dimostrare il proprio valore. Ci prova soffermandosi su splendide immagini, tentando di rallentare il ritmo, usando espedienti autoriali classici. Il film ha così momenti poco riusciti, ma piacciono alcuni dialoghi molto “veri” (specialmente tra Frank e il suo boss) e la scelta di affrontare situazioni insolite nella vita di un personaggio, il ladro, spesso date per scontate.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Cotola 29/07/08 03:43 - 7954 commenti

I gusti di Cotola

Il primo film di Michael Mann è già un ottimo lavoro che mostra in pieno le grandi qualità di un cineasta che si rivelerà coi fiocchi: la regia è già personale, solida e matura, la storia è molto interessante ed evita di percorrere strade logore e abusate o comunque troppo facili, il ritmo si divide tra rarefazioni ed esplosioni di violenza, l'ambientazione notturna è resa benissimo grazie ad una bella fotografia. Eccezionale il finale nichilista e per fortuna per nulla accomodante. Ottima la prova interpretativa di Caan. Da non perdere.

Galbo 25/08/08 05:50 - 11650 commenti

I gusti di Galbo

Il primo film diretto da Michael Mann riassume tutti i temi narrativi e tecnici propri del regista americano: trama non banale, ritmo elevato, uso calibrato e mai gratuito della violenza, tecniche di ripresa molto personali ed attenta scelta del cast. Tratto dal romanzo The home invaders di Frank Hohimer, la storia del ladro di gioielli in cerca dell'ultimo grande colpo prima del ritiro dall'attività, è stata realizzata dal regista con un'accorta caratterizzazione dei personaggi. Molto bravo James Caan. Belle musiche dei Tangerine Dream.

Homesick 1/02/09 18:17 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Esordio in grande stile da parte di Mann, che sceglie una Los Angeles immensa e notturna, riprese sofisticate e minuziose – i dettagli degli scassinamenti, tra cavi e fiamme ossidriche - , dilatazione dei ritmi ed improvvise cesure, adeguata spettacolarità nelle scene d’azione e nella vendetta finale: il tutto incalzato dalle sontuose sinfonie elettroniche dei Tangerne Dream. Eccellenti il solido antieroe Caan e l’invadente boss Prosky; tra i due si fanno spazio Belushi, Farina, la Wald e il cantante country Willie Nelson, presente n un cameo.

Tarabas 16/04/09 23:11 - 1786 commenti

I gusti di Tarabas

Il ladro ex galeotto Frank cerca un ultimo colpo per poi ritirarsi e coltivare il suo sogno di una vita normale. Ma non si esce mai veramente dal giro. Mann al primo film mostra tutto il suo talento per le scene notturne, fa succedere subito tutto, poi rallenta e accelera, cambiando ritmo senza preoccuparsi troppo delle necessità del genere, racconta un criminale dedito a una regola quasi monastica (come De Niro in Heat), che accetta il suo destino e gli va incontro. Colonna sonora giustamente ipnotica. L'atmosfera ricorda un po' Vivere e morire a LA.
MEMORABILE: I neon che si riflettono sul cofano dell'auto.

Puppigallo 18/07/09 11:55 - 4632 commenti

I gusti di Puppigallo

Una solida regia e un Caan in palla permettono a questa pellicola di mantenersi a buoni livelli, anche quando il ritmo rallenta e la verbosità (il rapporto tra Caan e la sua donna) ne intacca il giusto scorrimento. La storia è semplice e lineare e il personaggio sembra proprio aver ispirato il Carlito Brigante di Carlito's Way (vuole uscire dal giro e farsi una famiglia, in un modo o nell'altro). Interessante la preparazione e la dinamica del furto. Notevole la bastardaggine del suo capo provvisorio ("Distruggerò la tua famiglia. La gente se li mangerà a pranzo negli hamburger senza saperlo")
MEMORABILE: Caan al centro adozioni: "Ce ne dia pure uno poco richiesto. Va anche bene uno negro, cinese, di 8 anni".

Tomastich 11/07/10 08:35 - 1218 commenti

I gusti di Tomastich

James Caan è The Thief: un personaggio senza scrupoli, che non ha avuto problemi a scontare la sua pena e ora non ha problemi nel tentativo di costruirsi una famiglia e uscire definitivamente dal giro della criminalità. Memorabile il finale tutto in crescendo con il sottofondo dell'assolo di "Confrontation" dei Tangerine Dream: un tour de force gilmouresco apprezzabilissimo.

