Brain damage - La maledizione di Elmer - Film (1988)

Brain damage - La maledizione di Elmer

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Dopo il folgorante esordio di BASKET CASE Frank Henenlotter ritorna con un altro horror personalissimo, di forte matrice indipendente e dimostrazione chiara di come si possano raggiungere ottimi traguardi anche senza grossi mezzi (pur se di sicuro superiori a quelli di BASKET CASE, dove gli effetti speciali erano molto più rozzi). Eylmer (e non Elmer, come recita il sottotitolo nostrano) è un serpentello che, se applicato al collo, fa penetrare tramite un sottile peduncolo un liquido bluastro nel cervello. In questo modo la vittima acuisce straordinariamente le percezioni “sentendo”...Leggi tutto i colori, le forme e aprendosi a un universo - come si può immaginare - affascinante. Purtroppo il serpentello, che crea dipendenza dal fluido proprio come una droga pesante (è in fondo, metaforicamente, un potente allucinogeno), chiede in cambio di succhiare i cervelli della gente, necessari alla sua sopravvivenza. Un baratto iniquo al quale nemmeno il protagonista Rick Herbst (doppiato dal nostro Pino Insegno) può sottrarsi. La situazione precipita minuto dopo minuto, lo splatter aumenta mentre Henenlotter non perde il filo, confezionando una storia ben sviluppata e ricca di fascino. Per la fotografia dai forti contrasti cromatici, per le belle musiche dominate da un inquietante organo, per una competente direzione del cast (tutti bravi i giovani attori), per un uso anomalo dell'ironia, che vira verso il sadismo e trova in Eylmer un mostriciattolo (parlante) simpatico e ben disegnato. Un horror finalmente fresco uscito da noi con due anni di ritardo (ma in versione più completa rispetto a USA e Inghilterra) che ricorda un po' il contemporaneo FROM BEYOND di Gordon. Un gioiellino underground che a molti potrà apparire solo sciocco ma è invece una straniante, originale riflessione sulla tossicodipendenza.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 13/03/07 17:41 - 5009 commenti

I gusti di Puppigallo

Trattasi di delirio della mente del giovane protagonista e di mostriciattolo spacciatore decisamente reale. L’essere è stupendo… come gli parla, lo convince, si finge suo amico. Lo manda in orbita (fantastico il modo), ma vuole qualcosa in cambio (ha una predilezione). Film marcio e sanguinolento, ma non decerebrato ( a cosa porta la dipendenza? Cosa si farebbe?). Da segnalare: l’interno dell’occhio, nella Metro, il tentativo di disintossicazione. Pellicola unica e inimitabile, che dice più di quello che può sembrare.
MEMORABILE: Il trip allo sfasciacarrozze; Ogni volta che al protaginista viene inoculata la potente biodroga.

Undying 24/06/07 20:13 - 3812 commenti

I gusti di Undying

Esperienza psichedelica, vista attraverso la mente (contorta) di Brian, il protagonista vittima di un parassita cerebrale metafora e al tempo stesso emblema delle droghe sintetiche. Frank Henenlotter ha raggiunto una certa maturità e si discosta dall'approssimazione presente in Basket Case. Brain Damage ha del film compiuto, trascende il genere e si apparenta a suo modo a certe tematiche care al cinema di Cronenberg, tipo Il Demone sotto la Pelle, del quale è un potenziale fratello cinematografico. Insistita la violenza, ma sempre irrealistica.

Cotola 21/06/08 23:00 - 8575 commenti

I gusti di Cotola

Letto da tutti come una metafora sulla droga, questo film conferma il non comune talento visivo di Henenlotter, che ottiene risultati ancora migliori rispetto al pur soddisfacente esordio. Ancora una volta le idee ci sono così come pure il divertimento. Narrativamente però qualcosa qua e là non va come dovrebbe e forse, alla lunga, il film tende un po' a ripetersi. Insomma anche questa pellicola, comunque buona, non mi ha convinto al 100%.

Brainiac 6/02/09 11:36 - 1083 commenti

I gusti di Brainiac

Divertente ma non eccelsa pellicola di Henenlotter. Il film è sostanzialmente una metafora della droga (ma credo anche decisamente sessuale), che non si prende (giustamente) troppo sul serio, anche perché l'essere mostruoso ha fattezze molto simili a Mister Hankey (la cacca di natale parlante di South park!) e quindi non potrebbe fare altrimenti. Comunque mi è piaciuto vederlo, perché gli effetti gore sono riusciti e sul film aleggia una sensazione di cult trash. Psicotropo!
MEMORABILE: I surreali dialoghi di Elmer.

