Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/08/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Il Gobbo 7/08/07 08:39 - 3013 commenti

I gusti di Il Gobbo

Quando la tenuta dove ha servito per trent'anni viene acquistata da un americano, il maggiordomo Stevens fa un bilancio della sua esistenza... Ivory + ambientazione "d'epoca", cocktail solitamente micidiale. E invece questo è un grande film, penetrante nella sua critica, inappuntabile formalmente (e questo ce lo si aspettava), e soprattutto nobilitato dalla enorme prova di Anthony Hopkins, davvero mostruoso in un'interpretazione tutta understatement e riserbo: alcuni momenti vanno visti per poterci credere. E va visto anche il film.

Galbo 25/02/08 05:48 - 11876 commenti

I gusti di Galbo

Questa pellicola, tratta dal romanzo di un autore giapponese trapiantato in Inghilterra (Kazuo Ishiguro), è probabilmente (insieme a Camera con vista) il miglior film di James Ivory, autore che ha spesso sacrificato i contenuti all'eleganza formale, ma che in quest'opera realizza un piccolo capolavoro di caratterizzazione psicoloica dei personaggi, con particolare riferimento alla figura del protagonista. Anthony Hopkins è grandissimo nel ruolo del protagonista, che compie un bilancio amaro della propria vita. Molto brava anche la Thompson.

Lovejoy 23/02/08 00:59 - 1824 commenti

I gusti di Lovejoy

Ispirato ad un famoso romanzo, un elegante e raffinato melodramma in costume con al centro della storia un maggiordomo inglese ligio al proprio dovere e che trascura tutto il resto. Ivory dirige con passione una storia coinvolgente, mai banale o noiosa. Belli i costumi e le sfarzose scenografie. Cast d'attori impeccabile. Anthony Hopkins avrebbe meritato ampiamente l'Oscar: la sua prova non si dimentica tanto facilmente. Degli altri notevoli Reeve e Grant.

Pigro 1/01/09 12:20 - 8798 commenti

I gusti di Pigro

Maggiordomo inglese svolge impeccabilmente i suoi compiti, nonostante ciò che avviene attorno a lui: la politica filonazista del padrone, la morte del padre, l'amore di una governante. La storia è bellissima, capace come poche di raccontare gli slittamenti minimi della persona all'interno di grandi sconvolgimenti, senza dimenticare il portato simbolico del crollo di una civiltà (anglocentrica) e dell'avvento di un'altra (quella americana). Bravissima Thompson, sublime Hopkins; eccellente la regia discreta e quasi invisibile di Ivory.

Cotola 3/03/09 23:09 - 8347 commenti

I gusti di Cotola

Perfetto da un punto di vista formale (come quasi sempre le pellicole di Ivory) è anche più coinvolgente della media dei film di questo regista. Ottime la costruzione dei personaggi e, come sempre, la direzione d'attori. Se vi piace questo tipo di film non dovreste lasciarvelo scappare.

Daniela 3/03/09 13:03 - 11529 commenti

I gusti di Daniela

Da un bellissimo romanzo, il miglior film di Ivory e la migliore interpretazione di Hopkins. Il decor formale, che spesso ingessa le opere del regista, diventa chiave interpretativa per una esistenza votata al rispetto delle convenzioni e alla fedeltà verso il padrone (Fox, che già lo fu per Losey). Darlington Hall, microcosmo su cui si è affacciata la storia, cambia infine proprietario. Riuscirà a cambiare Mister Stevens, ora che si vergogna del passato? Forse, ma quel che resta del giorno è soprattutto il rimpianto per le occasioni perdute.
MEMORABILE: La morte del padre; La schermaglia con la governante che vuol vedere il libro che sta leggendo Mister Stevens.

