La casa di Jack

Media utenti
MMJ Davinotti jr

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Riprendendo in mano la stessa struttura di NYMPHOMANIAC, ovvero capitoli diversi di una vita raccontata in flashback e intervallati da un faccia a faccia invisibile (nel buio) ricco di dialoghi filosofeggianti come da tradizione, Von Trier affronta il tema serial killer a modo proprio, dando del suo Jack (Dillon) il ritratto di un folle meno lucido del previsto, nonostante le apparenze. Jack è matto davvero, ne è consapevole e segue un percorso personale segnato da tappe “culturali” in cui si sovrappongono pensieri apparentemente antitetici, difficilmente decodificabili secondo logica comune. Quello che percepiamo con facilità è invece il racconto, relativamente lineare,...Leggi tutto dei diversi episodi. Jack accatasta le sue vittime in una cella frigorifera; a volte le sceglie, altre le incontra casualmente come nel caso della prima (Thurman), donna con l'auto in panne su una strada innevata; lei gioca con lui, gli dà del serial killer senza immaginare di poter aver ragione, scherza col fuoco prima di bruciarsi. E se qui a parlare è soprattutto la donna, le parti si invertono nel capitolo due, dove dopo aver seguito una signora apparentemente insignificante fino a casa, Jack suona il campanello cominciando a inventare una sterminata sequela di balle per entrare nell'appartamento. Una sorta di sfida con se stesso per raggiungere un risultato che avrebbe potuto raggiungere in mille altri modi. Di tanto in tanto poi il ritorno nel buio, nel botta e risposta con la voce che fa da confessore, che ascolta le malefatte di Jack senza mai provare a dissuaderlo dalle sue azioni ma rilanciando, forse nel tentativo di capire. E quando il discorso cade sul concetto di famiglia si apre un terzo capitolo che fra tutti è il più agghiacciante, in cui la ferocia dell'atto coinvolge gli innocenti con sommo sprezzo di ogni convenzione, mostrando quanto la follia non possa fare vera distinzione nella scelta delle sue vittime. Scene di caccia all'uomo che colpiscono più di sempre, più di quando nell'episodio successivo un'altra donna (ancora dipinta come stupida e intellettualmente inferiore) grida aiuto alla finestra spinta dallo stesso Jack a farlo portando alla luce l'indifferenza e l'egoismo che dominano l'animo della maggioranza. Ma non è finita, perché l'ultima parte rinnega ogni iperrealismo per tuffarsi in un incubo infernale cromaticamente sfavillante guidato dal Virgilio idealizzato di Ganz mentre la casa di Jack, ingegnere che sognava di fare l'architetto, viene costruita e abbattuta più volte su un terreno di sua proprietà alla ricerca di una perfezione impossibile; tutti messaggi che provengono da direzioni diverse, alcuni percepibili, altri intuibili, altri inafferrabili per l'ennesimo argomento da "film di genere" sbriciolato e riedificato dall'anarchia di un autore che se anche lo fa manieristicamente, pretestuosamente, come sempre si nasconde consapevole dietro una maschera irridente; e lasciando spazio a molteplici interpretazioni fa ciò che vuole, alza muri e li abbatte senza preoccuparsi di dover fornire spiegazione alcuna. Se non è libertà questa... Vuolsi così colà dove si puote ciò che si vuole, e più non dimandare. Von Trier ci chiede di mostrargli la strada per il prossimo whisky bar (in Alabama?) aprendoci le porte della percezione. A modo suo, s'intende, con il caratteristico lento incedere tra lo sghiribizzo d'autore, la citazione colta e lo sberleffo. Può irritare, indisporre, farsi odiare, ma non è mai banale.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 17/12/18 DAL BENEMERITO HERRKINSKI POI DAVINOTTATO IL GIORNO 15/07/19
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Herrkinski 17/12/18 03:52 - 4958 commenti

I gusti di Herrkinski

In soldoni, una versione arty di Henry - Pioggia di sangue, perlomeno nella rappresentazione beffarda e sadica della violenza che si avvicina come pochi altri alla realtà di un serial-killer. Sarebbe già stato un gran bel film così, ma Von Trier inserisce costanti riflessioni filosofiche/esistenziali tramite le voci fuori campo, divaga su argomenti come arte, male/bene, nazismo, religione e nel finale metafisico si diverte a rivisitare Dante; nella follia generale il film funziona senza intoppi e Dillon si dimostra attore sempre più talentuoso.
MEMORABILE: Il secondo segmento; Le sculture coi cadaveri surgelati; La caccia alla famiglia.

