LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/12/07 DAL BENEMERITO FLAZICH
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Flazich 9/12/07 13:49 - 658 commenti

I gusti di Flazich

Probabilmente una delle migliori interpretazioni di John Travolta, quella regalata agli spettatori in questa pellicola. A dire il vero tutto il cast è ispirato e giustamente collocato in un America degli anni 30 sconvolta da una coppia di killer di cuori solitari. Il regista non si sofferma sulla storia ma la arricchisce approfondendo la psicologia dei personaggi. Jahred Leto è stato una piacevole sorpresa. Il film non ha ritmi serrati ma è ugualmente piacevole.

Lovejoy 17/07/08 14:03 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Basata su una storia vera, la pellicola diretta dal nipote di uno dei poliziotti che diedero la caccia ai due criminali risulta essere molto emozionante, coinvolgente, tesa e drammatica come poche altre. Perfetta la ricostruzione dell'America anni '40, belli i costumi e regia sapiente di Robinson. Cast da applausi a scena aperta. Travolta nella sua interpretazione più convincente di sempre, Gandolfini bravissimo come suo solito, la Hayek semplicemente indimenticabile; Leto e Scott Caan due splendide sorprese. Da riscoprire.

Redvertigo 15/11/08 12:06 - 78 commenti

I gusti di Redvertigo

Un bel crime movie che ha però un grosso difetto a mio avviso, ovvero l'interpretazione stanca e poco convinta (e convincente) di John Travolta che nel ruolo del poliziotto tormentato non riesce a risultare molto credibile (non siamo ai livelli del Christopher Lambert di Resurrection ma poco ci manca). Bravi invece James Gandolfini, Salma Hayek e il grandissimo "villain" di Jared Leto, mai visto così in parte come in questo film. Ottime le atmosfere create da una fotografia molto brillante e cupa al tempo stesso.

Daniela 23/05/10 22:41 - 9091 commenti

I gusti di Daniela

Da una vicenda di cronaca criminale già portata più volte sullo schermo, un poliziesco solido e squadrato come la coppia Travolta-Gandolfini, detectives a caccia della coppia criminale Leto-Hayek che, nell'America degli anni quaranta, illude, depreda ed ammazza donne sole in cerca di affetto. Buona la ricostruzione ambientale, ma troppo spazio agli problemi familiari di Travolta, per giunta poco ispirato. Bravo Leto che si imbruttisce per interpretare il truffatore psicologicamente dominato dall'amante Hayek, bella, pazza e cattivissima.

Jcvd 15/02/11 18:39 - 258 commenti

I gusti di Jcvd

Film da non rivedere assolutamente. Noioso, poco avvincente e doppiato molto male... Travolta non convince, Gandolfini è inutile. Si fa quasi il tifo per i cattivi Leto e Hayek (davvero divina, in tutti i sensi). Non ha neanche il pregio di mostrare un nudo della Hayek, che ci sarebbe stato benissimo. Appoggio solo John Travolta, per affetto e perché il suo personaggio fa quasi tenerezza...

Belfagor 20/06/11 12:36 - 2620 commenti

I gusti di Belfagor

Ispirato alle vicende della coppia criminale Beck/Fernandez e diretto dal nipote di uno dei due detective coinvolti nelle indagini, è un poliziesco cupo, dall'efficace fotografia livida, ma penalizzato da una gestione dei tempi non ottimale. Lo spazio dedicato alla vita personale del personaggio di Travolta è eccessivo e va a discapito del ritmo della narrazione. Il vero punto di forza del film, infatti, è la coppia di assassini, con Leto imbruttito e succube di una Hayek sensuale e domninante. Notevole anche Gandolfini.

Lamax61 5/08/12 22:02 - 30 commenti

I gusti di Lamax61

A me John Travolta in questa prova è piaciuto molto. Ottimo anche tutto il resto del cast, con il simpatico Gandolfini in evidenza. Molto bello lo sviluppo del rapporto padre-figlio e nuova compagna del padre e bravissimi anche i due cattivi. Ottima ricostruzione degli ambienti. Buon ritmo e pochi tempi morti.

Galbo 18/10/12 07:04 - 11310 commenti

I gusti di Galbo

Jared Leto e Salma Hayek interpretano una coppia di serial killer che alla fine degli anni '40 uccise in America decine di donne sole, dopo averle abilmente adescate. Il film di Todd Robinson ricostruisce bene la vicenda, grazie ad un buon uso della tensione e ad un ritmo adeguato. Efficace la ricostruzione ambientale d'epoca. Nel cast, molto efficace la prova dei protagonisti e del poliziotto Gandolfini. Meno brillante la prova di John Travolta.

