Comunione con delitti

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Communion
Anno: 1976
Genere: giallo (colore)
Note: Aka "Alice sweet alice", "Alice dolce Alice".
Numero commenti presenti: 18
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Due sorelline che non si amano (quella che dopo dieci minuti muore è l'esordiente Brooke Shields, davvero splendida), genitori separati, un delitto atroce commesso in chiesa mentre il prete distribuisce le ostie. Si parte subito in quinta e la regia regge bene il tutto, nonostante qualche frammentarietà di troppo che si ripeterà facendo spesso perdere il filo logico della storia. L'atmosfera inquietante, morbosa e tipica dei migliori thriller del periodo è centrata in pieno, supportata da una fotografia d'effetto e da riprese di una certa qualità. La sagoma che fugge in impermeabile (qui giallo) viene da A VENEZIA... UN DICEMBRE ROSSO SHOCKING, ma qui l'inserimento...Leggi tutto nella storia della componente religiosa è fondamentale e non marginale come nel gioiello di Roeg. La sospettata principale è la sorellina rimasta in vita (Sheppard), trovata dopo il delitto con in mano il velo dell'assassinata, ma – ci si chiede – sarà davvero tutto facile come sembra? Perché sappiamo tutti bene che quando il killer indossa una maschera per coprirsi il volto e non si chiama Jason o Michael spesso è solo per nascondere a noi le fattezze del colpevole. Il regista Alfred Sole gioca bene con l'ambiguità dei personaggi, ne dipinge con arguzia di secondari che sono caricature spregevoli come l'obeso padrone di casa e conduce la sua trama in porto con qualche colpo di scena inatteso (vedi lo svelamento anticipato dell'assassino, che lascia comunque ancora aperti molti interrogativi). Certo, la sceneggiatura non è di ferro e qualche fase confusa non manca, i poliziotti ci fan la parte di quelli che brancolano nel buio per apparire all'ultimo momento a giochi fatti, non si contano le furberie costruite per ingannare lo spettatore, ma non si può negare al film una sua efficacia che lo inserisce di diritto tra i prodotti più intriganti di quegli anni, nel genere. Non è un caso se col tempo si è costruito un suo culto e i motivi per esserne attratti non mancano. Restano in mente le musiche a base d'organo in chiesa e non solo, la ricercatezza di alcune inquadrature, gli interni di grandi edifici abbandonati a cui la fotografia restituisce una bella profondità di luce, l'insolita messa in scena di certi delitti, il lungo primo piano sulla borsa prima dei titoli di coda. Non fosse per l'approssimazione con cui sovente il regista dirige e gestisce gli snodi della sceneggiatura sarebbe davvero un buon thriller.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 14/03/07 DAL BENEMERITO CAESARS POI DAVINOTTATO IL GIORNO 11/10/16
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Caesars 14/03/07 09:47 - 2674 commenti

I gusti di Caesars

Film decisamente poco noto, è opera tutt'altro che disprezzabile. La sua poca fama deriva dal fatto di essere il film d'esordio di Brooke Shieds (lanciata due anni dopo da "Pretty baby"), ma i suoi meriti sono ben altri. Per esempio ha una trama decisamente originale e ben sviluppata: una bambina è sospettata di aver ucciso la sorella (la Shieds appunto) e si cerca di capire se è vero e perchè. All'epoca dell'uscita in Italia il nome del regista (americano) Sole fu tradotto in Sun.

Deepred89 16/06/07 14:41 - 3272 commenti

I gusti di Deepred89

Discreto giallo inglese anni 70 dotato di una trama piuttoto intrigante. L'atmosfera è discretamente suggestiva e alcune scene di omicidio colpiscono nel segno. Nulla di eccezionale gli attori e la regia; abbastanza azzeccate le musiche. Piccola apparizione per Brooke Shields, all'epoca ancora sconosciuta.

Undying 4/02/08 18:48 - 3841 commenti

I gusti di Undying

Piuttosto lento, con una trama incasinata e psicologicamente insostenibile. Quello che dovrebbe essere un difetto diventa, paradossalmente, un merito; non è un caso che sia stato ripescato -fuori tempo massimo- dal mercato home video, venendo lanciato in VHS con il nome di di Brooke Shields a caratteri cubitali sulla locandina. Infatti, pur essendo di scarsa efficacia la sua interpretazione, è l'unica ragione che può indurre alla visione. Ma attenzione, non cercate l'affascinante interprete di Laguna Blu, perchè qua è un'undicenne.

