Nessuna verità - Film (2008)

Nessuna verità
Lo trovi su

Location LE LOCATIONLE LOCATION

Commenti L'IMPRESSIONE DI MMJImpressione Davinotti

Visivamente sembra quasi un’estensione delle scene a Bangkok di AMERICAN GANGSTER. L’idea è quella di calarsi quanto più possibile (sempre a livello visivo, laddove cioè Ridley Scott sa di poter dare il meglio) in realtà esotiche poco battute dal cinema, dare attraverso un montaggio molto studiato (Pietro Scalia, non uno qualunque!) l’impressione di mondi trafficatissimi, popolosi, che pulsano di una vita diversa da quella cui siamo abituati, calandovi dentro un occidentale (lì Denzel Washington, qui DiCaprio) che rappresenti il nostro punto di vista. In questo NESSUNA VERITA’ funziona, colpisce, coinvolge. Dove meno riesce...Leggi tutto è nello scalfire realmente la superficie di quel mondo, risultando maldestro e banalmente hollywoodiano nello sviluppo della trama (per non parlare del finale). Attori bravi ma che talvolta appaiono forzati, con un Crowe sornione che si compiace nel calcare troppo la mano sul suo personaggio sfruttando dialoghi buoni ma troppo costruiti, che cozzano con il taglio realistico che si vorrebbe dare al film. Così come rozzo e eccessivamente dichiarato appare il contrasto dato dalle telefonate al fronte “di guerra” fatte mentre si bacia in fronte il figlio o lo si accompagna a scuola. Questa volta Ridley si avvicina più del previsto al cinema del fratello Tony (con citazioni quasi esplicite al suo NEMICO PUBBLICO nei pedinamenti satellitari) pur mantenendo una superiore capacità di orchestrare l’azione evitando le patinature smaccate. NESSUNA VERITA’ resta insomma un buon film, costruito bene e raccontato meglio della media dei prodotti analoghi (vedi SYRIANA), valorizzato oltretutto da una colonna sonora ottimamente integrata alle immagini e da una competenza tecnica invidiabile. Andava forse limato meglio (le oltre due ore si potevano agilmente evitare), si poteva inserire con più cura il break sentimentale senza che stonasse così col resto, ma i personaggi hanno una loro dimensione precisa e il tutto in definitiva funziona. Russell Crowe che dalla sede Cia negli Stati Uniti dirige le operazioni antiterrorismo e DiCaprio al suo servizio che trottola per il Medio Oriente (soprattutto Amman) sono una bella metafora della mente e il braccio, anche se quest’ultimo rivendica un ruolo di predominanza che gli spetterebbe tutto, da quanto si vede.

Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 21/11/08 DAL BENEMERITO PUPPIGALLO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 22/11/08
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Puppigallo 22/11/08 00:59 - 5299 commenti

I gusti di Puppigallo

Scott centra l'obiettivo con questa pellicola, che ha nell'interpretazione di DiCaprio e Crowe i suoi punti di forza (uno in prima linea e l'altro al sicuro, a migliaia di chilometri, a muovere i fili. Ma a volte i fili si intrecciano). Come spesso capita gli americani fanno più danno che altro, mentre chi in Medio Oriente ci vive sa come muoversi, almeno limitando i danni. Detto ciò, in un film così, dove si salta da un posto all'altro, la regia capace era indispensabile e Scott non ha tradito, anche se il contenitore (riprese, esplosioni, azione) vale più del contenuto.
MEMORABILE: DiCaprio si ritrova frammenti di ossa altrui nel corpo. "La Giordania è affidabile come può esserlo una monarchia con l'asciugamano in testa".

Effe 24/11/08 14:58 - 16 commenti

I gusti di Effe

Se non altro Scott, per buona parte del film, convince: buona caratterizzazione psicologica dei personaggi, regia sciolta al servizio di una sceneggiatura non propriamente lineare (ottime e abbondanti le inquadrature satellitari). Ciò che non mi convince è il grossolano taglio da "americanata" che caratterizza troppe scene e dialoghi, l'inutile colpo di scena finale. Per un soggetto del genere una matrice più "documentaristica" non avrebbe nuociuto. Di Caprio talentuoso come sempre, Crowe fin troppo ispirato.

