Il giardino delle vergini suicide

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The virgin suicides
Anno: 1999
Genere: drammatico (colore)
Numero commenti presenti: 30
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Sofia Coppola esordisce rubando al padre le atmosfere sognanti del suo PEGGY SUE SI E’ SPOSATA (facendo anche invecchiare terribilmente Kathleen Turner, che passa avanti di una generazione e si trasforma in madre imbolsita) e prendendo come spunto la storia realmente accaduta di cinque giovanissime sorelle suicide (nessuna rivelazione, il finale lo anticipa il film già nel prologo). L'educazione ultracattolica - per non dire bacchettona - di una madre opprimente (la Turner) e di un padre assente (James Woods, ma per quello che fa si sarebbe potuto chiamare chiunque altro) porta le figlie a una situazione di emarginazione e disagio, un po' sulle orme della Carrie...Leggi tutto di De Palma (richiamata alla mente dalla lunga scena della festa da ballo, nella quale pure si viveva in un'atmosfera surreale di immanente disgrazia). La Coppola gira con delicatezza e leggerezza tutte femminili, mette in mostra qualità non comuni (palese eredità del padre), si disinteressa di chiarire molti interrogativi presenti nella storia lasciandoli cadere come foglie morte, giusto per regalare alla vicenda un ulteriore alone di mistero. Ottimo e ben diretto il cast giovane, con un Josh Hartnett pronto a spiccare il volo per la parte del rubacuori di inizio millennio (lo sguardo e l’appeal ci sono, senza dubbio). Resta però la sensazione di un film inconcludente, superficiale nella sua feroce critica al cristianesimo intransigente e più composto da flash(back) e spunti non concretizzati che da una storia ben strutturata. Qualche lungaggine di troppo. Di gran gusto l'uso delle musiche. Danny DeVito si concede una comparsata nel ruolo dello psicanalista di Cecilia, verso l’inizio.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Flazich 20/12/07 08:08 - 658 commenti

I gusti di Flazich

Atmosfere quasi bucoliche, irreali caratterizzano la pellicola di Sofia Coppola. Chiaramente anticlericale il film evidenzia, anche in forma abbastanza banale e stereotipata, le estreme conseguenze che una rigida cultura religiosa può portare. Nella sua semplicità il film si contraddisitingue per un'ottima regia che non disdegna, nei momenti di maggiore pathos, una certa vena di humor nero come, ad esempio, l'idrante che si aziona in una delle scene più signifficative del film. Complessivamente un buon film.

Galbo 31/12/07 12:34 - 11387 commenti

I gusti di Galbo

Ottimo esordio alla regia per la figlia di FF Coppola. Il giardino delle vergini suicide è chiaramente un duro e forse troppo rigido atto d'accusa contro l'educazione reazionaria di stampo cattolico. La regista (anche sceneggiatrice del film) dimostra una grande sensibilità nel trattare il tema e nei confronti del dolore dei suo personaggi ai quali si accosta con notevole capacità introspettiva. Molto bravi tutti gli attori.

Supervigno 1/01/08 17:52 - 229 commenti

I gusti di Supervigno

Il film colpisce sia per la storia, certamente non banale, sia per l'atmosfera di ovattata angoscia che lo pervade, sia perché, al di là delle motivazioni derivanti dall'educazione familiare sessuofoba e bigotta, non fornisce allo spettatore una spiegazione completamente soddisfacente e definitiva del motivo per cui le cinque sorelle decidano di farla finita. Merito probabilmente anche della scelta di far narrare la storia in prima persona da uno degli amici delle ragazze, escamotage romanzesco giustamente mantenuto dalla regista.

Giacomovie 18/07/09 08:38 - 1347 commenti

I gusti di Giacomovie

Il film costituisce una descrizione introspettiva di un delicato argomento, con un incedere volutamente lento che favorisce la riflessione. Le inquietudini adolescenziali e le repressioni familiari sono analizzate con garbo ed efficacia. Sofia Coppola ha collaudato i "ferri del mestiere" con una bella prova d'esordio, servendosi di un'elegante impostazione scenica. Brava Kirsten Dunst in un ruolo impegnativo. ***1/2

Renato 13/11/09 16:51 - 1557 commenti

I gusti di Renato

A Sofia Coppola, se togli il cognome, resta giusto la patina. Prendiamo questo suo esordio nel lungometraggio: cinque belle figliuole destinate a fare una brutta fine, ok, questo lo si era capito anche dal titolo. Tolto l'elemento voyeuristico/pruriginoso, non c'è nulla. Ma proprio nulla, e quindi qualcuno ha definito questo film lo specchio perfetto per una generazione che bla bla bla. Io l'ho trovato accademico nel senso peggiore del termine, e perdipiù da una regista di nemmeno trent'anni.