Bubobubo 22/12/18 21:52 - 1147 commenti

I gusti di Bubobubo

Impettito e impenitente, Von Trier vontriereggia per 150' (più bonus) in quella che può essere a ragione definita la summa del suo pensiero e del suo linguaggio cinematografico (con tanto di discussioni metafisiche sul valore dell'arte e riprese grafiche letterarie dei suoi precedenti lavori). Succede di tutto, ma il film rimane piuttosto statico, volutamente épater in alcuni frangenti (il terzo incidente) e inconcludente in altri (il secondo, il finale). Se è una casa di corpi l'unica in cui Lars può abitare, meglio controllare le fondamenta.
MEMORABILE: Il quarto incidente, finalmente grottesco e inquietante senza strafare né annoiare.

Deepred89 2/02/19 10:53 - 3253 commenti

I gusti di Deepred89

Von Trier riserva a Jack lo stesso trattamento che riservò alla sua ninfomane: narrazione a capitoli scaturita da un dialogo continuo col personaggio principale, empatia zero, psicologie macchinose con tanto di grafici esplicativi, quintali di chiacchiere (con lunghe parentesi su dittature e architettura) che sommergono la qui piuttosto contenuta (anche in versione integrale) componente exploitation. Certo, Jack dura la metà e non svacca totalmente nel finale (qui naïf ma con qualche bel momento visionario), ma lo sbadiglio è dietro l'angolo.

Noncha17 1/03/19 13:00 - 87 commenti

I gusti di Noncha17

Quando l'artista prende il sopravvento sull'uomo e si bea delle proprie opere del passato... In sintesi, questo è il motivo conduttore dell'opera. In realtà, è l'uomo che ha paura di non essere considerato un artista! Diviso in cinque "incidenti" narrati dallo stesso Jack (e dalla sua guida?), il film si dipana tra filosofeggiamenti e una sorta di documentari, atti a spiegare le teorie dello stesso protagonista. A volte pare di essere come l'Alex di Arancia meccanica per la truculenza di alcune immagini alternate a quelle artistico-pittoriche. Deve piacere il personaggio (che sia Jack o Lars)!
MEMORABILE: Il trip sulla luce; Teoria dei due lampioni; I continui "pensamenti"; Le foto venute male; Il tributo; All'Inferno in negativo; "Hit the Road Jack".

Minitina80 2/03/19 18:12 - 2268 commenti

I gusti di Minitina80

Chiunque decida di concedere un’opportunità al film dovrà essere cosciente di immergersi per due ore e mezzo nella putrida mente di un serial killer, senza un attimo di pausa o un bagliore di luce a rendere meno oppressiva la sensazione di disagio che si prova. Gli unici lampi sono rappresentati dallo stile personale di Von Trier e da qualche squarcio visionario che corrobora il finale di fuoco vivo. I tempi sono dilatati e il peso si sente sulle spalle, condizionando il gradimento di un’opera che poteva essere compattata senza perdere nulla.

Von Leppe 2/03/19 19:09 - 1014 commenti

I gusti di Von Leppe

Un serial killer che di professione fa l'ingegnere ma vuole elevarsi ad architetto. Sono soprattutto i dialoghi interessanti, specie sull'arte, a sollevare il film dal già visto. La prima parte ha un'ambientazione abbastanza tipica dove si svolgono i delitti, mentre la parte finale è notevole e ultraterrena. L'entrata in scena di Bruno Ganz è attesa e non delude, Matt Dillon ha acquistato un'espressione che ricorda Bruce Campbell.

Daniela 9/03/19 09:19 - 9087 commenti

I gusti di Daniela

Spiazzante non in senso positivo. Da un provocatore come von Trier alle prese con un tale soggetto mi aspettavo un film che mettesse a disagio, magari costringendo a distogliere lo sguardo nei momenti clou. Il disagio c'è stato per l'impudicizia dell'esibizione di un ego registico tanto smisurato ma la tentazione di distogliere non ha riguardato gli occhi (niente di nuovo e/o particolarmente scioccante) ma le orecchie, inondate da un diluvio di chiacchiere autoreferenziali, citazioni colte, brevi cenni dell'universo in senso gramsciano. Fuffa d'autore di incommensurabile noia. Voto politico.