Cotola 24/07/08 22:03 - 7459 commenti

I gusti di Cotola

Discreto thriller americano il cui merito maggiore consiste nel saper creare delle atmosfere piuttosto riuscite ed inquietanti così come pure alcuni personaggi (in primis la figlioletta perversa ma non solo). La sceneggiatura non è originalissima e tuttavia la tensione tiene fino alla fine nonostante l'assassino venga svelato a circa mezz'ora dalla fine. Parecchi omaggi ad Hitchcock a partire dalle musiche molto Herrmanniane che a tratti assomigliano non poco a quelle di Psycho.

Tomastich 11/03/09 08:10 - 1216 commenti

I gusti di Tomastich

Il thriller inglese negli anni 70 è sempre stato un prodotto di qualità: Pete Walker (La casa del peccato mortale) e Richard Attenborough (L'assassino di Rillington Place), oppure la scrittrice scozzese Ruth Rendell, che con il suo La morte non sa leggere (poi girato nel 1986) ha spaventato tutte le famiglie con governante. Altro grande esempio di cinema nero UK è questo "Communion": un nero familiare e cristiano, che non risparmia nulla all'immaginazione e punta il dito contro il bigottismo (cioè Walker). Nota negativa: montaggio e fotografia.

Funesto 7/12/09 23:10 - 525 commenti

I gusti di Funesto

Un film dalle atmosfere morbose e soffocanti. Dopo un interessante inizio "giallo" si scivola, inevitabilmente, nel thriller, rivelando l'identità dell'assassino quasi a metà film (nonostante la tensione vada sempre in crescendo). Alcune sequenze colpiscono nel segno, come le scene d'omicidio (discretamente sanguinose, con coltellate a volontà) e la scena finale, piuttosto inquietante. Regia e attori nella norma (ma la bella Miller è assai in parte). Tutto sommato godibile, nonostante sia spessissimo mal girato e mal montato.
MEMORABILE: L'assassinio lungo le scale; Le feroci scarpate sui denti di una vittima e la musica (a tratti ricorda Psycho, a tratti L'inquilino del terzo piano).

Homesick 23/08/11 09:12 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Sole difetta di solidi assunti sociologici, ma è subito chiaro come il suo modus operandi registico discenda dritto da quello di Walker: atmosfere morbose e claustrofobiche ottenute con una fotografia livida, personaggi insani e grotteschi, situazioni macabre e dissacranti, l’efferatezza parossistica dei delitti, il finale sospeso. Sciogliendo il mistero, la prematura scoperta dell’assassino enuclea le turbe psichiche di quest’ultimo, invero piuttosto blande. La spaventosa enfant terribile della Sheppard e il vicino di casa laido e ciccione di DeNoble fagocitano l’intero film. Teso e maligno.
MEMORABILE: Gli omicidi in chiesa; l’”altarino” in cantina.

Daidae 20/10/12 17:48 - 2730 commenti

I gusti di Daidae

Gli avrei dato 3 pallini, ma essendoci una disgustosa scena (tra l'altro inutile) di violenza su animali lo abbasso a due e mezzo. Film dalle atmosfere inquietanti, che rappresenta una provincia americana tetra, oscura, popolata di ciccioni pedofili e sporchi, ragazzine non a posto con la testa e donne isteriche e pazze. Perde molto nel finale, ma nel complesso è un buon film, sicuramente più impressionante di tante fesserie che si spacciano per film del'orrore.

Fauno 30/12/12 11:24 - 1908 commenti

I gusti di Fauno

Per il senso del lugubre, la pesantezza di fondo, il cielo plumbeo e la sensazione di non avere scampo verso un finale tragico mi ricorda molto la negatività di un film di Roeg ambientato a Venezia che ho sempre detestato. Qui non ci sono le medium più appiccicose delle sanguisughe ma tutti i personaggi son talmente fuori di testa che quasi quasi la migliore è Alice, molto poco dolce. Bigottismo totale da una parte, mammismo dall'altra e io nel mezzo a pensare che non è davvero il massimo...
MEMORABILE: L'aggressione alla zia.

