Frankenstein contro l'uomo lupo

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Frankenstein Meets the Wolf Man
Anno: 1943
Genere: horror (bianco e nero)
Note: Inizialmente Bela Lugosi parlava, in seguito i produttori cancellarono la sua voce per il troppo marcato accento ungherese.
Numero commenti presenti: 15
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Povero uomo lupo (Chaney jr)... riposava in pace al camposanto e due tombaroli gli aprono la bara proprio in una notte di luna piena. Naturale che scappi e cominci subito ad ammazzare chi trova sulla via. Ricoverato in ospedale confessa subito la sua colpevolezza ma nessuno gli crede, così continua; finché una zingara di sua conoscenza lo accompagna dall'unico uomo che potrebbe salvarlo donandogli la... morte: Frankenstein! Giunti nel solito paesino dove basta citare il nome del folle medico che la temperatura sale, scoprono che il castello di Frankenstein (un tragico modellino sul torrente) è stato bruciato e il mostro (Lugosi) sepolto; sarà proprio l'uomo lupo (nella versione con pelo) a ritrovarlo e a risvegliarlo. Purtroppo al castello...Leggi tutto gli appunti degli esperimenti di Frankenstein non sembrano più esserci e toccherà contattare Elsa (Massey), la figlia del defunto barone, per poterli ritrovare e studiare. La Universal pensa bene di riunire due dei suoi celebri mostri creando ad hoc una trama improbabile che Curt Siodmak scrive senza grossa ispirazione. Il regista Roy William Neill, così, punta tutto sul clima e sugli attori (sempre bravo Chaney jr.) e qualcosa di buono ne trae. Il notevole bianco e nero di George Robinson gioca bene con luci ed ombre (si veda l'inquadratura notturna dalla finestra dell'ospedale in cui è rinchiuso l'uomo lupo) e, soprattutto nella prima parte, un certo fascino al film non manca. Poi però, quando ci si rifugia nello scontato, col medico curante di Chaney che arriva al castello e comincia a improvvisarsi novello Frankenstein armeggiando con gli immancabili macchinari elettrici, l'interesse scema (e già non era stato aiutato dalla lunga sequenza alla sagra paesana, in cui ci si era addirittura sorbiti una lunga cantatina del tirolese di turno). Si aspetta lo scontro fisico tra le due creature, che arriverà nel finale ma giusto per obbligo contrattuale, senza enfasi né gran senso logico. Vedere Lugosi contorcersi nelle smorfie del mostro una certa impressione la fa, in chi era abituato a Karloff (ma non dimentichiamo che era Lugosi la prima scelta per il ruolo, nel primo film di Whale) e il fare perplesso, meditabondo di Chaney dà al personaggio e al film una dignità lontanissima da quel trash che il titolo sembrerebbe suggerire. Insomma, un horror vecchio stampo che si può guardare ma che nulla aggiunge alla lunga galleria di epigoni con poca verve nati sull'onda dei primi successi. Il cataclisma al castello del finale evidenzia ancor di più l'orrida natura artificiale di certe scenografie: un po' di oscurità in più, in quei frangenti, avrebbe giovato.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 22/06/07 DAL BENEMERITO CIAVAZZARO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 29/04/16
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Ciavazzaro 22/06/07 17:18 - 4768 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Operazione che riunisce i due grandi mostri del cinema horror: la creatura di Frankenstein e l'uomo lupo. All'esterno può sembrare un'operazione ridicola, invece la sceneggiatura riesce a riunire i due mostri senza far cadere il film nel ridicolo. Anzi, la prima sequenza nel cimitero mette tensione. Uno scontro da non perdere, insomma!

Stubby 19/09/07 00:43 - 1147 commenti

I gusti di Stubby

Un po' come si è sempre fatto con i supereroi e soprattutto grazie a un'idea che viene continuamente sfruttata nel tempo (vedi Freddy vs Jason o Alien vs Predator), lo scontro è sempre presente tra i personaggi famosi del cinema. Frankenstein contro l'uomo lupo fu uno dei miei film preferiti da ragazzino: l'atmosfera che si ricreava in quei film era veramente cupa e metteva terrore; soprattutto le location erano suggestive e stimolavano la fantasia. Piccolo cult.