Tarabas 3/03/09 14:44 - 1851 commenti

I gusti di Tarabas

Come una sorta di Lancillotto delle argenterie, il protagonista serve per tutta la vita il suo Re, senza farsi domande e senza pensare mai alla propria vita. Ne sarà valsa la pena? Riflessione sul valore della dedizione in sè e sul sacrificio di sè, delle proprie passioni, del proprio futuro, condotta con stile impeccabile e affidata a un Hopkins gelido e a una Thomas di brace (ma ben nascosta sotto la cenere). Gara di bravura: pari. Il punto di vista dell'autore è tutto affidato a pochi segni, cenni, mezzi sguardi. Proprio come per i protagonisti. Da vedere.

Caesars 7/05/09 14:23 - 3365 commenti

I gusti di Caesars

Bel film che si avvale delle ottime interpretazioni di Anthony Hopkins e di Emma Thompson (ma anche del resto del cast). Impeccabile, ma non c'era da dubitarne, dal punto di vista formale, questa pellicola di Ivory lo è anche dal punto di vista contenutistico. La vita del maggiordomo Hopkins si trascina per lunghissimi anni dietro ad una dedizione maniacale verso il suo padrone. Riuscirà a trovare spazio anche per i sentimenti? Consigliatissimo a chi non si fa spaventare dalla mancanza di "botti" ed "effetti speciali".

Stefania 10/03/10 05:02 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

E' difficile, sopravvivere a se stessi. E Stevens è un sopravvissuto, come lo è Darlington Hall, simbolo della vecchia, aristocratica Inghilterra. Entrambi, adesso, sono fragili gusci, involucri vuoti di senso. La raggelata eleganza dello stile di Ivory individua il gelo di una vita dedicata al dovere che, verso la fine, si apre timidamente, con incredulità, quasi, all'emozione e al desiderio. Una vita vissuta a metà, e se lo domanda Stevens, se "quel che resta del giorno" gli basterà, per viverla per intero.

Jofielias 26/11/11 09:35 - 170 commenti

I gusti di Jofielias

L'unico film d'amore in cui la parola "amore" non viene mai pronunciata. La storia di un uomo prigioniero del suo ruolo e delle convenzioni, irrimediabilmente intrappolato nella vita che ha deciso di vivere al servizio del suo padrone. Superba sceneggiatura (di Ruth Prawer Jhabvala), superba messa in scena, superba intepretazione, forse la migliore di Anthony Hopkins. Uno dei momenti più fulgidi nella carriera di James Ivory. Quando il cinema riesce a esprimere i sentimenti come - e per certi versi meglio - della letteratura.
MEMORABILE: La divertente scena in cui Anthony Hopkins dovrebbe impartire - senza riuscirvi - una lezione di educazione sessuale al giovane Hugh Grant.

James Ivory HA DIRETTO ANCHE...

Trivex 4/06/12 13:56 - 1629 commenti

I gusti di Trivex

Affascinante affresco sulla vita ed il lavoro, svolto come una devozione che consuma l'esistenza in quanto materiale e quindi direttamente esigibile e volontariamente totale. Un quadro di ghiaccio perenne, anche di fronte alle vampate di calore dell'amore e del dolore, sempre respinte per non ostacolare la manutenzione della cornice (la casa) dell'oggetto di culto. Ivory riesce a dare alla storia un interesse ipnotico, mantenendo la speranza di una presa di coscienza per ripristinare la vita normale, dell'imperturbabile maggiordomo.
MEMORABILE: La storia della tigre sotto il tavolo e il parallelo comportamento alla morte del padre; La cantante tedesca e il suo sorrisetto da orrenda nazista.

Lythops 5/09/14 13:34 - 982 commenti

I gusti di Lythops

È un film, ma anche un documentario sulla chiusura nelle proprie "certezze" a discapito dei sentimenti, del seguire assolutamente e con devozione i protocolli imposti salvo poi scoprire che la vita, in quanto tale, ti porta al di là del programmato e dal cerimoniale più o meno rigido che, con grande masochismo, ci si è autoimposti. Un film d'amore che ritrae in modo cronachistico un sentimento che, per fortuna, è del tutto indipendente dai nostri schemi. Magistrale.