Herrkinski 24/02/13 02:52 - 5041 commenti

I gusti di Herrkinski

Molto interessante, questo thriller psicologico americano. Si respira un'atmosfera morbosa e carica di negatività, aggravata da una fotografia seventies molto austera e dai colori saturi; d'effetto anche la casa dove si svolge buona parte dell'azione, con alcune stanze inquietanti. In parte tutto il cast, che recita bene, su tutti la diabolica Sheppard e il disgustoso DeNoble. Non mancano elementi proto-slasher e un buon quantitativo di sangue, musiche che sorreggono la buona tensione e dialoghi decisamente sopra la media. Originale e macabro.

Nicola81 16/06/15 23:11 - 1925 commenti

I gusti di Nicola81

Thriller inquietante e malsano, che non manca di assestare al bigottismo e all'ipocrisia di certa provincia americana fendenti paragonabili a quelli sferrati dall'insospettabile assassino, la cui identità viene svelata in anticipo senza che la tensione ne risenta. Certo, la confezione denota una certa sciatteria, il montaggio talvolta scricchiola e il doppiaggio italiano è abbastanza scadente, ma il cast non demerita e la colonna sonora è un piccolo valore aggiunto. Con qualche dollaro in più da spendere poteva uscirne un mezzo capolavoro.
MEMORABILE: Gli omicidi; L'aggressione sulle scale; Il finale.

Saintjust 12/06/15 02:59 - 111 commenti

I gusti di Saintjust

Diciamo che l'imbarazzante doppiaggio italiano, il pessimo montaggio, la fotografia a tratti casereccia e il ritmo compassato non sono i punti di forza di questa pellicola britannica. Però è interessante lo sviluppo della vicenda e la colonna sonora, seppur derivativa, è azzeccata. Il disvelamento dell'identità dell'assassino (non c'ero proprio arrivato) giunge molto prima del finale ma non nuoce alla resa complessiva. Gli ammazzamenti cruenti sono un pregevole bonus. Indovinate le figure dell'ambigua ragazzina e del vicino laido.
MEMORABILE: La prima apparizione della maschera dell'assassino; L'inaspettata scena conclusiva in chiesa; La Sheppard ammiccante con il padrone di casa grassone.

Rufus68 3/08/16 08:18 - 3050 commenti

I gusti di Rufus68

Più bislacco che interessante. A volte si inverano fortunate congiunzioni astrali: qualche immagine ben azzeccata (la maschera dell'assassino), la fattura approssimata, un personaggio freak, il ripescaggio da un ingiusto (?) dimenticatoio... ed ecco servito il cult. In realtà l'unico barlume di curiosità per lo spettatore è: "Ma è stata la mocciosa o no?". Lasche le psicologie dei personaggi. Buone le musiche.

Ultimo 13/10/16 09:26 - 1348 commenti

I gusti di Ultimo

Quando in un giallo ci troviamo di fronte una bambina dallo sguardo inquietante piena di problemi, circondata da altrettante persone che proprio normali non sono (vi veda a esempio il ragazzo obeso che vive tra i gatti...), un po' di inquietudine nello spettatore viene di sicuro. A parte questo il film non è il massimo; girato in America conserva caratteristiche simili al cinema di Argento (gli omicidi; le musiche di sottofondo...) ma non va oltre i due pallini essendo a tratti troppo dispersivo.
MEMORABILE: La maschera dell'assassino.

Myvincent 18/02/17 14:29 - 2525 commenti

I gusti di Myvincent

Una innocente cerimonia di comunione si macchia di un delitto la cui soluzione appare semplicissima, senonché al solito ciò che sembra evidente non lo è per niente. Nel complesso intrigante per le atmosfere morbosamente ansiogene, il film delude per alcune soluzioni narrative piuttosto banali e improbabili, sublimate da un finale opaco. Una giovanissima Brooke Shields prova a farsi spazio come può nel mondo della celluloide.

Ira72 14/06/17 21:17 - 920 commenti

I gusti di Ira72

Più horror che giallo, con sangue che schizza sovente e volentieri. Per nulla prevedibile l'omicida, che si toglie la maschera circa mezz'ora prima del finale. Una piacevole sorpresa questo film, in cui imperano cupe atmosfere anni 70, musiche inquietanti e personaggi grotteschi. Nonostante la durata, abbondante, scorre piacevolmente mantenendo viva l'attenzione. Nel complesso non originalissimo (specie la figura della bambina sadica e pestifera), ma a mio avviso sottovalutato. Qualche lieve somiglianza con il film A Venezia... Un dicembre rosso shocking.