Cotola 28/11/09 19:38 - 7525 commenti

I gusti di Cotola

L'esordio di Coppola jr è un interessante ritratto adolescenziale di cinque sorelle che cerca mirabilmente, riuscendoci solo parzialmente, di allontanarsi dai cliché del genere. A colpire è soprattutto uno stile già abbastanza maturo e personale e per nulla ruffiano. Non tutto funziona alla perfezione trattandosi di un'opera prima i risultati sono incoraggianti.

Stefania 21/01/10 05:07 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Anomalo dramma adolescenziale. Non una storia di violenza e degrado: un veleno più subdolo insidia le cinque splendide sorelle, suicide perché si sentono già morte. Perché né lo sguardo incantato dei compagni di scuola, né quello severo della madre, né quello distratto del padre riescono a vederle per quello che sono: ragazze normali. Eppure, tanti anni dopo, per i loro ex-compagni, sono ancora luminose icone, eterei oggetti di desiderio, sui quali si fantastica, come di fronte a un mistero mai svelato.

Capannelle 27/01/10 15:36 - 3721 commenti

I gusti di Capannelle

Buon film che racconta drammi adolescenziali e incapacità genitoriali con piglio sufficentemente originale. Si concede qualche pausa ma ha un approccio interessante e coinvolge grazie ad un'atmosfera costruita assai bene, con sensibilità e senza ricorrere alle solite scene madri. Si può discutere sull'efficacia della parte per così dire voyeuristica o su una madre resa esageratamente dura ma rimane interessante e vanta una notevole colonna sonora.

Saintgifts 3/02/10 00:11 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Il fatto che prenda spunto da una storia realmente accaduta, è un punto a favore, altrimenti ci sarebbe stato da imputare anche l'esagerazione del plot, ma si sa, la realtà supera sempre anche la più fervida fantasia. Per il resto il film mi sembra realizzato mettendo assieme tante idee ed effetti già visti, come dire, se hanno fatto colpo là, io ne metto tanti qua e faccio il colpaccio. Invece mi sembra che sortiscano proprio l'effetto contrario e si ha sempre la sensazione di vedere cose già viste nelle ordinate e borghesi casette americane.

Vstringer 25/03/10 20:14 - 349 commenti

I gusti di Vstringer

Opera prima (e come tale imperfetta) che suggerisce ed evoca, più che narrare. Pochi film sono stati capaci di catturare con tanta sensibilità e tanto gusto per l'immagine cinematografica le mille sfaccettature dell'adolescenza, quella negata alle sorelle Lisbon da un'educazione troppo repressiva, quella innocente e tenera dei ragazzi che le venerano, fino alla patologica immaturità di Fontaine/Hartnett. La giovane Coppola dirige bene un cast funzionale al compito, con una padronanza assoluta nella gestione della traccia audio.
MEMORABILE: Il tema musicale degli Air.

Manowar79 10/06/10 17:08 - 309 commenti

I gusti di Manowar79

Niente di trascendentale, anzi come debutto appare persino un po' presuntuoso. È evidente che l'analisi psicologica "di gruppo" ha creato non pochi problemi allo sviluppo della trama, che di fatto si incarta dando vita ad un frettoloso e poco convinto finale. Eppure la narrazione gode di una certa delicatezza, tenedosi a debita distanza da forzature melodrammatiche e recuperando diversi luoghi comuni, ampiamente collaudati, del cinema degli anni 80. La Dunst fa la differenza nel cast femminile; Hartnett gioca al Val Kilmer di The Doors.
MEMORABILE: Si contano almeno 5 o 6 scene in cui compare il logo dei Kiss.