Lou 7/09/15 19:39 - 1081 commenti

I gusti di Lou

La storia del maggiordomo Mr. Stevens, un perfetto Anthony Hopkins, al servizio nella splendida dimora di un lord inglese attivo sulla scena politica internazionale degli Anni Trenta. Il film è incentrato sull'assoluta fedeltà di Mr. Stevens al suo lavoro, al punto da annullare se stesso. La sceneggiatura procede lenta e particolareggiata con ambientazioni molto curate. La personalità dell'uomo è ritratta in tutte le sue continue manifestazioni di repressione, al punto che il film stesso sembra quasi sacrificarsi al suo protagonista.

Rocchiola 29/11/18 11:02 - 933 commenti

I gusti di Rocchiola

Probabilmente il capolavoro di Ivory, che firma il suo film più politico e amaro. Magistrale racconto di un individuo cha ha immolato la sua vita nel nome del dovere sacrificando anche i sentimenti più profondi. Il fallimento di un singolo individuo è metaforicamente quello di un'intera nazione di fronte alla storia. E’ il racconto di un’esistenza negata, ma anche il malinconico resoconto della fine di un’epoca. Inarrivabile e perfetta la coppia Hopkins-Thompson. Grandiosi come sempre la ricostruzione ambientale e l’impianto scenografico.
MEMORABILE: Il malinconico incontro tra i due protagonisti ormai anziani e amareggiati; La caduta dell’anziano padre di Stevens; La caccia alla volpe.

B. Legnani 1/05/19 00:36 - 5196 commenti

I gusti di B. Legnani

Finito di vedere il film, ci si sente in diritto-dovere di rivedere alcuni momenti in cui la prodigiosa interpretazione di Anthony Hopkins, qui con uno sguardo, lì col movimento di un labbro, dice più di cento parole. Diventa quasi incredibile che, accanto ad una interpretazione semplicemente mostruosa, gli altri non spariscano, anzi: grandissima la Thompson, ammirevole Fox, perfetto il giovane Chaplin. Più sotto, invece, Grant e Reeve. Ci sarebbero un paio di momenti infelici, nella trama filmica, ma quelli superbi li compensano. Ambienti e regìa di altissima classe.
MEMORABILE: Stevens guarda la Kenton uscire in bicicletta; Stevens, a portata di bacio, nasconde il libro; La Kenton, partita in autobus, piange disperatamente.

Zio bacco 15/04/20 00:03 - 240 commenti

I gusti di Zio bacco

La miglior prova di Hopkins, letteralmente perfetta. Il film supera il libro grazie a una sceneggiatura maiuscola, ma sono superbe le interpretazioni del cast e la regia, che non sbaglia un colpo. Darlington Hall è la magniloquente ambientazione, lussuosa e decadente, della vita di uomo che non sa e non vuole uscire dal suo ruolo e si immola al servizio del padrone di turno. Amari i risvolti affettivi dei personaggi, dai lutti agli amori mai confessati e ai matrimoni falliti. L'epilogo è il solo possibile. Favoloso.

Minitina80 19/04/20 22:59 - 2742 commenti

I gusti di Minitina80

Un’opera trasversale capace di affrontare diversi temi con la sicurezza di chi sa quali tasti toccare e come. Dietro la raffinatezza e l’eleganza stilistica con cui Ivory ci mostra l’aristocrazia inglese si cela l’inconsistenza e la vacuità dell’essere, riassunte a metafora in un fedele e devoto maggiordomo. Un dramma esistenziale di chi tesse le fila della propria vita quando vede il crepuscolo avvicinarsi. Le sfaccettature sono molteplici e impreziosite dalle ottime interpretazioni degli attori e dalla qualità sopraffina della regia.

