Terrifier - Film (2017)

Terrifier
Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Terrifier
Anno: 2017
Genere: horror (colore)
Note: Originato dal cortometraggio del 2011 dallo stesso titolo e dello stesso regista" e spin-off di "All Hallow's Eve" (2013)". Seguito da "Terrifier 2" (2022).

Location LE LOCATIONLE LOCATION

Commenti L'IMPRESSIONE DI MMJImpressione Davinotti

In uno slasher di Halloween la maschera è tutto o quasi: ci hanno provato in tantissimi a emulare l'icona Michael Myers e non era immaginabile che ad avvicinarcisi potesse essere l'ennesimo pagliaccio (ehm, nel senso di pagliaccio da circo, proprio). Perché Art The Clown è solo l'ultimo di una lunga trafila di pagliacci che da sempre popolano gli incubi dello spettatore a caccia di spaventi. Cos'ha di differente? Non parla, e fin qui... Utilizza però una interessante gestualità, curiosamente non accentuata, e trova la maschera giusta: bianco, col cappellino in testa, gli occhi...Leggi tutto e la bocca cerchiati pesantemente di nero, l'abito un pigiamone metà bianco e metà nero.

Fin da quando appare in scena, dopo un prologo in cui una presentatrice televisiva viene brutalmente assassinata da una donna "senza volto", attira l'attenzione per la sua singolarità. Non facile da spiegare ma che indubbiamente lo rende magnetico, e bravo è il regista Damien Leone (anche autore unico del copione) a inquadrarlo nella giusta luce, al tavolo di una scalcinata pizzeria da asporto. Vicino a lui solo una coppia di ragazze evidentemente di ritorno da una festa: Tara (Kanell) è la mora, la meno espansiva, quasi annoiata; e anche la più inquietata, dalla figura del clown che siede a pochi metri di distanza. Dawn (Corcoran) è la bionda, che al contrario lo scambia per uno scemo qualsiasi e ci va pure vicino a farci un selfie insieme. Quello non parla, lascia fare. Poi va in bagno e torna, ma il proprietario lo caccia insultandolo. Che ha combinato? Un autentico disastro, prima di scomparire nella notte. Ma poco dopo le due amiche lo ritroveranno, all'interno di un edificio semiabbandonato all'esterno del quale Tara chiede a uno strano tipo che sta fuori di poter entrare per andare in bagno.

Non c'è molto altro di importante in una trama minimale, utilizzata solo per presentare il terreno ideale su cui muovere il cattivissimo clown: girando quasi sempre nella semioscurità Leone ha modo di inquadrare il suo killer nella luce migliore per esaltarne la cupa maschera. Il resto lo fa in gran parte una ferocia splatter con pochi eguali, che tra colpi sferrati con violenza e squartamenti realmente impressionanti - pur senza avere a disposizione troppe vittime sacrificali - esplode lasciando il segno prima di un epilogo che contiene pure un piccolo colpo di scena. Leone non inventa nulla, semplicemente gioca bene le sue carte e azzecca un nuovo omicida mascherato da sfruttare al meglio ad Halloween. La messa in scena, per quanto povera, è efficace, i silenzi sono utilizzati con intelligenza, la creatività nell'uccidere (anche chi magari non ti aspetti) sedurrà i fan del genere, le musiche assistono validamente andando a racchiudere uno slasher con tutti i crismi, moderno e seducente. Sequel obbligatorio...

Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/04/18 DAL BENEMERITO JURGEN77 POI DAVINOTTATO IL GIORNO 19/01/23
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Jurgen77 19/04/18 08:39 - 629 commenti

I gusti di Jurgen77

Slasher ultragore e violento con pochi fronzoli e tanto sangue. Non vengono delineati il profilo o i motivi per cui agisce così questo "mad clown", che ammazza senza pietà donnine e imbecilli in una macabra notte di Halloween. Ottimi gli effetti speciali e le scene ultragore. Inquietante la maschera del clown e interessante il finale. Debitore di Saw ma più estremo, non sfigura affatto.
MEMORABILE: Il "selfie" con il clown....

