La figlia del generale

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Un thriller di ambientazione militare che vorrebbe puntare il dito sulla disagiata condizione femminile nei ranghi dell'esercito, ma lo fa con una superficialità rara, penalizzata oltremisura da una regia sciagurata, incapace di attrarre l'attenzione sulla vicenda e schiava di una serie infinita di banalità che danno al film un aspetto rozzo, nato male e fallito pure nello smaccato tentativo di creare il blockbuster a ogni costo. Ma una buona parte delle colpe le ha anche John Travolta: non un cattivo attore, tutt'altro, ma prigioniero di un ruolo (l'acuto investigatore dai modi rudi) che palesemente non gli si addice. Per cercare qualcosa di simile ma di nettamente superiore è meglio rivedersi CODICE D’ONORE...Leggi tutto, questa è solo una storia mal raccontata di un assassinio poco chiaro, dove le incongruenze non si contano e la figura femminile che accompagna Travolta nelle indagini (e cioè Madeleine Stowe) è più smorta di quanto non si riesca a immaginare. Anche nella sceneggiatura di Goldman e Bertolini c'è di che rabbrividire, con dialoghi che rasentano lo squallore e un finale che a fatica riesce a farsi strada tra gli scontati flashback che rievocano il momento dell'omicidio. E in tanta approssimazione perfino James Woods, che ci regala comunque l'ennesimo saggio di una classe recitativa cristallina, finisce sopra le righe inopinatamente. Un'opera meno che mediocre riscattata solo in parte dalla consueta confezione hollywoodiana professionalmente impeccabile. Buone le musiche, ma se vediamo come vengono gestiti goffamente i “Carmina Burana” c'è da ricredersi pure su questo. Il successo, visto l'argomento “scottante”, era assicurato già in partenza. E infatti il box office non ha tradito.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 20/10/07 12:37 - 11900 commenti

I gusti di Galbo

Thriller di maniera di ambientazione militare, interpretato da John Travolta nella parte di un detective dell'esercito che indaga su un contesto corrotto e ambienti familiari malsani. Sceneggiatura piuttosto routinaria senza grandi picchi qualitativi e con un cast professionale ma abbastanza freddo. Anche la conclusione è scontata, se si è seguito il film attentamente. Discreto per passare una serata ma nulla di più.

Redeyes 27/02/08 16:01 - 2297 commenti

I gusti di Redeyes

Thriller che ha una buona velocità e che si segue abbastanza bene. Ha dei grossi limiti sull'impianto della sceneggiatura che a tratti risulta decisamente spicciola, sbrigativa e più figlia di luoghi comuni e psicologia alla Morelli che di una ricerca approfondita. Travolta non se la cava male. Rientra decisamente in quell'ampia gamma di film che si possono guardare ma anche no.

Tarabas 16/04/09 18:04 - 1857 commenti

I gusti di Tarabas

In una base militare, un ufficiale donna viene trovato morto in circostanze scabrose. Per di più, è figlia di un generale. L'indagine ovviamente deve chiudersi senza clamori, ma il detective della polizia militare non la pensa così. Giallo di maniera tutto proteso verso il colpo di scena, con qualche momento morbosetto. Discreti gli attori. Vale la visione come cinema di intrattenimento e se non si conosce il finale.

Ciavazzaro 22/04/09 14:51 - 4774 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Poco interesssante. John Travolta offre un'interpretazione del tutto dimenticabile, la trama thriller fatica a partire, ci sono delle parti morte... La regia di Simon West è abbastanza banale, senza guizzi registici che giustifichino la visione. Brutto.

Il Dandi 12/08/10 12:38 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Giallo nell'omertà di una base militare, che resta impermeabile mal sopportando l'intrusione degli investigatori venuti da fuori. Non vale Codice d'onore (di cui non ha né la struttura da legal thriller né la solidità di sceneggiatura), ma la presenza dell'imbolsito Travolta post-tarantino lo eleva una spanna sopra da quello che poteva essere un semplice episodio della morbosa serie Law & order svu sui delitti a sfondo sessuale. Regge bene la prima visione, meno la seconda.
MEMORABILE: La psicologa parla di conflitti con la figura paterna e Travolta respinge: "Mio padre giocava, beveva e andava a puttane e io lo adoravo!"

Stefania 12/12/09 00:27 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

La prima volta, questo film non mi dispiacque perché, come credo ogni donna, provai empatia col personaggio di Elisabeth. Rivedendolo, mi rendo conto che il film ha ben pochi meriti: l'atmosfera oppressiva e omertosa della base militare è molto di maniera, e il conflitto tra Elisabeth e il padre-generale non è autenticamente lacerante (al di là delle sue tragiche conseguenze) perché è trattato in maniera schematica e superficiale. Travolta non sembra a suo agio, e Woods non riesce a dare profondità al suo personaggio. Deludente.

