Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 4/10/07 DAL BENEMERITO UNDYING
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Undying 4/10/07 17:29 - 3812 commenti

I gusti di Undying

Co-sceneggiato da Bernardo Zapponi (all'epoca abituale collaboratore del regista) il film punta il suo occhio (cinematografico) sul fisico e la mente di Mimma (Deborah Caprioglio), soprannominata Paprika e incentivata dal suo fidanzato Nino (Luigi Laezza) a passare 15 giorni all'interno d'un un bordello, tempo minimo per accumulare i soldi indispensabili al matrimonio. Paprika perde il senso dell'affetto sino ad invaghirsi d'un ufficiale della marina e sposarsi con un Conte che la renderà ricca dopo la sua dipartita. Brassiano sino al midollo.

Renato 4/10/07 17:47 - 1648 commenti

I gusti di Renato

Mediocre film erotico di Tinto Brass, con tutti i pregi (pochi) ed i difetti (molti) del suo cinema morboso e patinato al tempo stesso. La storia della prostituta Paprika (una debordante Deborah Caprioglio) nell'Italia dei primi anni '50 potrebbe dire qualcosa di interessante su quel periodo storico e sui cambiamenti che erano in atto, ma il tutto si riduce ad una serie di copule mimate ed il film può essere consigliato ai soli aficionados della starlette veneta.

Cotola 5/02/08 23:50 - 8575 commenti

I gusti di Cotola

Questo film è una sorta di panegirico gioioso e scherzoso sulla figura della prostituta e sui bordelli la cui chiusura non deve aver fatto piacere al regista. A prescindere dal proprio punto di vista personale sulla questione, va detto che il film è la solita accozzaglia di scene molto poco erotiche e di volgarità molto gratuite. Ha lanciato Debora Caprioglio.

Giacomovie 6/08/09 20:56 - 1384 commenti

I gusti di Giacomovie

Brass cerca di strafare con un film all'insegna del "troppo" che alla fine però si riduce nel poco della quasi insufficienza: troppi corpi, forse per arricchire la ricerca di troppo erotismo, che a volte invece risulta volgare perdendo qualcosa in rilievo cinematografico; una carrellata di troppi personaggi, alcuni particolari ma diversi puerili; troppa tendenza al grottesco che in certi momenti irrita. E colpisce non poco (quindi troppo) vedere una cotanta Caprioglio che con la sua spigliatezza contribuisce a tenere il film a galla. **!

Brainiac 25/01/09 12:57 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Capolavoro Brassiano tutto incentrato sulle morbide forme della Caprioglio. L'attrice calamita le attenzioni sessuali di baldi giovini, viscidi individui, nobili decaduti, giornaliste curiose e last but not the list, le mie. Torbide le scenografie, con la moltiplicazione di specchi che amplificano le imagini ed i punti di vista (per la gioia dello spettatore), anche se l'Amarcord pre-Merlin non è esente da sprazzi di pura decadenza. Che dire, il sesso per Brass è una festa continua ma non mancano le staffilate satiriche (soprattutto all'ambiente alto borghese). Bordelli: lui li conosceva bene.
MEMORABILE: La debordante Caprioglio viene circuita da una scrittrice che sta facendo un reportage sui bordelli.

Daidae 21/03/09 23:20 - 3012 commenti

I gusti di Daidae

Ecco uno dei pochi erotici decenti dei 90 e uno degli ultimi Brass prima che scivolasse inesorabilmente nell'erotismo spinto. La Caprioglio attrice che non mi è mai piaciuta (per come recita...) qui ci offre il meglio di sè (il suo grosso e naturale seno e non solo...). Pure la trama è gradevole: una sorta di escursione nelle case chiuse dall'immediato dopoguerra al '60 quando vennero... chiuse per davvero. Meritevole.

Ilfigo 2/06/09 17:10 - 75 commenti

I gusti di Ilfigo

Forse uno dei migliori film di Tinto Brass (e non lo dico solo per le forme della bellissima Caprioglio). La storia si svolge nel periodo in cui le "case" andavano di moda, dove una prostituta si innamora di un marinaio e delle sue vicissitudini. Non c'è solo erotismo, ma c'è anche un soggetto intelligente, che in pochi film di Brass ho visto.

Tarabas 4/06/09 09:34 - 1869 commenti

I gusti di Tarabas

Ragazzetta perde l'innocenza (se mai l'avesse avuta) quando viene accompagnata in casino dal fidanzato. Diventerà una celebrata professionista. Forse l'ultimo film di Brass, che dopo si è trovato (o ridotto) a girare dei semiporno. Almeno è più allegro e meno greve dei successivi. Qui c'è persino una storia e un briciolino di lavoro sui personaggi, qualche scena effettivamente erotica e viene sfruttata bene la Caprioglio, non attrice che però risulta perfettamente in parte come campagnola triestina che diventa una "gran dama" ante legge Merlin.