124c 11/06/10 17:12 - 2771 commenti

I gusti di 124c

Primo film di Sofia Coppola, figlia di Francis, con una Kirsten Dunst appetibile ed adolescente. Un film drammatico, forse con un titolo italiano un pochino gonfiato. Notevole anche il supporing cast, composto dall'ottimo (e poco sfruttato da Hollywood) James Woods e dalla sempre brava Kathleen Turner, qui in veste di genitrice severa e, ahimè, assai lontana dalla sua perfetta forma fisica sfoggiata vent'anni prima in Brivido Caldo. Ho sempre visto questo film come il passaggio di consegne fra la Turner e la Dunst.
MEMORABILE: Kathlenn Turner distrugge i dischi della collezione di sua "figlia" Kirsten Dunst.

Fabbiu 17/08/10 16:15 - 1933 commenti

I gusti di Fabbiu

Come esordio siamo a livelli alti e la Coppola dimostra di essersi formata dal padre in modo molto promettente; il racconto - storia vera, viene narrato bene ma in una maniera talvolta contrastante nelle scelte. Molto bene fino al primo suicidio; dall'entrata in scena del ragazzo figo però (la cui "figosità" e decisamente fine a se stessa) il film sembra perdere d'un tratto la voglia di distaccarsi dagli stereotipi e clichè molto comuni nei drammi del genere e a volte qualcosina sa un po' di patetico. Ma come primo film non è affatto male.

Belfagor 17/09/10 12:09 - 2623 commenti

I gusti di Belfagor

Nella sua opera prima, Sofia Coppola mostra di possedere già uno stile personale che ben si combina con l'atmosfera del romanzo di Eugenides. La tragedia attende ovattata nella suburbia, pronta a scatenarsi su quelle che paiono inarrivabili femmes fatales e che invece sono normalissime ragazze, vittime di idealizzazioni immature (l'onanismo voyeuristico dei ragazzini) o reazionarie (i genitori perfettamente interpretati da Woods e dalla Turner). Cast ben scelto e colonna sonora notevole per un film non perfetto ma che lascia il segno.

Domino86 6/04/11 21:03 - 546 commenti

I gusti di Domino86

Sofia Coppola firma un film che è il ritratto di una famiglia i cui componenti escono totalmente dalla normalità. La costrizione e la forte limitazione della libertà sono temi portanti della pellicola, il messaggio trasmesso è sicuramente importante. Forse il film non scorre in maniera leggera dall'inizio alla fine ma il risultato lo ottiene.

Mickes2 23/05/11 19:32 - 1668 commenti

I gusti di Mickes2

Grande esordio! La Coppola dimostra di avere già uno stile personale riuscendo ad imprimere al film, fin da subito, un’atmosfera di tenue angoscia; il film ne è pervaso perché racconta un dramma, tanto invisibile quanto infido, accusando duramente il modus operandi delle famiglie cattoliche e rivolte al bigottismo. L'ottusità, l'assoluta cecità dei genitori sarà fatale alle cinque sorelle (esaminate su diversi punti di vista), inconsapevoli prigioniere della vita e che dalla vita scapperanno. Regia di pregevole gusto estetico, efficacia e leggerezza.
MEMORABILE: Lo score musicale. Kirsten Dunst.

Buiomega71 31/07/11 14:09 - 2262 commenti

I gusti di Buiomega71

Uno degli esordi più straordinari degli ultimi anni. Un film dolorosissimo, poetico, commovente, spietato che tocca i nervi più scoperti e colpisce al cuore come una pugnalata. Le vergini suicide che ascoltano nella loro cameretta dischi in vinile, l'immaginazione del gruppo di ragazzini (surreale il finale con maschere antigas), il viso della Dunst che si affaccia linchyanamente tra le nuvole, la stupidità cieca dei genitori (immensi Woods e Turner), sesso rubato in un campo da rugby. Il finale arriva e fa male da morire. Capolavoro assoluto.
MEMORABILE: Il paesello e gli interni color pastello, da fare invidia a David Lynch; il finale davvero doloroso e spietato, le lacrime escono a fiume!