Fromell 5/02/19 10:46 - 77 commenti

I gusti di Fromell

Se vi accontentate di una trama scarna e avete voglia di un film che grondi sangue dall'inizio alla fine, questo Terrifier fa al caso vostro. Incentrato sulla figura di uno psicopatico mascherato da clown che miete vittime (e le squarta come capretti) la notte di Halloween, il film di Leone stupisce per gli effetti ultragore e per alcune sequenze brutali davvero ben realizzate. I primi venti minuti sono top, dopodiché la ripetitività della violenza prende il sopravvento sulla storia e subentra un po' di noia. Bella scoperta comunque.

Schramm 23/07/19 16:15 - 3490 commenti

I gusti di Schramm

Un filone stracotto come lo slasher, approdato al 2017, non ha granché scelta: o fa la vieppiù stropicciata cartolina di sé credendosi ancora nel 1978, o come vivaddio è il caso si affida ai maitre a épater del torture porn dell'almeno penultima cordata quali neo-arredatori del minato campo. Meglio sarebbe dire il camp, ché anche l'estetica è festosamente (è pur sempre Halloween) svecchiata a tutta cromotronia, e la doppia leva esercitata su coulrofobia e ipergrottesco è vincente. Di lassù Wes Tobe e George, cui il film è dedicato, fan sìsìsì con la testina. Di quaggiù, tutti pronti al sequel.
MEMORABILE: Art the Clown in versione Transenstein a la Marilyn Manson: si ghigna della grossa ma con la schiena scudisciata da brividi.

Herrkinski 16/08/19 15:12 - 8025 commenti

I gusti di Herrkinski

Spin-off di All hallow's eve di cui riprende il mostruoso Art The Clown, qui interpretato da un notevole Howard Thornton. Se ovviamente il tema del pagliaccio diabolico è tipico dell'immaginario horror e i clichè dello slasher filo-ottantiano sono tutti presenti, bisogna dare atto a Leone di aver creato un lavoro dall'impatto splatter impressionante e permeato da un'atmosfera morbosa e marcescente; non si perde in convenevoli e mantiene alte azione ed emoglobina, così come quell'aria consumata da film di genere d'altri tempi. Bella sorpresa.
MEMORABILE: La tizia appesa e segata in due alla Ed Gein; Il massacro in pizzeria.

Deepred89 27/10/19 21:54 - 3693 commenti

I gusti di Deepred89

Slasher quasi in unità di tempo e di luogo dal soggetto esilissimo e budget più o meno della stessa consistenza, ma pieno di buona volontà: discreta tecnica che sopperisce ai limiti tecnici (ravvisabili soprattutto nella fotografia), effetti splatter di qualità non sopraffina ma volenterosi e sanguinosissimi, interpretazioni decenti, un notevole villain (che però entra in scena fin troppo spesso, causando assuefazione), ironia fortunatamente limitata a qualche eccesso. Film piccolo piccolo, ma onesto e rispettoso degli appassionati del genere.

Jena 9/11/19 09:28 - 1541 commenti

I gusti di Jena

Film indipendente a basso costo che non delude i fan dello slasher, stavolta incrociato col torture porn. Art the Clown fa veramente paura, con quella faccia scheletrica, il sorriso di denti marci e uno sguardo terrificante (molto bravo Thornton). La prima parte è ottima: si gioca anche di atmosfera, molto horror anni '80 (con però il ferocissimo omicidio dei due pizzaioli italiani); la seconda è più convenzionale, col consueto bodycount. Ottimi effetti speciali vecchia maniera in lattice, ottime musiche e bravine anche le attrici.
MEMORABILE: La faccia della tipa aggredita; La testa del pizzaiolo trasformata in zucca di Halloween; Il "trattamento" alla tipa appesa; Art The Clown/Ed Gein.

Hackett 15/01/20 19:26 - 1865 commenti

I gusti di Hackett

Davvero gustoso questo slasher indipendente che fa vanto dei mezzi limitati (ma non scarsi) e li riesce a sfruttare al massimo concentrando le location in pochi ma funzionali ambienti nei quali si muovono i personaggi. La figura principale, il clown assassino, è uno dei più spietati, diabolici e devastanti personaggi che l'horror da mattanza abbia portato sullo schermo. Tra il pagliaccio triste e il mimo, ma un concentrato di efferatezza. Da non perdere.

