Prigionieri dell'eternità

Media utenti
Titolo originale: The man who turned to stone
Anno: 1957
Genere: horror (bianco e nero)
Numero commenti presenti: 6

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 10/04/11 DAL BENEMERITO STEFANIA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Rebis 28/10/11 16:49 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Film a effetto "vaso di Pandora", almeno per i primi venti minuti, allorquando il minaccioso orrore incombe sul rigoglioso gineceo. La mente fluttua tra reminiscenze a posteriori: Suspiria, Gli orrori del liceo, Picnic ad Hanging Rock, e i più tardi e a noi prossimi Martyrs e The Ward. Quando però diventa chiaro che non saranno le immagini a spadroneggiare ma i dialoghi, la memoria si spegne, l'interesse cala e fa capolino la noia. Lo sviluppo narrativo si adagia sui più triti cliché e il ritmo complessivo annaspa, non trovando addensanti nella blanda caratterizzazione dei vampirici vegliardi.

Stefania 10/04/11 01:56 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Il dettaglio più interessante di questi horror sci-fi vintage è la peculiarità del marchingegno utilizzato per mantenere in vita il mostro di turno: qui, somiglia ad una centralina telefonica collegata ad un idromassaggio! Ingenue trovate che danno una patina di futurismo al vecchio horror, che qui incontra Women in Prison: non proprio una galera, ma un riformatorio femminile è lo scenario dell'ennesima variazione sul tema del vampirismo, non originale ma dotata di un ritmo stringato e, sul finale, convulso. Ingenuo ma divertente l'effetto di "pietrificazione" del novello Frankenstein!
MEMORABILE: Le ragazze nel dormitorio odono, nottetempo, grida soffocate provenire dai corridoi... La vigilante kapò.

Il Gobbo 5/09/12 22:22 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Risibile ciofecone no-budget che non ha nemmeno atmosfere con cui sopperire alle altre ristrettezze, o con cui rendere tollerabili i dialoghi stiracchiati allo stremo per fare metraggio. Difficile poi, persino in un contesto simile, digerire che un grigio burocrate possa mettersi in saccoccia gli arzilli ('nsomma... ) babbioni, con le loro sperimentazioni. Al primo che vi legge metafore sociopolitiche sulla gerontocrazia proponiamo elettrodi e bagnetto nella tinozza del film.

Undying 5/06/16 13:07 - 3840 commenti

I gusti di Undying

Mediocre produzione a basso budget, realizzata dalla Columbia per essere proiettata in double bill assieme all'altrettanto mediocre Il segreto di Mora Tau. Se inizialmente Prigionieri dell'eternità sembra anticipare tematiche poi divenute famose (con Suspiria e Gli orrori del liceo femminile in primis), a seguire il film si dimostra troppo didascalico, pieno di dialoghi e con pochi effetti speciali; tra questi, però, va dato merito al film di anticipare l'effetto di Bava presente ne I vampiri, ovvero il gioco di luce (su b/n) con metamorfosi del viso.

Rufus68 1/02/18 12:09 - 3117 commenti

I gusti di Rufus68

L'idea di una piccola congrega di immortali non era male. Il pasticcio horror (il conte di Saint-Germain, il novello Frankenstein, le belle signorine sacrificabili) è servito, però, con salse scadenti: dai trucchi (i malcapitati decadono con subitanei occhi da panda) alle scene d'azione (il ridicolo tuffo dalle rocce) nulla funziona a dovere. La narrazione, poi, accusa notevoli lentezze (leggi: troppe chiacchiere) a mascherare la mancanza di idee. Rimane il fascino del bianco e nero.

