LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/05/07 DAL BENEMERITO CIAVAZZARO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ciavazzaro 5/05/07 22:32 - 4774 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Interessante horror intepretato magistralmente da Karloff e diretto dal mai dimenticato Reeves. Il soggetto è abbastanza originale ed il ritmo è sostenuto. Ottima la colonna sonora, e le scenografie della Londra anni 60'. Interessanti le sequenze finali e quella in piscina; un film da riscoprire, magari nella sua ottima edizione in dvd.

Deepred89 7/05/07 14:00 - 3488 commenti

I gusti di Deepred89

Davvero niente male questo fantastico che nel secondo tempo si trasforma in un horror a tutti gli effetti. La mancanza di mezzi senza dubbio si nota ma la storia, pur essendo sicuramente lineare, coinvolge fin da subito (anche grazie ad un'idea di partenza intrigante). Il film non dura molto (poco più di un'ora e venti) ma per tutta questa durata il ritmo si mantiene alto e il finale, nonostante la sua prevedibilità, funziona. Grandissimo Karloff e brava la Lacey, niente male Ogilvy. Consigliato.

Undying 26/10/07 15:05 - 3814 commenti

I gusti di Undying

Notevolissimo esperimento che fa rimpiangere la prematura scomparsa del genio di Michael Reeves, morto alla giovanissima età di 26 anni per aver ingerito una dose eccessiva di barbiturici. Come un classico Poeta Maledetto, Reeves sembra farsi portavoce del malessere sociale che lo circonda. Ma sembra -soprattutto- anticipare, in una sorta di (infelicemente esatta) rappresentazione, "il Male di vivere" che lo avvince: sintetizzato nella vecchiaia e nella tristezza che accompagna una vita vissuta, ormai estranea ai piaceri della giovinezza.
MEMORABILE: l'esperimento di "mesmerizzazione", di tipo psichedelico.

Cotola 7/02/08 23:38 - 8313 commenti

I gusti di Cotola

Discreto thriller di matrice fantastica il cui punto debole consiste nello spegnersi prematuro della tensione, causato dal fatto che il regista sceglie di battere territori piuttosto usuali fino ad arrivare ad un prevedibile epilogo. Ciononostante non mancano dei bei momenti. In definiva molto gradevole anche se, forse, un po’ troppo sopravvalutato.

Ghostship 3/07/10 12:40 - 394 commenti

I gusti di Ghostship

Thriller fantascentifico con un'idea di partenza originale ed un grande Karloff, penalizzato però da un budget non adeguato e da un epilogo troppo telefonato e prevedibile. Notevole per l'epoca, con accenni alla Londra lisergica di quegli anni, è purtroppo invecchiato male ma resta un modello di riferimento per quanti hanno attinto da canovacci simili successivamente.

Myvincent 27/08/10 17:56 - 3189 commenti

I gusti di Myvincent

Un assassino telecomandato per ipnosi da due anziani pazzoidi: questa la trama scarna di un horror piuttosto squallido che non conosce tensione, ma solo prevedibilità. Unica consolazione la presenza del grande Boris Karloff che, sul finire della sua esistenza, accettava qualsiasi parte, anche in pellicole di scarso o nullo valore.

Lucius 7/12/10 01:56 - 2953 commenti

I gusti di Lucius

Per chi ama Londra è impensabile non includerlo nella propria cineteca. Una coppia di coniugi, con l'aiuto di uno strano macchinario, subentra nella mente di un uomo arrivando a provare le sue stesse sensazioni e inducendolo a commettere azioni, anche aberranti, al fine di soddisfare i propri bisogni. Lodevole per l'originalità del soggetto, la messa in scena e l'mbientazione londinese, ormai perduta, degli anni sessanta. In definitiva consigliato.

Homesick 26/03/13 09:58 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Le frustrazioni della vecchiaia arricchiscono il filone cinematografico dedicato alla doppia faccia della scienza in un’opera originale e persuasiva, che nella sua asciuttezza sa inserire esemplari sequenze ansiogene (il furto della pelliccia, la corsa in moto) e cruente (la lotta in officina, l’omicidio della George). Karloff, umano e umanitario come in Prima dell’anestesia, se la vede con la Lacey, maschera sinistra di moglie resa folle e sanguinaria dalle prepotenze del subconscio. Ogni immagine e suono diffonde i richiami vintage della Swinging London.
MEMORABILE: La corsa in moto di Ogilvy sotto il controllo psichico della Lacey; l’incidente in auto e la contemporanea carbonizzazione dei corpi.

Rebis 5/04/16 10:49 - 2178 commenti

I gusti di Rebis

Irriducibile al genere horror, come tutta la produzione del regista nonostante i temi e la presenza di icone immarcescibili (Barbara Steele, Vincent Price e Boris Karloff), The Sorceres intendete il mesmerismo come espropriazione della volontà e fa dei due anziani aguzzini dei parassiti psichici che cercano di riscattare una vita di frustrazioni. Il quadro umano, tra Swinging London, quartieri popolari, psichedelica e livore sociale, è dominante, pessimistico, senza mai farsi moraleggiante. Karloff e Lacey meravigliosamente fradici di dolore e rabbia. L'opera più promettente di Michael Reeves.