Cotola 18/03/19 22:39 - 7402 commenti

I gusti di Cotola

Signore e signori...Lars Von Trier nudo e puro: tecnicamente e visivamente intrigante ed inappuntabile; contenutisticamente (molto) fumo e fuffa e poco arrosto e sostanza. Poca ironia (giusto qualche guizzo); molta verbosità spesso sterile e gratuita, troppa seriosità che sfocia in una insopportabile protervia tipica dello svedese. Ma c'è anche almeno una grandissima qualità, ormai sempre più rara nel cinema contemporaneo: non lascia indifferenti ed apre le porte al dialogo se non alla diatriba. Ed invita, armandosi di pazienza causa ritmi molto dilatati, ad una seconda visione.

Digital 21/03/19 11:25 - 1113 commenti

I gusti di Digital

Di film centrati su psicopatici che uccidono come se non ci fosse un domani è colmo il cinema, ma ovviamente trattandosi di una pellicola diretta da Lars von Trier il tutto è ammantato da una patina autoriale, con voli pindarici verso lidi maggiormente inusuali. La parte iniziale è quasi un thriller ordinario, con un monumentale Dillon che rimembra i suoi crimini, mentre nell'ultimo segmento ci si sposta in una dimensione fantastica, ove l’estro del regista danese si fa palese. Un film quasi perfetto che trova nella prolissità l'unico neo.

Capannelle 19/06/19 23:25 - 3688 commenti

I gusti di Capannelle

I capitoli, il farsi gioco delle convenzioni e lo stile tanto cari a Von Trier ci conducono attraverso due ore e mezza di trovate simpatiche (alcune) e amenità logorroiche (tante). Matt Dillon è costretto agli straordinari come unica figura narrativa, tanto che alla lunga non risulta più accattivante e i titoli di coda giungono come una liberazione. Sadismo e humor macabro si mescolano con alterne fortune: ci sono passaggi da ricordare (la pioggia lavatrice, brontolo, jack da bambino, il vicinato) ma anche una lunghezza e un epilogo ingiustificati.

Alf62 20/06/19 11:03 - 64 commenti

I gusti di Alf62

Didattica filosofica sulle efferatezze di cui solo l'essere umano è capace? Le rovine di Speer, l'albero di Goethe, l'estetica degli Stuka, la caccia e molto altro. La summa dell'iconografia della crudeltà umana in questo viaggio dantesco verso l'inferno. Estremamente divisivo, il film spazia dall'ironia macabra alla spietatezza priva di qualsiasi empatia umana. Jack è un ingegnere che si crede architetto, costruttore artista con l'estetica della morte. Erede di Henry, un Hannibal senza ipocrisie.

Enzus79 1/11/19 22:55 - 1734 commenti

I gusti di Enzus79

Provocante e spiazzante non sono sinonimi di deludente, almeno nel cinema di Lars von Trier. Storia di un serial killer che cerca la perfezione negli omicidi che compie. Forse c'è poca originalità nella trama (dove sono presenti sfumature filosofiche) ma indubbiamente il coinvolgimento non manca, così come le scene al limite dello splatter. Matt Dillon in una delle sue migliori interpretazioni.

Anthonyvm 19/07/19 17:02 - 1683 commenti

I gusti di Anthonyvm

Non dissimilmente da Nymphomaniac, Trier dirige un dialogo-monologo-interiore in cui il protagonista si confessa e narra (per capitoli) momenti salienti della propria vita. Qui si parla di un serial killer e ogni capitolo ruoterà attorno a un delitto. Un'opera complessa ma non inaccessibile, che si presta a diverse letture (metafora sul cinema di Trier? Psicanalisi autoreferenziale dell'autore?), una violenta black comedy che passa dall'iperrealismo degli omicidi a un epilogo surreale e dantesco. Ottimo Matt Dillon. Per un pubblico consapevole.
MEMORABILE: Jack bambino taglia le zampe di un anatroccolo e lo fa affogare; La caccia alla famiglia; Il borsellino fatto con un seno amputato, à la Ed Gein.