Gestarsh99 30/08/11 23:46 - 1391 commenti

I gusti di Gestarsh99

Imponente debutto nell'action psicologico per il formidabile Michael Mann, che già in partenza stampa nero su bianco la sua riconoscibilissima scrittura registica, tenebrosa, rilucente, atmosferica, rampante ed esplosiva. Strade violente è un thriller/noir "morale" che serba la sua maliosa attrazione tanto nei luccichii antelucani di una Chicago nerissima e desolata quanto nel granitico codice etico del protagonista, consacrato a un irriducibile "idealismo pragmatico" al di sopra di qualsiasi cosa, vita e affetti compresi. Bilanciatissimo James Caan, mai sottotono né debordante.
MEMORABILE: Le tesissime musiche dei Tangerine Dream; le luci che abbagliano l'oscurità di Chicago (neon, fiamme ossidriche, lance termiche, incendi e deflagrazioni).

Herrkinski 26/10/12 19:18 - 5890 commenti

I gusti di Herrkinski

Notevolissimo esordio di Mann, che già da subito dimostra il gusto per le immagini e gli ambienti; fotografa con talento naturale una Los Angeles notturna, piovosa, tentacolare, che fa da sfondo a una vicenda, se non originalissima, comunque raccontata molto bene e senza spettacolarizzazioni eccessive. Caan è ottimo e il cast di contorno certamente non sfigura; il film appassiona lo spettatore e gode sia di momenti più riflessivi che di esplosioni di violenza ottimamente montate, grazie anche all'uso sapiente e inusuale delle musiche. Da vedere!
MEMORABILE: Il massacro finale e l'agguato al concessionario d'auto.

Saintgifts 27/10/12 18:10 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

La fotografia e la musica (anche se i Tangerine Dream a 30 anni di distanza mostrano i loro limiti, o i loro eccessi), sono già due elementi che rendono interessante questo lavoro. La regia è buona, anche se la sua precisione ha un sapore un po' troppo accademico, gli attori sono ben diretti e credibili nei loro ruoli. Anche la sceneggiatura "soffre" di troppa precisione; insomma un'opera più che degna, un compito molto ordinato, forse troppo lineare senza guizzi che non siano, appunto puramente visivi dati, ripeto, da un'ottima fotografia.
MEMORABILE: Leo (Robert Prosky) ripreso dal basso con il viso ribaltato mentre minaccia Frank disteso in terra.

Deepred89 29/10/12 11:59 - 3392 commenti

I gusti di Deepred89

Ottima fotografia, musiche azzeccate, regia impersonale ma elegante: tecnicamente il livello è decisamente buono, ma la storia non ingrana, il personaggio principale parla tanto ma comunica poco e le sue vicende appaiono troppo prive di pathos per coinvolgere. Poi però, nell'ultima mezz'ora, il film si sblocca, le tensione finalmente cresce e il film decolla pienamente. Una ripresa un po' tardiva che, tenendo conto anche della buona resa estetica, garantisce al film la sufficienza abbondante. Ma non di più.

Michael Mann HA DIRETTO ANCHE...

Rambo90 26/06/13 16:44 - 6769 commenti

I gusti di Rambo90

Un grande film di Michael Mann, ma soprattutto una grandissima interpretazione di James Caan, che riesce a tratteggiare un personaggio ricco di sfumature, che lo stesso regista riproporrà con De Niro in Heat. Ritmo non elevatissimo, ma la storia coinvolge, tutta la fase del colpo è resa bene e la sparatoria finale al rallentatore è la degna chiusura. Notevole.

Disorder 27/06/13 10:31 - 1414 commenti

I gusti di Disorder

Davvero un bell'esordio per Michael Mann, un film non ancora perfetto ma in cui a tratti si respira già aria di grande cinema. Indimenticabile la fotografia notturna, assieme a quella di Scorsese in Taxi driver forse tra le più belle mai viste. Notevole anche la gestione delle musiche (firmate Tangerine Dream). Qualche limite forse nella trama, fin troppo semplice e lineare. Comunque buono.

