Letti selvaggi

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1979
Genere: commedia (colore)
Regia: [+e] Luigi Zampa
Note: Episodi: "L'arabo", "Un pomeriggio noiosetto", "La vedova", "Una mamma", "La moglie giovane", "Attenzione a quei due", "La passante", "La donna d'affari".
Numero commenti presenti: 12
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Film a episodi di fine anni 70 di dubbia utilità, incentrato sulla personalità di quattro interpreti femminili: Sylvia Kristel (l'indimenticata, prima EMMANUELLE), Monica Vitti, Laura Antonelli e Ursula Andress. Apre la Kristel con L’ARABO, in cui seduce due volte Orazio Orlando mandandolo due volte in prigione. Mah! in UN POMERIGGIO NOIOSETTO (brevissimo) Laura Antonelli è alle prese con un marito gelosissimo. Forse poteva essere divertente, ma breve com'è lascia l'amaro in bocca. in LA VEDOVA Ursula Andress dopo il funerale del marito posa seminuda per il fotografo invadente Michele Placido. Altro episodio che non dice assolutamente nulla e vale solo per la discreta parlantina di...Leggi tutto Placido. In MAMMA è protagonista la Vitti e accompagna un ragazzino a scuola fingendosi la madre, su richiesta del bimbo che la incontra mentre batte il marciapiede. Nella parte del preside c'è un giovane Benigni, sconclusionato come sempre, improvvisatore nato. Sembra quasi doppiato, da quanto è contenuto. Otto minuti divertenti, ma piuttosto vacui. In LA MOGLIE GIOVANE di nuovo la Kristel alle prese questa volta con Enrico Beruschi, surreale professore pedante che la tratta come una sua allieva. Beruschi porta una ventata di fresco con la sua comicità lunare, pacata e la sua parlata inconfondibile. In ATTENZIONE A QUEI DUE duettano la Vitti e Placido, entrambi ladri che si truffano e ri-truffano a vicenda. Idea buona, realizzazione fiacca. LA PASSANTE è poco più di una barzelletta, con la Andress che si spoglia in strada per provocare incidenti e dare lavoro ai carrozzieri. Chiude la Antonelli con LA DONNA D'AFFARI, l'episodio più lungo. Brava lei, ma La storiellina vale davvero poco; come il film d'altronde...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 31/01/07 21:18 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Commedia erotica eccessivamente frammentata in otto brevi episodi che attingono a piene mani a trame risapute: in particolare, il segmento "La donna d'affari" è un remake pari pari dell'omonimo episodio tratto da "Controsesso" (gli sceneggiatori sono gli stessi). I momenti migliori sono quelli in cui è in scena la Vitti, affiancata da Benigni e da Placido. Derivativo ed incompiuto, poggia essenzialmente sulle quattro attrici protagoniste.

Ciavazzaro 17/04/08 14:38 - 4763 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Dunque, sulla bellezza delle attrici non si discute, su quella del film un pochino sì... Regale la Andress nei due episodi in cui è protagonista (quello breve in cui provoca incidenti spogliandosi in strada per il conto di un officina e quello con Placido). Molto divertenti i due con la Vitti, prima prostituta con Begnini preside e poi ladra con Placido; insufficiente il primo con la Kristel, così come quello con Beruschi, abbastanza scontato. Simpatica la grafica inziale.

Saintgifts 16/01/11 09:53 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Film che si può giustificare solo come un prodotto che, dopo aver riunito sotto un titolo ammiccante una discreta schiera di attrici e attori noti ed apprezzati del momento, sistema otto episodi per fare cassetta. C'è ben poco di divertente, almeno questo è il mio giudizio attuale. Bisognerebbe sforzarsi di ricordare gli anni settanta per capire se questo tipo di cinema era richiesto; senz'altro sì, visto il successo di altri prodotti similari, ma questo non è minimamente paragonabile ai più famosi film ad episodi dell'epoca.

Manfrin 12/02/11 20:47 - 326 commenti

I gusti di Manfrin

Inutile film ad episodi dove c'è ben poco da salvare: forse direi la professionalità della Vitti, che tiene vivi i due episodi da lei interpretati mentre la Kristel sembra ingaggiata solo per far cassetta. Da menzionare inoltre Beruschi (che all'epoca andava forte) e un Benigni un po' alle prime armi ma protagonista dell'unico episodio sufficiente.

Ronax 10/09/11 17:58 - 908 commenti

I gusti di Ronax

Triste e squallido finale di carriera per un validissimo artigiano che aveva più che dignitosamente attraversato quasi tre decenni di cinema italiano. È veramente difficile riconoscere la mano dell'autore di Anni ruggenti o del Medico della mutua in questa insulsa collection di sketch paratelevisivi palesemente girati con lo sguardo rivolto altrove. Il cast femminile di prim'ordine (la Kristel e l'Antonelli in primo luogo) non basta a risollevare le sorti di 8 rachitiche microstorielle, sciocche e irritanti nella loro puerile prevedibilità.