Puppigallo 9/08/19 19:30 - 4485 commenti

I gusti di Puppigallo

Inusuale, particolare, con i suoi inciampi, ma che resta piuttosto impresso; e con un finale, sì azzardato, ma coerente e degno della mente, a dir poco disturbata, del protagonista. E' questo il sunto di una pellicola, dove gli "incidenti" segneranno il cammino di un serial killer convinto che gli oggetti abbiano una loro volontà (chiedere al cric). Tra improvvisazione, improbabili discorsi appioppati alle vittime "Ho dimenticato il distintivo, è dall'argentiere", ma anche voglia di migliorare, imparando dai propri errori, Jack farà partecipe lo spettatore del suo delirante cammino. Riuscito.
MEMORABILE: La famiglia non si sposta nel giusto ordine di cacccia; La ghiacciaia inizia ad essere "un po'" affollata (un proiettile per più teste); La "casetta".

Schramm 11/08/19 16:34 - 2412 commenti

I gusti di Schramm

Ars von Trier, oramai sempre più sbronzo di greenawayano fideismo tassonomico, e sempre più uguale a sé, torna a nymphomaniacare, incistando l'eros in zona thanatos, per farne un neo-eros e un Erostrato. A tutta autoreferenziata smania ESpositiva, ma meno lussuoso ebbro e pravo di quanto ambisca a essere o sembrare (già: quanto!), ben s'atteggia a dequinceyana colonna d'Ercole del 69 arte-eccidio; ma sulla teoretica del togliere la vita quale suprema fiamma vitale creativa e psichica frutta sciaguratamente tardivo: la cianidrica insalata belga ci aveva già stecchiti tutti quasi trent'anni fa.
MEMORABILE: Il "quadretto di famiglia" in aplomb; L'Hannibal-house

Gestarsh99 12/08/19 16:43 - 1309 commenti

I gusti di Gestarsh99

Repetita hybris. Nel mezzo del cammin di mala vita il rèprobo Lars, inorpellato da teoreta pluriomicida, s'infossa senza più attenuanti nel suo ossessivismo irrazionalsocialista: cita Speer e gli Stukas, nomina suo "Virgilio" l'ei führer Ganz e, didascaleggiando fra schemini e slides, allude all'Olocausto quale soluzione artistica finale cui tributare deferenza. Come un cane che si morde la coda, la sua sermocinazione teosofico-estetico-antropologica s'involve nell'identico menefregocentrismo del Ferrara più sterile. Un circolo reiterativo, senz'altro ricreativo ma assolutamente non creativo.
MEMORABILE: Gli andirivieni in furgone con la petulantissima Thurman, che la scampa miracolosamente per ben due volte (alla terza infatti becca il cric fatale).

Jdelarge 8/10/19 00:26 - 842 commenti

I gusti di Jdelarge

Alcune cose funzionano, altre decisamente meno, in questo film di Lars Von Trier. Principalmente è la forte impronta intellettuale a non convincere appieno, perché tratta temi già piuttosto noti in maniera un po' scontata e raffazzonata, senza andare ad aggiungere alcunché alla questione. Il finale, oltretutto, sembra più sbrigativo che illuminante. Molto belle alcune immagini frutto di una mente visionaria che quando si svincola dalla macchina da presa a mano riesce a fissare personaggi, colori e luci in maniera mirabile.

Pumpkh75 1/12/19 14:30 - 1284 commenti

I gusti di Pumpkh75

Quanta generosità in Von Trier nel concedere agli attori i volti di Delacroix quando avrebbe voluto il suo su tutto il quadro: un vanesio fedele solo a se stesso che però sa incantarci nelle pause e nei monologhi, nei passaggi a vuoto e nelle efferatezze. Proprio qui forse alberga il rimbrotto più sonoro: la violenza gratuita sembra tale solo per nutrire di chiacchere e fama il suo ego. Ripensi al fascino del film e non lo immagini tale senza la faccia di Dillon e senza quel maestoso quarto d’ora finale. Alieno.

