Sfida al diavolo

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 1963
Genere: horror (colore)
Note: Aka "Katarsis". Il regista in realtà si chiamava Giuseppe Vegezzi, con una sola G (a differenza di come si legge sulle locandine, Giuseppe Veggezzi). IMDb indica come regista il solo cognome Vegezzi.
Numero commenti presenti: 9
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Uno tra i peggiori gotici girati in Italia, che peraltro svaria da un filone all'altro (i primi venti minuti sono da noir malriuscito) indeciso sulla strada da prendere. Finirà col fallire in pieno, nonostante un buon bianco e nero. In pratica il film è doppio: inizialmente vediamo un giovane scampare a un agguato e rifugiarsi in un convento dove lo accoglie un suo vecchio amico prete. Scopriamo che vogliono ucciderlo perché si rifiuta di restituire documenti compromettenti, ma i documenti sono in mano a una starlette da night club (la pingue e improbabile Alma Del Rio). Il prete si cura di andare da lei e farsi restituire le carte e per convincerla le racconta di come nacque la vocazione. E qui comincia il lungo flashback, che occupa il...Leggi tutto film fino alla sbrigativa (quanto ridicola) conclusione: il poveretto era dapprima un giovinastro che si divertiva a correre in auto e menare le mani; con i suoi amici una notte arrivò in un lugubre castello dove uno strano individuo (Christopher Lee, si vede in tutto una quindicina di minuti) promise loro grandi ricchezze se nel castello avessero trovato la sua amata, a causa della quale questi strinse un patto col diavolo. Trovata estemporanea per far scorrazzare i nostri per i soliti corridoi tetri candele in mano. Capiterà loro di incontrare lo spirito di lei, lui ringiovanito e una strana stanza degli specchi (unica invenzione suggestiva). Accompagnata dalla voce fuori campo del prete “rimembrante”, che fa abuso di termini desueti rendendo ridicolo il tutto, la parte “gotica” è insulsa quasi quanto l'altra ed è emblematica di un film che sembra quasi uno scherzo, una goliardata girata tra amici, un’improvvisazione su di un copione scritto in fretta all'ultimo momento.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Homesick 24/04/08 08:19 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Inconsueto ed apostolico. Incomincia come uno spy-noir all'italiana, ma tosto vi si inserisce - attraverso un lungo flashback - un racconto gotico tra Faust, maledizioni, fantasmi ed aracnidi, che avrà un effetto catartico sulle vite scapestrate del sestetto protagonista. Rimarchevole l'orgiastica sequenza della danza (con l'Ambesi discinta per un attimo). Vida assurge ad interprete principale, Lee compare poco ma diventa il fattore scatenante l'intera vicenda.

Undying 13/08/08 01:09 - 3821 commenti

I gusti di Undying

Duplice, per via di un inizio noir e successiva svolta nel classico gotico con annessi e connessi topoi italiani (il patto demoniaco e la donna in odor di dannazione - qui non maledetta, ma ch'è causa d'una intesa demoniaca). Peccato che il tutto sia poco risolto a causa d'una sceneggiatura mal scritta, con dialoghi sparati a casaccio (la voce fuori campo del prete in ricordo) e con attori lasciati vagare nel buio d'un (peraltro interessante) bianco & nero. Christopher Lee c'è e non c'è (a lui son dedicati 10 minuti scarsi) ed il risultato finale delude le attese. Bava & C. son ben altra cosa.

Buck 20/09/08 15:24 - 39 commenti

I gusti di Buck

Gioiellino del gotico all'italiana. Un film semplice, nulla di eccezionale ma un "cult". Ci sono Ardisson (ma quanti film ha fatto nella sua carriera?), Christopher Lee (sì, proprio lui) ed altri caratteristi del cinema di genere oltre a Piero Vida, attore preparato. Un gotico che non ha nulla a che vedere con i vari Bava, Margheriti & company ma che nella sua semplicità e contesto è un culto.

Myvincent 16/02/13 10:14 - 2919 commenti

I gusti di Myvincent

Storia di una conversione strampalata, dove un gruppetto di delinquentelli viziosi passa le pene dell'inferno in un castello maledetto. Christopher Lee, guest star da 15 minuti, non risolleva certo le sorti di questa specie di gothic-horror noioso, pretenzioso, ma con qualche idea non del tutto banale.

Trivex 29/04/13 09:08 - 1580 commenti

I gusti di Trivex

Precoce tripla z, ma poco divertente. Un filmaccio con qualche pretesa, che naufraga causa la scarsa recitazione generale, con dialoghi assurdi anche per il tempo in cui film venne realizzato. La storia poteva pure passare, ma ci sono buchi neri nella sceneggiatura che manifestano l'approssimativa gestione del prodotto, con un approccio complessivo che dire superficiale è poco. Statico e noioso, senza sussulti e con un Ardisson nella sua peggiore performance tra quelle da me visionate. *!
MEMORABILE: Il commento al morigeratissimo ballo nel castello, definito una "orgia dei sensi"!; L'automobilista pestato che nessuno soccorre; Lo spettacolo iniziale!

Maik271 2/02/15 08:09 - 436 commenti

I gusti di Maik271

Definirei questa pellicola di Veggezzi uno spy-horror con morale evangelica, in cui l'inizio da spy-story evolve presto in un horror non pauroso per raccontare il riscatto morale di un gruppo di perditempo inclini all'alcool e alla violenza finiti per caso in un castello misterioso. Commistione di generi voluta, forse, in cui Lee fa da specchietto per le allodole (piccola parte per lui), mentre il resto del cast, quasi muto, è al minimo sindacale in quanto a interpretazione. Curioso ma nulla più.