Mdmaster 24/10/10 12:10 - 802 commenti

I gusti di Mdmaster

Dopo il buon esordio con Basket Case, Henenlotter si arma di qualche buon effetto speciale e parte sulla stessa falsariga: Aylmer è un parassita che si mangia cervelli e vive addosso al protagonista. Un ospite tutto sommato simpatico, esigente, che adora esibirsi in qualche momento canoro. La follia regna sovrana nella pellicola: scene di fellatio con Aylmer che si mangia il cervello attraverso la bocca della lei, sangue a profusione, ecc. Insomma, il danno potrebbe farlo più a voi che guardate, assumete con cautela. Spettacolare.
MEMORABILE: Il cameo del protagonista di Basket Case è da non perdere!

Ciavazzaro 15/06/11 21:04 - 4773 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Ottimo horror con protagonista l'inquietante mostro Elmer (o Eymer, il suo vero nome) che dà al malcapitato di turno sensazioni uniche in cambio di cervelli umani! Sangue abbondante, interpretazioni degne. Da segnalare l'ottimo make-up del viscido mostro che sta addosso al corpo del malcapitato tutto il tempo. Da non sottovalutare.
MEMORABILE: La letale fellatio alla ragazza in un locale chiamato Inferno!

Pol 7/12/11 22:03 - 589 commenti

I gusti di Pol

Culto personale. Questo esplicito metaforone sugli effetti della droga girato da un Henenlotter in stato di grazia riesce a superare l'ostacolo del ridicolo (e con un pupazzetto di gomma come protagonista non era facile) grazie alla buona interpretazione di Hearst, al carisma del parassita Eylmer e a un tono che si mantiene in bilico tra il grottesco e il serioso fino all'indimenticabile finale. Certe trovate come il celebre blowjob "al sangue" non fanno altro che confermare la caratura di un horror tra i migliori del decennio.

Mickes2 13/04/12 13:39 - 1670 commenti

I gusti di Mickes2

Interessante viaggio allucinato attraverso la mente di un giovane ragazzo tenuto in scacco da un essere aberrante che, in cambio di vittime sacrificali, inietta nel cervello una sostanza in grado di "sballare". Impietosa analisi su come l'assumere sostanze stupefacenti porti a compiere gesti estremi pur di soddisfare le proprie pulsioni. Registicamente interessante con alcuni guizzi resi con grande intuitività e buon piglio estetico-visivo. Pecca dal punto di vista della narrazione, dove si accusa un po' di stallo nonostante l'esigua durata. ***
MEMORABILE: I monologhi di Elmer.

Kazanian 26/09/12 14:26 - 48 commenti

I gusti di Kazanian

Grande horror ottantiano con protagonista Rick Hearst, futuro divo di soap opera. Un ottimo incubo zeppo di scene godibilissime e indimenticabili. Unico neo, forse, è che il mostriciattolo Elmer ricorda quello visto in un altro cult horror degli anni '70. Ma l'ottima operazione non ce lo fa pesare.

Herrkinski 29/03/13 00:46 - 7242 commenti

I gusti di Herrkinski

Spassoso film underground del creativo Henenlotter, che già aveva stupito col suo piccolo cult Basket Case. In questo caso ci troviamo di fronte a un curioso prodotto che forse vorrebbe essere anche una riflessione sulle tossicodipendenze e che va a situarsi in un universo allucinogeno e mutazionistico quasi cronenberghiano. Non manca una buona dose di splatter e di umorismo grottesco, tipico del cinema di Henenlotter; buoni anche gli SPFX e l'animazione del mostriciattolo parassita, piuttosto singolare. Decisamente riuscito, da riscoprire!
MEMORABILE: Il blow-job mortale; Il cameo sulla metro che riporta a Basket Case.

Frank Henenlotter HA DIRETTO ANCHE...

Jdelarge 22/06/13 02:03 - 1000 commenti

I gusti di Jdelarge

Dopo l'ottimo esordio con Basket case, il talento visionario di Henenlotter riesce a creare un altro originalissimo film, ricco di metafore (il mostriciattolo Aylmer è sinonimo di droga) e di scene memorabili. Il pregio più grande del regista sta nello sfruttare come elemento disturbante il fatto di avere pochi mezzi economici a disposizione: il risultato, infatti, è un film dall'atmosfera cupa e malata dall'inizio alla fine. Notevoli anche la colonna sonora e gli effetti splatter. Horror di altissimo livello e psichedelico quanto basta.
MEMORABILE: Il canto di Aylmer nel lavandino.

Giùan 22/06/13 07:21 - 3989 commenti

I gusti di Giùan

Dopo The basket case (ironicamente citato nella splendida sequenza del metrò), Henenlotter torna a giocare con gli eterodossi meccanismi simbiotici dell’horror tirando fuori dagli abissi del subconscio questo alien fallico, capace di esplicitare senza fraintendimenti psicanalitici, ma anzi con un certo insano divertimento le addiction sessuali, come le dipendenze ancestrali d’ogni genere e risma. Tecnicamente il gusto del bizzarro raggiunge vette davvero “allucinogene”, fino all’esplosione psichedelica finale. Un po’ tirato per le lunghe ma vero cult.
MEMORABILE: La fellatio; Le iniezioni del mostriciattolo dietro al collo.