Hackett 16/03/20 18:10 - 1719 commenti

I gusti di Hackett

Crudele e tagliente come al solito, Von Trier narra le folli gesta di un serial killer compulsivo, narcisista ed efferatamente creativo interpretato da un eccellente Matti Dillon, che sa dosare bene la freddezza dello sguardo con la dolenza dei movimenti. Ovviamente non ci si fa remore nel mostrale la violenza nella sua natura più primitiva ma, grazie al personaggio di Bruno Ganz, sorta di Virgilio moderno, i fatti vengono portati al pubblico senza prese di posizione o giudizi di pancia, lasciando a chi assiste un maggior senso di disagio.

Giùan 23/03/20 10:17 - 2869 commenti

I gusti di Giùan

Micidiale! Conferma l'impressione che, dopo Antichrist, Lars abbia intrapreso gradualmente quella discesa nell'Ade cinematografico la cui (esplicita) messa in scena raggiunge qui livelli di toccante imbarazzo (per lo spettatore). Si assiste senza soluzione di continuità a una declamatoria prosopopea, a un Von Trier secondo il Cinema (e la psicanalisi e l'arte... e boh!) col grado di provocatorietà che si dibatte tra Godard e Fellini. Il primo incidente sarebbe anche promettente, poi.. All build and no play makes Lars a dull boy.