Lovejoy 1/01/08 23:22 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Nel suo genere un piccolo classico. Larry Talbot è alla ricerca spasmodica del Barone Frankestein, l'unico uomo che possa aiutarlo a guarire dalla licantropia. Ma... William Neil riesce in meno di un'ora e un quarto a confezionare, grazie anche ad una sceneggiatura perfetta, un ottimo spettacolo. E si assiste incuriositi alla vicenda attendendo il clou del film che, ovviamente, è lo scontro tra i due mostri, che non delude le aspettative. Gran bel cast, con Chaney e Lugosi su tutti. Da riscoprire.

Anthonyvm 4/04/21 14:57 - 2564 commenti

I gusti di Anthonyvm

Crossover che non soddisfa appieno le attese del pubblico ma si lascia gustare per l'idea curiosa alla base e per alcune sequenze notturne di innegabile fascino che recano onore agli scenografi (gli ambienti boschivi, la grotta di ghiaccio). Torna Lon Chaney Jr. nei panni della "sua" creatura lupesca (sempre ben tratteggiata), che, per mezzo di qualche comodo rimaneggiamento di script, incontra la creatura di Frankenstein (un Bela Lugosi un po' caricaturale). Paradossalmente la parte più debole è proprio il momento dello "scontro", veloce e brusco. Buone invece le scene al villaggio.
MEMORABILE: Lon Chaney vagabonda saltellando a caccia; Il ritrovamento del mostro nel ghiaccio; La festa di paese con canzone ultra-catchy; La diga che esplode.

Brainiac 5/03/10 15:25 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

A sancire che quella di Chaney Jr sia la maschera più iellata dell'intero empireo orrorifico ci pensa l'incipit, in cui al povero Talbot non viene risparmiata neppure la visita dei tombaroli. Frankestein "contro" l'uomo lupo (che sostituisce il più leale "incontra" del titolo originale, visto che i due si menano con mosse wrestling solo dopo un tot) è uno spassoso sequel del classico di Waggner. Curioso che il remake acchiappi parecchie cosucce (la cripta familiare, il look dell'ispettore) dal film di Neill più che dal prodromo diretto. Eccelle la fotografia. Indecenti i modellini del castello.

Pau 4/05/10 18:34 - 125 commenti

I gusti di Pau

La sceneggiatura dell'ottimo Curt Siodmak regala una sequenza iniziale da antologia per tensione ed atmosfera. "Filmetto" sempre godibile, realizzato con ineccepibile professionalità e senza badare troppo alle incongruenze, in grado comunque di regalare all'appassionato tutti i topoi del genere, compresa la folla inferocita (in cui fa capolino Dwight Frye, già Renfield nel Dracula di Tod Browning ed assistente gobbo in Frankenstein, in una della sue ultime apparizioni). Lugosi impacciato nel ruolo che, ahilui!, rifiutò 12 anni prima.

Von Leppe 6/01/11 15:19 - 1083 commenti

I gusti di Von Leppe

Ci sono due esseri immortali che cercano la pace eterna: uno è l'uomo lupo interpretato da Chaney jr, ed è il licantropo classico del cinema. L'altro è Frankenstein, ma il trucco dello spigoloso Karloff sui lineamenti vampirici di Lugosi non si adatta bene. Il film comunque è riuscito, specie nelle atmosfere europee tirolesi e tzigane, notevole il paesaggio del castello diroccato sotto la diga e il villaggio con i popolani sospettosi; c'è anche un pezzo cantato nello stile del cinema americano dell'epoca.