Cotola 24/01/20 23:24 - 8982 commenti

I gusti di Cotola

Un pagliaccio assassino si diverte nell'uccidere e fare a pezzi tutti quelli che gli capitano a tiro. Tutto qui? Sì. Eppure...Bentornato caro horror-slasher di una volta. Leone ha dei buoni numeri e, riprendendo il personaggio di un'altra sua pellicola, sforna un film sicuramente poco originale sul piano narrativo, ma riuscito sotto altri versanti, dimostrando che spesso non importa il cosa ma il come. La confezione è notevole, esaltata da una fotografia dai cromatismi perfetti e funzionali al narrato. Si respira un'aria putrida e marcia e lo splatter, per la gioia dei fan, è molto abbondante.

Taxius 19/05/20 13:00 - 1656 commenti

I gusti di Taxius

Film indipendente e a basso costo con protagonista un clown assassino che si diverte a fare a pezzi la gente. Slasher vecchio stile dalla trama praticamente inesistente che si regge tutto sulla bravura del diabolico protagonista. Budella e sangue ci sono ma in giusta quantità, cosa che rende il film splatter ma non stomachevole. Notevoli l'atmosfera putrescente e l'abilità mimica di Thorton. Diverte più che spaventare e questo è un altro punto a favore. Semplice ma d'impatto.

Anthonyvm 21/06/20 22:16 - 5579 commenti

I gusti di Anthonyvm

Leone ripesca Art il Clown dal suo precedente All hallows' eve e gli dedica un'opera intera. Il risultato è un'entusiasmante splatter-fest che riesce a inquietare e a disgustare in egual misura. Art è uno dei pagliacci assassini più spaventosi della storia del cinema, nonché uno fra i più brutali. La narrazione è vivace e intelligente, giocando beffardamente coi cliché (dai repentini cambi di protagonista à la Psyco alla pistola che il maniaco tiene nascosta per i momenti di necessità). Insomma, un gioiellino. Indovinato il twist ending, che sconvolge la struttura temporale del film.
MEMORABILE: La ragazza senza faccia attacca la conduttrice; La ragazza segata a metà dall'inguine al collo; Art in atti di travestitismo necrofilo à la Ed Gein.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Terrifier 2Spazio vuotoLocandina The mean oneSpazio vuotoLocandina Il castello di DraculaSpazio vuotoLocandina I am omega

Jdelarge 30/06/20 20:20 - 1000 commenti

I gusti di Jdelarge

Interessantissimo horror che ha il pregio di non perdersi in chiacchiere e di puntare subito e semplicemente allo spettacolo grazie a effetti gore di altissimo livello e a una suggestiva fotografia contrastata che immortala benissimo il clown di bianconero vestito e interpretato ottimamente da David Howard Thornton. Puro cinema di paura che, vista la scelta di mostrare e di non celare nulla, ha l'onere di dover impressionare senza annoiare. Impresa riuscita.

Fedeerra 6/10/20 05:44 - 771 commenti

I gusti di Fedeerra

La fotografia è quella tipica dei videoclip anni 2000, con una color correction alquanto approssimativa. Ma per gli amanti dello splatter d’intrattenimento siamo su vette abbastanza alte. Se si pensa poi che il film vanta il clown più riuscito nella cinematografia horror di sempre siamo a cavallo. Spassoso, estremamente sadico e con un gusto perverso nella scelta coreografica degli omicidi. Da vedere.

Pumpkh75 15/07/21 18:28 - 1729 commenti

I gusti di Pumpkh75

Violento ed eccessivo, con la mano che un paio di volte tende a scattare per coprire gli occhi nonostante decenni di esperienza da fruitore del genere. Non è però tanto questo che ci scombussola lo stomaco, quanto l’atmosfera generale: puzzolente, cinica, rassegnata, con la pietà umana ridotta a sterco secco sotto le scarpe e le tracce dell’urina di Maniac a impregnarci l’orlo dei pantaloni. La storia non esiste (con un finale che non migliora la situazione) e i soldi sono davvero pochi? Vero, ma il clown di Thornton nasconde nel sangue ogni difetto. Sozzissimo, nel cuore.