Mickes2 23/05/20 17:41 - 1667 commenti

I gusti di Mickes2

Se da un lato bisogna riconoscere l’approccio ricercato, la voglia incessante e maniacale di dare un’impronta marcata al proprio cinema, dall’altro un soggetto del genere abbisognava di più asciuttezza e meno svolazzi intellettualoidi, con i quali il nesso risulta debole rimanendo fumosi e gratuiti. Tuttavia, l’immaginario epidermico e simbolico sul serial killer (grazie anche a un Dillon molto convincente) riporta l’attenzione, più che sulla deviazione mentale senza moventi, all’indifferenza più silenziosamente assordante e letale.
MEMORABILE: La strage col fucile.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Gestarsh99 • 12/08/19 17:52
    Scrivano - 13764 interventi
    Mi accodo ai delusi. Anche a me il film fece storcere il naso, e non in senso (pro)positivo e stuzzicante come nel caso di altre opere precedenti dell'autore: storcere il naso per la quasi assoluta vacuità di senso e per le fumose finalità della pellicola in sé. Da vontrieriano entusiasta, quale mi son sempre ritenuto, l'incipit mi aveva fatto ben sperare; tutto il resto no. Da un certo punto sino al finale, gli sviluppi partono per la tangente non sapendo più che pesci pigliare... Qui ci sarebbe da spoilerare tutta la trama delirante, perciò mi limito a dire che il film risulta strambamente spassoso, sa intrattenere quasi comicamente in quel suo sfoggio in libertà di narcisismo gratuito e autoreferenziale (non per altro, l'ho rivisto a distanza di tempo anche una seconda volta) ma stringi stringi resta il capriccio di un regista un po' troppo livoroso e infantile verso i giudizi riservatigli da taluni ambienti critici. Mi spiego: si percepisce a pelle che le immagini che scorrono sullo schermo e le parole che le accompagnano siano un insieme (scoordinato) di ripicche provocatorie contro certe accuse - etiche, ideologiche - di cui lui viene spessissimo fatto oggetto. La pellicola è da cima a fondo una sequela di dispetti tematici e linguacce verbali squisitamente volti a triggerare tutti i detrattori e i nazi-shamer che da sempre gli stanno alle calcagna. Ok, Lars, vuoi perculare e mandare in bestia chi rema contro il tuo cinema e le tue idee: lo fai nelle sedi opportune, replichi in conferenza-stampa, ci scrivi sopra un libro, rilasci interviste, vai in televisione da Giletti (per dire) ma non lo fai utilizzando come arma di risposta un film, coinvolgendo in queste tue diatribe il pubblico terzo che sgancia il cash per un posto in sala o per un dvd/blu-ray. Utilizzare il Cinema come una bacheca-social con cui inveire, provocare e prendersi rivincite puerili contro quelli cui non piace una certa tua attitudine significa solo degradare il mezzo e svilirne la portata. Io spero solo che questa sia una sbandatella passeggera e che il regista non abbia preso la sterile china in discesa già avviata da tempo dal collega Abel Ferrara.
  • Discussione Schramm • 12/08/19 18:11
    Risorse umane - 6703 interventi
    non sono propriamente deluso (per me ci sta un tripalla, se non altro quanto a complessiva fascinazione estetica), ma grossomodo risente (tra molto altro) di quanto ho rimproverato a humanoids. per lars tra il dire e il dire c'è di mezzo il dire, e tempo permettendo il mostrare un mare magnum come trampolino per continuare a sproloquiare, possibilmente mettendo tra la sua bocca e il tuo orecchio un megafono e ripetere 146' la stessa cosa che già era adamantina al quinto minuto. mi ha molto ricordato quelle persone che quando ti parlano, per meglio sottolineare il concetto, ti puntellano a più riprese il dito sul petto come se tu fossi la loro macchina da scrivere o ti prendono a spinte. stessa identica cosa. però lars è anche sempre stato così. si prende o si lascia. o si prende, come in questo caso, con riserve, sperando che una volta sturato a fondo il proprio ego riparta per nuove strade.
  • Discussione Gestarsh99 • 12/08/19 19:23
    Scrivano - 13764 interventi
    Schramm ebbe a dire: non sono propriamente deluso (per me ci sta un tripalla, se non altro quanto a complessiva fascinazione estetica)[...] Io l'ho bipallato solo per il lato estetico e "ricreativo", altrimenti ci sarei andato giù con molta meno clemenza. Per me è un film "ad criticos", fatto solo ed esclusivamente per regolare conti personali in sospeso con chi gli ha sempre rivolto certe accuse ben precise. Gli indizi son talmente tanti che è difficile far finta di nulla: perché ad esempio scegliere Bruno Ganz come Virgilio e "guida turistico-spirituale" del protagonista (protagonista che poi rappresenterebbe il regista stesso attorialmente parafrasato da Dillon)? É un caso che Bruno Ganz sia colui che ha interpretato Hitler in uno dei film più controversi sul dittatore tedesco? Se non è questo un punzecchiare e farsi beffe di certa fetta di critica col dente avvelenato su di lui, non so come altro potrebbe chiamarsi...
  • Discussione Schramm • 12/08/19 19:43
    Risorse umane - 6703 interventi
