Cerca per genere
Attori/registi più presenti

SPIDER-MAN: FAR FROM HOME

All'interno del forum, per questo film:
Spider-man: Far from home
Titolo originale:Spider-Man: Far from Home
Dati:Anno: 2019Genere: action (colore)
Regia:Jon Watts
Cast:Tom Holland, Samuel L. Jackson, Jake Gyllenhaal, Marisa Tomei, Jon Favreau, Zendaya, Jacob Batalon, Tony Revolori, Angourie Rice, Remy Hii, Martin Starr, J.B. Smoove, Jorge Lendeborg Jr., Cobie Smulders, Numan Acar
Note:Aka "Spiderman: Far from Home". Segue "Spider-Man: Homecoming" (2017).
Visite:337
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 10/7/19 DAL BENEMERITO DIGITAL POI DAVINOTTATO IL GIORNO 18/7/19
Continuano le avventure di baby-spiderman, supereroe condannato da lustri a un'esistenza da teenager che col Peter Parker dei fumetti riesce difficile identificare. Ma tant'è, ormai non fa più notizia... Siamo al sequel del secondo reboot, quello in cui l'influenza degli Avengers impedisce ormai di godere d'una storia che non sia contaminata da implicazioni legate ad Iron man e invadenti compagni. Qui Nick Fury (Jackson), causa supereroi di vaglia impegnati altrove (Thor, Capitan America) o nemmeno da pronunciare (Capitan Marvel) è costretto a rivolgersi al buon Peter Parker per debellare la nuova minaccia, quella degli Elementali, mostri giganteschi dalle forme mutevoli composte da acqua, fuoco o altri... elementi, per l'appunto. Raggiunto da Fury alla vigilia di una gita scolastica che lo porterà nelle più affascinanti città europee, Parker unisce l'utile al dilettevole aiutato dal collega Mysterio (Gyllenhaal), un tizio con in testa una sorta di palla di vetro con la neve (Dio solo sa cosa ci veda, da là dentro) che coi suoi voli arditi e i raggi verdi si rivela inizialmente fondamentale per annientare gli Elementali. Non che il mondo la scampi indenne: quel che accade a Venezia ha dell'incredibile e mai la città lagunare era stata devastata tanto impietosamente! Campanili che crollano, masse d'acqua che si rovesciano rovinosamente tra calli e campielli travolgendo interi isolati, addirittura il ponte di Rialto demolito... e in mezzo Mysterio e Spider-man a svolazzare ripresi da virtuose inquadrature da catastrofico puro. Un autentico spettacolo che la parentesi a Praga non riesce invece a replicare: il mostro di fuoco non ha lo stesso fascino e le devastazioni si limitano all'ordinaria amministrazione. Bisognerà aspettare il finale sul Tower Bridge di Londra per ritrovare tanto sontuoso impiego di effetti speciali, unito a intrusioni del protagonista in dimensioni parallele costituite da illusioni che il nemico orchestra a proprio piacimento modificando la realtà con proiezioni e un esercito di droni inarrestabili. In mezzo qualche buona battuta (non troppe, a dire il vero), accenni sentimentali nel rapporto tra Parker e la bella MJ (Zendaya), un umorismo goliardico stile nerds da condividere con l'amico Ned (Batalon) e frequenti richiami ai doveri da supereroe. Ma spider-man vola tra i grattacieli meno del previsto, limita l'uso delle ragnatele e tende a snaturare la sua singolarità per confondersi nell'azione ai film dei colleghi avengers. Sembra insomma più l'ennesima tessera di un mosaico Marvel che tende a uniformare i suoi eroi nei comportamenti appiattendone le caratteristiche che non un capitolo del sempre più edulcorato uomo ragno. Se non altro la fantasia si sfoga nelle scene di distruzione con splendidi saggi di tecnica e un coinvolgimento superiore alle attese. Non avviene invece purtroppo lo stesso quando si tratta di tirare avanti in attesa del successivo attacco e Gyllenhaal aggiunge poco o nulla a un personaggio caratterialmente poco interessante. Purtroppo il rischio è di assuefarsi a uno stile sempre più privo di personalità, che replica una formula standard buona per ogni occasione. Divertente e inatteso l'arrivo sul jet in Italia al ritmo di "Stella Stai" di Tozzi seguita da "Amore di tabacco" di Mina, voluta l'errata attribuzione, nei dialoghi, di "Back in Black" ai Led Zeppelin invece che agli AC/DC (strafalcione inserito per stimolare la saccenteria dello spettatore). Marisa Tomei che fa coppia con Jon Favreau regala qualche simpatico siparietto in aggiunta mentre Tom Holland - quando attaccano le sdolcinature - si fa regolarmente rubare la scena dalla ben più espressiva Zendaya. Il più spassoso è Sam Jackson, impagabile quando durante il colloquio chiave con Parker nella camera d'albergo viene interrotto dalle continue intrusioni di amici e professori. Due scene nascoste nel finale, entrambe piuttosto lunghe: una dopo i primi crediti e una a fine titoli di coda.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