Magerehein 19/01/22 11:57 - 966 commenti

I gusti di Magerehein

Un inquietantissimo e riuscito clown assassino brutalizza con creatività coloro che incontra. Puro slasher, nessun altro fronzolo, e il bello è che la storia funziona bene così com'è. Le vittime sono tutte di una stupidità volutamente stereotipata e quasi proterva, disinfestatore a parte, mentre Art, tanto efferato quanto a volte apparentemente desideroso di un briciolo di affetto, è un killer che si vuole rivedere volentieri. Piacevole sorpresa.
MEMORABILE: Il look e la mimica di Art; Il selfie ricambiato; Segata in due; Art travestito; Il flagello; La trombetta.

Rufus68 14/02/22 22:15 - 3808 commenti

I gusti di Rufus68

Uno splatter puro, senza fronzoli e sorprese che inizia bene e si perde nello svolgimento inevitabilmente monotono. Mancano sia l’ironia (il clown è solo uno psicopatico) che il retroterra sociale e questo rappresenta un handicap per la mancanza di spessore; a favore del film giocano alcuni particolari ripugnanti (la ragazza sfigurata, la vittima depezzata a metà) e una discreta costruzione della tensione durante la prima scena nella pizzeria quando il climax viene costantemente rimandato. Cast non indimenticabile ma migliore della media, per tale genere di operazioni.

Leandrino 26/08/22 11:00 - 505 commenti

I gusti di Leandrino

Siamo alle solite: clown psicopatico semina morte e terrore per le strade di un quartiere losangelino. Ma a ben guardare qualcosa di diverso c'è. Perché sotto l'immagine da produzione indie tirata a lucido e dietro una storia articolata su tutti i possibili cliché del genere, c'è la sorpresa di Art il clown, il personaggio perfetto per inaugurare un franchise basato sull'omicidio creativo e la (realistica) dispersione di viscere. Insomma, uno slasher con tutti i limiti del genere (primo fra tutti la scrittura) che quantomeno diverte e, a tratti, perfino inquieta.

Teddy 4/11/22 07:05 - 802 commenti

I gusti di Teddy

L’apoteosi del male di Damien Leone si concretizza senza un movente, senza un’identità e senza un passato, in una rassegna di scene madri e astuzie splatter da far accapponare la pelle. Mentre Art the Clown, che nella sequenza “en femme” sfodera un look da annali dell’horror, è il nuovo Bau bau del XXI che gli appassionati del genere stavano aspettando. Un film cupo, malsano e totalmente privo d’ironia.

Kinodrop 31/10/22 19:37 - 2890 commenti

I gusti di Kinodrop

Un interessante horror di intrattenimento a cui non bisogna chiedere più di quanto il genere possa dare, a partire da una sceneggiatura risicata che sorvola su preamboli e dimensioni psicologiche e va dritta al sodo, per focalizzarsi sulla spettacolarità dello splatter debitore della produzione similare degli anni '70. Un tristo clown meccanicamente trucida chiunque capiti sul suo cammino e non ci resta che assistere a chi sarà la prossima vittima, senza una reale dialettica o escalation emotiva,ma facendo sobbalzare solo per l'efferatezza di alcune scene e dall'abbondanza di sangue.
MEMORABILE: Fotografia vivida e ottimi effetti sonori; La ragazza segata in due; Il volto sfigurato della ragazza sopravvissuta; Sorpresa all'obitorio.

Trivex 26/12/22 22:06 - 1736 commenti

I gusti di Trivex

L'inizio può risultare scoraggiante, perché mostra irrimediabilmente quanto il film sia un low-budget con elementi di grave criticità. La fotografia è pessima e i primi momenti "gore" non proprio irresistibili, da nessun punto di vista. Poi il tutto acquista però un discreto ritmo e subentra un (molto) artigianale splatter deciso e oltraggioso, con punte sadiche abbastanza disturbanti. La maschera del "mostro" esprime bene la sua crudeltà e può risultare impressionante. Il finale è mediocre e apre ad un seguito, magari da realizzare in modo più curato e con qualche nuova idea.