Mco 18/09/20 08:38 - 2155 commenti

I gusti di Mco

Per una volta il titolo italiano risulta più evocativo di quello originale. Schiavi di una condizione che impedisce di compiere un ciclo vitale, imprigionando in un limbo di orrori indicibili. Questo accade a un gruppetto di dottori e scienziati alle prese con le energie vitali di alcune detenute. La prima parte è tesa e avvincente, utilizzando schemi semplici per ottenere risultati concreti. Più avanti la benzina finisce ma giammai il tedio prende il sopravvento. Inquietante Victor Jory, con la panoplia dei suoi sguardi allucinati, deliziosa Charlotte Austin.
MEMORABILE: La ribellione di Eric.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Rebis • 12/07/11 17:11
    Gestione sicurezza - 4283 interventi
    Tu che l'hai visto, cara Stefania, non hai riscontrato nessuna analogia con Suspiria?
  • Discussione Stefania • 12/07/11 18:30
    Portaborse - 606 interventi
    Eccomi! Oddio, per ritrovarlo tra tutti i dvd ho dovuto lanciare una task-force, devo decidermi a metterli in ordine... Dunque, mi pare che a livello, diciamo, tematico, di analogie ce ne siano, poi anche l'ambientazione, la centralità delle fanciulle in fiore... Ma per essere precisa dovrei ridarci un'occhiata stasera: mi spiace, ma anche se l'ho visto solo tre mesi fa, non mi ha lasciato un'impressione molto durevole... Ti faccio sapere domani stesso!
  • Discussione Rebis • 12/07/11 21:04
    Gestione sicurezza - 4283 interventi
    Grazie Stefania! Attendo volentieri :) Il film in effetti mi ha incuriosito soprattutto perché mi ha evocato il film di Argento... Ma magari è solo un mio delirio!
  • Discussione Stefania • 13/07/11 14:50
    Portaborse - 606 interventi
    Dunque, Rebis, ci ho ridato una scorsa e, sinceramente, lo ricordavo migliore;) Che dire, qualche analogia con Suspiria potrebbe esserci perché sempre di un mortifero mistero custodito tra le mura di un luogo abitato da fanciulle si tratta, le giovani sono sempre le vittime e i vecchi i carnefici... Ma tutto qui: neppure da paragonare a Suspiria dal punto di vista scenografico, poi qui la sospensione emotiva non è data dal capire quale sia il mistero del riformatorio (si vede subito cosa fanno i direttori per tenere in vita lo zombie), bensì dal chiederci come faranno le nostre eroine a cogliere i cattivi sul fatto, dimostrare che le loro amiche non sono morte di morte naturale (a proposito: di splatter manco l'ombra), e sgominare la banda zombesca...
    E' un vecchio horror low-budget della Columbia, che in quegli anni di film così ne produceva tanti, in serie, e li distribuiva addirittura "double bill", cioè nei cinema se ne proiettavano due per serata al prezzo di uno: roba da discount, insomma:) Ciò non toglie che sia divertente, genuino, ma non ha niente di originale, tranne appunto il marchingegno "trasmettitore di energia vitale", che fa proprio ridere tanto! Spero di esserti stata utile, comunque se vuoi il dvd quando ci vediamo te lo passo!
  • Discussione Rebis • 13/07/11 15:03
    Gestione sicurezza - 4283 interventi
    Grazie Stefania, sei sempre preziosa! Evidentemente mi ero fatto suggestionare dalla trama e dagli spoiler che ho letto in rete. Ma da quello che dici, e per lo più fidandomi del tuo gusto, penso proprio che metterò da parte l'idea di comprarlo: mi accontenterò di un remoto passaggio televisivo o, semmai, del tuo prestito :)

    Certo, conosco i "Double bill", a volte però riservano chicche imperdibili, tipo "Carnival of Souls" (l'hai visto? te lo consiglio!) o addirittura roba imprescindibile come "Eraserhead"... ma più spesso e con più generosità delle tavanate galattiche riservate agli irriducibili del fantahorror (me compreso...). Grazie ancora comunque!

    PS: ma quando la tua rece su "Gli Invasati" di Wise?
  • Discussione Stefania • 13/07/11 15:11
    Portaborse - 606 interventi
    Guarda, il romanzo l'ho terminato giusto domenica, e ti ringrazio ancora di avermi fatto conoscere quel gioiellino:) Per il film, ora mi informo attraverso quali canali sia reperibile, e come lo trovo me lo berrò d'un fiato, lo divorerò, ne spolperò le ossa, ahahah!
  • Discussione Rebis • 13/07/11 15:27
    Gestione sicurezza - 4283 interventi
    Mmmmmmm.... sono già in sollucchero! :D
  • Discussione Rebis • 28/10/11 16:56
    Gestione sicurezza - 4283 interventi
    Cara Stefy, grazie del prestito! L'ho visto ieri sera così mi sono tolto la suspiriosa curiosità :) devo ammettere che il film è davvero poca cosa, credo mi sia piaciuto ancora meno che a te! Comunque come dicevi, concettualmente il legame c'è ma poi nei fatti si tratta di un vero... cimelio! :)
    Ultima modifica: 28/10/11 16:57 da Rebis
  • Discussione Stefania • 28/10/11 21:02
    Portaborse - 606 interventi
    Rebis ebbe a dire:
    Cara Stefy, grazie del prestito! L'ho visto ieri sera così mi sono tolto la suspiriosa curiosità :) devo ammettere che il film è davvero poca cosa, credo mi sia piaciuto ancora meno che a te! Comunque come dicevi, concettualmente il legame c'è ma poi nei fatti si tratta di un vero... cimelio! :)
    Eh, sì, a livello estetico non è scintillante, a livello narrativo non è entusiasmante, però... ci sono affezionata! Credo che sia perché mi piace troppo la locandina, che è folle, con quel signore verdastro che allunga le grinfie su quella ragazza scarlatta con quei seni mai visti: sono sagomati a forma di cono, tipo reggiseno "con coppe preformate", di quelli che andavano di moda un secolo fa :DDD
    Troppo simpatici, sia lui che lei, li guardo e divento subito di buon umore!
  • Discussione Rebis • 29/10/11 13:46
    Gestione sicurezza - 4283 interventi
    Già già, la locandina è notevole, anch'io ne fui catturato: rimane senza dubbio la cosa più gustosa del film!