    sì, si è più o meno comportato con la medesima acrimonia e scorrettezza del moretti che si serviva del cinema come vomitatoio del proprio livore critico verso frange di cinema che trovava insopportabile, supponendo invece il proprio misura di tutte le cose e ideale perfezione di cosa dovrebbe invece essere il cinema. la tua analisi non fa una grinza e anzi mi giunge come ottimo implemento di lettura, ma a me personalmente han dato più sui nervi altri aspetti: la tautologia esasperata (quasi fosse un libro di 300 pagine uno), la mancanza di qualsivoglia spinta evolutiva rispetto al lavoro precedente (qua ridotto ad acribia formale e maniera spinta con quel greenawaysmo d'accatto che per favore fermati qua), il filosolfeggiare sempre in urlato battere e mai in levare, il ribadire cose che già de quincey compendiò, e con tutt'altri risultati, nell'ottocento. e a proposito, rifarsi a lui ragionando sull'atto di creazione e sulla propria biofilmografia fu già proprio dell'argento apicale (anche qui, con risultati estremamente più acuti): come anche tu osservi per me dillon/jack sta a von trier come peter neal/franciosa sta a dario.
  • Discussione Von Leppe • 12/08/19 19:51
    Call center Davinotti - 942 interventi
    Al di là delle intenzioni di Trier è stato un piacere vedere Ganz tornare all'horror dal quel 1979 in cui interpretò Harker in Nosferatu, in più anche qui con abiti ottocenteschi malgrado non sia un film ambientato in quell'epoca.
  • Discussione Gestarsh99 • 12/08/19 20:28
    Scrivano - 13764 interventi
    Schramm ebbe a dire: [...]la tua analisi non fa una grinza e anzi mi giunge come ottimo implemento di lettura, ma a me personalmente han dato più sui nervi altri aspetti: la tautologia esasperata (quasi fosse un libro di 300 pagine uno), la mancanza di qualsivoglia spinta evolutiva rispetto al lavoro precedente [...] O sei telepatico o hai letto in anticipo il mio commento passando una mazzetta a Zender :DDD Pensa, alla fine del commento ho chiuso con queste parole: "Un circolo reiterativo, senz'altro ricreativo ma assolutamente non creativo."
  • Discussione Raremirko • 12/08/19 21:56
    Addetto riparazione hardware - 3440 interventi
    Schramm, se ricordo bene comunque avevi apprezzato un uso simile in Human centipede 3, dove Six prendeva in giro/faceva autoreferenza del proprio prodotto ecc, coinvolgendo anche terzi soggetti esterni. Gers pare dire che Von Trier qui abbia usato il mezzo filmico in maniera consimile; a me pare una cosa discutibile, ma senz'altro interessante.
  • Discussione Schramm • 13/08/19 15:23
    Risorse umane - 6703 interventi
    Gestarsh99 ebbe a dire: Schramm ebbe a dire: [...]la tua analisi non fa una grinza e anzi mi giunge come ottimo implemento di lettura, ma a me personalmente han dato più sui nervi altri aspetti: la tautologia esasperata (quasi fosse un libro di 300 pagine uno), la mancanza di qualsivoglia spinta evolutiva rispetto al lavoro precedente [...] O sei telepatico o hai letto in anticipo il mio commento passando una mazzetta a Zender :DDD Pensa, alla fine del commento ho chiuso con queste parole: "Un circolo reiterativo, senz'altro ricreativo ma assolutamente non creativo." magari potermi permettere di dispensar mazzette! che de paperoni ti ascolti! te l'ho detto, oramai siamo in pieno preoccupante cablaggio metapsichico! non hai idea di quanto ci sia rimasto stranito quando hai iniziato a sciorinar commenti sullo specifico di un fest che stavo preparando da anni e il cui ritardo mi stava facendo temere che l'idea mi sarebbe stata bruciata. man mano che saltavan fuori tra l'altro indossavo a mo' di amulato le t-shirt che sempre grazie a jung mi vennero regalate quando il fest prese forma: una su chernobyl, una su hiroshima e una su fukushima! sincronicità ci cova? ci avranno disgiunti alla nascita? noosfera mit uns? speriamo non ci scoppi cronenberghianamente la cabeza. :D a questo punto brucio di curiosità per leggere tutto il resto!
    Ultima modifica: 13/08/19 15:29 da Schramm
  • Discussione Schramm • 13/08/19 15:33
    Risorse umane - 6703 interventi
    Raremirko ebbe a dire: Schramm, se ricordo bene comunque avevi apprezzato un uso simile in Human centipede 3, dove Six prendeva in giro/faceva autoreferenza del proprio prodotto ecc, coinvolgendo anche terzi soggetti esterni. non mischierei maionese e marmellata. sono due macchine rappresentative dalla cilindrata retorica e dall'abitacolo grammaticale differentissimi. in six tutto è travolto dal ludens fino al sollazzevole autoannientamento, mentre von trier si prende stramaledettissimamente sul serio, e l'autoreferenzialità la usa come massimo esponente per autoglorificarsi e far vedere a tutti quant'è bella e preziosa la corona che si è fatto e messo da solo in testa, e questo solo per dirne una (e nemmeno la più grave)..
    Ultima modifica: 13/08/19 23:23 da Schramm
  • Discussione Raremirko • 14/08/19 21:09
    Addetto riparazione hardware - 3440 interventi
    Schramm ebbe a dire: Raremirko ebbe a dire: Schramm, se ricordo bene comunque avevi apprezzato un uso simile in Human centipede 3, dove Six prendeva in giro/faceva autoreferenza del proprio prodotto ecc, coinvolgendo anche terzi soggetti esterni. non mischierei maionese e marmellata. sono due macchine rappresentative dalla cilindrata retorica e dall'abitacolo grammaticale differentissimi. in six tutto è travolto dal ludens fino al sollazzevole autoannientamento, mentre von trier si prende stramaledettissimamente sul serio, e l'autoreferenzialità la usa come massimo esponente per autoglorificarsi e far vedere a tutti quant'è bella e preziosa la corona che si è fatto e messo da solo in testa, e questo solo per dirne una (e nemmeno la più grave).. Grande, bella rispostona.