Nando 28/02/13 00:54 - 3653 commenti

I gusti di Nando

Un thriller ambientato in ambito militare abbastanza telefonato nonostante la discreta prova degli attori. Trama e conseguente sviluppo lievemente marcati nonostante lo spunto iniziale. Piuttosto azzeccata la critica al becero cameratismo militare, anche se troppo cinematografica. Travolta discreto, Woods labile e la Stowe senza incidenza. Così così.

Daniela 9/07/13 19:08 - 11622 commenti

I gusti di Daniela

Ufficiale poliziotto deve indagare sull'assassinio della figlia di un generale, avvenuto all'interno di una base militare, affrontando reticenze e omertà che coprono imbarazzanti segreti... Anche quanto possono contare su cast prestigiosi, i procedurali di ambientazione militare non mi hanno mai convinto, si tratti di presidii oppure codici d'onore. Sarà per l'alta gradazione di menate graduate sul senso del dovere e lo spirito di corpo o per il rischio di banalità sempre in agguato. Il film di West, pur dignitoso, non riesce a svincolarsi dai cliquées, risultando quindi di modesto interesse.

Furetto60 27/11/13 07:33 - 1129 commenti

I gusti di Furetto60

Tratto da un romanzo, il film si avvale del carisma di Travolta, cicciottello assai, bravo a salvare una sceneggiatura che non aiuta a comprendere alcuni passaggi, almeno a una prima visione. Si sfrutta la solita tecnica dei flashback per rievocare il torbido pregresso e spiegare un delitto commesso all’interno di una base militare, che risulta essere un nido di vipere e viziosi. Sospeso tra giallo e antimilitarismo, rimane la sensazione di qualcosa di incompiuto.

Trivex 28/11/13 09:04 - 1634 commenti

I gusti di Trivex

Mi piacciono i thriller in divisa e questo non fa eccezione (***!). Tanto carattere per "l'ex ballerino", sottufficiale che deve sciegliere se essere un militare o un poliziotto (con l'enorme differenza morale e "materiale"). Travolta travolge tutti per gli "attributi" che mostra e che sfrutta, cercando di mettere ordine e giustizia tra i soldati (di ogni grado), apparentemente ordinati ma a volte devastati dal disordine morale che diventa azione criminale. Ritmo elevato e regia corretta, col finale che "mette in riga"!

Timothy Hutton HA RECITATO ANCHE IN...

Piero68 8/04/14 14:09 - 2879 commenti

I gusti di Piero68

Banalità, retorica e menate patriottiche sempre in agguato in questo ennesimo film che prova a sottolineare la difficoltà, se non la vera e propria impossibilità, nell'applicare la legge all'interno di un contesto militare. La sceneggiatura non brilla e Travolta è in evidente disagio in abiti militari. Peccato, perché il cast è di tutto rispetto, compreso caratteristi come Cromwell o Hutton. Ma la regia non riesce a valorizzare le doti personali e così restano tutti abbastanza anonimi. Tipologia di finale raccontato già centinaia di volte.

Rambo90 19/08/14 22:39 - 7137 commenti

I gusti di Rambo90

Thriller robusto e appassionante, sorretto da una trama intricata quanto basta per incuriosire e, a tratti, stupire. West è sempre stato un regista molto attento al ritmo e infatti difficilmente ci si annoia, vista la velocità delle situazioni. Travolta è molto a suo agio (e tornerà in un ruolo simile in Basic) e forma una buona coppia con la Stowe, anche lei brava. Tra i comprimari spiccano i sempre incisivi Woods e Cromwell, mentre Hutton è un po' troppo freddo. Buono.

Cotola 22/04/18 20:27 - 8395 commenti

I gusti di Cotola

Thriller di routine di ambientazione militaresca: pur non discostandosi molto da altre pellicole di questo genere, riesce comunque magari non a mettere in tensione ma almeno ad intrattenere piacevolmente. I colpi di scena non sono certo clamorosi e rientrano nella logica dei film di questo tipo. Tra gli attori (medi) si distinguono in meglio le prove di Woods e di Hutton. Gratuito il personaggio della Stowe. Vedibilissimo.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 8/08/09 03:44
    Scrivano - 5619 interventi
    Bruce Willis fu considerato per il ruolo di Brenner.

    Fonte:Imdb
  • Discussione Raremirko • 28/03/20 21:35
    Addetto riparazione hardware - 3823 interventi
    Thriller canonico (ma coraggioso comunque nel denunciare l'ambito militare) sostenuto da un buonissimo cast (spicca forse Woods, a metà tra il filosofico ed il serafico).


    Curato nella confezione e nei dialoghi, svolge il suo dovere non impressionando e non annoiando.


    Claudio Sorrentino sempre perfetto a doppiare Travolta abbastanza in forma.