Parigi o cara

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
PAPIRO DAVINOTTICO INSERITO IL GIORNO 30/06/07
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 30/06/07 17:30 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Delia, piccola prostituta non più giovanissima e prestatrice di soldi, si mette in testa di andare a Parigi, a trovare il fratello che non vede da tanti anni... Deliziosa commedia più amara che dolce scritta e diretta da Caprioli, e magistralmente interpretata da una straordinaria Franca Valeri. Impagabili le sue mises e acconciature, le sue manie, le intemperanze, i "flussi di coscienza" in ciociaro. Caprioli (che si ritaglia un ruolo secondario) indovina ambientazioni, dettagli e piccoli tocchi. Un gioiellino
MEMORABILE: L'assemblea dei cravattari, con tanto di meticoloso statuto

Supervigno 31/07/07 11:02 - 229 commenti

I gusti di Supervigno

Un film divertente e triste, soprattutto amarognolo come la mattatrice, la mitica Franca Valeri, qui in uno dei più azzeccati ruoli della sua straordinaria carriera. La storia è semplice ma niente affatto banale, il personaggio principale è costruito con grande intelligenza e originalità. Molto realistiche ed emozionanti (per chi, come chi scrive, in parte ha potuto ancora vederle "dal vivo" in case di vecchie zie) sono le ambientazioni "italiane" del film: l'arredamento, le suppellettili, i tendaggi, l'abbigliamento, le acconciature.

Azione70 10/06/17 22:27 - 145 commenti

I gusti di Azione70

Film molto particolare e incentrato esclusivamente sulle capacità espressive di una irresistibile Franca Valeri, improbabile prostituta in visita parenti a Parigi. Sullo sfondo, appunto, una Parigi di periferia, livida e triste, come i personaggi che la animano. Di fronte alla Valeri, al suo sorriso amaro, alla sua candida ingenuità, alla sua cadenza dialettale, tutto il resto passa in secondo piano (anche il fratello gay, Fiorenzo Fiorentini o Caprioli, ristoratore italiano pentito di essere emigrato in Francia). Da recuperare.
MEMORABILE: La trattativa della Valeri con un cliente, sotto un lampione.

Matalo! 26/09/08 17:52 - 1368 commenti

I gusti di Matalo!

Il film di una vita per la Valeri; nel senso che davvero qui è in assolo e sceglie un personaggio sgradevole e meschino (mai condannabile però): una prostituta non bellissima e un po' sfiorita che cova acredine verso la vita. Il marito regista la mette in piena luce, permettendole virtuosismi nei monologhi eccezionali e non illuminando mai la tiepida, mesta luce sotto la quale è messa sin dall'inizio. Una perla di due artisti anomali anche se popolari.

Stefania 15/07/09 01:55 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

L'ottima Franca Valeri ha fatto un grande lavoro sui tic linguistici di Delia e sul suo accento: non è il romano popolare, né quello colto: è un "vorrei ma non posso": come Delia. Attempata prostituta con gusti e aspirazioni microborghesi, cerca a Parigi il "salto di qualità", sarà invece la facile preda di un mediocre opportunista. Commedia malinconica col grande pregio di non scadere nel patetico, o in facili sentimentalismi.
MEMORABILE: "Ma non l'hai mai visto un cinese?" "Pe' strada sì, ma dentro 'na casa mai...". Da applauso!

Pigro 6/07/11 23:36 - 7794 commenti

I gusti di Pigro

Gioiellino camp che non a caso ha il suo fulcro in una Franca Valeri in stato di grazia e nella sua prostituta-strozzina sciccosa, che va in Francia sognando inopinatamente un futuro radioso. Battute fulminanti nell'originale parlata cafona-snob, calate in situazioni paradossali, sono il sale di una storia che dai fasti iniziali mostra man mano le crepe della disillusione che affondano un personaggio amaramente perdente. Una decadenza anche cromatica dai vivaci fasti romani al grigiore della periferia parigina. Teneramente implacabile.

Homesick 27/09/11 17:12 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Farragine e stanchezza della sceneggiatura, fortunatamente in calando al progredire della vicenda, non opacizzano l’immagine realistica del gretto materialismo e dei sogni infranti dell’Italia del Boom; due aspetti fusi nell’eccezionale maschera ilarotragica di Franca Valeri, che da sola dona luce all’intero film attraverso dialoghi e soliloqui nel suo particolare vernacolo snob e sguardi ora entusiasti e speranzosi, ora malinconici e rassegnati. Minuziosa la cura dei costumi e dell’allestimento degli interni.
MEMORABILE: I figli di Caprioli che “testano” la Valeri; il tassista bizzoso; l’amarezza del ritorno a Roma espressa silenziosamente dal volto della Valeri.

Rufus68 29/07/18 13:14 - 3090 commenti

I gusti di Rufus68

Se la Valeri si fa ricordare per l'inimitabile inflessione (una sorta di parlata popolaresca ennui), è Caprioli a organizzare, in maniera quasi inavvertita, un sorprendente apologo sulla disillusione. Grazie a una serie di personaggi e vignette ai limiti dell'espressionismo (il fratello, i cravattari) si resoconta il disinganno di un'anima ai margini che vede sbiadire pian piano i propri sogni da piccolo borghese. Il finale, con la protagonista accalappiata dal pizzaiolo, è crudelmente conseguente a tale poetica.

Il Dandi 1/08/20 19:08 - 1779 commenti

I gusti di Il Dandi

Il garbo con cui Caprioli riesce a disegnare personaggi per l'epoca inusuali (una prostituta che cerca il salto di qualità nell'usura e un suo fratello omosessuale) senza mai trascendere nella volgarità né nel patetismo già basterebbe a farne un film notevole. A questo si aggiunge una descrizione di ambienti calligrafica (sia nella parte romana, ulteriormente divisa in due fra centro e periferie, sia in quella francese, deludente per la protagonista ma autentica e riconoscibile). La Valeri cafonal-chic con la sua battuta sempre (magari involotariamente) sfrontata è adorabile.
MEMORABILE: "Lei qui cosa fa?" "Il pizzaiuolo" "Uh, stavo perdendo tempo...".
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Noir • 28/10/10 16:25
    Galoppino - 575 interventi
    In uscita il 2 Dicembre per Cecchi Gori.

  • Discussione Lucius • 16/11/14 15:43
    Scrivano - 8325 interventi
    Oggi che i lavori in Piazza San Silvestro sono ultimati, penso si dovrebbe mettere una foto della piazza.
  • Discussione Zender • 16/11/14 16:27
    Consigliere - 43533 interventi
    Non è necessario, è una ripresa dall'alto, in realtà bastava anche solo il secondo fotogramma volendo.