Myvincent 8/08/11 22:22 - 2553 commenti

I gusti di Myvincent

Cosa avrà mai spinto cinque bellissime sorelle adolescenti a suicidarsi in un lasso di tempo piuttosto breve? Il film suggerisce delle motivazioni e descrive gli stati d'animo e l'ambiente delle ragazze, indugiando sul mistero del loro mondo indecifrabile, apparentemente normale, ma in fondo isolato dal resto di una società disattenta. Senza trarre conclusioni o drammatizzare. Suicidio ed estetica, ma sganciate tra loro. Musiche giuste, grande sensibilità registica, sorriso irresistibile di Kirsten Dunst.

Didda23 21/05/13 20:12 - 2287 commenti

I gusti di Didda23

La sconcertante semplicità del concetto causa-effetto rende la sceneggiatura troppo elementare e ciò non giova al coinvolgimento emotivo. Per quanto concerne la regia la Coppola non regala chissà che inquadrature, ma perlomeno è centrata e concreta non come nelle opere successive alquanto evanescenti. Nonostante i nomi di richiamo del cast, non si assiste a una prova convincente di nessun elemento (forse la Dunst meno detestabile del solito). Visto 10 anni dopo la prima volta, conserva quel sapore amaro di incompiutezza. Mediocre.

Paulaster 9/07/13 09:56 - 2783 commenti

I gusti di Paulaster

Film d’esordio in cui inizia già a definirsi lo stile che caratterizza il modo di girare della Coppola. Frammentato al limite di una evanescenza narrativa in cui, prima con la voce fuori campo e poi con scelte musicali che accompagnano le scene, tenta di riempire i vuoti quando scarseggiano le idee. Comunque le scene rallentate e con giochi di luce sono notevoli, come del resto la festa finale. A volte infantile, leggero, tiene sulle spine come in attesa di un bacio che non arriva mai. Nota di merito per Woods.
MEMORABILE: Le immagini che scorrono quando leggono il diario; In negativo: il fumo del camino che esce dalla porta di casa.

Pigro 8/01/14 11:51 - 7789 commenti

I gusti di Pigro

La famiglia è come l’albero davanti casa: sembra intatto ma dentro è marcio e va rimosso. Una madre bigotta opprimente, un padre assente, 5 sorelle segregate e destinate al suicidio. Echi di Bernarda Alba e inevitabile tragedia, tutta delicatamente femminile, ma anche tutta soffertamente adolescenziale. La voce off sembra allontanare nel tempo e nella percezione quel dolore, mettendolo quasi in vitro: ma lo sgomento delle teenager di fronte alla vita (e dei ragazzi che osservano dall’esterno) supera ogni barriera e ci interroga spietatamente.

Luchi78 2/04/14 00:36 - 1521 commenti

I gusti di Luchi78

Adolescenziale racconto, orchestrato dalla regia di Sofia Coppola che non sbaglia praticamente niente. Le tinte rosa e nere si mescolano per ritrarre le evanescenti ma irresistibili sorelle Lisbon. Nel contempo vivono accanto a loro un gruppetto di ragazzi che tenta di avvicinarle nel vano tentativo di abbattere la barriera dell'egoismo e dell'ottusità che le difende. Le tonalità calde della fotografia rimandano all'autunno che vedrà la caduta delle giovani ragazze, le musiche delicate fanno eco a una triste spensieratezza. Piccolo capolavoro.

Redeyes 27/10/14 11:27 - 2144 commenti

I gusti di Redeyes

Barely e unbarely legal teen per una storia che mette a nudo l'America perbenista e bigotta. La Coppola parte col piglio giusto a metà strada tra il racconto adolescenziale che vira verso il dramma, il grottesco e il videoclip a montaggio lento. La storia piace abbastanza salvo iniziare la discesa a partire dall'inutile Hartnett. Assolutamente ottimi Woods e la Turner, ammiccantissima la Dunst, che per ruolo spicca sulle sorelle. Musiche riuscite. Ben lontano dall'esser un esordio coi controfiocchi!

Daniela 7/04/15 14:48 - 9397 commenti

I gusti di Daniela

Madre possessiva e padre al rimorchio allevano con i più severi principi cristiani le loro cinque figlie, adolescenti a cui è impedito di fiorire... Dal bel romanzo di Jeffrey Eugenides, un esordio registico promettente, in cui gli aspetti di denuncia del bigottismo si fondono in una rievocazione nostalgica del passato: le sorelle Lisbon, che la morte ha conservato nel ricordo eternamente giovani e belle, sono avvolte in un'aura mitica, oggetto di desideri e sogni proibiti. Film delicato e suggestivo, appena un poco troppo patinato.

