LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 25/12/09 DAL BENEMERITO SKINNER
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Skinner 25/12/09 01:14 - 592 commenti

I gusti di Skinner

Thriller poliziesco teso ed avvincente, giocato sul sottile filo che separa bene e male e legalità e crimine. Sceneggiatura di ferro, ritmata da dialoghi rudi e realistici. Interpretazione notevole per Nolte, ma ottimo tutto il cast. Musiche di Ruben Blades. Da vedere.

Galbo 21/01/11 05:51 - 11424 commenti

I gusti di Galbo

Tratto da un romanzo scritto da un ex giudice della corte suprema, è una storia che ruota intorno all’inchiesta sull’uccisione di uno spacciatore da parte di un poliziotto newyorchese. Come sempre nei film di Sidney Lumet la spettacolarità e l’interesse per le storie raccontate si sposano alla causa dell’impegno civile. Ne deriva un film che intriga e fa riflettere (sulle brutalità del potere esecutivo) sorretto da ottime interpretazioni del cast.

Maxspur 8/01/12 14:10 - 81 commenti

I gusti di Maxspur

Il titolo originale (in italiano: "Domanda & risposta") lascia intendere il taglio che Lumet vuole dare alla sua opera la quale, in effetti, può avvalersi di una sceneggiatura tesa e robusta e di tematiche (legge, corruzione, razzismo, omosessualità) che fin dal suo debutto (La parola ai giurati) hanno sempre contraddistinto il regista di Philadelphia. Il film comincia col piglio giusto per poi lasciare il passo a qualche verbosità di troppo, quasi sempre relativa alla love-story del protagonista, fino al serrato e violento finale. Nolte vero e proprio babau.

Daniela 8/03/13 12:01 - 9536 commenti

I gusti di Daniela

Vice procuratore distrettuale al primo incarico deve condurre l'inchiesta sull'omicidio di un malavitoso da parte di un tenente dai metodi brutali ma molto stimato dai colleghi... Lumet torna sui temi della giustizia e della corruzione all'interno della polizia che era già stata al centro di opere famose come Serpico e Il Principe della città con un plot complesso, con molti personaggi in campo, dall'inizio asciutto e dall'epilogo fra il tragico e l'amaro, ben interpretato da tutto il cast. Peccato per il sotto-intrigo sentimentale, assai poco convincente, che indebolisce l'impatto.
MEMORABILE: Relativamente all'esistenza di verbali: "La carta brucia a 451 Fahrenheit..."

Tarabas 16/11/14 17:25 - 1706 commenti

I gusti di Tarabas

Un benintenzionato neoprocuratore affronta un caso apparentemente semplice per scoprire che dietro si cela un grosso giro di corruzione. Lumet torna sul luogo del delitto affrontato in Serpico, senza una star di prima grandezza ma con un cast efficace ed equilibrato, su cui spicca Assante, mentre il più debole è proprio il protagonista Hutton. La storia non ha nulla di originale, infatti il film va avanti senza guizzi, in maniera abbastanza routinaria fino all'epilogo, peraltro non scontato. Buon cinema, ma da Lumet ci si attende di più.

Nicola81 27/09/15 23:19 - 1981 commenti

I gusti di Nicola81

17 anni dopo Serpico Lumet dirige un nuovo mix tra poliziesco classico e film di denuncia cui avrebbe giovato una maggiore compattezza. Se infatti la prima mezz'ora e gli ultimi venti minuti sono decisamente coinvolgenti, la parte centrale è ordinaria amministrazione, con qualche momento di tedio. Cast complessivamente buono (ma il protagonista Hutton non ha il giusto carisma), dialoghi curati e sceneggiatura che mette sul piatto la corruzione nella polizia, gli intrighi della magistratura, il razzismo e l'omosessualità. Forse un po' troppo...

