Destination - Il sottile fruscio della follia

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Ta paidia tou diavolou
Anno: 1976
Genere: drammatico (colore)
Note: Aka "Destination - Il leggero fruscio della follia", "Devil in Mykonos", "Island of death".
Numero commenti presenti: 12
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Un delirante erotico-thriller firmato Nico Mastorakis, più folle di quanto non si possa pensare. La storia è minimale: la coppia protagonista (Bob Belling e Jane Ryall) arriva nella suggestiva isola greca di Mikonos e s'installa in una piccola pensione del luogo. Non sembrerebbe esserci nulla di strano nel comportamento dei due americani: giovani, innamorati... Poi però lui una mattina, vistosi rifiutare sessualmente da lei, scende in giardino e si accoppia con una pecora che passa di lì (!); ma è solo l'inizio di una serie di perversioni e cattiverie che porteranno i due a crocefiggere in terra un imbianchino e a costringerlo a bere intonaco fresco (dopo che lei ci si era lungamente accoppiata con lui a fotografarli da distante); continueranno...Leggi tutto impiccando, da un aereo in volo, un detective prendendo a mannaiate la padrona della pensione, stroncando a colpi di fiocina due bulletti che tentavano di violentare lei, ustionando e uccidendo a più non posso chi capita a tiro: un vero e proprio massacro che nessuno sembra poter fermare. Girato da Mastorakis con stile non del tutto disprezzabile (ma sulla base di una sceneggiatura appena abbozzata e non priva di involontaria comicità), ISLAND OF DEATH ha dalla sua soprattutto l'insolita ambientazione. La splendida Mikonos autunnale offre con le sue case bianche, le caratteritiche viuzze, i suoi (pochi) abitatnti uno scenario molto affascinante, che Mastorakis sfrutta bene. Certo il film è poverissimo, montato alla bell'e meglio con cambi di scena ingiustificati ed effetti speciali ridicoli che purtroppo non rendono giustizia alle pazzesche trovate sanguinarie di Mastorakis (anche sceneggiatore, ovviamente). Un thriller parlato poco, recitato un po' così, con musiche da poliziesco e un tema cantato ("Destination") in stile Oliver Onions. Il finale, poi, va oltre l'immaginabile...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Deepred89 4/05/07 18:59 - 3283 commenti

I gusti di Deepred89

Film assolutamente bizzarro. La trama sembra quella del peggior z-movie ma il film non è realizzato affatto male. La regia è discreta, la fotografia azzeccata, gli attori non sono male e le musiche sono bellissime. Peccato che con una trama del genere sia impossibile non annoiarsi, anche se il finale è originale e beffardo. Comunque le scene di sangue sono piuttosto casarecce e anche le scene di sesso non vanno mai oltre un certo limite (pur essendo piuttosto spinte). Consigliato a chi cerca qualcosa di particolare.

Manowar79 30/10/09 15:41 - 309 commenti

I gusti di Manowar79

Delirio su celluloide che punta tutto su sequenze estreme, senz'altro disturbanti ma che sostanzialmente dicono poco; anzi, talvolta il sottile confine tra esperienza visionaria e cattivo gusto rischia persino di essere oltrepassato. Altresì, la trama può essere messa in secondo piano se si hanno le abilità necessarie per far stare in piedi un film in altro modo e non è certo il caso del buon Mastorakis. Si salva il main theme della colonna sonora, affascinante e ricercato. Mastorakis non è né Fulci né tantomeno Lovecraft, questo è quanto.

Ciavazzaro 5/09/10 21:06 - 4763 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Delirante cultone. Le imprese dei due serial-killer sull'isola greca vengono seguite con molto interesse dallo spettatore, grazie a trovate sempre originali (il povero pittore inchiodato, la Dublin uccisa con la ruspa). Bravo il protagonista Robert Behling, cult la presenza dell'amatissima Jessica Dublin. Nel finale si entra nel delirio puro e lo spettatore non può credere ai propri occhi (e anche solo per questo il film merita grandi lodi).
MEMORABILE: La fellatio alla pistola e tragiche conseguenze.

Gestarsh99 21/08/10 18:39 - 1323 commenti

I gusti di Gestarsh99

Una coppia di mentecatti sbarcata a Mykonos metterà a ferro e fuoco l'isola, sbizzarrendosi orribilmente ai danni della gente del luogo. Il film di Mastorakis è un concentrato estremo di perversioni sessuali, violenze e torture in cui nulla, di ciò che è contronatura, sfugge all'occhio catalogatore del regista. A destabilizzare maggiormente non è il sangue, per nulla eccessivo, ma la completa naturalezza con la quale i due assassini compiono le loro disumane malefatte, come fossero semplici attività quotidiane. Estremamente gratuito ma mai morboso.
MEMORABILE: Tutti gli omicidi: uno più brutale e perverso dell'altro.