Rigoletto 30/01/12 11:11 - 1635 commenti

I gusti di Rigoletto

Nello sviluppo dell'horror non poteva mancare lo scontro fra due mostri sacri del genere, che dà inizio a un filone che raccoglie frutti tutt'oggi. Riusciamo a trovare un buon mix degli stereotipi horror in poco più di un'ora. Un buon lavoro che merita di essere visto, con un Lon Chaney/Uomo lupo sempre in forma ma con un Bela Lugosi un po' sotto tono nel ruolo di Frankenstein. Del resto, identificando Chaney Jr. con l'uomo lupo e Lugosi con Dracula, esiste un solo Frankenstein... ***1/2

Giùan 12/04/13 21:59 - 3246 commenti

I gusti di Giùan

Il primo incontro tra due delle principali stelle del mostruoso firmamento Universal impressiona sulla pellicola (come è peraltro naturale che accada) meno promesse di quanto i sogni della carta lasciassero vagheggiare, per quanto proprio lo script di Curt Siodmak sia tra gli atout che permettono al film di non scader nel ridicolo. Da antologia la parte iniziale, godibile la lotta finale ma in mezzo si sbadiglia molto. Chaney batte decisamente ai punti l’avvizzita icona Lugosi ma a surclassar tutti è la zingara Ouspenskaya, discepola stanislavskiana.

Undying 27/08/14 16:39 - 3834 commenti

I gusti di Undying

Curioso ibrido targato Universal che propone l'incontro/scontro tra due mostri sacri interpretati da Chaney (l'uomo lupo) e Lugosi (la creatura). Nonostante l'assurdità del plot la pellicola è ben costruita e la sceneggiatura non è mai delirante. Eccezionale l'incipit con i profanatori di tombe che, involontariamente, riportano in vita Talbot. Le scene decadenti e gotiche si inseriscono ottimamente nel clima di discesa psicologica vissuta dallo sventurato Talbot il quale, dietro consiglio della zingara rumena, spera nell'aiuto di Frankenstein.

Patric Knowles HA RECITATO ANCHE IN...

Samdalmas 1/08/15 14:10 - 302 commenti

I gusti di Samdalmas

Leggendario incontro tra l'Uomo Lupo di Lon Chaney e il Mostro di Frankenstein interpretato da Bela Lugosi, che aveva rifiutato il ruolo lasciando il posto a Karloff. La scelta sembra tardiva per l'anziano Lugosi ma il carisma resta. Buoni momenti nell'incipt, con i tombaroli che risvegliano il licantropo Talbot e nella lotta finale tra le rovine del castello. Non manca la Ouspenskaya come zingara. Uno dei classici della Universal che ha ispirato Mel Brooks e John Landis.

Rufus68 5/01/17 22:44 - 3330 commenti

I gusti di Rufus68

Il titolo lascia presagire il peggio: che non si avvera, almeno all'inizio, per merito di un bell'incipit "nero"... e tuttavia il peggio lo si sfiora ripetutamente, vista la gratuità dell'operazione. L'incanto dei primi due episodi di Frankenstein è perduto (Lugosi è inadatto alla parte) e solo la solitudine del licantropo Talbot, che vive per morire, ha qualche spessore psicologico rispetto alle altre figurine. Affrettata la catastrofe finale; e il famigerato duello fra mostri si risolve in una confusa baruffa.

Myvincent 18/07/18 08:32 - 2772 commenti

I gusti di Myvincent

Se Frankenstein è il tentativo abortito dell'uomo che sfida le leggi divine, l'Uomo Lupo è la sua ombra più nascosta e distruttiva che alberga incontrastabile: due figure archetipiche che qui si incontrano e scontrano, con un pretesto narrativo tanto insolito quanto accattivante. Si aggiungano le scenografie espressionistiche così tipiche da horror d'altri tempi e il gioco è bell'e fatto. Imperdibile cross-over dei due mitici mostri.
MEMORABILE: Le labbra dipinte col "rossetto" di Frankenstein; Il castello maledetto ricostruito come modellino e distrutto dalla furia dell'acqua.

Rebis 22/06/20 18:51 - 2112 commenti

I gusti di Rebis

Primo crossover Universal e, probabilmente, primo della storia del cinema, il film è più che altro il sequel de L'uomo Lupo che si innesta - in modo assai pretestuoso - nella saga della creatura di Frankenstein, qui interpretata da Lugosi, che dopo aver rifiutato il ruolo nel '31 si vide impiantare il cervello del mostro nell'ultimo capitolo del ciclo, dove interpretava Ygor. La performance, comunque, è modesta e lo scontro finale blando. A contare sono la regia ispirata di Neil e il poderoso impianto scenografico di Goodman, che si sbizzarrisce tra ricostruzioni  e modellini.