Myvincent 7/08/13 14:31 - 2501 commenti

I gusti di Myvincent

Una patologica coppia criminale attraverso annunci stile "Cuori solitari" compie delitti senza pietà, allo scopo di arricchirsi biecamente. A parte la tendenza al sensazionalismo, il film riproduce con realtà la dimensione malata degli assassini seriali e le loro implicazioni pseudo-affettive, al punto di risultare "disturbante". Un bel risultato, non c'è che dire. Poi quando c'è Travolta, quasi sempre il prodotto è sicuro.

Il Dandi 11/12/13 02:16 - 1731 commenti

I gusti di Il Dandi

Il detective interpretato da John Travolta era nella realtà il nonno del regista e questa circostanza lascia facilmente perdonare lo sbilanciamento (relativo, perché non ne esce come un simpaticone) del suo punto di vista nell'economia del racconto. Per il resto la vicenda (molto famosa negli States ma sconosciuta da noi) di questa coppia di Landru degli anni '40 si lascia apprezzare soprattutto per la prova degli attori (la Hayek mai così seducente, Leto mai così repellente) e per l'accurata ambientazione. Discreto, ma si dimentica in fretta.
MEMORABILE: La coppia di protagonisti fermata dal poliziotto della stradale.

Saintgifts 20/03/14 22:30 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Questa coppia (Leto e Hayek, la migliore in assoluto), non rapina banche come un'altra celebre coppia, ma cuori. Cuori solitari, appunto, e non si limita solo a questo. Ancora un ritratto di un'America che fa paura; paura che viene da due fronti, quello del crimine più efferato ma anche quello della giustizia, dove basta varcare un confine (e si fa in modo di farlo) per avere un destino piuttosto che un'altro. Sono i due punti evidenziati nel film; il terzo punto, che riguarda il privato di Robinson, è ininfluente. Troppi parrucchini.

Il ferrini 25/03/18 16:11 - 1646 commenti

I gusti di Il ferrini

Salma Hayek in versione serial killer anni '40 è formidabile e anche Leto (a differenza per esempio di Blade runner 2049) qui è tollerabile, forse perché più gli si addice il ruolo di succube. La coppia Travolta-Gandolfini non fa le scintille che uno si attenderebbe ma dipende, ritengo, dal plot incentrato maggiormente sui "cattivi". La storia è lineare, si tratta di un noir non di un thriller, e è messa in scena in modo accurato, con buone ricostruzioni dell'epoca e una regia molto quadrata. Non un capolavoro ma sicuramente un buon film.
MEMORABILE: Il "ritrovamento" della bambina da parte di Travolta.

Rambo90 24/11/16 00:24 - 6273 commenti

I gusti di Rambo90

Thriller ben diretto e dall'ambientazione riuscita, che richiama bene alla mente l'epoca del fatto di cronaca alla base della trama. Robinson riesce a rendere la storia coinvolgente senza troppi orpelli e la coppia di killer risulta malata quanto intrigante, anche grazie alle buone prove di Leto e della Hayek. Più in ombra, ma comunque in parte, i detective Travolta e Gandolfini. Violenza visivamente contenuta ma psicologicamente molto forte ed efferata.

Piero68 6/11/17 11:29 - 2750 commenti

I gusti di Piero68

Nonostante una buona storia di fondo, tra l'altro anche vera, la sceneggiatura non riesce proprio a brillare e la regia si limita al minimo sindacale. Travolta, questa volta doppiato malissimo, incide poco e il suo personaggio sembra troppo piatto per essere reale. Meglio Gandolfini, anche se la palma del migliore va sicuramente alla Hayek, che riesce a interpretare alla perfezione i tormenti della signora Marta. Leto così così. Peccato. Poteva essere un film davvero potente e gli ingredienti c'erano tutti. Merita comunque una visione.
MEMORABILE: "Vuoi dire le tue ultime parole?" "Addio!".

Tarabas 7/11/17 14:50 - 1681 commenti

I gusti di Tarabas

Classico "film di cappelli", dove basta un Fedora e sei subito nei ruggenti Forties, dove un Travolta doppiato molto male indaga su una coppia diabolica. Non c'è una cosa che mi sia rimasta impressa, non una scena. Nemmeno Gandolfini incide, peraltro in un ruolo apparentemente a lui adatto. Male i due piccioncini assassini, la Hayek totalmente fuori parte e Leto appena un po' meglio. Per queste storie ci vuole più talento o la ruvidezza della Corman factory, non l'anodina medietà di questa produzione.

Hackett 10/12/17 21:31 - 1719 commenti

I gusti di Hackett

Buona ricostruzione storica in chiave noir di un doloroso fatto di cronaca dai contorni morbosi e sciaguratamente romanzeschi. La messa in scena è convincente e il sapiente apporto della fotografia riporta alla mente certe pellicole anni '90 di ambientazione simile. Dignitoso il cast con un Travolta che, nonostante sia sempre meno espressivo, restituisce un protagonista tormentato e credibile.