Herrkinski 2/10/10 02:07 - 5142 commenti

I gusti di Herrkinski

Un film veramente bizzarro, molto estremo per l'epoca. Mastorakis ci mette dentro un po' di tutto: violenza e gore assortiti, sesso, sadismo e perversioni varie. Bravi i due interpreti, dall'inquietante aspetto belloccio e innocente; inedite e gradevoli pure le location greche. Gli SPFX son quel che sono, ma a colpire sono piuttosto la malvagità e l'alto tasso di crudeltà. Il ritmo talvolta latita e la trama prende pieghe spesso assurde, ma il film vale la pena d'esser visto almeno una volta. A suo modo, un piccolo cult del cinema trasgressivo.
MEMORABILE: La faccia bruciata con la bomboletta; l'uso improprio della ruspa.

Trivex 16/07/12 09:41 - 1490 commenti

I gusti di Trivex

Folle e violentissimo momento di cinematografia del caos 70. Brutale e volgare, ma personalmente ho colto anche il grottesco, oltre all'oltraggioso e quindi si stempera un po' il gran bordello sadico generale. L'isola è coprotagonista e la buona fotografia fa respirare il profumo della vacanza, nei momenti in cui l'odore nauseabondo della morte non prende il sopravvento. Exploitation pura e qualche buona idea, tipo le sequenze fotografiche dello psicopatico (maniaco sessuale e voyeur, oltre allo schifo che emerge alla fine). I palati fini lo evitino!

Cotola 28/05/13 21:49 - 7529 commenti

I gusti di Cotola

Il film che non ti aspetti da uno come Mastrorakis. Sebbene a tratti presenti frangenti di comicità involontaria (e un po' tutta la storia fa acqua da tutte le parti), non mancano elementi interessanti quali soprattutto la capacità di creare un'atmosfera malata e in parte inquietante e disturbante. E qualche scena qua e là non è affatto malvagia: ad esempio quella finale. Non va oltre la mediocrità, ma ha un suo perchè e gli appassionati del genere potranno apprezzarlo.

Jena 6/03/16 12:01 - 1194 commenti

I gusti di Jena

Malatissimo film che poteva uscire solo in certi anni settanta estremi. Il livello di violenza, ferocia e perversione raramente si è visto così al cinema (si inizia con il protagonista che sodomizza una capretta e poi la sgozza con un coltellaccio e da lì sempre peggio, fino all'incredibile trattamento riservato alla vecchiaccia). Insomma, roba per stomaci forti e sesso a manetta. Il tutto servito da una regia piuttosto buona, che si concede bizzarri lampi poetici a suon di musica seventies e bei paesaggi greci.

Marcolino1 28/12/16 19:19 - 503 commenti

I gusti di Marcolino1

L'ambientazione greca e il motivetto romantico si intonano con la love-story sanguinaria e incestuosa, con un sentimento razzista e moralista volutamente incoerente. Il protagonista si cala con veridicità nell'interpretazione di una personalità doppia, con la macchina fotografica occhio che uccide powelliano, sterminatrice delle "diversità" (drogati, omosessuali ecc..), dalle quali è però morbosamente attratta. Non troviamo virtuosismi registici ma un fotogramma subliminale come il Pazuzu di Friedkin anticipa il terribile (e meritato) contrappasso.
MEMORABILE: Il protagonista si dedica all'onanismo contemplando le foto delle vittime e contemporaneamente esprime repulsione e disgusto nei loro confronti.

Rufus68 31/01/19 22:19 - 3090 commenti

I gusti di Rufus68

Non si può che ammirare la libertà di certi anni Settanta; va riconosciuto del pari il fatto che tale libertà veniva spesso usata per affastellare provocazioni senza alcun fine se non quello della provocazione stessa. La collezione di parafilie e l'orgia necrofila ammanniti da Mastorakis costituiscono, infatti, solo un delirante épater le bourgeois privo di ogni direzione e messaggio. Attori mediocri. Una datata curiosità.

Minitina80 21/11/19 23:03 - 2344 commenti

I gusti di Minitina80

Bizzarro assemblaggio di un vasto campionario di amenità varie che spaziano in lungo e in largo non facendosi mancare nulla. Colpisce l’accostamento di un luogo solare e affascinante come Mikonos con un soggetto tanto inquietante. Effetto sorpresa che dura il tempo di un battito di ciglia perché dietro il muro di violenza non c’è assolutamente nulla, sembrando soltanto una concatenazione di atti impropri fine a sé stessa. Fosse durato qualche minuto in meno forse la noia sarebbe leggermente minore, ma è tutto da dimostrare.