Matalo! 16/03/15 14:23 - 1371 commenti

I gusti di Matalo!

Infernale tavanata un po' alla Polselli (hanno lo stesso stile e le stesse pretese). Sembra un noir religioso e invece si rivela una micidiale subhorrorata a cui nulla può il carisma dell'immenso Lee. Sembra anzi capitato per caso tra i pessimi Vida (non credevo) e Ardisson. Come fonte di risate è impagabile; certo dimostra che Ed Wood non è il peggior regista del mondo (vedi la festicciola al castello, che chiamerei "il gran ballo dell'orso"). Non male le musiche di Pisano.
MEMORABILE: Vida balla come una foca ammaestrata e Ardisson colpisce un tam tam a casaccio; La stella argentina Alma Del Rio sarà campionessa di sovrappeso.

Il Dandi 18/03/20 11:16 - 1917 commenti

I gusti di Il Dandi

Parte come un noir (un malavitoso braccato si rifugia da un amico frate), diventa un mondo di notte (il frate cerca la soluzione nei tabarin e rievoca i suoi trascorsi da teddy-boy) e infine un gotico vero e proprio (un castello da Scoobydo). Unica regìa di Vegezzi, poeta e scultore di rilievo, deluso a vita da questa "versione apocrifa modificata dai produttori"; ma si ha l'impressione che con tali facce, soggetto e dialoghi, il delirio (che garantisce comunque un certo magnetismo) sarebbe stato comunque inevitabile. Alma Del Rio fa sé stessa.
MEMORABILE: "Quando l'orgia (a base di vino e tamburi, ndr.) arrivò al suo apice...".

Faggi 1/09/20 15:18 - 1518 commenti

I gusti di Faggi

Dal meraviglioso mondo della bassa lega un film da non perdere. All'insegna del fuori controllo? Quasi. E qualcosa di polselliano aleggia e s'insinua, nemmeno troppo indistinto. Si consideri la presunta orgia con danze sfrenate come uno dei momenti più squinternati. L'enfasi puerilmente didascalica della voce fuori campo stride con la buona qualità del bianco e nero e dell'interessante musica. L'improbabile esibizione di Alma Del Rio nello scalcinato tabarin è tutta da gustare; Christopher Lee appare e scompare pressoché a caso. A sorpresa si vedrà qualcosa di potenzialmente geniale.

Christopher Lee HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Trivex • 26/04/13 10:02
    Segretario - 1307 interventi
    Ho registrato il film da Rete4, la durata è di circa 75 minuti.

    Sarà intero?

    ps: il film è dato VM14 anni...!!
    Ultima modifica: 26/04/13 10:04 da Trivex
  • Discussione Schramm • 22/02/18 14:27
    Controllo di gestione - 6899 interventi
    a giudicare da quasi tutti i commenti letti, anche questo mi darà perversa gioia nell'anima!
  • Discussione B. Legnani • 4/06/19 23:03
    Consigliere - 14292 interventi
    La locandina porta come regista Giuseppe Veggezzi.Il vero cognome del regista era Vegezzi, con una sola G. IMDb indica come regista il solo cognome Vegezzi. Come se non bastasse le scene aggiuntive che permisero al film Katarsis di diventare Sfida al diavolo furono girate da Ulderico Sciaretta.
    Aggiungerei quest'ultimo come n.c.

    fonte: Nocturno, maggio 2019

    In note metterei:
    Il regista in realtà si chiamava Giuseppe Vegezzi, con una sola G. IMDb indica come regista il solo cognome Vegezzi.
    Ultima modifica: 4/06/19 23:27 da B. Legnani
  • Discussione B. Legnani • 5/06/19 09:46
    Consigliere - 14292 interventi
    La locandina dice però Giuseppe Veggezzi, che ora è perso...
    Credo che lo pseudonimo anglofono sia per l'edizione internazionale, non per quella italiana.
  • Discussione Zender • 5/06/19 15:43
    Consigliere - 44761 interventi
    Ma a noi che importa della locandina? Seguiamo Imdb per i nomi, come sempre.
  • Discussione B. Legnani • 5/06/19 21:14
    Consigliere - 14292 interventi
    Zender ebbe a dire:
    Ma a noi che importa della locandina? Seguiamo Imdb per i nomi, come sempre.

    Essendo il suo unico credito, pesavo opportuno mettere il nome corretto in Note, affnchè il film venisse trovato da chi lo cercasse pariendo dal nome del regista, sia con G sia con GG.
  • Discussione Zender • 6/06/19 08:11
    Consigliere - 44761 interventi
    D'accordo, aggiunto.
  • Discussione Caesars • 6/06/19 09:10
    Scrivano - 13476 interventi
    Però con la nota attuale, se uno cerca il film partendo dal nome indicato in locandina, cioè Giuseppe Veggezzi, non trova nulla.
  • Discussione Zender • 6/06/19 15:19
    Consigliere - 44761 interventi
    Ok, risistemata.
  • Discussione Reeves • 25/08/20 13:07
    Fotocopista - 361 interventi
    brani del film sono stati inseriti nel programma di Tele+ Commedia mon amour per la regua diMax Croci (2002) a scopo di raccontare il film come esempio di comicità involontaria