Jofielias

Jofielias
Visite: 4287
Punteggio: 184
Commenti: 170
Affinità con il Davinotti: 50%
Registrato da: 2/11/11 17:37
Ultima volta online: 2/06/20 20:55
Generi preferiti: Fantascienza - Horror - Thriller
Film inseriti in database dal benemerito utente: 22

Quantità e tipo di materiale filmico inserito

  • Inserimenti totali: 170
  • Film: 167
  • Film benemeritati: 22
  • Documentari: 0
  • Fiction: 2
  • Teatri: 0
  • Corti: 1
  • Benemeritate extrafilmiche: 2

Inserimenti forum e location

  • Location verificate inserite: 0
  • Post totali: 60

Carica attuale nell'organigramma aziendale

  • Galoppino

Approfondimenti inseriti

Poetry (2010)

DG | 24 post | 18/01/12 14:19
Grazie a tutti per avermi fatto scoprire questo film. :)

Comunicazioni di servizio (1812)

DG | 7511 post | 26/01/23 17:55
Tanti auguri a tutti i Davinottiani anche dal reparto galoppini! :)

Delitti: tracce allusive (2003)

DG | 11 post | 23/12/11 19:46
Visto. Che dire? Daniela, secondo me quella sera eri molto allegra per questioni personali. Peter Dalle ti manderà un bigliettino di ringraziamento... :) (Però il personaggio del soldato zoppo e ottimista è irresistibile!)

Delitti: tracce allusive (2003)

DG | 11 post | 23/12/11 19:46
Grazie Grey, anche a te. :)

Delitti: tracce allusive (2003)

DG | 11 post | 23/12/11 19:46
Accolgo la sollecitazione perché sono curioso. Datemi qualche giorno. :)

Il diavolo nel cervello (1972)

DG | 45 post | 26/03/14 21:27
Grazie Didda, ho letto tutto l'articolo. E' curioso, ma non si parla del "doppio fuoco". Lo split-screen nel suo uso più popolare pare risalire al 1966 con Grand Prix. Ora, io non vedo Grand Prix da almeno 20 anni quindi non ricordo, ma a spanne direi che si trattava dello schermo diviso

Il diavolo nel cervello (1972)

DG | 45 post | 26/03/14 21:27
Bravo Buio, proprio una variante dello split-screen. Solo che invece di mostrare riquadri diversi per scene diverse, o di mostrare lo stesso attore che recita il suo doppio, qui è usato solo per mettere a fuoco due profondità diverse. Tu ricordi espisodi antecedenti al 1972? (sicuramente ce

Il diavolo nel cervello (1972)

DG | 45 post | 26/03/14 21:27
No, intendo quel trucco che usa spesso Brian De Palma, giustapponendo due pellicole, entrambe a fuoco, ai due lati dello schermo, come se fosse un'unica inquadratura. (Mi rendo conto che è difficile da spiegare)

Il diavolo nel cervello (1972)

DG | 45 post | 26/03/14 21:27
Copia recuperata, immagini e suono appena passabili, film visto. A breve le impressioni. Ho una domanda per gli espertissimi Davinottiani. Guardando il film mi è sorta una curiosità: chi è stato storicamente il regista che ha inventato il doppio fuoco, ossia un primo piano da un lato e una figura

Il diavolo nel cervello (1972)

DG | 45 post | 26/03/14 21:27
Ottima informazione Gest. Grazie a tutti, mi metto in caccia.

Il diavolo nel cervello (1972)

DG | 45 post | 26/03/14 21:27
Scusatemi, sono anni che muoio dalla voglia di vedere questo film. Sono entrato in possesso di una copia registrata da Raitre ma mi rifiuto di guardarla in quelle terribili condizioni (4:3, suono assurdo, tagli, etc.) e di esprimere poi un giudizio. Non esiste ancora un DVD, che voi sappiate?

Dracula 3D (2012)

DG | 579 post | 20/01/19 20:00
Più che gli effetti speciali mi preoccupano gli sceneggiatori (come sempre).

Midnight in Paris (2011)

DG | 66 post | 19/10/18 21:49
Ho letto per intero una delle critiche segnalate da Capannelle, quella di Curzio Maltese. Dice esattamente: "Per ridere tanto bisogna tornare nei tempi recenti almeno a Scoop, ma forse addirittura a Pallottole su Broadway o agli esordi di comicità pura alla Prendi i soldi e scappa e alla sceneggiatura

Midnight in Paris (2011)

DG | 66 post | 19/10/18 21:49
Credo che Cotola abbia colto il problema. Anch'io ho da fare un mea-culpa: ad esempio su La promessa dell'assassino ho picchiato troppo duro, quasi con la volontà di punire Cronenberg per uno sgarbo personale. Dalle posizioni di Zender e Galbo scaturisce a mio parere una riflessione più ampia.