Tomslick 7/12/13 22:20 - 205 commenti

I gusti di Tomslick

Una manciata di minuti di questo esordio è trascorsa e tutto è già chiaro: cento per cento Michael Mann. Messa in scena e inquadrature impeccabili, direzione d'attori perentoria (James Caan è lì a dimostrarlo), cura dei particolari certosina, atmosfere tanto asettiche quanto piene di calore. Tuttavia sempre di debutto si tratta e perciò le imperfezioni sono dietro l'angolo - una su tutte una certa discontinuità narrativa - ma le linee guida che condurranno a futuri catalizzatori quali Manhunter, Heat, Collateral sono tracciate. Da vedere.

Mickes2 26/06/14 20:14 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Noir-action rarefatto e antieroico per un esordio che ha del sensazionale. L’impianto estetico-figurativo “metallizzato” lascia un imprinting indelebile che si fonde splendidamente con le strade di una Chicago livida e sozza, la quale diviene sfondo ideale per una deriva morale dove i granitici ideali di un formidabile Caan si sfaldano contro la forza debordante delle scelte e del destino. L’uomo e le sue invulnerabilità accompagnate da una fidata e triste amica come la solitudine e vulnerabilità sospinte da un innato bisogno di affetto.
MEMORABILE: L'incipit.

Ultimo 30/12/14 10:07 - 1469 commenti

I gusti di Ultimo

Il primo film di Michael Mann è un buon noir nel quale spicca l'ottima prova del protagonista James Caan, un criminale in cerca dell'ultimo grande colpo. Perde qualcosa nella parte centrale, ma ha il pregio di essere un film con ottimi dialoghi e una vicenda non banale conclusa da un avvincente scontro a fuoco. Non eccelso ma godibile; in ogni caso i noir italiani di Di Leo erano ben altra cosa... Nel cast anche James Belushi.

Didda23 3/01/15 14:56 - 2320 commenti

I gusti di Didda23

La regia volutamente distaccata e chirurgica di Mann, evidente pure in questo debutto, se da un lato non permette una completa empatia con il protagonista, dall'altro crea una bella atmosfera carica di realismo che soddisfa pienamente. La pellicola parte in sordina (con struttura ed elementi convenzionali) per poi esplodere in una seconda parte strepitosa con scene action di pura tensione. James Caan forse nel ruolo della carriera, colora il proprio personaggio con il giusto mix fra dolcezza e istinto aggressivo. Un'opera da riscoprire.
MEMORABILE: Il bellissimo e intenso finale.

Nicola81 17/08/15 19:43 - 2153 commenti

I gusti di Nicola81

Le qualità registiche di Mann emergono fin dall'esordio, ma questo film è troppo statico e verboso, con l'aggravante di una storia davvero poco originale (un ladro che vorrebbe uscire dal giro e si trova a fronteggiare le inevitabili complicazioni). Soffocando più di uno sbadiglio, ho apprezzato la pregevole fotografia notturna e l'ottima interpretazione di James Caan, forse la sua migliore in assoluto. Bello, ma tardivo, lo scontro a fuoco conclusivo sulle note dei Tangerine Dream.

Daniela 4/08/16 01:34 - 10505 commenti

I gusti di Daniela

Rapinatore specializzato in furto di diamanti vorrebbe cominciare una nuova vita con la sua donna e per questo accetta di lavorare per un boss della malavita in grado di proporgli un grosso colpo e poi piazzare la merce... Trama non molto originale, ma riscattata dalle doti di M:. già mature alla seconda prova: le riprese notturne, illuminate dalle luci al neon, anticipano quelle splendide dei film successivi e vengono esaltate da una colonna sonora suggestiva. Altro decisivo elemento il cast azzeccato, a cominciare dal bravo Caan nel ruolo di un duro che aspira ad una vita tranquilla.

Lythops 7/04/16 18:40 - 980 commenti

I gusti di Lythops

Classico degli anni '80 difficilmente collocabile, accuratissimo nell'impianto di ogni sequenza, dalla più elementare alla più conmplessa, che ha come difetto il ritmo sinusoidale della prima parte e il voler rendere compiuto a tutti i costi il ritratto psicologico del protagonista interpretato da Caaan. Musiche, fotografia e montaggio notevoli, ma il film rischia di deludere inizialmente, soprattutto se ci si basa sul titolo italiano. Opera comunque dignitosa, con qualche punto insoluto.

