King Kong il gigante della foresta

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Kingu Kongu no gyakushû
Anno: 1967
Genere: fantastico (colore)
Numero commenti presenti: 4
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
PAPIRO DAVINOTTICO INSERITO IL GIORNO 2/10/07
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 10/11/07 14:10 - 4545 commenti

I gusti di Puppigallo

Una boiata coi fiocchi! King Kong sembra fatto di crack (ha gli occhi lucidi e persi). Lo scontro col t-rex è imperdibile (il lucertolone lo prende a doppi calci volanti e Kong, visibilmente sotto l’influsso di stupefacenti, lo strozza). Quando poi afferra la ragazza, ho rischiato di morire dal ridere (era chiaro, dall’espressione di Kong, che il bestione aveva un’erezione). E poi, vìstosi rifiutato dalla fanciulla, rimassacra il t-rex. Se a questo aggiungiamo uno scienziato da cartoni animati con un suo robot-Kong…fate voi. Buon divertimento.
MEMORABILE: Lo scienziato malvagio tesse le lodi del suo invincibile robot-Kong. Peccato che, mentre parla, sul monitor si veda il robot schiantarsi e schiattare.

Caesars 29/09/09 08:58 - 2817 commenti

I gusti di Caesars

Tipico film di mostri girato da Honda, motivo per il quale è inutile sperare di avere qualche sorpresa. La trama è quello che è e per la realizzazione dei mostri si fa largo uso di modellini. Più dedicato ad un pubblico di ragazzini che a quello adulto, può comunque fornire un po' di divertimento agli appassionati del genere. Dimenticabile.

Il Gobbo 5/09/10 15:21 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Kaiju eiga fra i più esilaranti, ricco di momenti gustosi, di modellini, e con parecchi problemi sulle proporzioni. Il primate gigante è identico a Rocco Buttiglione, capisce il giapponese e viene comandato tramite auricolari come la Angiolini da Boncompagni; c'è anche un dottor Who (ma dai... ) degno di certi villains di Max Bunker. Imperdibile.

Von Leppe 27/11/20 19:35 - 1060 commenti

I gusti di Von Leppe

Una potente organizzazione criminale si avvale di un Kong meccanico per estrarre l'”elemento X” al Polo Nord, ma il robot sembra non sopportare le radiazioni, quindi si decide di usare il vero King Kong. Anche in questo kaiju eiga Kong si innamora di una ragazza bionda che, prima del remake dell'originale girato da John Guillermin nel 1976, ricambia l'affetto per la scimmia. Funziona poco l'aspetto dello scimmione, forse dovuto soprattutto al fatto che rispetto ai suoi colleghi draghi giapponesi perde il confronto con i gorilla della realtà.

Ishirô Honda HA DIRETTO ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Puppigallo • 10/11/07 14:20
    Scrivano - 502 interventi
    Cine-momenti indimenticabili.
    King Kong, fancazzista nato (tanto che, all'inizio del film, mentre tutti si danno da fare, lui ronfa beato nella sua grotta vista mare), riesce ad addormentarsi anche mentre scava un tunnel sotto l'influsso ipnotico dello scienziato cattivo; e il cattivone, dopo essersi fatto un paiolo così per catturarlo e schiavizzarlo, gli urla subito: "Adesso basta! Ti ammazzo!".
    Altro cine-momento indimenticabile. Il "leggendario" scontro finale tra Kong e il suo gemello robotico munito di lampada sul capoccione di ferro (probabilmente, lo scienziato doveva averlo ricavato da una vecchia abatjour, visto anche come si muove).
  • Homevideo Il Gobbo • 5/09/10 15:22
    Contratto a progetto - 771 interventi
    Pubblicato in dvd dalla Eagle-Passworld
  • Curiosità Schramm • 13/06/18 18:11
    Risorse umane - 6745 interventi
    * Distribuito in Italia dalla Titanus nel 1968, solo da noi totalizzò la bellezza di oltre 1.815.000 spettatori, rivaleggiando con enormi successi come Il laureato, Butch Cassidy e Fellini Satyricon (fu a ridosso di questo che partì la "kingkonghizzazione" di molte altre pellicole nipponiche che con il famoso scimmione non avevano nulla da spartire,come altrove notato anche da R.f.e., ndS)

    (Fonte: Creature d'Oriente - Nel regno di Godzilla e del fantastico giapponese, di Alberto Corradi e Maurizio Ercole, pg 95)