Giùan 30/05/17 11:36 - 3667 commenti

I gusti di Giùan

Il più morbosamente weird dei film del troppo prematuramente scomparso Reeves. La storia della frustrata coppia di anziani nella debordante swinging London di fine '60 possiede un ossimorica potenza narrativa che, nelle mani dell'anticonvenzionale regista inglese, deflagra in un thriller contorto e perturbante. La pellicola, immersa in una liquida atmosfera psichedelica e alterata, attraversa così inattesi sentieri cinematografici, regalandoci un autentica perla d'inquietudine. Compito il tardivamente resipiscente Karloff, straripante l'invasata Lacey.

Michael Reeves HA DIRETTO ANCHE...

Fedeerra 26/01/22 16:04 - 798 commenti

I gusti di Fedeerra

Avvolto dalla splendida fotografia suburbana di Stanley A. Long, è un film che stabilisce una sorta di legame imprescindibile tra fanta-horror e geriatric thriller. Ottima la regia di Reeves, che senza troppi eccessi narrativi riesce a dare vita a un tripudio di momenti dark in cui l’ombra incessante della morte si fa unica protagonista. La Lace, indimenticabile maliarda, è un mare di logoranti pulsioni represse.

Caesars 8/06/20 11:16 - 3338 commenti

I gusti di Caesars

Secondo dei tre film diretti da Michael Reeves, si pone nel mezzo sia cronologicamente che qualitativamente. Molto superiore alla pellicola d'esordio ma anche enormemente inferiore al Grande inquisitore. Il difetto maggiore risiede nelle parti più "fantascientifiche", con apparecchiature e suoni francamente oggi poco proponibili ma che già all'epoca non erano molto convincenti. La storia ha buoni spunti di riflessione, anche se il suo svolgimento è un po' piatto e prevedibile. Ian Ogilvy è interprete più che dignitoso, così come, ovviamente, Karloff e la Lacey.

Rufus68 20/12/20 22:15 - 3542 commenti

I gusti di Rufus68

Reeves si serve del (debole) pretesto della fantascienza per modellare una efficace metafora della società occidentale in cui le vecchie generazioni sono sì scalzate dalle nuove, ma ancora intrattengono coi giovani un ambiguo rapporto di odio (ansia di dominazione) e desiderio (la voglia di immedesimazione in esse). Karloff rimane in ombra rispetto alla vera protagonista, la Lacey, sorta di rugosa Lady Macbeth priva d'ogni remora e resipiscenza. Sempre piacevole la ricostruzione della London beat. Già graziosa la George.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Undying • 30/10/07 09:58
    Scrivano - 7604 interventi
    Edizione Gargoyle Video, che ha il merito di essere integrale e che si lascia perdonare alcuni difetti di riversamento (frequenti spuntinature) per l'evidente anzianità del master (la pellicola è del 1967).

    Nulla gli extra, ma la traccia audio è chiara (anche se mono) e intelligibile.
    Nel complesso si tratta di una rara occasione di visionare un film altrimenti introvabile.

    Note tecniche DVD Gargoyle Video
    Durata: 87 minuti
    Formato video: full screen
    Lingue: italiano, inglese (mono)
    Sottotitoli: italiano
  • Homevideo Xtron • 13/03/13 18:22
    Servizio caffè - 1986 interventi
    Il dvd SINISTER:

    Audio italiano e inglese
    Sottotitoli in italiano
    Formato video 1.78:1 anamorfico
    Durata 1h22m12s
    Extra introduzione di Luigi Cozzi, trailers

    Un'immagine dal dvd (si trova al min. 70:16)

    Ultima modifica: 13/03/13 19:30 da Zender
  • Homevideo Cristian74 • 12/11/17 12:51
    Galoppino - 42 interventi
    La differenza di durata tra le 2 versione é dovuta a una conversione non giusta per la prima versione ? Non ci sono scene in più ?
  • Homevideo Buiomega71 • 12/11/17 14:27
    Pianificazione e progetti - 23910 interventi
    Cristian74 ebbe a dire:
    La differenza di durata tra le 2 versione é dovuta a una conversione non giusta per la prima versione ? Non ci sono scene in più ?

    La prima postata è una durata indicativa sul retro cover del dvd (quindi non effettiva, ma approssimativa), la seconda è quella effettiva
    Ultima modifica: 12/11/17 14:27 da Buiomega71
  • Homevideo Rebis • 12/11/17 15:37
    Compilatore d’emergenza - 4328 interventi
    Più che nella durata credo che la differenza tra le due edizioni sia nel formato ...
  • Homevideo Cristian74 • 12/11/17 20:03
    Galoppino - 42 interventi
    La Gargoyle dura 1h 21m 35s parte senza nessun logo, finisce col the end e alcuni secondi di immagini.
    Un formato letterbox widescreen, qualità video scarsa.
    Quindi mancherà qualcosa ? 
  • Curiosità Caesars • 16/10/18 14:16
    Scrivano - 15392 interventi
    Strano ma vero.
    Come assistente di produzione di questo film troviamo niente meno che Raquel Welch.

    Fonte: Imdb
  • Curiosità Caesars • 8/06/20 11:28
    Scrivano - 15392 interventi
    If film si aggiudicò, al festival del film di fantascienza di Trieste del 1968, l'asteroide d'oro come miglior pellicola, mentre Catherine Lacey con la sua interpretazione vinse l'asteroide d'argento quale miglior attrice.
    La presidenza del festival inoltre assegnò la medaglia d'oro a Boris Karloff.

    https://www.sciencefictionfestival.org/archivio-edizioni/festival-internazionale-del-film-di-fantascienza/fiff-1968/