Sotto il sole di Riccione

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Anno: 2020
Genere: commedia (colore)
Regia: Younuts
Note: Prodotto e distribuito da Netflix. Younuts sono Niccolò Celaia e Antonio Usbergo.
Numero commenti presenti: 6
Papiro: elettronico

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Potendo contare su una colonna sonora farcita di hit dei Thegiornalisti (che si esibiscono pure live nel concerto finale) il film si garantisce già una base musicale d'effetto che ne salva parzialmente più d'una scena dandogli una carica che altrimenti faticherebbe a guadagnarsi. Anche l'ambientazione, sulle spiagge dell'Adriatico, contribuisce ad aumentarne il calore e il colore permettendogli un primo impatto discreto. Poi certo, c'è da fare i conti con le solite storielle da vacanza al mare che il copione (al quale ha contribuito l'Enrico Vanzina co-autore del ben superiore SAPORE DI MARE, a cui il film guarda piazzando nel cast la stessa Isabella Ferrari che allora di un certo...Leggi tutto modo d'intendere la gioventù fu il simbolo) sciorina senza fantasia alcuna individuando un unico personaggio in grado di potersi distinguere: è Vincenzo (Zurzolo), ragazzo non vedente figlio di una madre inevitabilmente apprensiva (la Ferrari, per l'appunto) la quale, dopo l'abbandono del marito, l'ha cresciuto vivendo quasi esclusivamente per lui. Con un candore e una tenerezza lontane dalla sguaiata superficialità dei suoi coetanei, si fa convincere a frequentare una chat conoscendo lì l'anima gemella, ahilui già accoppiata. Pur muovendosi tra dialoghi fastidiosamente banali e prevedibili, Zurzolo ha dalla sua la singolarità in grado di imporlo tra chi è costretto a recitare la parte del bello (Caccamo) che lontano dalla fidanzata ha seri ripensamenti sul rapporto anche perché avvicinato da frotte di bellezze a lui interessate o chi non riesce ad affrancarsi dal ruolo di sfigato conscio di esserlo (Nanni), innamorato della ragazza (Peluso) che lo considera solo un amico. Figure stinte in ruoli canonici, circondati da altri giovani di non troppe speranze come Furio (Calgaro), il figlio del bagnino, o Tommy (Giuggioli), prototipo del coatto che parla strascicato infilando neologismi trendy, (stra)fatto per starsene sullo sfondo come rappresentante di una folta schiera di anonime seconde linee. Proprio come nel modello vanziniano tornano comunque a essere loro, i ragazzi, al centro del film. La Ferrari, Ward (il buttafuori della discoteca che con lei condividerà qualche tenero momento) o il solito Roncato in versione playboy in pensione, che pretende di insegnare ai clienti del suo bed & breakfast come si vive in Riviera, rappresentano al contrario – e imprevedibilmente, rispetto a quanto siamo abituati a vedere negli ultimi anni - l'anello debole, presenze insignificanti e marginali. La vita scorre altrove, nelle vene di chi guarda all'amore come valore primario e insostituibile, di chi soprattutto lo vive come esperienza totalizzante e non fugace come ci si aspetterebbe; con tutta l'ipocrisia di chi al cinema vorrebbe imporre questi come unici sentimenti positivi rifilando alla fugacità dei rapporti le metafore più infelici (la carbonara con la panna... tremendo!) e i personaggi più ricercatamente insipidi e superficiali (le bionde, secondo un adagio preistorico!). L'elementarità con cui si guarda alle nuove generazioni e ai loro pensieri non è nemmeno dovuta all'inserimento di battute (che mancano del tutto), ma solo alla scarsa capacità di inventare dialoghi efficaci. Ad ogni modo la scelta coraggiosa di riportare i giovani al centro e qualche gustosa perla trash consentono di seguire il tutto senza troppi rimpianti. Sapendo a cosa si va incontro, naturalmente, e accettando di stare al gioco senza pensare di poter prendere la cosa seriamente.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 2/07/20 DAL BENEMERITO GALBO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 20/07/20
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 2/07/20 05:59 - 11346 commenti