Mascherato 23/11/08 18:45 - 583 commenti

I gusti di Mascherato

Il sodalizio tra Scott e Crowe, cominciato male (Il gladiatore è uno dei film più brutti e sopravvalutati della storia del cinema, mentre su Un'ottima annata glissons), ha cominciato a dare ottimi frutti da American Gangster. Di cui questo Nessuna verità sembra essere un corollario quanto a strategia (due nomoni dello star system che sullo schermo non si incontrano quasi mai), mentre si conquista il suo posto nella filmografia sulla lotta al terrorismo internazionale di matrice araba (non certo ricchissima). Un Crowe mimetico ed un Di Caprio deniriano impreziosiscono il copione di Monahan.

Cotola 27/02/09 20:58 - 9087 commenti

I gusti di Cotola

Passo indietro rispetto ad American Gangsters ma in ogni caso una pellicola di buon livello che conferma le grandi doti tecniche di Scott. Peccato per una sceneggiatura un po' troppo caotica e, a tratti, grossolana. Un buon prodotto medio (come non se ne vedono molti) di puro intrattenimento che a tratti riesce anche a coinvolgere.

Galbo 13/03/09 20:25 - 12419 commenti

I gusti di Galbo

Dopo il bel American gangster, il regista Ridley Scott affronta il tema della gestione del terrorismo medio-orientale da parte della CIA.Il film è ben realizzato sebbene la sceneggiatura sia un pò ingarbugliata. Buone l'ambientazione e la regia nonchè la prova degli interpreti, specie quella di Leonardo Di Caprio. In sintesi un discreto film d'azione anche se inferiore a molte opere dello stesso regista.

Cif 2/04/09 23:55 - 272 commenti

I gusti di Cif

Si fa fatica a seguire la storia, che appare a tratti anche prevedibile. Ridley Scott gioca allo spy movie con risultati altalenanti. A parte le spettacolari (e dispendiose) esplosioni e le riprese satellitari, a tratti ci si annoia e poi alcuni aspetti sono assai inverosimili: Crowe è dipinto come un pazzo che gioca a Risiko da casa sua, attorniato dai figlioletti. facendo bluff su bluff. Di Caprio è un ragazzotto imberbe che sarà pure il capo ma è quasi sempre da solo (hanno tagliato i fondi alla CIA?). Da Scott ci si attende di più. 2 e 1/2.
MEMORABILE: Il pacco di Crowe, il doppiopacco di Di Caprio ed il contropaccotto dei servizi giordani.

Capannelle 23/04/09 14:39 - 4421 commenti

I gusti di Capannelle

Uno Scott sempre brillante nella fotografia e nel montaggio, meno nella tensione che c'è ma è timida, prima di avvampare negli ultimi 25 minuti. Giusto rinunciare ai giocattoli tecnologici e puntare sul sapore del campo, ma sono i personaggi a convincere meno: debole quello di Crowe (Hammond), Di Caprio (Ferris) fa il suo ma è una fotocopia di Blood diamond; di particolare rimane solo Strong, il giordano Mr. Hani (nome peraltro ambiguo perché in americano suona simile a "honey", tesoro).
MEMORABILE: Il momento in cui Ferris è lasciato solo in mezzo al deserto.

Disorder 29/06/09 13:57 - 1416 commenti

I gusti di Disorder

Bello, ma fin troppo complicato. Molto ben girato, specie nel rendere il contrasto tra i due agenti: uno tranquillo con la sua famiglia, l'altro faccia a faccia col nemico ma entrambi in prima linea. Ha anche il pregio del realismo: finalmente vediamo arabi veri (anche terroristi) tutt'altro che stupidi o rozzi come gli action-movie ci avevano abituato; anzi, mettono nel sacco i tecnologici agenti americani con una certa semplicità. Molto buono.
MEMORABILE: Di Caprio che attende nel deserto e lo stratagemma usato dai terroristi per portarlo via.

Rickblaine 2/07/10 16:36 - 635 commenti

I gusti di Rickblaine

Un'opera mozzafiato che lascia con l'amaro in bocca in più situazioni. Molto crudo e lineare sul modo sfacciato della diplomazia americana. Di Caprio forse meglio di Crowe anche se di poco. Se la cavano alla grande anche se il film in poche sequenze risulta sminuire la bravura del regista.

Nando 23/07/10 14:05 - 3824 commenti

I gusti di Nando

Uno spaccato delle cellule terroristiche mediorientali in cui opera un agente americano. Buon impatto visivo con alcune scene veramente ben concepite. Un buon cast con un Crowe palesemente imbolsito nel ruolo del burocrate, più aitante Di Caprio. Il finale, dopo tutte le vicende narrate, lascia perplessi.