Enzus79 7/08/13 15:58 - 2515 commenti

I gusti di Enzus79

Buon horror made in Usa, forse uno dei migliori del periodo che abbia visto. Scene splatter a go go che onestamente non ho trovato fastidiose. Atmosfere, oltre che cupe, anche divertenti. Visionario e più che originale. Non ci vogliono per forza le grandi major per far film godibili.

Minitina80 10/08/15 15:21 - 2768 commenti

I gusti di Minitina80

Dal genio creativo di Henenlotter una piccola gemma sulle droghe e relativa dipendenza. Ottimo nella messa in scena, concisa e visionaria, malgrado le risorse economiche limitate. Funzionano anche i dialoghi e ci si ritrova ad ascoltare Elmer quasi avendo paura di restare invischiati nella sua melma fangosa fatta di false promesse. Indovinata la colonna sonora, dall’incedere lento e dalle sonorità avvolgenti e sinuose, che ben si amalgama con il tipo di accadimenti raccontati.
MEMORABILE: I dialoghi di Elmer per convincere Brian a un’altra dose; La fellatio mortalis.

Pumpkh75 6/09/17 14:42 - 1588 commenti

I gusti di Pumpkh75

Grande Henenlotter: convoglia la sua naturale predisposizione alla provocazione (basti vedere la “mostruosa” fellatio o la forma semi-escrementizia del parassita) in una acidissima metafora della tossicodipendenza, talmente ben sviscerata che non ci fossero le doverose truculenze a ornare il racconto potrebbe essere proiettato nelle scuole (Frank, seguo i tuoi passi!). Se la regia è l’ago e luci e colori la sostanza psicotropa, le sorprendenti musiche sono il pistone che inietta. Un trip no-trip che consiglio di cuore.

Jena 3/12/17 09:24 - 1424 commenti

I gusti di Jena

Forse il più riuscito dei film estremi di Henenlotter. Sembra evidente la metafora della dipendenza da droga, anche se a guardar bene c'è anche la dipendenza dal sesso, con inserti ai limiti dell'hard e la forma chiaramente fallica del buon Elmer. Il pezzo forte è lo splatter molto spinto almeno per quei tempi, con ottimi effetti speciali artigianali: non si dimenticano le penetrazioni frontali di Elmer a caccia di cervelli, nonchè l'incredibile fellatio in discoteca (da xxx). In definitiva un Cronenberg prima maniera più sozzo e violento.

Anthonyvm 23/02/18 01:03 - 4551 commenti

I gusti di Anthonyvm

Henenlotter colpisce ancora e, dopo il mitico Basket case, si supera con questa eccellente metafora sugli effetti della droga. L'Elmer del titolo è un verme parlante falliforme che secerne un fluido in grado di dare euforia, estasi, allucinazioni e dipendenza. In cambio chiede cervelli umani e si serve del suo "schiavo" di turno per trovarli. Di nuovo si tratta il tema della simbiosi malata, ma il budget è più sostanzioso (e si vede) e lo stile registico si è affinato. Surreale, onirico, comico, con ottime musiche ed effettacci gore. Must!
MEMORABILE: Il cameo di Duane e Belial nella metropolitana; La celebre scena della fellatio fatale; Il finale tragico e azzeccatissimo.

Daidae 29/01/19 13:41 - 3012 commenti

I gusti di Daidae

Non un capolavoro, ma un film più che discreto, che dosa nel modo giusto scene di orrore e splatter con momenti comici. La trama è banale; non così il film, che scorre per quasi novanta minuti senza annoiare mai. Effetti speciali discreti. Colonna sonora quasi assente, passabile la prova del cast. Consigliato agli appassionati del genere e non solo.
MEMORABILE: Elmer che canta in attesa della puntuale crisi di astinenza.

Rufus68 2/04/19 23:24 - 3644 commenti

I gusti di Rufus68

Superiore al ben più celebre esordio. La messa in scena pauperistica e raffazzonata è messa al servizio di una storia di mostruosa e distruttiva simbiosi che può divenire simbolo di altrettante dipendenze fatali. Lo squallore del basso budget intensifica paradossalmente il senso del disagio (al pari delle squinternate musichine synth) così come alcuni colpi maestri di cattivo gusto (la fellatio assassina) accrescono la bizzarria funebre del tutto. Cast ovviamente trascurabile.