Rebis 9/07/23 09:30 - 2324 commenti

I gusti di Rebis

Art the Clown è il più impressionante serial killer apparso in uno slasher dai tempi di Scream: Davis H. Thornton fa di Marcel Marceau un incubo ad occhi aperti. Attorno, c'è molto meno di un Venerdì 13 qualsiasi e acidificare la fotografia con un filtrino alla Instagram non è una gran trovata: il budget esiguo si vede lo stesso. Meno male che lo splatter - solo effetti pratici, in gloria al cinema ottantino - è generoso per quanto inoffensivo - esclusa la donna segata a metà, che mette davvero a dura prova. Finale in clamoroso cliffhanger: tocca proprio vedere anche il secondo.

Damien Leone HA DIRETTO ANCHE...

Spazio vuotoLocandina Terrifier - L'inizioSpazio vuotoLocandina Terrifier 2Spazio vuotoLocandina Frankenstein vs the mummySpazio vuotoLocandina The 9th circle

Daniela 7/08/23 00:59 - 12581 commenti

I gusti di Daniela

All'inizio dicono che Art il Clown sia morto ma figurati se è vero, anzi anzi viene promosso a protagonista assoluto grazie alla maschera inquietante che aveva colpito nel precedente lungometraggio. Lui fa il suo, squartando e accettando, sempre senza pronunciare verbo, ma non si vive (e si fa morire) di solo look e l'abbondanza di sangue versato e di particolari raccapriccianti non riesce a mascherare la povertà di fondo dello script, l'angustia degli spazi dove si svolge la mattanza, il mediocre livello degli attori-vittime, peggiorato dall'altrettanto mediocre doppiaggio.

Lupus73 29/10/23 18:07 - 1475 commenti

I gusti di Lupus73

il clown-mimo inquietante che in un altro film faceva da trait d'union alle varie storie, stavolta è il villain di uno slasher di Halloween, ma verrebbe da dire che se questa è l'evoluzione del genere meglio tornare a Carpenter o a Bava. Nessun background per il villain, una storiella flebile come trama pretestuosa per mostrare splatter gratuito e perfino questo che dovrebbe essere il punto forte è zeppo di ingenuità (si veda la bionda tagliata in due verticalmente in un minuto con un seghetto, come fosse una motosega). Finale soprannaturale alla Jason per non farsi mancare nulla.
MEMORABILE: La citazione di Saw sul triciclo; L'inserviente che invece di accoppare il villain lo lascia svenuto (in modo che possa ancora agire ovviamente).

Pinhead80 1/12/23 15:15 - 4707 commenti

I gusti di Pinhead80

Quando entra in scena Art il clown anche una trama banalissima diventa comunque terreno fertile per novanta minuti di marciume ed efferatezze senza soluzione di continuità. Se il genere slasher stava cercando il personaggio giusto per rivitalizzarsi ecco che Leone glielo serve su di un piatto d'argento, partendo dalla maschera del protagonista, tanto semplice quanto dannatamente inquietante, fino ad arrivare al campionario di strumenti che vengono utilizzati per martoriare le povere vittime. L'ambientazione volutamente squallida e sudicia accresce se possibile il senso di disgusto.

Giùan 20/01/24 09:15 - 4514 commenti

I gusti di Giùan

Leone (per)segue le gesta efferate del clown Art esplicitando vieppiù scientemente la sua autoriale proiezione verso il grado zero (e diremmo "muto") dello slasher e del terrore. Di fronte a un obiettivo tanto crudo e primigenio, il risultato è indubbiamente accurato e gratificante (per chi guarda), mantenendosi peraltro sufficientemente ambiguo, il film, in relazione alla funzione "liberatoria" del genere. Tutto è funzionalmente propedeutico al claustrofobico assunto: iconicità del pagliaccio, insostenibilità degli effetti, sacrificabilità delle vittime (perfette Kanell e Corcoran).
MEMORABILE: La mattanza, rivista in "flashback", in pizzeria.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Discussione Schramm • 24/07/19 19:08
    Scrivano - 7692 interventi
    peraltro lui mimo davvero coi controfiocchi. di norma la sola parola sequel mi fa diventare le ginocchia una sede della parmalat, ma in questo caso sarei per auspicarne uno.
  • Discussione Mco • 24/07/19 19:15
    Risorse umane - 9970 interventi
    Schramm ebbe a dire:
    peraltro lui mimo davvero coi controfiocchi. di norma la sola parola sequel mi fa diventare le ginocchia una sede della parmalat, ma in questo caso sarei per auspicarne uno.