Fauno 2/08/20 01:56 - 1920 commenti

I gusti di Fauno

Non ci son parole per il chiaro messaggio lanciato da questo capolavoro: sono i perversi i primi a odiare le perversioni e a voler fare i carnefici con la scusa di imporsi come educatori sociali. Non c'è discontinuità dal massacro dell'essere più bello e indifeso alle vere e proprie esecuzioni sommarie (in stile gore e nella sua forma più pura) per chi ha la pecca di essere diverso (e Mykonos anche a quei tempi era luogo d'emancipazione, in cui chiunque poteva esprimersi come più gli garbava), per finire con una legge del contrappasso che non può fare che da punto esclamativo.
MEMORABILE: Il temporale; La scavatrice; Le ciliegie in macedonia (trovata alla Dylan Dog); L'invettiva di Christopher col falcetto; La telefonata a Londra.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Zender • 12/06/12 17:03
    Consigliere - 43528 interventi
    Già, che il doppiaggio italiano esista è un dato di fatto. E' davvero un peccato che quando si editano certi dvd non si ritrovi qualche pizza per inserire in qualche modo il doppiaggio d'epoca... Sarebbe (almeno per me) un clamoroso valore aggiunto.
  • Homevideo Buiomega71 • 12/06/12 17:18
    Pianificazione e progetti - 21912 interventi
    Spero che la Mosaico radrizzi gli orecchi! Sia mai che possa entrare nella mia videoteca questa follia mastorakisiana...Io ci spero...

    Comunque il film uscì in Italia, ricordo su Nocturno un flano italico del film...
    Ultima modifica: 12/06/12 17:18 da Buiomega71
  • Discussione Buiomega71 • 16/06/16 22:24
    Pianificazione e progetti - 21912 interventi
    Zendy, titolo originale del film : Ta paidia tou diavolou
  • Discussione Zender • 17/06/16 07:22
    Consigliere - 43528 interventi
    Ah vero, è un film greco. Significa "I figli del diavolo" peraltro.
  • Discussione Schramm • 17/06/16 11:55
    Risorse umane - 6710 interventi
    dovrei rivederlo, ma complice anche l'averlo visto in una copia vhs di quarta generazione originale senza sottotitoli, ricordo una noia babelica, e più di ogni altra cosa l'incuria per il più elementare uso del controluce (anche peggiore della recitazione da soap brasileira 70's). nell'arco di una quindicina d'anni circa tutto quanto v'è di estremo in mezzo è sbiadito quasi del tutto. uno di quei titoli a cui ho dato la caccia una vita intera, e si son rivelati un let down grande così.
    Ultima modifica: 17/06/16 11:56 da Schramm
  • Discussione Zender • 17/06/16 17:32
    Consigliere - 43528 interventi
    Tipo La guerra di Stryker insomma :)
  • Discussione Schramm • 17/06/16 17:48
    Risorse umane - 6710 interventi
    forse anche quel po' di più perché questo rispetto a stryker mi era stato pompato a tavoletta da amici e collezionisti. ma ripeto, una revisione sarei per concedergliela perché visto in greco senza appigli di sorta ha molto giocato sull'essere accusato al pari di 10 kg di polpettone peperonato. curioso peraltro come non ricordi assolutamente niente di tutto il versante extreme. ricordo solo l'assoluta assenza di qualsivoglia criterio fotografico e attoriale che lo imparanteva tantissimo con le peggiori telenovelas da tv locale.
  • Discussione Zender • 17/06/16 17:50
    Consigliere - 43528 interventi
    Non lo trovai così eccezionale nemmeno io questo, se ti può consolare :) Però le scene che il Marcel scrive nel papiro e che ricordo garantiscono un bel po' di weird, non c'è dubbio!
    Ultima modifica: 17/06/16 17:55 da Zender
  • Discussione Schramm • 17/06/16 18:35
    Risorse umane - 6710 interventi
    nebbia. strano a scriversi ma son passati circa 15 anni. che tradotti sono milioni di chilometri di pellicola passati sotto gli occhi dopo di lui. che dire, dovessi ritrovarlo in lemma altro dal greco, proverò a riavventurarmici...
  • Curiosità Fauno • 17/02/19 00:55
    Compilatore d’emergenza - 2533 interventi
    Dalla collezione cartacea Fauno, il flano del film: