Spider-Man: No way home

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Spider-Man: No Way Home
Anno: 2021
Genere: fantascienza (colore)
Regia: Jon Watts
Note: Fa parte dell'universo Avengers, ma è anche un sequel diretto della trilogia di Sam Raimi e del dittico Amazing Spider-Man. Segue "Spider-Man: Far from Home" (2019).
Papiro: elettronico
Lo trovi su

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Spider-man incontra il Doctor Strange nel tipico cocktail Marvel e qualcosa di divertente ne esce, ma non molto. L'idea intrigante (geniale, ammettiamolo pure) è quella di riunire in un solo film i tre attori che si sono avvicendati dal Duemila ad oggi nel ruolo di Spiderman e che si immaginano appartenenere a tre universi paralleli diversi. E se il “titolare” resta qui il solito Tom Holland, stupisce ritrovare l'Andrew Garfield degli anni "Amazing" e addirittura un invecchiato Tobey Maguire che fu il primo Peter Parker del rilancio firmato Sam Raimi. Merito dei poteri metadimensionali di Strange/Cumberbatch, certo, che come si vede nell'ultima scena/trailer dopo i titoli di coda tornerà in un...Leggi tutto sequel diretto proprio da Raimi. Il più imprevedibile dei supereroi entra in scena presto col compito di annebbiare attraverso un incantesimo le menti dell'intero mondo (nientemeno!) e far in questo modo dimenticare a tutti che il giovane Peter Parker è Spiderman: l'anonimato per un supereroe è fondamentale, si sa. Il lungo e veramente insopportabile prologo (che aveva fatto temere il peggio) ci aveva mostrato chiaramente gli inconvenienti dati da un'identità non più segreta... Montaggio frenetico, insopportabili dialoghi tra ragazzini (l'amica e l'amico di Parker) o con zia May (Tomei), scene di rara inutilità purtroppo faranno però il paio con molte altre in un film che nella saga dell'uomo ragno se non è il capitolo peggiore poco ci manca (se la gioca col terzo di Raimi). Il primo picco positivo si raggiunge invece nella sfida sul ponte con il dottor Octopus, di nuovo interpretato da un grande Alfred Molina (lo si era visto nel secondo capitolo di Raimi): a livello di effetti speciali e azione siamo ai gradini più alti del genere e tutto funziona al meglio. Poi però tutto si sgonfia: l'arrivo di Willem Dafoe nel consueto ruolo di Green Goblin non sortisce gli effetti sperati, Strange fa capolino qua e là senza incidere come avrebbe potuto e la riunione dei tre Spiderman, inizialmente sorprendente, ben presto diventa routine e infausta origine degli scambi più tediosi in assoluto, che rivaleggiano con quelli della fidanzatina (Zendaya) e dell'amico grassoccio (Batalon). Verso la metà del film si finisce nell'immancabile delirio di effetti speciali prolungati all'infinito che replicano soluzioni già viste, mai in grado di stupire, e anche gli altri super-personaggi che fanno la loro sporadica comparsa proprio non convincono. Si salvano qualche simpatica gag (ma si contano sulle dita di una mano), una regia competente e lo spirito quasi parodistico di alcune trovate, ma nel complesso è un bel passo indietro rispetto al funambolico capitolo precedente e la durata monstre di due ore e mezza si sente tutta, con un finale stiracchiatissimo e più in generale con dozzine di scene che potevano essere facilmente sintetizzate per compattare con più efficacia il tutto. Troppe lacrime, troppi ammiccamenti all'Universo Marvel e strizzatine d'occhio ai fan, poca fantasia.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/12/21 DAL BENEMERITO RAMBO90 POI DAVINOTTATO IL GIORNO 3/06/22
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Maxx g 2/01/22 17:50 - 561 commenti

I gusti di Maxx g

Ci si diverte, ma la trama poteva essere molto più lineare. Invece già da subito si ha quel senso di confusione che poi porta a perdersi. Era interessante l'idea di vedere come Peter Parker si potesse destreggiare per proteggere la propria identità, non più segreta. Poi il film prende però strade diverse. Belle le sorprese, ma potevano essere sfruttate meglio. Dà idea di una occasione perduta. Peccato. Non convincono né la nuova Mary Jane Watson né tantomeno gli altri amici del giovane Parker. Merita comunque una visione.

Rambo90 16/12/21 03:34 - 7137 commenti

I gusti di Rambo90

Inizia con l'ironia a cui ormai ci ha abituati lo Spiderman della Marvel Studios ma dopo un po', per un incidente stupido, si cambia rotta e il film acquista la follia che nel precedente era stata solo accennata grazie alle illusioni di Mysterio. Si apre il multiverso ed è un piacere ritrovare i personaggi del passato e soprattutto la maturità di altri Spiderman. Lo spettacolo regge, ogni personaggio (e sono tanti) ha il giusto spazio e approfondimento, chiudendo anche alcune storyline lasciate a metà. Per i fan ci sarà tanta commozione, per gli altri un solido film.

Il ferrini 22/12/21 09:49 - 1959 commenti

I gusti di Il ferrini

Infarcito di fanservice all'inverosimile e con una trama mutuata dal film d'animazione, si rivela comunque il miglior Spiderman (con attori) del dopo Raimi. Non tanto per le numerose guest star (c'è perfino Matt Murdock) quanto per il fatto che finalmente si riesce a dare uno spessore al Parker di Holland. Meno combattimenti del solito (e meno male), più ironia e inevitabilmente molta nostalgia, soprattutto quando arriva Maguire (applauso in sala). Non serve conoscere tutto il Marvel Cinematic Universe ma esserne totalmente a digiuno certo non aiuta.
MEMORABILE: Le chiacchiere fra i tre spiderman e le relative differenze.

Capannelle 26/12/21 20:50 - 4067 commenti

I gusti di Capannelle

Chi conosce bene il Marvel Cinematic Universe lo difende a spada tratta. Ma il primo tempo può quasi conciliare il sonno, infarcito com'è di dialoghi poco ficcanti, di situazioni disorganiche e pervaso dalla personalità autocommiseratrice di uno spider-man che parla al ritmo del peggiore Woody Allen. Per fortuna il secondo tempo porta in dote un ritmo più alto, effetti degni e una simpatica reunion di vecchi commilitoni che aiutano il personaggio ad acquistare un certo spessore e fanno tornare la voglia di vederne un seguito.

124c 28/12/21 20:20 - 2834 commenti

I gusti di 124c

Film che è figlio non solo di Spider-man di un nuovo universo (il multiverso dal quale sbucano i vecchi criminali dei primi cinque film)  e Avengers: Endgame (per la presenza del dr. Strange), ma anche di Star Trek: Generazioni e dei tre moschettieri, perché Jon Watts arriva, finalmente (?) al punto in cui non più ritardare l'evoluzione da Bimbo Ragno a Spider-man con i sensi di colpa. Non siamo di fronte a un capolavoro, ma il film si lascia guardare con un certo interesse (già l'idea di guarire i cattivi di Spider-man è cosa inedita). Bene Cumberbatch, la Tomei, Dafoe e Molina.

Gordon 31/12/21 14:09 - 237 commenti

I gusti di Gordon

Uno spettatore totalmente digiuno di Marvel e non appassionato al genere potrebbe aspettarsi una marmellata difficile da ingerire, tanto più se spalmata su quasi due ore e mezza. Si dovrà ricredere: il film, oltre a riassumere velocemente le puntate precedenti, risulta avvincente, le scene d'azione sono molto realistiche e l'ironia e la bravura del cast fanno il resto. Certo, talvolta alcuni passaggi retorici e infantili ci ricordano la produzione "made in USA", ma va bene così.

Xamini 9/01/22 19:34 - 1129 commenti

I gusti di Xamini

Allora, è chiaro a tutti che da uno film Marvel non ci si possa aspettare dialoghi particolarmente ficcanti e questo Spidey non è da meno; c'è ironia, ma è roba abbastanza preconfezionata (e in questo senso c'è da preferire il precedente). Tutta la bellezza di questo capitolo sta nell'idea di fondo, quel multiverso già incontrato e che qui produce una serie di volti da amarcord puro e porta alla maturazione di questo Spidey; coccoloni e occhi a cuore nei fan ma anche parecchia confusione e un pelo di perdita di importanza da parte di alcuni ruoli. NY torna a fare da sfondo.
MEMORABILE: La celebre frase; La crescita dell'eroe; Il team; Il finale.

Daniela 15/03/22 19:13 - 11630 commenti

I gusti di Daniela

Dopo il geniale antipasto animato ed i bocconcini serial, ecco che il multiuniverso irrompe nel mondo Marvel con le sue infinite possibilità: l'attesa era grande ma l'escamotage per la collisione è troppo inconsistente per non ingenerare una certa delusione aumentata da un mix non ottimale tra toni leggeri e drammatici, anche se, preso l'abbrivio, la regia gestisce i molti personaggi in campo in modo tale da sfruttare l'effetto nostalgia, qui più efficace degli effetti speciali che risultano allineati alla media. Più che un film, una rimpatriata tra amici e nemici. 

Katullo 21/03/22 20:47 - 200 commenti

I gusti di Katullo

Quando l'era "Corno" abdicò alle nuove grafiche stile manga, progredite poi in "multiversi" che non sapevano più cosa mischiare tra loro, il fumetto subì un cambiamento radicale, ma annegò simultaneamente all'entrata in gioco del digitale e alle trasposizioni cinematografiche, quelle meno fedeli. Questo film, tormentato dagli eventi ma infine lieto ai produttori, in un certo senso ribadisce il principio. E se la CGI non può sempre obnubilare il cattivo gusto, oltre all'insieme non si salva nemmeno il rispetto per il passato (Maguire) e la recitazione è da no comment.

MAOraNza 18/04/22 16:21 - 223 commenti

I gusti di MAOraNza

Dopo lo spettacolare Un nuovo universo, uno dei migliori film di animazione degli ultimi anni, Sony porta il multiverso riprendendo esattamente dalla fine di Far from home. Il mondo conosce l'identità di Spider-Man. E adesso? Un capitolo interlocutorio per rilanciare la fase 4 post Endgame che, causa Covid, ha sofferto un avvio stentato. Sicuramente, "No Way Home" è il meno "amazing" degli Spider-Man hollandiani e alla base di tutto mette il controverso "fan service". È giusto soddisfare tutte le richieste del pubblico, persino quelle di citare un meme? Dipende. Così così.

Jon Watts HA DIRETTO ANCHE...

Puppigallo 8/05/22 20:23 - 4906 commenti

I gusti di Puppigallo

Più operazione nostalgia e giustificazione per i vari Spider-Man diversi che pellicola, questa ragnesca riunione di famiglia multiversale che, dopo una prima parte dai botta e risposta a mitraglia e quasi priva di azione, si risolleva un po' nella seconda. Questo non basta però a giustificarne completamente la realizzazione, che evidenzia una sceneggiatura senza particolari guizzi o trovate. Tra i super cattivi si salvano Goblin Verde e Octopus. Si può vedere, ma più di una sforbiciata avrebbe giovato, soprattutto nelle scene zeppe di dialoghi, non sempre indispensabili.
MEMORABILE: La dimensione specchio; "Io ero negli Avengers". E l'altro Spider-Man: "Eri in una band?"; La nonnina chiede a Spider-Man di togliere la ragnatela.

Jena 19/05/22 19:32 - 1388 commenti

I gusti di Jena

Ci sono alcune buone idee, in particolare lo showdown con (alcuni) dei nemici più carismatici, su tutti il Goblin e Octopus seppure in versione buonista (mentre Lizard fa abbastanza pietà); come bonus il Doctor Strange. Al limite del geniale, poi, l'incontro con le precedenti versioni preHolland di SpiderMan, Maguire e Garfield (entrambi molto in palla). Per il resto soliti scontri, solito intreccio un po' macchinoso, soliti effetti speciali in CGI, solito giovanilismo millennial (ma Holland e la Zendaya sono indubbiamente bravi). Comunque è divertente e le due ore vanno via rapide.
MEMORABILE: L'incantesimo alterato; Octopus sull'autostrada; La dimensione specchio del doctor Strange; Peter Parker 1, 2 e 3.

Thedude94 16/07/22 11:53 - 863 commenti

I gusti di Thedude94

Imbarazzante e difficilmente classificabile come film, questa sorta di fan fiction con i soldi portata in scena pessimamente da Watts, messo lì senza alcuna idea di sceneggiatura e regia, che ha avuto il solo compito di portare a casa un'opera già destinata a diventare milionaria fin dal principio. E' uno schiaffo in faccia a tutto ciò che di buono aveva fatto Raimi, ed è una conferma che questo Holland non è adatto per il ruolo, soprattutto quello di eroe e non solo di Peter Parker. Per il resto gli effetti speciali non sono accettabili per un budget del genere. Male male.

Galbo 16/07/22 18:01 - 11903 commenti

I gusti di Galbo

Nonostante il successo planetario, un film inconsistente che non decolla mai, benché (o forse proprio per questo) densissimo di personaggi e azione, ipercinetico come mai e abbia, attraverso l'escamotage del multiverso, tirato fuori dal cilindro i due "ragni" precedenti. E' quasi scontato dire che gli effetti speciali sono ampiamente soddisfacenti e che il lavoro degli attori è complessivamente buono. Si arriva tuttavia al finale davvero esausti e rimpiangendo le ingenue serie animate degli esordi che facevano del personaggio da fumetti né più né meno che un fumetto.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Zender • 16/12/21 07:54
    Pianificazione e progetti - 45978 interventi
    Rambo, forse non hai letto la comunicazione di servizio qui a fianco. Sarebbe bene che almeno i collaboratori storici (e tu lo sei indubbiamente) utilizzassero la nuova funzione dei link ai film citati nei commenti (come hanno in effetti imparato a fare facilmente quasi tutti), sia per evitare errori (voi sapete meglio di me quali film citate, magari anche solo con una parola) sia per sveltire il mio lavoro. Naturalmente qualsiasi cosa tu eventualmente non capisca nel procedimento son qui. Grazie.
    Ultima modifica: 16/12/21 07:59 da Zender