Children... (2011)

DG | 22 post | 15/12/11 16:52
Grazie!

Children... (2011)

DG | 22 post | 15/12/11 16:52
Posso chiedere cos'è successo con Poetry?

Children... (2011)

DG | 22 post | 15/12/11 16:52
Daniela, ti propongo un titolo (se riesci a trovarlo): "Dek Hor" (2006), titolo internazionale "Dorm". Sul Davinotti non è ancora presente.

Children... (2011)

DG | 22 post | 15/12/11 16:52
Su questo hai ragione Didda: è un problema grosso per noi occidentali (di cui penso siano consapevoli anche loro). Ho sperimentato molte difficoltà, specialmente nei film di ambiente scolastico (come la saga di Yeogo Goedam) dove gli studenti sono vestiti tutti uguali. Mi dovevo aggrappare a particolari

Children... (2011)

DG | 22 post | 15/12/11 16:52
Anch'io lo vedo così, penso che la pagina non supporti le gif animate. Grazie ;)

Hansel & Gretel (2007)

DG | 6 post | 14/12/11 13:48
Sono daccordo con questa analisi.

Children... (2011)

DG | 22 post | 15/12/11 16:52
Sono daccordo con entrambi: la trovo una cinematografia fresca e - soprattutto - che unisce il virtuosismo tecnico con delle vicende belle, profonde e originali. Vi propongo una classifica in base alle mie preferenze: 1) Sud-Corea 2) Tailandia 3) Cina, Hong-Kong, Singapore 4) Giappone Delle

Hansel & Gretel (2007)

DG | 6 post | 14/12/11 13:48
Non prendetelo per oro colato perché l'ho visto diverso tempo fa. Quel che ricordo è che all'inizio mi aveva stupito tantissimo, un'idea veramente originale. Però poi, alla lunga, avevo notato una certa stanchezza e ripetitività nel prosieguo della vicenda. Forse era volato anche qualche sbadiglio

Children... (2011)

DG | 22 post | 15/12/11 16:52
Ma possiamo dirlo che il cinema sudcoreano sta facendo le scarpe a quello americano? Io sto vedendo delle cose davvero notevoli, sotto tutti i punti di vista... (Scusa Zender, nel commento ho sbagliato a scrivere "una", ho scritto "ua")

The human centipede 2 (full sequence) (2011)

DG | 45 post | 11/12/13 09:57
Zender, credo ci sia da modificare l'indicazione "colore" in "bianco e nero".

Midnight in Paris (2011)

DG | 66 post | 19/10/18 21:49
Lungi da me voler sponsorizzare Allen (non ne ha bisogno) ma credo sia proprio questo il problema: il raffronto con i film precedenti. Perché il raffronto genera aspettative, e le aspettative per definizione sono fatte per essere tradite. L'aspettativa è un pre-giudizio che chiude l'autore in una

Midnight in Paris (2011)

DG | 66 post | 19/10/18 21:49
Non direttamente (c'è Gauguin). Credo sia un riferimento culturale più ampio, perché al locandinista serviva un cielo molto riconoscibile (ipotesi mia).

Midnight in Paris (2011)

DG | 66 post | 19/10/18 21:49
Io credo che per poterlo apprezzare ci si debba "accordare" sulla stessa nota, lasciando da parte tutto ciò che si pensa di Allen e lasciandosi trasportare dalle suggestioni, come fosse il film di un regista qualsiasi. Capisco però che possa risultare indigesto a chi rifugge dai film sentimentali.

The ward - Il reparto (2010)

DG | 25 post | 12/12/11 11:50
Confermo l'impressione di Zender: un film molto molto stanco e poco ispirato. E aggiungo: purtroppo.

I want to be a soldier (2010)

DG | 11 post | 9/12/11 12:54
:D :D :D Il commento ufficiale di Daniela è impagabile, stavo ridendo da solo.