Kinodrop 30/09/16 20:31 - 1921 commenti

I gusti di Kinodrop

Una trama che promette molto ma alla fine risulta posticcia e prevedibile nei suoi esiti, senza la fluidità e il crescendo che questo genere di film richiede. Una sceneggiatura a compartimenti stagni, senza dialettica e con i momenti più decisivi spenti sul nascere. I furti che all'apparenza sembrano insolubili si risolvono frettolosamente e senza alcun pathos; una figura femminile e una storia d'amore inutilmente complicata da una adozione distolgono e nulla apportano alla narrazione e all'epilogo. Tra i pochi pregi, la fotografia notturna.

Dennis Farina HA RECITATO ANCHE IN...

Alex1988 9/06/18 18:20 - 725 commenti

I gusti di Alex1988

Un vero e proprio "noir", nel vero senso della parola, sia perché i momenti salienti sono ambientati di notte, sia perché di action, in realtà, ce n'è ben poca, escluso il finale dagli echi peckinpahniani. James Caan, da parte sua, ci mette buona volontà nell'interpretare un personaggio con un suo codice d'onore e Mann, al suo primo lungometraggio, inizia a delineare gli elementi che caratterizzeranno i suoi film futuri. Da vedere.

Magi94 17/05/20 13:31 - 760 commenti

I gusti di Magi94

Notevole esordio al cinema di Michael Mann, che pare inserire qui la summa dei suoi stilemi registici: narrazione dilatata con inquadrature che si focalizzano sui particolari, fotografia cupa da noir postmoderno e lente musiche elettroniche dal timbro peculiare. Non tutto è perfetto (qualche lentezza qua e là, qualche imprecisione di sceneggiatura soprattutto nel finale...), ma il film si può dire assolutamente riuscito, con un'ottima direzione degli attori e il ritratto di un criminale già visto altre volte ma allo stesso tempo non banale.

Nando 15/12/20 14:43 - 3566 commenti

I gusti di Nando

Un noir che vede l'esordio, dietro la macchina da presa, di Mann, il quale offre un solido prodotto di genere ben supportato da un cast appropriato: perfetto Caan e apprezzabile la Weld, come anche i comprimari. Buono il ritmo, con un'ottima colonna sonora realizzata dai teutonici Tangerine Dream. Finale forse troppo sbrigativo ma comunque realizzato in maniera egregia.

Enzus79 22/01/21 15:59 - 2053 commenti

I gusti di Enzus79

Esordio alla grande per Michael Mann dietro la macchina da presa. Pur disponendo di una trama non originalissima (un ladro di gioielli vorrebbe uscire dal giro), il film si fa ammirare per i personaggi, dialoghi e momenti davvero cult. La noia non esiste. James Caan in una delle sue migliori interpretazioni. Colonna sonora superlativa dei tedeschi Tangerine Dream. Notevole.

Jena 20/03/21 17:16 - 1318 commenti

I gusti di Jena

Primo vero film di Michael Mann, che mostra già alcune tracce del talento che scopriremo nei film successivi (su tutto la straordinaria scena del massacro finale, ma anche le splendide riprese notturne). Forse qualche caduta di ritmo nel soffermarsi troppo sulle vicende personali del ladro in cerca di redenzione. Ovviamente elemento di assoluto valore che impreziosisce e letteralmente "guida" il film è la straordinaria colonna sonora dei Tangerine Dream. James Caan in una delle sue migliori performance, bene il cast di contorno tra cui spicca il mellifluo spietato boss di Prosky.
MEMORABILE: L'iniziale apertura della cassaforte; Il colloquio con Prosky al porto; La tortura nel magazzino; Lo scontro a fuoco con Dennis Farina.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Puppigallo • 18/07/09 12:06
    Scrivano - 503 interventi
    La "diplomazia" di Caan dopo aver capito che, a causa dei criteri di adozione, non avrà il bambino: "Ho capito, ho capito! I suoi criteri ce li ha spinti talmente su per il culo, che non vedono la luce!".
  • Curiosità Buiomega71 • 30/09/14 16:53
    Pianificazione e progetti - 22905 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (Ciclo: "Lo specchio scuro", anno 1985) di Strade violente