Ridley Scott HA DIRETTO ANCHE...

Spazio vuotoLocandina I duellantiSpazio vuotoLocandina AlienSpazio vuotoLocandina Blade runnerSpazio vuotoLocandina Black rain - Pioggia sporca

Losciamano 2/07/10 16:39 - 112 commenti

I gusti di Losciamano

Una delle migliori perfomances di Leonardo Di Caprio e una delle più complesse di Ridley Scott. Azione, dialoghi con doppi sensi, infine rimane solo come il tipico buon film di spionaggio, movimentato pur se spesso noioso. Politicamente "altalenante": la morale della favola è quella di non fidarsi di nessuno, insomma....

Greymouser 4/07/10 00:56 - 1458 commenti

I gusti di Greymouser

Insomma, un Ridley Scott abbastanza convincente per molti tratti del film, un po' barocco e macchinoso in altri, anche pr via di uno script non proprio lineare. Il duo Di Caprio-Crowe fa il suo dovere, con recitazioni misurate e in linea coi rispettivi personaggi. Alla fine, non resta la sensazione di aver visto qualcosa di memorabile, ma nella media non esaltante delle ultime produzioni del regista, è da considerare del tutto apprezzabile.

Mco 4/07/10 21:22 - 2331 commenti

I gusti di Mco

Senza se e senza ma, un gran bel film. Di Caprio mostra davvero di essere un attore poliedrico e meno attaccato al concetto di bello senz'anima in un contesto da guerra fredda con volti che mettono la pelle d'oca. Ritmo serrato, violenza (le povere mani...) e paesaggi che ben si confanno allo scopo. Scott non lo si scopre ora, Leo forse un pochino sì. Crowe è leggermente fuori forma fisica...

Enzus79 25/08/10 16:32 - 2924 commenti

I gusti di Enzus79

Mediocre. Ridley Scott dirige un film che oramai negli ultimi anni fanno quasi tutti i registi americani e non. Dialoghi stereotipati, così come lo sono i personaggi. Russell Crowe è bravo, ma non trasmette simpatia. Bravissimo invece Di Caprio. Bella la canzone finale dei Guns n'Roses.

Daniela 5/01/11 07:03 - 12699 commenti

I gusti di Daniela

Di Caprio, agente della CIA in Medio Oriente, guidato a distanza via satellite ed auricolare dal cinico burocrate Crowe, cerca di stanare uno sceicco a capo di un gruppo terroristico. Spunto buono, ambientazioni suggestive, fattura eccellente, insomma lo spettacolo ci sarebbe pure, quel che manca è una trama in grado di avvincere e convincere, uno sviluppo meno banale della storia (la relazione con l'infermiera e l'epilogo fanno cadere le braccia). Ed il personaggio della spia, colta da scrupoli ma ad intermittenza, suscita poca empatia. 2+

Rambo90 18/10/11 16:15 - 7707 commenti

I gusti di Rambo90

Un po' troppo lungo e confuso nella prima parte. Ciononostante Scott confeziona un buon film, che nella caccia al capo (che viene chiamato "Primula Rossa") nasconde un gioco di intrighi e di potere ben sviluppato. DiCaprio e Crowe sono in parte e vederli duettare è una meraviglia, così come ottimo è anche il montaggio serrato, che sveltisce una storia un po' troppo intricata. Buono.

Redeyes 6/01/12 09:13 - 2454 commenti

I gusti di Redeyes

Ormai Leo è sinonimo di qualità. In questa pellicola, studiata come una missione di guerra in terra straniera, non si riesce a prender fiato. Non è tanto l'action a colpirci quanto il valore estetico di ogni singola inquadratura, di ogni dialogo. Come contraltare di un quasi idealista Di Caprio, un perfetto MotherFucker e cioè Crowe. Le due ore volan via velocemente. Eccellente Scott. Non serve aggiungere altro se non un invito a vederselo!

Tommy3793 12/06/13 20:30 - 72 commenti

I gusti di Tommy3793

Un buon film, ma nulla più. Scott mette su una solida baracca, incentrando ovviamente tutto sulla trama (complicatissima, da buon film di spionaggio) e sulle immancabili scene di azione e inseguimenti, ambientate tra le anguste vie delle semi distrutte città giordane. Il problema è che di film come questo ce ne sono a bizzeffe e neanche l'avvalersi del prode Crowe assieme al baldante Di Caprio (ottimi come al solito) riesce a salvare il film dalle spire della banalità: il finale ne è un esempio. Nel complesso permane il senso di deja vu.