R Straw dogs - Cani di paglia (2011)

DG | 55 post | 18/07/20 10:47
Sono daccordo. Infatti l'aspetto di deperibilità riguardava soltanto l'efficacia come horror, non come film drammatico. A me Friedkin piace, è sicuramente un regista che sa maneggiare molto bene i simboli che mette in scena. Su Craven mi astengo per evitare di sproloquiare :) Zender, quando

R Straw dogs - Cani di paglia (2011)

DG | 55 post | 18/07/20 10:47
Credo che tra la mia visione e quella di Buio si riproponga - in piccolo - il radicale dualismo tra Apollineo e Dionisiaco (o se volete Classicismo contro Romanticismo), e questo è molto stimolante perché io vedo disvalore dove lui vede valore e viceversa... :) Volevo chiosare il bell'intervento

R Straw dogs - Cani di paglia (2011)

DG | 55 post | 18/07/20 10:47
Lungi da me l'idea di "convincerti" :) Al di là di questo interessante scambio di vedute, ho l'impressione che le nostre posizioni siano inconciliabili, dal momento che penso che Il tunnel dell'orrore sia uno degli horror più noiosi di quel decennio :) Proprio da poco ho dato un ottimo

Seed (2007)

DG | 7 post | 6/12/11 10:08
Sono daccordo, sono cose che toccano delle corde molto intime e personali. Cose che hanno a che fare anche con i nostri incubi infantili...

R Straw dogs - Cani di paglia (2011)

DG | 55 post | 18/07/20 10:47
Quello che volevo dire Buio, è che i tre signori suddetti hanno sempre mostrato capacità registiche medie e capacità di scrittura molto scarse. Hanno avuto dalla loro il fatto di aver spostato i limiti del mostrabile, ma adesso che i limiti sono stati ampiamente superati mostrano il fiato corto.

R Straw dogs - Cani di paglia (2011)

DG | 55 post | 18/07/20 10:47
Anch'io la penso come Zender: a me il film di Nispel è piaciuto. L'originale ne esce malconcio, tranne che per la primissima e fugace apparizione di Leatherface che lascia un segno potente. Ci sono stati tantissimi remake deludenti negli anni 2000, ma alcuni sono riusciti, e mi riferisco specialmente

Seed (2007)

DG | 7 post | 6/12/11 10:08
Bella domanda :) Personalmente credo che il non visto faccia paura, il visto produca shock e la miscela dei due porti all'orrore comunemente inteso. Non saprei se questa dicotomia è il confine tra slasher e horror: io tenderei a considerare lo slasher come un sottogenere dell'horror classificato

Seed (2007)

DG | 7 post | 6/12/11 10:08
Personalmente sono sempre alla ricerca DEL film horror per eccellenza, quello che mi fa accapponare la pelle. Questo pur sapendo in anticipo che la sua visione risulterebbe tanto sgradevole da impedirmi di vederlo una seconda volta. Ovviamente escludo a priori i simil-snuff, che considero spazzatura,

La cosa (2011)

DG | 38 post | 4/07/17 16:03
Questo è davvero un colpo basso. :D

La cosa (2011)

DG | 38 post | 4/07/17 16:03
Gest, quello che dici è sensato, però mi sorge un altro dubbio: dove sono i segni di lotta sui vestiti degli umani aggrediti e infettati? Sarebbe il primo segno di probabile contatto e contagio, senza dover fare la famosa prova del metallo... O mi sto sbagliando?

La cosa (2011)

DG | 38 post | 4/07/17 16:03
Ok, allora in attesa di contributi scientifici ed esaurienti, questa la catalogherei come "Sindrome dei Mutandoni Viola di Hulk".

La cosa (2011)

DG | 38 post | 4/07/17 16:03
Effettivamente non ci avevo pensato... :) Non sono un chimico, comunque sei sicura che scarpe e vestiti siano inorganici? Mentre per il metallo ne sono certo, per questi materiali non sono sicuro (a meno che non si tratti di tessuti sintetici...)

Cane di paglia (1971)

DG | 168 post | 8/07/16 17:43
Io credo che l'uso del ralenti in sé e per sé non dica granché sulla qualità del film. E' solo uno strumento. E' come quando uno nella scrittura usa le maiuscole. A qualcuno sembrerà una giusta enfatizzazione, a un altro un inutile strillare. Per cui è naturale che qualcuno lo trovi insopportabile,

Les raisins de la mort (1978)

DG | 5 post | 1/12/11 17:40
Ghost, ho trovato solo quelli inglesi (sia di questo che dell'altro di Rollin). Se riesco a ritagliarmi un po' di tempo vedo di fare la traduzione. Tu però nel frattempo non trattenere il respiro, è un periodaccio :)

Melancholia (2011)

DG | 85 post | 13/02/19 00:09
Io però mi chiedo: non sono tutte le opere d'arte degli "artifici"? La Pietà di Michelangelo è un artificio, non c'è spontaneità ma estrema elaborazione, eppure proprio grazie allo studio Michelangelo fa "parlare" la materia, ossia rivela - estetizzandolo - un concetto astratto.