Paulaster 12/01/21 10:16 - 3647 commenti

I gusti di Paulaster

Maggiordomo e governante si ritrovano anni dopo aver lavorato insieme. Raffigurazione formale degli Anni Trenta in cui le importanti connotazioni politiche vengono toccate marginalmente rispetto alla storia dei protagonisti (dopotutto si parla già di leggi razziali). Hopkins, in una grande interpretazione, è più maschera che uomo di classe e tende a dimostrarsi più ottuso che diligente. La Thompson ha il compito di umanizzare i vari rapporti emotivi e rimane penalizzata dalla giovane età rispetto allo stesso Hopkins. Ottime le ricostruzioni ambientali.
MEMORABILE: Reeve che accusa di parlare a dei dilettanti della politica; La Thompson comunica il suo progetto di matrimonio; Le due cameriere ebree licenziate.

Katullo 31/05/21 18:27 - 187 commenti

I gusti di Katullo

Raffinato affresco storico che, ad opera di prolungati flashback, disegna i prodromi della Seconda guerra mondiale. Hopkins, scolpito nella parte, è un capo maggiordomo perfezionista e fedele servitore del lord sbagliato, all'interno di una grande dimora inglese. Il suo viaggio-incontro che introduce lentamente al finale ripercorre una vita votata al dovere estremo, ma anche al sacrificio della repressione dei sentimenti e degli ideali. Cast ordinato, regia sapiente, la Thompson reca il giusto scompiglio nel rispetto di una tensione soffocata dall'eleganza. La misura si fa arte.
MEMORABILE: La stiratura dei giornali; Le misurazioni a tavola; Le domande di Spencer; Le risposte a Spencer; La prima regola.

Ultimo 25/07/21 10:26 - 1540 commenti

I gusti di Ultimo

Bellissimo film firmato James Ivory, merito di un Anthony Hopkins straordinario nelle vesti del maggiordomo di Darlington hall. La vicenda viene raccontata a flashback andando a ripercorrere gli anni fiorenti della magione: i ricordi saranno anche l'occasione per Hopkins di stendere un bilancio della propria vita. Il film ha qualche momento di pausa nella parte centrale, ma l'assoluta bravura del protagonista vale da sola il prezzo del biglietto. Pellicola consigliata a tutti, utile a riflettere sull'importanza delle occasioni che la vita offre. Notevolissimo.
MEMORABILE: Il comportamento di Hopkins nei confronti del padre malato.

Michael Lonsdale HA RECITATO ANCHE IN...

Gordon 8/07/21 12:54 - 236 commenti

I gusti di Gordon

Tratto da un romanzo, questo ottimo film ripercorre con alternanza di narrazioni e analessi la vita di un solertissimo ma frustrato maggiordomo di stampo britannico doc, interpretato da un glacialmente perfetto Anthony Hopkins. La pellicola, oltre a offrire alcuni spunti divertenti (preziosa la presenza di un giovane Hugh Grant), riesce anche a far riflettere lo spettatore sempre da un punto di vista defilato sugli avvenimenti, mantenendo alta l'attenzione. Leggermente debole, forse, il finale.
MEMORABILE: La "calorosa" reazione sentimentale del maggiordomo alla proposta della governante; Il quiz proposto dal sincero democratico a Hopkins.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Rocchiola • 29/11/18 11:20
    Call center Davinotti - 1224 interventi
    Il BD Sony è realizzato partendo da un eccellente master in 4K. L'immagine presentata nel corretto formato panoramico 2.40 è praticamente perfetta. L'audio italiano in DTS 5.1 è di buon livello,un po' bassino, ma pulito e chiaro.
  • Discussione B. Legnani • 1/05/19 00:40
    Consigliere - 14576 interventi
    Visto con colpevole ritardo. Ho dovuto, finito il film, tornare indietro e rivedere alcuni momenti della strabiliante sottorecitazione di Hopkins. Sarebbero stati da guardare in ginocchio.