B. Legnani 30/10/11 01:39 - 4724 commenti

I gusti di B. Legnani

Chiusura in tono minore di un grande regista. Otto storielle mosce mosce, talvolta pure tirate per le lunghe, come l'insopportabile meccanismo dell'episodio con Placido e la Vitti nei panni di due ladri. Il primo episodio (Kristel-Orlando) sembra brutto (e lo è), ma vince al confronto con molti degli altri. Pessimi quelli con la Antonelli (l'ultimo riprende il terzo di Controsesso: il confronto fra Sancristan e Manfredi è, ovviamente, impietoso per il primo). Il meno peggio è quello con Beruschi. Non più di *½

Galbo 7/07/12 07:07 - 11389 commenti

I gusti di Galbo

Dopo avere degnamente rappresentato una delle migliori espressioni della commedia italiana di costume (vedi il magnifico Il medico della mutua), Luigi Zampa conclude la carriera in maniera poco memorabile con questo inutile film ad episodi, i quali hanno in comune un sottotesto erotico, ma che sono impregnati di luoghi comuni e banalità varie di sceneggiatura. Il migliore episodio è quello con Benigni e Monica Vitti, veri mostri sacri di recitazione. Il resto si assesta su livelli assolutamente mediocri.

Motorship 1/09/12 17:49 - 567 commenti

I gusti di Motorship

Non riesco a credere che questo film sia dello stesso grande regista de Il medico della mutua. Qui non riesce né il tema sofisticato, né quello scollacciato, né tantomeno quello della commedia all'italiana. Nessun episodio è salvabile, forse appena quello con il trio Vitti-Benigni-Placido, giusto per la professionalità e la simpatia dei tre. Quello con l'Antonelli è pessimo, quello con Orlando e la Kristel (che bella!) meno peggio ma siamo lì. Molto mediocre.

Giùan 4/09/12 22:43 - 2993 commenti

I gusti di Giùan

Marginale fine corsa per uno dei registi più longevi ed eccentrici della commedia italiana (ma non solo). "L'episodico" di Zampa non accenna neanche la critica di costume, precipitandosi secco nella mediocrità del bozzetto. Non a caso le tranches più riuscite son quelle senza pretesa alcuna: le due con la gelida ma fremente Kristel (Magda antelitteram del Furio Beruschi), la statuaria esibizionista Andress e la Vitti, battona con cuore di mamma in anomalo duetto con Benigni. Freneticamente brava la "yuppie" Antonelli nel più ambizioso segmento del film.
MEMORABILE: La Kristel indolente accaldata con Orlando; Ursula in nera lingerie sotto la pelliccia; Il decollète "siculo" di Laura; Gli schiaffi della Vitti al pupo.

Schramm 2/12/14 18:03 - 2414 commenti

I gusti di Schramm

Letti più vuoti che selvaggi, testimoni di sesso mancato, differito, ben che vada deludente e/o routinaro. Uno spaesato Zampa si lascia prendere la mano dal più insipido vignettismo di costume imbastendo un episodio più incolore dell'altro, incapace di sequestrare un mezzo sorriso che sia uno come di essere graffiante. Il corpo attori timbra sindacalmente il cartellino accettando d'incarnare tristi macchiette, ma nessuno sembra particolarmente invogliato dalla causa barzellettara adottata, e alla fine anche lo spettatore più bonaccione torce lelabbra a curva.

Pessoa 19/05/17 23:11 - 1160 commenti

I gusti di Pessoa

Fiacco film a episodi di Zampa che paga il dazio a una sceneggiatura inconcludente e poco plausibile. Le storielle si succedono quasi senza senso compiuto e il collante dell'erotismo è usato poco e male. Qualche battuta qua e là strappa un sorriso e bisogna riconoscere l'impegno di alcuni dei tanti nomi illustri del cast (Placido, Vitti e Antonelli sugli altri) ma gli episodi, anche a causa della loro brevità, non prendono corpo e sono spesso caratterizzati da finali improbabili. Un film mediocre che non mi sento di raccomandare a nessuno.

Herrkinski 10/08/20 16:59 - 5145 commenti

I gusti di Herrkinski

Fine carriera con scivolone per il solitamente bravo Zampa che qui tenta la strada della commedia ad episodi, abbastanza popolare nei 70s, richiamando nel titolo suggestioni erotiche che in realtà sono quasi inesistenti, non fosse per qualcuna delle attrici in lingerie. Il cast viene utilizzato in diversi ruoli per gli otto episodi, alcuni dei quali poco più che dei brevissimi e sciapi interemezzi; guardabili quelli con la Vitti, sempre brava, e quello finale, non fosse che è un micro-remake di Controsesso. Confezione povera, cast sprecato, non si ride mai; un'occasione mancata.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Geppo • 18/03/09 22:07
    Addetto riparazione hardware - 4022 interventi
    Prossimamente in DVD per il mercato tedesco.

    Occhio al link!
    http://www.ofdb.de/film/24239,Wilde-Betten
  • Homevideo Zender • 19/03/09 08:24
    Consigliere - 43533 interventi
    Ops, una gran bella rarità! Chissà cosa gli è saltato in testa ai tedeschi di pubblicare un film così. Forse solo per Benigni (che poi si vede ben poco, giusto in un eisodio).