Melancholia (2011)

DG | 85 post | 13/02/19 00:09
Ahi, durissimo. :) Non per difenderlo (non ha certo bisogno del mio giudizio) comunque qui l'ho sentito piuttosto sincero. Voglio dire, capisco esperimenti intellettuali come Dogville, ma non credo che possa essere inquadrato definitivamente... è un bersaglio sempre mobile, inquieto, può riservare

Melancholia (2011)

DG | 85 post | 13/02/19 00:09
Grazie :) Ma cosa intendi precisamente quando dici "un prodotto artificioso e finto"?

Melancholia (2011)

DG | 85 post | 13/02/19 00:09
So che non ce n'è bisogno, ma vorrei giustificare il mio voto massimo su questo film. Generalmente i film che trasudano l'ego del regista mi provocano soltanto irritazione, perché tendo ad appassionarmi alla storia mettendo in secondo piano tutte le altre considerazioni. Soprattutto detesto i film

Living hell - Le radici del terrore (2008)

DG | 3 post | 23/11/11 11:23
Grazie Buio, preziosissima correzione!

Linea mortale (1990)

DG | 19 post | 30/08/16 19:03
Sì, anche thriller sarebbe più corretto di drammatico.

Linea mortale (1990)

DG | 19 post | 30/08/16 19:03
Mi chiedevo se si potesse cambiare il genere portante di questo film. A occhio credo sia più adatto "fantascienza" rispetto a "drammatico".

Comunicazioni di servizio (1812)

DG | 7511 post | 26/01/23 17:55
Acc, sono arrivato in ritardo. :) Avevo vagamente intuito che fosse una scelta di stile, e adesso mi date la conferma. Che lo sforzo sia con voi!

Comunicazioni di servizio (1812)

DG | 7511 post | 26/01/23 17:55
Lo so che mi odierete, ma sto studiando a fondo il sito e siccome vi voglio bene mi vengono in mente molte idee. :) Magari questa era già prevista o discussa (o irrealizzabile), se così fosse scusatemi. L'idea è quella di aggiungere un terzo tasto oltre a "Commenta" e "Questo film

Comunicazioni di servizio (1812)

DG | 7511 post | 26/01/23 17:55
Esattamente :)

La herencia Valdemar (2010)

CUR | 1 post | 10/11/11 14:56
Questo curioso film che non si era curato di concludere la narrazione con un finale qualsiasi era effettivamente la prima parte di un esperimento in due puntate: la seconda si chiama "La Sombra Prohibida", ed è uscita quest’anno (2011). Per maggiori informazioni: http://www.laherencia

Comunicazioni di servizio (1812)

DG | 7511 post | 26/01/23 17:55
Eh eh. Questo mi ricorda qualcosa. Una volta con un amico avevamo una discussione sulle etichettature, perché io sono un maniaco delle tassonomie, mi divertono moltissimo. A lui invece davano estremamente fastidio e se ne chiamava fuori. Allora l'ho etichettato fra gli "allergici alle etichette"

Comunicazioni di servizio (1812)

DG | 7511 post | 26/01/23 17:55
In generale ho notato che i film fortemente personali o artistici su IMDB raggiungono quasi sempre una valutazione intorno al 6, a causa della forte contraddittorietà di giudizi, che oscillano tra 10 e 2, amore e odio. In questo caso la valutazione non pare avere alcuna funzione orientativa. Diverso

Comunicazioni di servizio (1812)

DG | 7511 post | 26/01/23 17:55
Credo che ognuno di noi segua una sua logica, esplicita o implicita. Nella mia logica, che valuta il film dal punto di vista più che altro narrativo, privilegio la trasmissione delle emozioni, il ritmo, la profondità dei contenuti, la coerenza, la plausibilità, il realismo dell'interpretazione.

Comunicazioni di servizio (1812)

DG | 7511 post | 26/01/23 17:55
Su questioni tecniche non mi permetto di intervenire, mi rendo conto della difficoltà.

Comunicazioni di servizio (1812)

DG | 7511 post | 26/01/23 17:55
A dire la verità anch'io ho spesso sentito l'esigenza di un pallino speciale, ma non per indicare i film deludenti, bensì quelli "artistici". Mi spiego: ho molta difficolta a trovare in me stesso i parametri per valutare i film di Von Trier (solo per fare un esempio). Non posso applicare

Pumpkinhead (1988)

DG | 16 post | 1/01/14 23:22
Volevo segnalare (non me ne voglia) un paio di inesattezze nel commento di Undying: il padre non è un occultista (infatti cerca disperatamente la strega per evocare il demone) e Stan Winston non ha diretto Wrong Turn (ne era soltanto il produttore).