Minitina80 1/08/15 23:03 - 2336 commenti

I gusti di Minitina80

Atmosfere sommesse e ovattate per un dramma adolescenziale riproposto con buoni risultati da Sofia Coppola. Dopo un inizio promettente il ritmo scende in qualche occasione sotto la soglia di attenzione ma il finale, crudele e privo di speranza, lascia senza fiato. Mirabile l’interpretazione delle ragazze, che sembrano accettare con un beffarda rassegnazione il loro destino, mentre un Woods così remissivo non si era mai visto prima. Un lavoro notevole arricchito da una buona colonna sonora.

Ryo 18/08/15 12:06 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Un film per cui nutrivo grandi aspettative ma che, per quanto tecnicamente l'abbia trova impeccabile ed elegante nella sua confezione, mi ha lasciato emozionalmente imperterrito. Sarà forse perché il titolo inspiegabilmente spoilera il finale e la messa in scena regala poche emozioni. Che sia davvero questo il sentimento a cui puntava Sofia Coppola? La frustrazione di non potersi godere la vita e le cose esterne, bloccati in un apatia dal troppo controllo e segregazione? Se cosi fosse, con me c'è riuscita.
MEMORABILE: Lo scambio di vinili telefonico.

Il ferrini 23/12/15 02:18 - 1685 commenti

I gusti di Il ferrini

Sofia Coppola colora questa pellicola con i toni tipici dei seventies e con gustose citazioni cinefile tra le quali spicca evidente la vena dark di James Dean in Gioventù bruciata, sebbene stavolta la protagonista principale sia una donna, una Kirsten Dunst particolarmente in forma. La sua spirale di distruzione, alimentata dalla brava Turner nel ruolo di madre integralista cattolica, non verrà arginata dal "dottor" DeVito. La storia raccontata è realmente accaduta nel 1974 in un paese vicino Detroit. Colonna sonora memorabile degli Air.

Pinhead80 30/04/16 15:34 - 3948 commenti

I gusti di Pinhead80

La storia delle sorelle Lisbon raccontata da chi le ha voluto più bene (alcuni ragazzi del quartiere) è di quelle che angosciano fin nel profondo. Questi corpi in procinto di sbocciare e di prendere il volo verso la vita vengono contenuti in un ambiente insalubre che castra e uccide. Le atmosfere sono ricreate bene e così il senso di disagio dilaga nello spettatore che si ritrova inerme, come i narratori, ad assistere alla morte come unica speranza per poter tornare alla vita.

Fedeerra 7/12/17 08:23 - 422 commenti

I gusti di Fedeerra

Bellissime lolite, in completo disorientamento per il mondo che sta cambiando, pregne della loro prima (e unica) primavera interiore. La Coppola costruisce un picnic ad Hanging Rock dove il presente è un fiore apatico e il futuro un giardino che vede decomporsi ogni sua forma di vita. Sembra che tutto venga assimilato con molta leggerezza, ma negli sguardi di quelle creature del cielo ormeggia un'intercapedine talmente profonda da lasciare ferite dolorose, incurabili. Bravissima Kirsten Dunst.

Lou 17/04/18 18:16 - 960 commenti

I gusti di Lou

Al debutto alla regia, la figlia d'arte Sofia Coppola sceglie una storia tragica, il suicidio di cinque sorelle nel Michigan anni '70, per descrivere con tocco personale l'ambiente bigotto e repressivo in cui le giovani sono costrette a crescere. In realtà non c'è grande scavo psicologico, mentre prevale una visione complessiva, distaccata e alienata, del mondo adolescenziale negli Anni Settanta.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Jandileida • 23/05/13 11:35
    Addetto riparazione hardware - 406 interventi
    Fino all'ultimo con Dorff non se l'era cavata male: questo è un gran bel film
    Ultima modifica: 23/05/13 11:35 da Jandileida
  • Discussione Dusso • 23/05/13 11:38
    Segretario - 1621 interventi
    io ricordo che alla fine del film (visto parecchi anni fa) mi lasciò un senso di tristezza pazzesco come raramente mi è capitato
  • Discussione Buiomega71 • 23/05/13 11:54
    Pianificazione e progetti - 21907 interventi
    Dusso ebbe a dire:
    io ricordo che alla fine del film (visto parecchi anni fa) mi lasciò un senso di tristezza pazzesco come raramente mi è capitato