Markus 24/05/20 10:38 - 3578 commenti

I gusti di Markus

Il film di Frank Henenlotter persuade in funzione d'una messa in scena generata in definitiva come un dramma esistenziale, relegando l'aspetto orrorifico - che di certo non manca - quasi a un accessorio che di tanto in tanto fa capolino, nella sua rozza ma allucinante efficacia. Lo squallore delle location newyorchesi (su tutti l'"hotel Sunshine") e la bizzarria del serpente-cervello parlante non sono altro che un valore aggiunto di un'opera imperfetta ma dotata di un'aura di culto che gli si confà senza troppe pretese. Belle le musiche.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Rebis 26/11/22 11:14 - 2234 commenti

I gusti di Rebis

Brain Damage è un film sull'apertura dei Chakras, che conduce all'illuminazione. È anche un film sull'omosessualità repressa e liberata in azioni criminali, sebbene, in apparenza, sia un film sulla dipendenza dalle droghe. Henenlotter è la grazia che ogni horror fan si merita dopo essersi sorbito dozzine di pellicole anodine: qualcosa dalle parti di una sodomizzazione consenziente o, appunto, di una iniezione di eroina. Sublime e trash, estatico e truculento, dirama i suoi molteplici sensi in un formalismo viscerale e oltraggioso. Cult nell'anima, prima di qualsiasi riconoscimento.

Teddy 13/12/22 03:10 - 457 commenti

I gusti di Teddy

Fuori dalla mente di Brian soltanto una metropoli di sangue e cemento, cupa, malridotta e ben trapiantata all’interno delle nevrosi repressive. Dentro, invece, un vortice rapinoso e stordente, un cammino estetizzante e sensoriale di allucinata libidine. Henenlotter ricama puro e ibrido, trash e sublime, in un viaggio che ha mille punti di partenza ma un solo, inevitabile punto di non ritorno. La bellezza di Rick Hearst incanta.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Digital • 3/08/22 08:54
    Portaborse - 3742 interventi
    Dvd Sinister disponibile dal 26/10/2022.
  • Homevideo Zender • 3/08/22 09:18
    Pianificazione e progetti - 46717 interventi
    Niente bluray quindi, peccato...
  • Homevideo Digital • 5/09/22 17:43
    Portaborse - 3742 interventi
    Esce anche per Quadrifoglio, sempre in dvd, il 30/9/2022.
    Contenuti speciali : 2 card da collezione e fascetta in doppia versione.
  • Homevideo Zender • 29/09/22 18:36
    Pianificazione e progetti - 46717 interventi
    Fuori e anche a prezzo relativamente contenuto il bluray del film ad opera della Sinister.
  • Homevideo Goonie68 • 4/10/22 16:00
    Disoccupato - 1 interventi
    Il blu-ray Sinister ha un master 1080p progressivo ottimo! Visto ieri su un TV da 65" con grande soddisfazione. Il fatto che sia un blu-ray masterizzato per quel che è costato va benissimo.
    Ultima modifica: 18/11/22 16:11 da Zender
  • Homevideo Rebis • 4/10/22 19:08
    Compilatore d’emergenza - 4370 interventi
    Ma i costi di stampa di un bluray sono davvero così elevati rispetto a quelli di un dvd da giustificare questa politica? La domanda non è una provocazione ma chiedo proprio per capire... Non converrebbe stampare solo il bluray aumentando leggermente il prezzo? 
  • Homevideo Rebis • 5/10/22 09:18
    Compilatore d’emergenza - 4370 interventi
    Sì ma in ogni caso è un bluray masterizzato, non stampato...
    Ultima modifica: 5/10/22 09:19 da Rebis
  • Homevideo Mirrrko • 5/10/22 12:22
    Galoppino - 172 interventi
    A quanto ne so è la prima volta che la Sinister fa dischi masterizzati.

    Ultima modifica: 18/11/22 16:12 da Zender
  • Homevideo Rebis • 5/10/22 14:18
    Compilatore d’emergenza - 4370 interventi
    Esatto, una cosa assurda... Non si capisce che utenza pensano di soddisfare con questi prodotti visto che ormai il mercato dell'home video è solo per collezionisti super esigenti. A sto punto meglio i film in HD su supporto dvd.
    Ultima modifica: 6/10/22 16:57 da Rebis
  • Homevideo Kop • 5/10/22 22:53
    Disoccupato - 70 interventi
    Stampare in blu-ray costa almeno il doppio del dvd, e considerato l'andazzo del mercato italiano e dove il supporto più venduto è ancora quello in SD, difficile vedere certi titoli in HD...
    Comunque penso che la prima in Italia ad aver proposto supporti masterizzati per l'home video sia stata la Legocart.
    Ho ancora funzionanti le copie di Cybertech PD e di Sorvegliato a vista, usciti circa 20 anni fa.