    Amico mio carissimo, ho letto che è già pronta la sceneggiatura del seguito che, forse, nel 2020 vedrà la luce.
  • Discussione Schramm • 24/07/19 19:29
    Scrivano - 7692 interventi
    la cosa non solo non mi sorprende, ma già mi fa brontolar lo stomaco!! spero si viaggi sempre col medesimo team.
  • Discussione Herrkinski • 16/08/19 15:30
    Consigliere avanzato - 2629 interventi
    Schramm ebbe a dire:
    la cosa non solo non mi sorprende, ma già mi fa brontolar lo stomaco!! spero si viaggi sempre col medesimo team.
    Medesimo team e già in produzione. Con la campagna Indiegogo hanno raggiunto il 434% del risultato prefissato, con 195.888 euro totali di budget. Impressionante, considerando che con la campagna per il primo avevano raggiunto solo il 29% con un misero 3.934 euro su un budget previsto di 45.000. Pare che il nuovo sarà molto più ambizioso del primo e con scene più spettacolari.

    Il film mi è piaciuto molto, veramente brutale. Insieme a Headless e Gutterballs uno degli slasher più truci degli ultimi dieci anni.
    All'uscita lo avevo bypassato perchè era un periodo in cui continuavano a uscire film con clown assassini e pensavo fosse una di quelle robacce alla Asylum girate coi piedi ma per una volta mi sbagliavo.
    Ultima modifica: 16/08/19 18:26 da Zender
  • Discussione Schramm • 16/08/19 15:40
    Scrivano - 7692 interventi
    Herrkinski ebbe a dire:
    Insieme a Headless e Gutterballs uno degli slasher più truci degli ultimi dieci anni.

    gutterballs non ancora pervenuto al mio lettore, ma sono più che abbastanza d'accordo nell'affiancarlo a headless. una commistione di brutalità e classe come di rado accade (lo si potrebbe definire meanstream, e un gran bel refresh (very very fresh) sia dello slasher d'altri tempi che dei clown-movies. anche perché quanto a questi ultimi, questo è l'unico che un filo di pelle d'oca me l'ha offerto
  • Discussione Mco • 16/08/19 22:44
    Risorse umane - 9970 interventi
    Grande Herr, sono contento che anche tu possa unirti all'epinicio che io e Schrammy abbiamo tributato all'opus di Damien Leone. Come ho già scritto, la scena del fast food mi ha disturbato (e mangio pane e genere da taaaanto tempo) al punto che quando mi capita di sedermi in un locale simile, il pensiero corre subito lì. Risultato: qualche piccolo brivido corre lungo la schiena. ;-)))
    Ultima modifica: 16/08/19 22:45 da Mco
  • Discussione Herrkinski • 16/08/19 22:53
    Consigliere avanzato - 2629 interventi
    Mco ebbe a dire:
    Grande Herr, sono contento che anche tu possa unirti all'epinicio che io e Schrammy abbiamo tributato all'opus di Damien Leone. Come ho già scritto, la scena del fast food mi ha disturbato (e mangio pane e genere da taaaanto tempo) al punto che quando mi capita di sedermi in un locale simile, il pensiero corre subito lì. Risultato: qualche piccolo brivido corre lungo la schiena. ;-)))
    Sì, in generale ha un'atmosfera piuttosto creepy e morbosa. La ragazza segata in due è un'atrocità di quelle da annali dell'horror...
  • Discussione Schramm • 16/08/19 23:20
    Scrivano - 7692 interventi
    Mco ebbe a dire:
    al punto che quando mi capita di sedermi in un locale simile, il pensiero corre subito lì

    evita i kebab nei pressi della stazione allora :D
  • Homevideo Pumpkh75 • 26/10/19 17:33
    Addetto riparazione hardware - 431 interventi
    Disponibile da oggi in pre-order per la Cinemuseum a questo indirizzo:

    https://cinemuseum.myshopify.com/

    Edizioni limitatissime e costose, però anche molto molto belle....
  • Homevideo Taxius • 20/05/20 13:05
    Addetto riparazione hardware - 181 interventi
    Da quello che leggo sulla pagina Facebook della Cinemuseum è prevista anche una distribuzione in edizione economica. Purtroppo non ci sono ancora date in proposito.