Fedeerra 1/09/17 05:14 - 404 commenti

I gusti di Fedeerra

Esteticamente molto raffinato, con una splendida fotografia dai toni pastello che fa da contrasto a una storia torbida e ossessiva. Il film è un'interessante testimonianza dell'arretratezza e dei pregiudizi dominati dalla chiesa cattolica. Un capolavoro su ciò che è sacro e profano, con alcune scene di un sadismo spaventoso. Ottimo tutto il cast femminile.

Claudius 16/06/19 10:56 - 401 commenti

I gusti di Claudius

Notevole slasher anni 70 a torto poco conosciuto, dalle atmosfere torbide e morbose (nonostante sia un giallo in alcuni punti mette più paura di tanti film riconosciuti horror); allo stesso tempo il regista effettua un'interessante critica del bigottismo inglese (vedi Walker). Nel cast da segnalare la Sheperd, DeNoble e, sebbene compaia poco, una giovane (ma già bellissima) Brooke Shields.
MEMORABILE: Il primo delitto e la rivelazione finale.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Buiomega71 • 13/01/15 19:12
    Pianificazione e progetti - 21765 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Se vuoi metterne uno anche non in prima tv non è un delitto eh, Buio.

    Bhè, si, se il film e raro, ovvio.
  • Discussione Zender • 13/01/15 19:45
    Consigliere - 43440 interventi
    Se su richiesta si può anche metterne uno non raro volendo. Voglio dire: un'eccezione si può sempre comunque fare, l'importante è che non diventi regola.
  • Discussione Buiomega71 • 13/01/15 19:46
    Pianificazione e progetti - 21765 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Se su richiesta si può anche metterne uno non raro volendo. Voglio dire: un'eccezione si può sempre comunque fare, l'importante è che non diventi regola.

    Uso obbedir tacendo :)
  • Discussione Claudius • 13/01/15 19:50
    Servizio caffè - 192 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Claudius, ma visto che ami questo delizioso cult movie anni 70, ma perchè non ti compri il dvd???

    Giusta domanda la tua, rispondo dicendo che dovrei ordinarlo e non ho neanche il tempo di farlo causa lavoro e impegni vari
  • Discussione Caesars • 21/09/18 09:30
    Scrivano - 10501 interventi
    Nel 2017 la rivista Complex magazine ha stilato una classifica dei migliori slasher di ogni tempo, dove questa pellicola figura al quarto posto.
    [fonte: Wikipedia inglese]
    Ultima modifica: 21/09/18 11:03 da Caesars
  • Discussione Caesars • 1/03/19 09:32
    Scrivano - 10501 interventi
    Sul sito di Italiataglia mi sono imbattuto in un titolo, attribuito ad Alfred Sole, del quale non trovo nessuna notizia in giro, nemmeno su Imdb.
    Si tratta di "Dentro di me" che ha avuto nulla osta in data 1 Luglio 1979.
    In un primo momento ho pensato che si trattasse del suo primo film (un porno) dal titolo originale "Deep sleep" (1972), ma non coincidono gli attori e da quello che leggo nemmeno la trama.
    Qualcuno ha notizie in merito?
  • Discussione Buiomega71 • 1/03/19 10:28
    Pianificazione e progetti - 21765 interventi
    Temo si tratti proprio del suo hard del 1972

    Spesso i porno americani che approdavano nei nostri cinema all epoca avevano il cast stravolto. Una selva oscura prima dell avvento di IMDB
    Ultima modifica: 1/03/19 11:04 da Buiomega71
  • Discussione Caesars • 1/03/19 12:10
    Scrivano - 10501 interventi
    Grazie Buio,
    credo che tu abbia ragione, anche perché non ci sono altre alternative.
    Probabilmente hanno cambiato nomi agli attori e stravolto la trama (magari anche tagliando le scene hard, perché nelle motivazioni del V.M.18 non si parla di scene esplicite).
  • Discussione Caesars • 1/03/19 15:50
    Scrivano - 10501 interventi
    Non ci capisco molto,
    in rete, sul sito cinetografo.it, ho trovato questa scheda

    Addirittura esisterebbe un abbassamento del divieto ai minori di 14 anni datato 8 Luglio 2009.
    Mi sembra molto strano...
  • Discussione Buiomega71 • 1/03/19 18:03
    Pianificazione e progetti - 21765 interventi
    Sospetto fortemente che la regia attribuita a Sole sia una farloccata ( come il nome degli attori)