Rambo90 1/06/16 19:17 - 6402 commenti

I gusti di Rambo90

Poliziesco robusto, dalla struttura classica tra poliziotti corrotti e narcotrafficanti quasi buoni. Il ritmo a volte rallenta un po' troppo, soprattutto a causa della sciapa love story di sfondo, ma il tratteggio dei personaggi e del mondo della criminalità metropolitana funziona e coinvolge. Un feroce Nolte ruba la scena al più insipido Hutton; tra loro la buona prova di Assante e un bel comparto di comprimari tra cui Dutton e Guzman. Realistico nella sua violenza e ben diretto, buona la fotografia.

Rocchiola 4/05/18 09:45 - 873 commenti

I gusti di Rocchiola

Lumet torna al tema della corruzione tra le forze dell’ordine completando un’ideale trilogia con Serpico e Il principe della città. Il potere è corrotto ma riesce sempre e ancora a farla franca. Niente di nuovo all’orizzonte ma resta comunque un poliziesco violento e duro in una New York magistralmente fotografata dal grande Bartkowiak. Un Nolte massiccio e corpulento è un superbo "cattivo tenente". Senza le solite parentesi melodrammatiche sarebbe stato probabilmente superiore ai due predecessori. Guzman come agente portoricano è perfetto.
MEMORABILE: O’Neal che accusato intona "Que sera sera"; Nolte che strizza le palle a un travestito; Il viscido avvocato Pearlstein.

Jena 30/03/19 19:35 - 1207 commenti

I gusti di Jena

Lumet torna ai suoi temi cari, settantiani, della corruzione della polizia e del "sistema" che comunque l'ha vinta. Il film ruota attorno a un gigantesco (in tutti i sensi) Nick Nolte, che disegna un poliziotto talmente marcio, corrotto, violento, omofobo e razzista da far impallidire il Cattivo tenente di Ferrara. Mai sentiti tanti epiteti razzisti in un solo film. Hutton monoespressivo, bene invece Assante e Guzman che nella parte del portoricano si costruirà una carriera. Le lungaggini sentimentali fanno perdere qualche punto.

Minitina80 27/09/20 21:48 - 2368 commenti

I gusti di Minitina80

Poteva essere un piccolo capolavoro e invece niente da fare. Troppe cose non  funzionano, pregiudicando l’esito finale. Si sente la mancanza di un montaggio serrato e conciso in grado di rendere la visione più dinamica e meno dispersiva. La durata, infatti, non è indifferente e se aggiungiamo anche una storiella sentimentale abbastanza impalpabile, ecco che la zavorra aumenta di peso. L’assenza di una colonna sonora che si ricorda tardi di lanciare qualche timido segnale si somma al resto. Pochi i momenti davvero convincenti.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Caesars • 11/07/13 13:55
    Scrivano - 11053 interventi
    Nell'edizione per la tv di questo film, Sidney Lumet si è firmato Alan Smithee (lo pseudonimo usato dai registi americani quando non vogliono apparire come direttori di un film). La fonte di questa notizia è Imdb, che però non riporta diverse versioni per la pellicola. Quindi Lumet ha deciso di disconoscere l'opera in un secondo tempo?
    Ultima modifica: 11/07/13 14:51 da Caesars
  • Discussione Zender • 11/07/13 14:23
    Consigliere - 43624 interventi
    Immagino di sì. Però se al cinema l'ha firmata conta questo.
  • Curiosità Buiomega71 • 9/04/18 19:47
    Pianificazione e progetti - 22031 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv ("I Filmissimi", giovedì 22 luglio 1993) di Terzo grado:

  • Homevideo Rocchiola • 4/05/18 09:49
    Call center Davinotti - 1143 interventi
    Il DVD della Fox è sempre in catalogo ed ormai disponibile a prezzi davvero bassi. Si tratta di un ottimo prodotto con video pulito e dalla definizione ottima. Audio italiano 2.0 surround dal livello un po' basso ma comunque più che discreto.