    Stesse mie sensazioni. Raramente un film mi ha "devastato" l'anima come l'esordio della Coppola.
  • Discussione Rebis • 23/05/13 14:46
    Comunicazione esterna - 4283 interventi
    Col senno di poi è l'unico film della Coppola veramente salvabile... Fu un vero e proprio abbaglio.
  • Discussione Didda23 • 24/05/13 09:26
    Comunicazione esterna - 5716 interventi
    Bravo Rebis. Somewhere è senza dubbio il film più inutile, superficiale, fintamente autoriale che abbia mai visto. Ha pure l'aggravante di avere delle parti ultra trash ( i telegatti) e ancora oggi non mi capacito di come abbia fatto a vincere il leone d'oro a Venezia. Lost in translation lo ricordo brutto forte e di una inutilità di fondo oltremodo evanescente. Questo è mediocre, ma almeno non irrita e scorre via leggero leggero. Forse aiuta la colonna sonora degli Air (un gruppo musicale che adoro. Marie- Antoniette prima o poi lo devo recuperare e aspetto con ansia l'ultimo film presentato a Cannes.
    Ti dirò, forse detesto la Coppola più di Von Trier (ed è tutto dire!). Formerebbero una coppia splendida...
  • Discussione Daniela • 24/05/13 15:19
    Consigliere massimo - 5130 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    Col senno di poi è l'unico film della Coppola veramente salvabile... Fu un vero e proprio abbaglio.

    Io ho un buon ricordo anche di Lost in Translation, pur se più legato all'interpretazione di Murray che alla regia della Coppola.
  • Discussione Rebis • 24/05/13 19:42
    Comunicazione esterna - 4283 interventi
    Secondo me la Coppola poteva prendere due strade dopo Le vergini, o quella dell'intimismo poetico o quella dell'autobiografismo d'autore: per un po' ha tentennato e Marie Antoinette è ancora salvabile, ha una freschezza abbastanza singolare considerato che si confronta con un mito storico stantio, Lost in Translation per me è al limite, tra brillantezza e snobismo... Poi ha preso risoluta la strada dell'autorilità con Somewhere che è di una bruttezza e di una molestia rare a trovarsi...

    Perché ha vinto il Leone d'oro? Semplicissimo: in giuria c'era il suo fidanzatino Tarantino :)
  • Discussione Capannelle • 24/05/13 19:50
    Scrivano - 2505 interventi
    Didda23 ebbe a dire:
    Ti dirò, forse detesto la Coppola più di Von Trier (ed è tutto dire!). Formerebbero una coppia splendida...

    Sì, bella coppia anche perchè di registi maschi inutili se ne trovano, con le donne è più difficile.
  • Discussione Rebis • 24/05/13 20:02
    Comunicazione esterna - 4283 interventi
    Capannelle ebbe a dire:
    Didda23 ebbe a dire:
    Ti dirò, forse detesto la Coppola più di Von Trier (ed è tutto dire!). Formerebbero una coppia splendida...

    Sì, bella coppia anche perchè di registi maschi inutili se ne trovano, con le donne è più difficile.


    :D
  • Musiche Paulaster • 28/06/13 13:00
    Contatti col mondo - 84 interventi
    Prodotte dagli AIR

    Tracce
    1.Playground Love - 3:32
    2.Clouds Up - 1:28
    3.Bathroom Girl - 2:24
    4.Cemetery Party - 2:35
    5.Dark Messages - 2:28
    6.The Word Hurricane - 2:31
    7.Dirty Trip - 6:11
    8.Highschool Lover - 2:41
    9.Afternoon Sister - 2:23
    10.Ghost Song - 2:14
    11.Empty House - 2:36
    12.Dead Bodies - 2:56
    13.Suicide Underground - 5:50