I gusti di Galbo

Incontri per lo più amorosi ma anche di amicizia sullo sfondo della riviera romagnola contemporanea. Commedia balneare da soggetto (e sceneggiatura) di Enrico Vanzina, rappresenta la versione giusto un po' (ma neanche troppo) aggiornata all'epoca social di Sapore di mare, che al confronto appare un capolavoro. Trama risibile e interpretazioni lacunose; ci sono anche Isabella Ferrari e Andrea Roncato a rafforzare l'effetto nostalgico. Si sorride qua e là, ma per buona parte ci si annoia. Plastica rappresentazione di come certo cinema italiano sia incapace di evolversi. 

Zoltan 4/07/20 12:47 - 135 commenti

I gusti di Zoltan

La presenza degli smartphone non può certo rendere fresche storie ammuffite. Perlomeno i Sapore di mare d'antan bene o male avevano nel cast attori noti che riuscivano a creare personaggi riconoscibili: qui abbiamo dei volti mediocri a proporre senza un minimo di creatività personaggi obsoleti e inutili. Enrico Vanzina sceneggia con la svogliatezza degli ultimi tempi, la regia è di youtuber che si improvvisano a dirigere un film. Non si salva nulla. Ennesima fotografia di un cinema italiano senza idee.

Redeyes 7/07/20 11:19 - 2130 commenti

I gusti di Redeyes

Il clima estivo e i volti freschi mitigano la voglia di stroncare il film, che a essere onesti risulta improponibile. Purtroppo il buon Vanzina pare non averne più e così ci spiattella questo Sapore di mare in chiave social che ahinoi non dà (al contrario del capolavoro citato) alcuno spunto malinconico. La pletora di ragazzini, stereotipati al massimo, bighellona per la riviera con le tre chiocce (Ferrari, Roncato, Ward) che appaiono svogliate e quasi fastidiose. Musicarello 2020? Diamogli un dislike!

Markus 18/07/20 17:59 - 3258 commenti

I gusti di Markus

Opera d'esordio al lungometraggio per i videomaker Younuts. Chi spera nel rifacimento in chiave moderna di Sapore di mare rimarrà deluso perché gli elementi colleganti (mare, amori, la presenza della Ferrari) sono assai labili. Un "giovanilistico" da spiaggia un po' freddo: i personaggi, perlopiù stereotipati (che pure ci sta), raccontano poco e non emanano alcuna empatia. La scrittura di Vanzina è povera d'idee, con pochi guizzi e qualche scarsa citazione. C'è la "crema" degli attori millennials della tv a pagamento. Si rimpiange l'Italia di fine '900, inutile girarci attorno.

Pinhead80 19/07/20 21:22 - 3895 commenti

I gusti di Pinhead80

Cavalcando l'onda del successo di alcune canzoni dei Thegiornalisti, si è voluto riportare in auge il genere giovanilistico anche al cinema, aggiornandolo ai giorni nostri. Non è un caso che per questa operazione si sia scelto un cast "teen" molto conosciuto ai seguaci delle serie adolescenziali targate Netflix. A dirla tutta la sorpresa (in positivo) è rappresentata proprio dal cast dei giovanissimi, mentre attori come Roncato e la Ferrari (scelta per un effetto nostalgia) fanno fatica ad inserirsi nel contesto. La storia è quella che è ma non si poteva pretendere molto di più.
MEMORABILE: La colonna sonora.

Ultimo 30/07/20 17:23 - 1348 commenti

I gusti di Ultimo

Commedia giovanile che strizza l'occhio a Sapore di mare, pur mantenendosi su una livello decisamente inferiore. Le vicende sono semplici e scontate ma il film ha il pregio di scorrere senza problemi, grazie a un cast di giovani attori che si impegnano. Ci sono anche Roncato, la Ferrari e Luca Ward (il migliore dei tre...).  Il finale con concerto sa di esagerato e poco credibile, ma ci sta e si può perdonare. Mezzo punto in più per le belle musiche dei Thegiornalisti.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.