Daniela 25/02/21 01:06 - 10145 commenti

I gusti di Daniela

Il titolo è ingannatore: Frankenstein è assente, sia pure per giustificato motivo, e anche il suo mostro si vede molto poco, essendo la storia incentrata sul povero Uomo lupo che, risvegliato dal sonno del sepolcro da due incauti ladri di tombe, vorrebbe carpire dal diario dello scienziato il segreto per morire una volta per tutte. Anche sul piano attoriale qui non c'è gara: Lon Chaney Jr. s'impegna nell'apparire tormentato mentre l'irriconoscibile Lugosi barcolla a stento. Pur pretestuoso, risibile negli effetti e molto ingenuo, un horror vecchio stile non privo di un certo fascino.
MEMORABILE: I tombaroli e la lunga che illumina il volto del presunto morto; La bella sequenza impressionista dentro l'ospedale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Ciavazzaro • 18/06/09 12:18
    Scrivano - 5620 interventi
    Inizialmente Lon Chaney,jr. doveva interpretare sia l'uomo lupo,sia il mostro di Frankenstein.
    Alla fine pero' i produttori decisdero di non farlo,e venne contattato Lugosi.
  • Curiosità Brainiac • 5/03/10 15:55
    Call center Davinotti - 1469 interventi
    Curioso il fatto che da questo film, più che dal diretto prodromo L'uomo lupo di Waggner, siano state prese alcune cose utilizzate nel remake del 2010 con Benicio Del Toro.

    Il look dell'ispettore (qui Dennis Hoey, lì Hugo Weaving), ad esempio: bombetta-baffi e giacca, è molto simile nei due film.

    Così come la cripta circolare della famiglia Talbot, presente nel remake nella scena in cui il pater familias mostra il suo tributo funebre a mamma Talbot e in Frankenstein contro l'uomo lupo nell'incipit (in cui la cripta Talbot subisce un tentato scasso).
  • Discussione Zelig46 • 29/10/12 14:14
    Galoppino - 94 interventi
    Il personaggio di Frankenstein in questo film fu interpretato da Bela Lugosi che negli anni addietro si rifiutò categoricamente di interpretare per il pesante Make-up a cui il sostituto (Boris Karloff) si sottoponeva ad ogni scena e soprattutto per la non riconoscibilità della sua figura (personaggio abbastanza schizzinoso), magistralmente interpretato da un grande Martin Landau nel film "Ed Wood" di Tim Burton).
    Ultima modifica: 29/10/12 16:15 da Zender
  • Homevideo Buiomega71 • 23/03/15 20:38
    Pianificazione e progetti - 22570 interventi
    In dvd per Sinister, disponibile dal 21/05/2015

    http://www.kultvideo.com/DVD.aspx/23702-DVD-Frankenstein-contro-l-uomo-lupo-21-05-Frankenstein-Meets-the-Wolf-Man?__lang=it-IT
  • Homevideo Xtron • 11/07/16 22:23
    Servizio caffè - 1855 interventi
    Ecco il dvd SINISTER

    Audio italiano e inglese
    Sottotitoli in italiano
    Formato video fullscreen
    Durata 1h10m18s
    Extra: Trailer

    immagine a 51:23

    Ultima modifica: 12/07/16 08:02 da Zender
  • Homevideo Noncha17 • 12/07/16 01:55
    Magazziniere - 1072 interventi
    È uscito anche per la A & R..ma, mi sento in dovere di consigliarvi l'edizione della Sinister!

    Soprattutto per quel che riguarda il "trattamento" riservato al doppiaggio originale che, come ampiamente analizzato da me su DVDEssential forum, è più fedele ai tempi in cui fu creato: dato che, quelli della A & R hanno deliberatamente preso (alla meno-peggio..) 'quasi' tutte le battute di quello "vecchio" e, le hanno 'inserite' nella pista Inglese!


    P.S.: Quello della Sinister contiene entrambi i doppiaggi distintamente..come dovrebbe essere!
    Ultima modifica: 12/07/16 02:02 da Noncha17