Ira72 12/12/18 14:46 - 906 commenti

I gusti di Ira72

Un po'finto: come il parrucchino di Leto, l'avvenenza fisica della Hayek (in antitesi totale con la Beck), l'esasperato conflitto buonista tra il poliziotto buono e quello cattivo che-per qualche recondito motivo-gli americani infilano più o meno in tutti i film. La storia (degna di essere raccontata in un thriller) in mani più asciutte avrebbe potuto essere decisamente più interessante e coinvolgente. Per carità: pellicola patinata, cast di buon livello, trama scorrevole. Ma. Qualcosa stride e odora di déjà-vu. Forse manca di originalità.

Anthonyvm 7/01/20 23:34 - 1687 commenti

I gusti di Anthonyvm

Partendo da un noto fatto di cronaca, il film porta parallelamente avanti due storie: da una parte le delittuose gesta di Leto e della Hayek (cattivissimi ed entrambi in parte), dall'altra i problemi famigliari di Travolta (non troppo convincente nei panni del detective tormentato). Le scene che coinvolgono quest'ultimo sono piuttosto piatte (strano se si pensa che il regista Robinson è nipote del vero poliziotto che si occupò del caso) e non all'altezza delle sequenze criminose. Ottime però le ricostruzioni d'epoca e la grana da noir. Buono.
MEMORABILE: Le scenate di folle gelosia della Hayek; La Hayek fa un servizietto a un poliziotto; Leto soggiogato uccide una donna incinta; L'omicidio del vecchio.

Berto88fi 8/01/20 09:54 - 199 commenti

I gusti di Berto88fi

Inevitabile il paragone diretto con I killers della luna di miele, pellicola più riuscita su tutti i fronti. Merita una visione per la buona performance di Travolta, Leto sufficiente e la seducente Hayek è quanto di più lontano potesse essere la vera Martha Beck. Confezione sfavillante, si evince attenzione nella ricostruzione dell'epoca; ma nel complesso il film non riesce a esprimere la drammaticità della vicenda, poco approfondita e focalizzata principalmente sul punto di vista della polizia.

Nicola81 21/01/20 23:19 - 1905 commenti

I gusti di Nicola81

Disturbante, sebbene la violenza vera e propria venga relegata fuori campo. Ma soprattutto notevole, in quanto efficace sia nella ricostruzione d'epoca sia nell'alternare le vicissitudini della famigerata coppia criminale con le indagini della polizia che ne portarono all'arresto. Pur essendo troppo bella per ricordare anche solo vagamente la vera Martha Beck, la Hayeck è la migliore del cast, Gandolfini la segue a ruota, nella norma Travolta (cui non si addiceva il doppiaggio di Oreste Rizzini) e Leto, abbastanza inutile la Dern.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Daniela • 23/05/10 22:50
    Consigliere massimo - 5010 interventi
    Le vicende dell'infermiera Martha Beck e del suo amante Ray Fernandez sono state portate sullo schermo in altri due film: I killers della luna di miele (USA 1970) di Leonard Kastle, con Tony Lo Bianco e Shirley Stoler Profundo carmesì (Spagna, Messico, Francia 1996) di Arturo Ripstein In entrambi i film il personaggio di lei è stato interpretato da attrici maggiormente somiglianti alla vera Martha Beck, una donna obesa e dall'aria dimessa, ben lontana dall'aura di "femme fatale" di Salma Hayek.
  • Discussione Gugly • 30/08/12 11:47
    Segretario - 4679 interventi
    Daniela ebbe a dire nelle curiosità: Le vicende dell'infermiera Martha Beck e del suo amante Ray Fernandez sono state portate sullo schermo in altri due film: I killers della luna di miele (USA 1970) di Leonard Kastle, con Tony Lo Bianco e Shirley Stoler Profundo carmesì (Spagna, Messico, Francia 1996) di Arturo Ripstein In entrambi i film il personaggio di lei è stato interpretato da attrici maggiormente somiglianti alla vera Martha Beck, una donna obesa e dall'aria dimessa, ben lontana dall'aura di "femme fatale" di Salma Hayek. Giusto! Ieri sera appena ho visto l'entrata in scena di Salma Haiek ho fatto un salto, visto che la vera Marta Beck era abbastanza diversa
  • Discussione Buiomega71 • 30/08/12 11:50
    Pianificazione e progetti - 21652 interventi
    Consiglio spassionato, vedere assolutamente Profundo Carmesì, forse ancor più sanguigno e sicuramente più zozzo e feroce del film di Kastle (che già era un piccolo grande film con quel b/n che metteva a disagio). Questa nuova versione hollywoodiana, non pervenuta.
    Ultima modifica: 30/08/12 11:51 da Buiomega71