Mickes2 17/08/13 20:57 - 1670 commenti

I gusti di Mickes2

Gita in medioriente per un Ridley Scott in vacanza, svogliato anche in fase di regia la quale non regala alcunché di virtuoso e si accontenta di enormi panoramiche e montaggi alternati tra Iraq-Giordania con l’insidiato DiCaprio e USA con lo statico Crowe. Succedono tante cose, troppe, così da non far mai calare l’attenzione, ma nel tirare le somme i temi sono di grana grossa, i personaggi irritanti (Crowe che a suo dire “salva la civiltà” mentre parla con figli e moglie). Per qualcun altro un film discreto, per Scott un film mediocre.

Furetto60 30/12/13 08:56 - 1196 commenti

I gusti di Furetto60

Film lungo ma non noioso, ha il pregio di spiegare con chiarezza gli intrigati “giochi” tipici del mondo dello spionaggio. Di Caprio conferma le sue ottime qualità mentre Crowe resta più in ombra, anche per il ruolo. La critica al nevrastenico mondo della CIA non è velato, anzi tende a essere sempre più evidente fino all’esplicito finale. Ho molto apprezzato il contrasto tra lo squallore dell’ambiente e la tracotante opulenza tecnologica (che non sempre la spunta…), qualche concessione di troppo allo spettacolo; ma è spettacolo, o no?
MEMORABILE: Rocce e polvere e il rosso del deserto e fiumi di persone che vanno e vengono.

Golshifteh Farahani HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina ShirinSpazio vuotoLocandina About EllySpazio vuotoLocandina Pollo alle prugneSpazio vuotoLocandina Come pietra paziente

Jdelarge 11/03/15 12:42 - 1000 commenti

I gusti di Jdelarge

Film esemplare, diretto da Scott, sulla guerra tra America e terrorismo medio-orientale. La sceneggiatura è intricata ma ben sviluppata, DiCaprio una certezza assoluta e Crowe adatto al personaggio che interpreta. Il concetto che emerge in maniera ottimale all'interno del film è che in una guerra di questo calibro non ci sono verità né bugie, ma fatti e avvenimenti da cercare di portare dalla propria parte. Ferris preferisce l'Oriente e lo si può capire fin dall'inizio (altro elemento di originalità all'interno del film).

Almicione 14/06/15 17:49 - 764 commenti

I gusti di Almicione

Viene sagacemente sfruttato il tema della tensione fra Usa e Medio Oriente, ma i primi incassi al botteghino si sono poi rivelati scarsi. D'altronde gli intrecci della trama non coinvolgono quanto dovrebbero, mentre DiCaprio e Crowe risultano fortemente sottotono. Lode a Scott per non aver trattato in modo superficiale e parziale la complicata situazione in quei territori e per avere equilibrato le scene di azione con quelle di spionaggio. Purtroppo il risultato non è quello sperato e il film si palesa passabile, senza niente di memorabile.

Faggi 5/03/16 10:14 - 1550 commenti

I gusti di Faggi

Tirando le somme il prodotto non mi ha convinto. Non nego che sia capace di tenere desta l'attenzione (e non è poco) e che la confezione sia buona; è la vicenda così com'è sceneggiata a fare acqua, specie nella seconda parte. DiCaprio più che un agente della CIA sembra un immortale; il suo fare della dialettica (da rapito) è alquanto improbabile e didascalico; il personaggio femminile sembra un artefatto da esigenze di script.

Il ferrini 20/11/15 21:53 - 2375 commenti

I gusti di Il ferrini

Non lo so. Questo film mi ha lasciato un senso di incompiutezza; eppure la regia è ottima, le location affascinanti, gli attori molto bravi. Sarà forse che la sceneggiatura ci mette troppo a prendere ritmo, o forse che si mette troppa carne al fuoco senza approfondire nulla. Di certo la diplomazia americana ne esce con le gambe rotte e nella storia non c'è un vero eroe per cui tifare, il che è sicuramente aderente alla realtà ma forse penalizza il film. Merita la visione, ma era lecito attendersi di più.
MEMORABILE: Il polverone alzato nel deserto per impedire la ricognizione satellitare della CIA.