124c 15/7/19 2:32 - 2661 commenti

Dopo Avengers: Endgame Peter Parker va in gita in Europa con i suoi compagni di scuola per dimenticarsi di essere Spider-man e dichiararsi alla MJ di Zendaya, ma Nick Fury lo costringe ad arruolarsi, assieme al funambolico e verde vestito Mysterio, in una crociata contro i mostruosi "Elementali". Commedia estiva per famiglie su un super-eroe in erba innamorato, che funziona più nella seconda parte che nella prima. Tom Holland è sì intelligente e timido, ma fin troppo alla Iron man; Zendaya non è Emma Stone, ma cerca di non sfigurare.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Jake Gylenhaal nei panni di Mysterio; Jon Favreau un Happy Hogan amichevole in stile Boss di Mazinga Z e Grande Mazinga; Le due scene post credits.
I gusti di 124c (Commedia - Fantastico - Poliziesco)

Fabbiu 14/7/19 11:25 - 1878 commenti

Conclusione della terza fase, che aggiunge solo qualche nota interessante rispetto agli eventi post-Endgame. Per il resto, recuperando personaggi e ambientazioni del primo titolo, offre una trama fluida e narrata in modo lineare e per fortuna poco macchinosa caratterizzandola soprattutto per il suo essere divertente. Comparto grafico superlativo: se nel precedente gli scontri con il villain erano poco comprensibili, vi sono qui tra i momenti più alti di cgi dell'intera saga, a tratti surreali, quasi psichedelici grazie ai poteri di Misteryo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'elementale mostro acquatico si abbatte su Venezia.
I gusti di Fabbiu (Commedia - Fantascienza - Fantastico)

Piero68 11/7/19 15:08 - 2632 commenti

Al settimo film, III edizione di Spider-Man, è impossibile non fare paragoni con quelli precedenti. E quest'ultimo episodio ne esce surclassato sotto tutti i fronti, anche perché l'aderenza al fumetto originale è un lontano ricordo. Pessimo cast su cui svetta in negativo un'irritante Zendaya, un nemico inconsistente e senza reali super-poteri e una sceneggiatura raffazzonata messa insieme utilizzando unicamente il finale di Endgame e la morte di Stark. Qualche gag comica passabile è il massimo che il film offre. Evitabile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Primo film Marvel in cui non c'è il cameo di Stan Lee.
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)

Il ferrini 13/7/19 23:54 - 1443 commenti

Divertente cinecomic che parte dalla morte di Tony Stark (il film è dedicato alla sua "memoria") per introdurre la figura del suo aspirante erede, Mysterio. In mezzo al tripudio di CGI si cela soprattutto una commedia adolescenziale, ambientata integralmente in Europa (Parker è in gita) e che intrattiene con leggerezza. Poco convincente il ruolo di MJ, simpatico invece Ned. Al solito a giganteggiare è Sam Jackson, forte anche del personaggio più carismatico, da non perdere il cameo post credits di Simmons (già JJJ per Raimi). Scanzonato.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La consegna degli occhiali di Stark a Gyllenhaal.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Digital 10/7/19 22:39 - 977 commenti

Godibilità alle stelle per questo capitolo di Spider Man! Abbandonata la safe zone di New York, il nostro si trova catapultato in giro per l’Europa, con prima tappa nella caratteristica Venezia. Perennemente in bilico tra azione e commedia, il film riesce a entusiasmare, con sequenze dall'impatto fortemente spettacolare. Holland si cala adeguatamente nel ruolo di Spidy; immenso, as usual, Gyllenhaal, subdolo villain (doppiato egregiamente da Stefano Crescentini). Uno dei migliori cinecomic usciti di recente, assolutamente delizioso!
I gusti di Digital (Fantascienza - Horror - Thriller)