Pinhead80 24/10/10 18:49 - 4405 commenti

I gusti di Pinhead80

Una strabordante Deborah Caprioglio è l'assoluta protagonista di questo buon film firmato Tinto Brass. La carica erotica del film è assoluta e le scene sono molto intriganti. La trama è quello che è ma, in compenso, lo spettatore è più concentrato sulle performance della Caprioglio che sul resto. La scena del treno e la sua iniziazione nel bordello sono cose che si scordano difficilmente.
MEMORABILE: Il dottore del bordello alle prese con la smaliziata Caprioglio; la "punizione" della matrona del bordello ad una Caprioglio arrendevole.

Buiomega71 4/01/11 14:17 - 2733 commenti

I gusti di Buiomega71

Sè è pur vero, ahimè, che lo zio Tinto ormai è scaduto nella noia e nel tedio (i suoi ultimi film sono "inguardabili"), è però altresì certo, almeno per il sottoscritto, che Paprika rappresenta il suo ultimo vero capolavoro. Era dai tempi di Action che Tinto non realizzava un film così denso e vivo, ma anche folle e con momenti spietati e surreali. Brass nei panni di un laido ginecologo, la punizione della Brochard inflitta alla Caprioglio a colpi di godimichè, la follia degenere di alcuni clienti. Resta il miglior "bordello movie" mai girato.
MEMORABILE: La Caprioglio e una sua collega a casa della coppia Steiner/Petra, con una particolare predisposizione per il pissing.

Stéphane Ferrara HA RECITATO ANCHE IN...

Luchi78 25/11/11 15:17 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Classico film brassiano con retroscena impegnato nella critica alla legge Merlin che chiuse i bordelli nell'epoca che fu. La Caprioglio si concede a destra e a manca, con le sue forme prosperose e gli atteggiamenti da perfetta meretrice. Il copione del film alla lunga stanca causa la ripetitività delle situazioni, ma l'abbondanza di culi e tette compensa. Brass ha fatto di meglio, ma anche molto di peggio.

Herrkinski 13/04/13 04:09 - 7242 commenti

I gusti di Herrkinski

Gli erotici di Brass non mi hanno mai convinto: pregni di una gioiosità di fondo birbante e genuina nei confronti del sesso, questo sì, ma al contempo spesso troppo volgarotti e grossolani. Non fa eccezione questo film, che porta alla popolarità la Caprioglio; la giunonica veneta, manco a dirlo, offre la sua miglior prova di sempre, non solo per la fisicità ma per la spontaneità con cui interpreta il ruolo. Interessante il cast di contorno, ma in troppe scene si è prossimi al trash assoluto; oltretutto dura davvero troppo. Per fan di Brass.

Il ferrini 2/12/15 23:14 - 2060 commenti

I gusti di Il ferrini

Soggetto esile ma tutto sommato dignitoso e non è poco, trattandosi di un film erotico. La Caprioglio è un'esplosione di forme che trasuda sensualità, i costumi e le ambientazioni sono ben ricostruite e tutto sommato anche il "messaggio" non è malaccio, con questa ragazza che finalmente si affranca da ogni sfruttamento. Tinto Brass si ritaglia un piccolo ruolo, anche se oggettivamente è preferibile che stia dietro la macchina piuttosto che davanti. Comunque un periodo d'oro per lui (l'anno dopo lancerà Claudia Koll).
MEMORABILE: Ciribiribin che bel faccin...

Faggi 28/05/17 22:14 - 1535 commenti

I gusti di Faggi

La sintassi visuale ludico-strafottente di Brass trova soddisfazione in questo congegno erotico costruito per il personaggio interpretato dalla sensuale Caprioglio, brava, spontanea e con un'inflessione vocale adattissima al contesto. La vicenda è poca cosa (più che altro un'apologia della prostituzione secondo una figurazione nostalgica e d'antan), ma il colore locale e i vari parafernalia sono intriganti e gustosi; non c'è traccia di generatori di noia e - anche per ragioni imperscrutabili (forse) - l'oggetto suscita simpatia.

Pessoa 9/06/17 17:11 - 2476 commenti

I gusti di Pessoa

Brass punta sulla freschezza della giunonica Caprioglio per raccontarci gli ultimi anni delle case chiuse italiane con ironia e un briciolo di tristezza. Il film funziona bene, con ambientazioni e scenografie ricostruite con gusto e rigore e un cast di livello (buone prove di Brochard, Steiner e Garrone) in cui l'esuberanza della protagonista si inserisce bene. La teoria di nudi praticamente ininterrotti dopo un po' non la si nota più e se non fosse per alcune cadute di stile e una durata eccessiva sarebbe un film di buon livello. Frizzante!
MEMORABILE: "Un bel culo da solo non aiuta a far carriera, se non c'è qualcuno dietro che lo spinge".

Samdalmas 22/02/18 18:18 - 302 commenti

I gusti di Samdalmas

Brass torna a parlare di bordelli e lo fa in modo meno pretenzioso di Salon Kitty. Sceglie la giunonica Caprioglio, ex musa di Kinski e ci offre uno dei suoi migliori film erotici. La descrizione d'epoca del casino è ben fatta e non mancano attori dal calibro di Garrone, Steiner e la Brochard. L'eccessiva durata non gioca a sua favore ma i momenti memorabili e divertenti non mancano.
MEMORABILE: L'orgia con il nobile romano cocainomane; Il cameo di Nina Soldano giornalista lesbica.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.