The midnight sky

Media utenti
Titolo originale: The Midnight Sky
Anno: 2020
Genere: fantascienza (colore)
Note: Prodotto e distribuito da Netflix. Il film è l'adattamento cinematografico del romanzo del 2016 "La distanza tra le stelle" scritto da Lily Brooks-Dalton.
Numero commenti presenti: 5

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/12/20 DAL BENEMERITO GALBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 26/12/20 19:39 - 11522 commenti

I gusti di Galbo

Dopo che una catastrofe ambientale ha determinato l'estinzione del genere umano, in una base antartica uno scienziato tenta di contattare l'equipaggio di una missione spaziale di ritorno sulla terra. Opera fantascientifica ambiziosa e di impatto visivo (fotografia, ambientazione ed effetti speciali sono di alto livello), ha per protagonista un ottimo Clooney che regala al suo personaggio (ben caratterizzato dalla sceneggiatura) una profonda umanità ma è meno efficace come regista quando mescola tre diversi piani temporali e narrativi. Opera comunque godibile e meritevole di visione. 

Il ferrini 27/12/20 21:06 - 1764 commenti

I gusti di Il ferrini

Si prendano le passeggiate spaziali di Gravity e le si mischino con il rapporto padre/figlia di Interstellar, si spruzzi il tutto con un po' di sopravvivenza alla Arctic e otterrete questo film, che brutto onestamente non è, ma prevedibile parecchio. La confezione è buona, fatta eccezione per i terribili flashback color seppia, ma l'astronave è ben fatta, sia dentro che nelle scene esterne. Clooney si conferma attore versatile e anche regista con una propria poetica, prendendosi i suoi tempi e sfruttando a dovere le musiche. Non male.

Enzus79 28/12/20 23:16 - 1888 commenti

I gusti di Enzus79

Non male dopotutto. Tratto dal romanzo di Lily Brooks-Dalton. Pellicola fantascientifica molto introspettiva nella quale il melodramma la fa da padrone. Pur non annoiando la storia è piatta a causa di ritmi un po' troppo bassi, e in alcuni casi sembra che si perda il filo narrativo. Discreta l'interpretazione di George Clooney (qui anche regista). Così così la colonna sonora.

Pigro 29/12/20 09:50 - 8101 commenti

I gusti di Pigro

L’ultimo sopravvissuto sulla Terra con una bambina misteriosa, e l’ultimo equipaggio in un difficile ritorno. Apocalisse minimale, nei gesti e soprattutto nell’intimo di personaggi sospesi sull’abisso della fine. Il deciso e intrigante registro interiore e simbolico, post-tarkovskiano, si sposa con una forte spettacolarità nelle riprese. Ma l’impressione è che il film non aggiunga nulla di necessario, non riuscendo a equilibrare l’ambizione della profondità con qualcosa di non banale da dire. Non male, ma neanche troppo bene.

Kinodrop 6/01/21 19:16 - 1674 commenti

I gusti di Kinodrop

L'ultimo rimasto sulla Terra tra i ghiacci di un osservatorio artico e per giunta malato non può far altro che elucubrare, rimpiangere o moraleggiare, cercando night and day un contatto con la troupe di una base spaziale in difficoltà. Due piani narrativi e temporali che il regista non riesce ad amalgamare, limitandosi a una alternanza un po' greve e deludente tra effetti speciali ormai consolidati (in orbita) e vaghi messaggi ecologici nel turbinio della tormenta artica. Dato l'argomento, più che aggiungere, reitera un collage di cose viste e riviste fino alla noia.

Kyle Chandler HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.