Saintgifts 7/03/16 19:24 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Il satellite che tutto vede, agenti svelti, intelligenti e senza paura; vien da chiedersi come mai non si riesca a sconfiggere i cattivi... La prima cosa che impressiona e che il film mette bene in evidenza è il dialogo a distanza degli agenti C.I.A.: parlare di morte e uccisioni mentre si accompagnano i figli a scuola, in una realtà completamente diversa, in stili di vita agli antipodi. Interessante anche il rapporto sentimentale, molto umano, che serve a distogliere un attimo dall'azione, nelle corde di Ridley Scott. Buone le interpretazioni.

Minitina80 17/12/16 17:17 - 2990 commenti

I gusti di Minitina80

Le premesse per far bene c’erano tutte eppure al termine della visione non resta molto. Probabilmente il difetto più grande sta nell’essere troppo impostato e stereotipato un po’ ovunque. Il personaggio di Di Caprio, poi, sembra uscito direttamente da The departed, anche se i contesti sono abbastanza diversi. Intrecci e doppiogiochismo volutamente fuorvianti sono il fulcro su cui si dipana il tutto e nel titolo è racchiuso il senso di una pellicola che apparentemente pone in contrasto due realtà, quando forse...

Vito 18/01/17 17:01 - 695 commenti

I gusti di Vito

Bel film di Ridley Scott che costruisce una storia di spionaggio carica di tensione e intrighi con molte scene action potenti e adrenaliniche. Bravo DiCaprio nella parte di un agente CIA a caccia di terroristi, ma anche il personaggio di Russell Crowe, un oscuro burocrate che gestisce tutto da Washington, è ambiguo e cinico al punto giusto. Anche sul versante della violenza la pellicola non risparmia sangue e torture mediorientali: nel finale quella inflitta al protagonista è parecchio realistica, forte e disturbante.

Piero68 20/02/19 08:38 - 2961 commenti

I gusti di Piero68

Quarto film della coppia Scott/Crowe che non entusiasma particolarmente. Il regista è già da tempo l'ombra del visionario che fu con pellicole come Alien o Blade runner. Senza contare che terrorismo e Medio Oriente sono argomenti che ci sono stati già serviti in tutte le salse. Di Caprio, credibile a metà, non fa la differenza mentre il personaggio di Crowe sembra troppo posticcio. Qualche buona scena e nulla di più per un film che si fa dimenticare presto.

Tarabas 11/04/19 09:19 - 1878 commenti

I gusti di Tarabas

Come sempre nel cinema di Scott, dopo i folgoranti esordi, bisogna accontentarsi di uno spettacolo commerciale, girato con qualità ben superiore alla media, onesto nello svolgimento e una chiusa banalotta. Perfetto mainstream, insomma, con bravi attori, un'ambientazione curata e un punto di vista sulla questione mediorientale decisamente più sfaccettata di quanto ci si potrebbe attendere da un film di genere. Meno convincenti i personaggi, piuttosto scontati. Comunque buono.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.
  • Discussione Puppigallo • 22/11/08 09:22
    Scrivano - 506 interventi
    In realtà, nel film, la frase che ho inserito nel momento o frase memorabile, si conclude con "asciugamano in testa" e non "turbante", ma per motivi di spazio (non ce n'era più), ho dovuto accorciare, improvvisare, adattarmi e raggiungere lo scopo, come direbbe Eastwood in Gunny.
  • Discussione Zender • 22/11/08 10:02
    Capo scrivano - 47891 interventi
    Zender ha rimediato. In effetti così sta molto meglio.
  • Homevideo Gestarsh99 • 19/10/11 12:49
    Vice capo scrivano - 21546 interventi
    Disponibile in edizione Blu-Ray Disc per Warner Home Video:



    DATI TECNICI

    * Formato video 2,40:1 Anamorfico 1080p
    * Formato audio 5.1 Dolby Digital: Italiano Inglese Tedesco Spagnolo
    Dolby TrueHD 5.1: Inglese
    * Sottotitoli Inglese Italiano Tedesco Spagnolo Olandese Finlandese Danese Norvegese Svedese
    * Extra Actionable intelligence: direttamente dal set del film. Esplorazione di sequenze chiave, riprese sul set, interviste a cast e tecnici
    Commento del regista Ridley Scott, dello sceneggiatore William Monahan e dell'autore David Ignatius
    Rapporto finale: il regista e le due star del film commentano argomenti affrontati nel film (HD)
    Scene supplementari con introduzione e commento opzionale del regista (HD)